Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/scoperta-cinema-perduti-94debf99-8a50-4e56-a5dc-584e725e10cb.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Dal 2000 al 2011 in Italia hanno chiuso 701 sale

Alla scoperta del cinema perduto

Uno degli ultimi in ordine cronologico è il cinema Excelsior di Mestre, tra i più antichi in Italia, che ha chiuso i battenti dopo oltre 100 anni di storia

Old Cinema Dante, Pieve del Bono (TN) © Roberta Bonazza
Condividi
di Laura Corsi Uno degli ultimi in ordine cronologico è il cinema Excelsior di Mestre, tra i più antichi in Italia, che ha chiuso i battenti dopo oltre 100 anni di storia. Ma il fenomeno delle sale cinematografiche che abbassano la saracinesca, riguarda tutto il Paese. Complice, soprattutto, la concorrenza dei multiplex.
Secondo l’Anec (Associazione nazionale esercenti cinema) tra il 2000 e il 2011, nel nostro Paese hanno chiuso 701 cinema, tra cui 637 monosala, per un totale di 819 schermi spenti.
 
"Old Cinema": un progetto per salvare le vecchie sale cinematografiche
Salvare dall’oblio le sale cinematografiche che sono state abbandonate o che sono state trasformate in altro. E’ l’obiettivo del progetto “Old Cinema”, nato nel 2011 da un’idea della fotogiornalista Ambra Craighero e della cultural manager Roberta Bonazza. Di che si tratta? Con l’aiuto di istituzioni pubbliche e private, esperti del settore, artisti e cittadini,  e attraverso il recupero e l’analisi di documenti, vengono “mappati” i cinema “perduti”.

Tutto è cominciato da Trento. “Abbiamo fatto delle ricerche nell’Archivio della Fondazione Museo Storico del Trentino e, analizzando i documenti, abbiamo calcolato nella regione circa 300 licenze attive nel 1945. Nel 1987 erano già 139,  meno della metà, e nel corso degli anni sono diminuite ulteriormente” racconta Roberta.

Una volta individuati i cinema “perduti”, si passa alla documentazione dello stato attuale in cui si trovano (con foto e video) e alla ricostruzione del loro passato, attraverso la raccolta di pubblicazioni scientifiche, testimonianze e immagini. Una vera e propria riscoperta, insomma, che può dar vita ad ulteriori progetti e, potenzialmente, alla riapertura di alcune sale.

Il progetto, che ha come mentore il regista Giuseppe Tornatore, punta a espandersi in tutto il Paese, anche attraverso lo scambio di informazioni e segnalazioni su Facebook. Solo nel Trentino Alto Adige ha già fatto riaffiorare 35 old cinema.


 
Condividi