Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/si-dimette-cfo-google-53532ebc-a09a-49ad-9fe0-7570cb57e26f.html | rainews/live/ | true
TECH

"Voglio dedicarmi alla famiglia"

Il capo delle finanze di Google prende lo zaino e se ne va

Galeotto fu il viaggio in Africa con la moglie: Patrick Pichette, uno dei più importanti top manager di Mountain View, racconta di aver preso la decisione all'improvviso: perché non mollare tutto? A 52 anni andrà in pensione, non prima di aver trovato il suo successore a Google

Condividi
Los Angeles Il Chief financial officer e vice presidente di Google, Patrick Pichette, lascia l'incarico a 52 anni "per trascorrere più tempo con la famiglia". Pichette, ciclista e appassionato escursionista, ha pubblicato una lettera sul suo profilo Google+ in cui spiega: "Non trovo un valido argomento per dire a mia moglie che dobbiamo aspettare ancora prima di preparare gli zaini e metterci in strada".

Comunicato alla Sec
La data dell'uscita non è stata diffusa ma Google ha voluto precisare che sarà un periodo di transizione di sei mesi, durante il quale Pichette aiuterà a trovare il suo successore.  La notizia delle dimissioni è stata diffusa con un documento depositato alla Sec, Securities and Exchange Commission, la Consob americana. Nel documento, si legge che "Patrick intende assistere il gruppo nella ricerca di un nuovo Cfo e garantire una transizione ordinata".

Patrick Pichette fu chiamato a Mountain View nel 2008 a sostituire George Reyes. All'epoca Pichette lavorava a Bell Canada e prima ancora era stato nel gruppo di consulenza McKinsey. Durante l'era Pichette, il titolo Google è più che raddoppiato in borsa e i ricavi sono più che triplicati.
 
Tutta colpa dell'Africa? 
"Tutto è iniziato lo scorso autunno, in un'alba di settembre, dopo una nottata di arrampicata, contemplando il sorgere del sole dal monte Kilimangiaro, in Africa". "Mia moglie Tamar e io non stavamo solo godendoci il momento, ma potevamo osservare la pianura di Serengeti ai nostri piedi e tutto ciò che l'Africa aveva da offrirci".

A quel punto, la domanda della moglie sul perché non continuare a viaggiare ha squarciato le sicurezze e la routine di Pichette che, dopo aver risposto che "non è ancora il momento, c'è troppo da fare a Google", si è sentito ribattere: "Quindi, quando sarà il momento? Il nostro momento, il mio momento?".

Figli grandi, non servo più
"Dopo molte ore di bici - ha raccontato ancora Pichette - sono arrivato ad alcune semplici ed evidenti verità": i figli sono ormai grandi e "non serviamo più a nessuno"; "quest'estate chiuderò un periodo di 25-30 anni senza mai aver fatto vacanze". Così, Pichette ha deciso di presentare le dimissioni "per recuperare i nostri zaini e tornare sulla strada".
Condividi