Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/tik-tok-accordo-cina-no-ad-accordo-sporco-115c18d0-cfd8-4bb3-8ca8-224299bac28a.html | rainews/live/ | true
MONDO

La app della controversia Usa-Cina

Tiktok, Cina: nessuna ragione per ok ad accordo "sporco"

Il divieto dell'amministrazione Trump a scaricare l'App cinese per motivi di sicurezza. E la denuncia da parte cinese che accusa gli Stati Uniti di 'bullismo' commerciale

Condividi
Continua il braccio di ferro tra Usa e Cina in merito all'uso in Usa della popolare App per telefonini cinese Tik Tok che aveva denunciato l'Amministrazione Trump per aver vietato, dal 20 settembre, di scaricare la popolare app per motivi di sicurezza.

La Cina non ha nessuna ragione per dare il via libera all'accordo "sporco" tra TikTok, Oracle e Walmart, "fondato su prevaricazione ed estorsione". È l'opinione del quotidiano China Daily, espressa in un editoriale sull'edizione odierna, che si aggiunge a un parere analogo espresso ieri da un altro giornale cinese, il tabloid Global Times, ma con toni molto più duri.

"Quello che gli Stati Uniti hanno fatto a TikTok è quasi la stessa cosa di un gangster che costringe a un accordo irragionevole e ingiusto un'azienda legittima", è la premessa dell'editoriale. L'app di condivisione di video, secondo quanto emerso finora, potrebbe continuare a operare negli Stati Uniti, ma TikTok "si prepara a perdere non solo il controllo del gruppo, ma anche le tecnologie chiave che ha creato e possiede, che sarebbe un danno per lo sviluppo a lungo termine dell'azienda".

Il China Daily accusa, poi, gli Stati Uniti di avere "messo trappole fin dall'inizio" all'accordo, con l'obiettivo di prendere il controllo dell'app. "La Cina non ha motivo di dare luce verde a questo accordo, che è sporco e ingiusto e basato su prevaricazione ed estorsione", è la conclusione del quotidiano in lingua inglese. "Se gli Stati Uniti otterranno quello che vogliono, continueranno a fare lo stesso con altri gruppi stranieri. Cedere alle irragionevoli richieste degli Stati Uniti, significherebbe la rovina per ByteDance", il gruppo cinese che gestisce TikTok.  

Ieri durante l'Assemblea generale Onu al Palazzo di Vetro per il 75esimo anniversario delle Nazioni Unite, davanti ai principali leader mondiali in video conferenza, il presidente Trump per l'ennesima volta ha puntato il dito contro la Cina in un discorso infuocato "Abbiamo ingaggiato una coraggiosa battaglia contro il nemico invisibile, il virus cinese", "dobbiamo ritenere responsabile la nazione che ha scatenato questa piaga nel mondo: la Cina". Ed è andato oltre: "Nei primi giorni del virus, Pechino ha chiuso i viaggi al suo interno consentendo invece ai voli di uscire e infettare il mondo". 
Condividi