Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/ue-Borrell-riteniamo-mosca-responsabile-per-la-salute-di-navalny-7ac04b43-53df-4ff2-bea8-ee1d71783513.html | rainews/live/ | true
MONDO

Ue, Borrell: "Riteniamo la Russia responsabile per la salute di Navalny"

L'Alto rappresentante dell'Ue ha spiegato che non sono in preparazione nuove sanzioni contro Mosca

Condividi
"Le condizioni di Navalny sono critiche. Abbiamo saputo che è stato trasferito nell'ospedale della prigione. Chiediamo che abbia accesso immediato ai suoi medici di fiducia. Riteniamo la Russia responsabile per la salute di Navalny". Così l'Alto rappresentante dell'Ue, Josep Borrell, al termine della videoconferenza dei ministri degli esteri dell'Ue.

L'Unione europea non imporrà nuove sanzioni contro la Russia, per i suoi movimenti militari al confine con l'Ucraina e per il deterioramento delle condizioni di salute in carcere dell'oppositore del Cremlino, Alexei Navalny. "Non c'è alcun movimento in direzione di maggiori sanzioni contro la Russia", ha confermato oggi in conferenza stampa l'Alto rappresentante Ue per la Politica estera Josep Borrell. "Ma le cose possono anche cambiare", ha avvertito il capo della diplomazia europea.

"La situazione alla frontiera ucraina è molto preoccupante. La Russia sta continuando a trasferirvi qualsiasi tipo di materiale militare, compresi gli ospedali da campo, e vi ha concentrato oltre 150mila truppe, il più alto dispiegamento dell'esercito russo alle frontiere ucraine di sempre. Il rischio di un'ulteriore escalation è evidente". Così l'Alto rappresentante dell'Ue, Josep Borrell. "Chiediamo" a Mosca "di cessare" i trasferimenti di militari e "allentare le tensioni".  "Esprimiamo il nostro più forte sostegno" a Kiev. 
Condividi