Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/vaccini-vaccinazioni-green-pass-italia-a17793d5-b774-44f6-a32a-7b0cdcdc439a.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Sono 7,9 milioni gli italiani ancora non completamente vaccinati

I dati settimanali sulle vaccinazioni in Italia

l'Italia, in ambito europeo, si pone ben al di sopra della media UE, davanti a Francia e Germania per numero di somministrazioni e vaccinati totali in proporzione alla popolazione.

Condividi
Nel giorno dell'entrata in vigore del certificato verde obbligatorio per entrare nei posti di lavoro, per i mezzi pubblici esce il report settimanale della struttura commissariale per l'emergenza covid.
Sono 7,9 milioni gli italiani che non hanno ancora ricevuto una dose di vaccino o che non hanno completato il ciclo di immunizzazione.

Ma il report ci dice anche che sono circa 46 milioni le persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino, un numero pari all’85,26% della platea vaccinabile, costituita dagli over 12. I vaccinati completi (con due dosi) sono invece 43,64 milioni, pari a circa l’81% della platea. Il numero totale di somministrazioni  ha superato 87 milioni e l'Italia, in ambito europeo, si pone ben al di sopra della media UE, davanti a Francia e Germania per numero di somministrazioni e vaccinati totali in proporzione alla popolazione. Positivo il trend registrato nel corso degli ultimi giorni per quanto riguarda le prime somministrazioni: ieri sono state registrate 73.296 inoculazioni, con un incremento di oltre il 34% rispetto all’inizio della settimana.

Secondo il report settimanale vaccini  le percentuali di prime dosi/dosi uniche per fasce di età sono rispettivamente pari a:
12-19 anni: 70,47%
20-29 anni: 86,15%
30-39 anni: 81,14%
40-49 anni: 81,69%
50-59 anni: 85,91%
60-69 anni: 89,27%
70-79 anni: 92,13%
over 80 ---: 95,08%


I numeri del report evidenziano anche le percentuali di chi è in attesa di ancora una dose o della dose unica e si rileva che la popolazione tra i 40/49 si attesta al 18,31% mentre tra 30/39  si sale al 18,82. Una percentuale ancora più alta quella tra i 12/19 anni dove si arriva al 29,53%
Condividi