Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/usa-vaccino-johnson-fda-9eaf6bc5-ebb4-4635-9510-f55b631a66f7.html | rainews/live/ | true
MONDO

Vaccino

Usa, verso il via libera della FDA per 3 mln di dosi di vaccino J&J

Nuove dosi di vaccino firmato Johnson & Johnson già per la prossima settimana   

Condividi
La settimana prossima il governo degli Stati Uniti distribuirà dai 3 ai 4 milioni di dosi del vaccino contro il coronavirus di Johnson & Johnson se la Food and Drugs Administrion (Fda) nel frattempo avrà emesso l'autorizzazione di emergenza alla somministrazione. 

Lo ha fatto sapere Jeff Zients, coordinatore della strategia contro la pandemia dell'amministrazione Biden."Johnson & Johnson ha annunciato che ha come obiettivo consegnare un totale di 20 milioni di dosi per la fine di marzo", ha aggiunto Zients. Oggi l'Fda ha "confermato la sicurezza e l'efficacia della dose singola del vaccino contro il Coronavirus di Johnson & Johnson, in particolare contro i casi gravi". 

Il via libera definitivo appare quindi molto vicino e va ad aggiungere a Pfizer e Moderna anche Johnson & Johnson che insieme alle altre due grandi case farmaceutiche assicurerà dosi sufficienti per immunizzare 130 milioni di americani, più o meno il 50% degli adulti, entro la fine di marzo.

La produzione di vaccini a stelle e strisce contro il Covid-19 è decollata e con via (imminente) al terzo siero, quello di J&J, il problema delle forniture sarà definitivamente superato. L'amministrazione americana sta già inviando agli Stati dell'Unione un milione di dosi in più a settimana, per un totale di 14,5 milioni.Il problema, a questo punto, non sono le scorte ma la logistica. "Perchè una cosa è avere i vaccini e un'altra è riuscire somministrarli", come puntualizza lo stesso Joe Biden durante la visita nell'impianto Pfizer a Portage, nel Michigan.  

Il presidente Biden, ha già vinto, dunque, la sua scommessa su 100 milioni di vaccini in 100 giorni, e si appresta a superarla, ha allargato drammaticamente la platea di coloro che sono autorizzati ad iniettare le dosi. L'Fda (Food and Drug Administration) consentirà invece a Pfizer di conservare i vaccini in congelatori tradizionali (dove possono restare fino a due settimane senza perdere la loro efficacia), favorendo così l'agibilità di un maggior numero di strutture per le vaccinazioni. Da quando hanno ottenuto l'autorizzazione lo scorso dicembre, negli Stati Uniti sono stati distribuiti oltre 75 milioni di vaccini Moderna e Pfizer, di cui 63 iniettati.

Oltre 54 milioni di vaccini sono stati somministrati da quando Biden si è insediato alla Casa Bianca lo scorso 20 gennaio, ovvero in poco più di un mese. Nelle prossime 5 settimane sono attese consegne per ulteriori 145 milioni di vaccini Moderna e Pfizer, cui si aggiungeranno 200 milioni entro la fine di maggio e altri 200 milioni entro la fine di luglio. Il tutto al netto delle dosi J&J. Il panel degli advisor indipendenti dell'Fda si riunirà venerdì per decidere se approvare il terzo vaccino americano, che richiede una sola dose, e che è già stato definito efficace.

L'Fda non è tenuta a seguire la raccomandazione del panel di esperti ma raramente lo contraddice Se approvato, "tre o quattro milioni di dosi (di vaccino J&J) saranno distribuite dalla prossima settimana", fa sapere il coordinatore della task force della Casa Bianca Jeffrey Zients, confermando quanto anticipato dalla società che ha detto di avere pronte 4 milioni di dosi dal "Day One".Il coronavirus non scomparirà, avvertono gli scienziati, "è destinato a restare", per dirla con Nicky Phillips sulla rivista "Nature", ma entro l'estate, almeno in America, dovrebbe diventare gestibile, come l'influenza. 
Condividi