Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/stadio-della-roma-luigi-di-maio-didende-sindaco-virginia-raggi-nessuna-crisi-raggi-resta-1387dd50-46ee-4513-acd1-a2275646bfd9.html | rainews/live/ | true
POLITICA

La vicenda

Stadio della Roma, Di Maio difende Virginia Raggi: "Ci siamo solo fidati dell'avvocato sbagliato"

"Nessuna crisi, il sindaco resta" - dice il vicepremier, nonchè ministro del Lavoro. E aggiunge: "Non abbiamo preso un euro, tutte le altre forze politiche hanno preso soldi". E sulla linea dura adottata da Salvini sulla questione migranti chiarisce:  "finché restiamo nel contratto andiamo avanti alla grande"

Condividi
"Io non ho notizie di nessun tipo di crisi di maggioranza nè tanto meno il Movimento chiederà alla sindaca Raggi di farsi da parte". Così il vicepremier, nonchè ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, replicando a una domanda sul caso dello stadio della Roma che ha portato a 9 arresti e 16 indagati - tra politici e imprenditori - per corruzione. "L'unica colpa - ha aggiunto - è che ci siamo fidati dell'avvocato sbagliato". 

Poi il vicepremier aggiune: "Se sul caso Roma abbiamo una colpa è di esserci fidati dell'avvocato sbagliato, quanti italiani siano in compagnia nostra non lo so. Però una cosa c'è da dire sul caso Roma, noi siamo stati gli unici a non prendere un euro, tutte le altre forze politiche hanno preso soldi da Parnasi e noi veniamo trattati come criminali e gli altri sono quelli che ci accusano?". 

Di Maio infine sottolinea: "cercano di dividerci" anche a livello nazionale, ma avverte: "finché restiamo nel contratto andiamo avanti alla grande". E porta ad esempio l'emergenza immigrazione. Salvini su questa emergenza sta seguendo la linea dura, della fermezza per richiamare alle proprie responsabilità i partner europei. Linea - fa capire il vicepremier -da noi condivisa. E conclude: "Dopo l'episodio Aquarius nulla sarà come prima.Questa non è più l'Italia che va ai tavoli, alza la voce e poi abbassa la testa. Questa è l'Italia che non arretra più". 
Condividi