Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/sparatoria-reggio-emilia-arrestato-presunto-responsabile-0ad65506-8c3a-4c4e-b2ed-2539015239ab.html | rainews/live/ | true
ITALIA

E' accusato di tentato omicidio plurimo

Spari in centro a Reggio Emilia: arrestato presunto responsabile

Cinque i giovani feriti, uno in gravi condizioni. Sparati 9 colpi di arma da fuoco. L'uomo, approfittando della fuga delle persone, era tornato a casa 

Condividi
Tentato omicidio plurimo e detenzione illegale di arma comune da sparo. Di questo dovrà rispondere Gaetano Lombardi, 43 anni, arrestato per la sparatoria avvenuta ieri sera a Reggio Emilia. L’uomo, che ha precedenti per stalking, é un operaio nato ad Acerra.Inizialmente ha negato tutto, poi quando gli agenti hanno trovato in casa la pistola nascosta dietro il battiscopa ha detto: “Sono stati maleducati, forse ho un po' esagerato”.
 
La cronaca

Tutto sarebbe scaturito da una discussione nata, come sempre più spesso accade, per futili motivi, tra il 43enne e un gruppo di giovani. L’uomo, che non aveva nessun legame con le vittime, dopo la lite, si sarebbe allontanato per poi tornare armato di una Beretta calibro 6,35. Arrivato in piazza ha iniziato a sparare. Nove i colpi esplosi tra le persone che fuggivano terrorizzate. A terra, feriti, 5 ragazzi. Uno di loro, un 20enne, è in condizioni serie. Gli altri hanno riportato lesioni fortunatamente meno gravi. Le vittime sono tre italiani di origine magrebina e due marocchini.

I video
Nei video ripresi da chi era in piazza in quel momento, si vede una persona che si avvicina a un gruppo, che fugge improvvisamente. Uno di questi cade mentre scappa. Gaetano Lombardi approfittando della confusione si sarebbe allontanato per tornare a casa. Sono state proprio le immagini e le testimonianze raccolte dagli agenti della Squadra Mobile che hanno permesso di identificarlo e rintracciarlo. A casa è stata trovata l’arma, risultata rubata in provincia di Reggio Calabria. Era nascosta nel battiscopa in cucina e sono stati sequestrati i vestiti indossati durante la sparatoria.
 
Il questore
"Abbiamo dato una risposta tempestiva ed efficace ad un episodio gravissimo”. A parlare il questore di Reggio Emilia, Giuseppe Ferrari. “Una persona in pieno centro ha sparato ad alcuni ragazzi. Era necessario dare immediatamente una risposta ed individuare l'autore del reato". "Quando si ha un controllo capillare del territorio – ha concluso - fatti come questo vengono tempestivamente repressi. Sono molto soddisfatto del lavoro fatto dalle forze di polizia".
 
Condividi