Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/vaccini-figliuolo-regioni-lunedi-prenotazioni-anche-40enni-81d4d6b4-2933-48b9-a4ed-a4e645abbad2.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

"In settimana disponibili altri 3 milioni di dosi"

Vaccini, Figliuolo a Regioni: "Da lunedì prenotazioni anche per i 40enni"

Nella nota della struttura commissariale "si raccomanda l'assoluta necessità di continuare a mantenere particolare attenzione per i soggetti fragili, classi di età over 60, cittadini che presentano comorbidità, fino a garantirne la massima copertura" 

Condividi
Il Commissario per l'Emergenza, Francesco Figliuolo, ha inviato alle Regioni una lettera per dare il via libera alle prenotazioni dal prossimo 17 maggio anche per i nati fino al 1981, quindi gli over 40. 

Nella nota inviata dalla struttura commissariale di Figliuolo si legge: "Questa struttura, nell'ambito del monitoraggio del piano vaccinale, continua a rilevare il buon andamento della campagna di somministrazione su scala nazionale delle categorie prioritarie". E ancora: "Si dà facoltà alle Regioni e Province Autonome di avviare prenotazioni dal prossimo 17 maggio anche per i cittadini over 40, ovvero fino ai nati nel 1981".   

Nel documento "si raccomanda l'assoluta necessità di continuare a mantenere particolare attenzione per i soggetti fragili, classi di età over 60, cittadini che presentano comorbidità, fino a garantirne la massima copertura"

In settimana disponibili altri 3 milioni di dosi
Sono circa 3 milioni le dosi di vaccino anti Covid in arrivo entro la fine di questa settimana. Lo riferisce la struttura commissariale per l'emergenza coronavirus in Italia. Stamattina è iniziata la distribuzione di circa 2,1 milioni di dosi di vaccino Pfizer. Le consegne alle strutture designate alle regioni si concluderanno nella giornata di oggi. Nella giornata di domani è previsto invece l'afflusso di oltre 170mila dosi di Janssen all'hub nazionale vaccini della Difesa, dove entro la fine di questa settimana arriveranno anche circa 360mila dosi di Vaxzevria (AstraZeneca) e oltre 390mila di Moderna.
Condividi