Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/terremoto-roma-alessandro-amato-intervista-aspettiamo-di-vedere-zona-nuova-77d6a365-4bed-4ed1-b695-ed61227a205d.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Terremoto a Roma all'alba. Amato (Ingv): è una zona di cui sappiamo poco

Condividi
di Antonella Alba Un terremoto questa mattina alle 5.03 ha svegliato la Capitale dal sonno. La scossa avvertita molto forte dalla popolazione è stata subito registrata dall'Ingv con una magnitudo di 3.3 localizzata a Fonte Nuova, zona nord di Roma. Tanta paura, alcuni scesi in strada, ma nessun danno.

Abbiamo sentito Alessandro Amato sismologo dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

La zona del terremoto è dentro l'area urbana di Roma, è una novità?
Sì, l'epicentro sta sul raccordo vicino alla grande arteria Nomentana, la magnitudo è stata stimata tra 3.2 e 3.7, poi valutata 3.3.
E' una zona di cui sappiamo poco, non ci sono precedenti, per capire terremoti simili dobbiamo andare verso Sud a Colli Albani, quella è una zona vulcanica conosciuta, oppure a Est della capitale zona Monti Tiburtuni che pure hanno la loro sismicità.

Dentro Roma di solito i terremoti  - che sono comunque pochi - ma sono in genere più piccoli, dunque o non si sentono o si avvertono poco. E' ovvio che avvenendo durante la notte quando tutti dormono si avvertono di più, poi questo di stamane era molto vicino al centro popoloso e quindi la scossa può essere avvertita con più facilità e da tante persone.

Terremoti di questa lieve entità così ce ne sono centinaia in un anno, ma in zone remote e non dentro le città.

Quanto è durata la scossa?
E durata pochi secondi, intensa non lunga, a 10 chilometri di profondità.

Dobbiamo aspettarci la classica scossa di assestamento?
Per ora sembra una scossa isolata al momento una sola, sono passate un paio d'ore, non ci sono precedenti in quella zona, vediamo che succede..

Ci sono precedenti rilevanti nella stessa zona a Roma?
Un precedente importante a Palombara Sabina nel 1901, ma è a circa 30 km più a nord , fece 5.2 di magnitudo e qualche danno, verso i monti Prenestini, fu sentito molto nella capitale. 
Roma comunque ha una sismicità di basso livello, anche se ha tanti 'risentimenti' da parte di altri terremoti che avvengono intorno alla città metropolitana.

Su twitter molte persone hanno parlato di boato..
Sì è possibile, l'onda sismica si trasforma in un'onda acustica che di per sè è elastica, si comprime e si dilata propagandosi poi in superficie, quindi è possibile sentirle anche a una certa distanza.

Tutti abbiamo pensato subito al centro Italia..
Sì è vero, anche noi sismologi abbiamo pensato subito al centro Italia, zona recentemente interessata da eventi sismici importanti, ma per fortuna non c'è alcun nesso.

Come funziona il sistema di rilevazione dell'Ingv sugli eventi sismici?
Noi dell'Ingv da qualche mese abbiamo un sistema di rilevazione che fornisce subito la stima automatica dell'epicentro e della magnitudo dell'evento sismico. Il rilascio dell'informazione è automatico, se il terremoto è superiore a 3 di magnitudo manda il tweet da solo in rete, facendo la localizzazione definitiva e agganciando il tweet. In poco più di un minuto - come è successo per stamane - si è in grado di avere già la stima preliminare che poi si è propagata in un attimo su twitter. Poi dopo con la stima rapida il personale addetto che è dentro la nostra sede nazionale a Roma procede con quella definitiva quindi quasi in meno di due minuti si ha l'informazione. E' una procedura nuova sperimentata da anni, pubblicata da ottobre 2018.
Condividi