Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/verona-buu-balotelli-esplode-polemica-ministro-spadafora-ora-iniziative-concrete-80aeffd0-565e-4076-8aaa-e182d4e1ff7c.html | rainews/live/ | true
SPORT

Calcio e razzismo

Verona, buu a Balotelli. Esplode la polemica, il ministro Spadafora: ora iniziative concrete

Ispettori Figc hanno sentito cori contro il calciatore del Brescia. L'episodio pare sia stato circoscritto ad una quindicina di tifosi della curva scaligera

Mario Balotelli (Ansa)
Condividi
Dopo la sospensione di Roma-Napoli per i cori contro i napoletani, è arrivato un nuovo caso razzismo da Verona, dove Mario Balotelli ha scagliato il pallone in curva per protestare contro gli insulti razzisti che gli sarebbero arrivati dagli ultras dell'Hellas. La partita è stata sospesa per quattro minuti dall'arbitro Mariani e poi è stata portata a termine regolarmente, lasciando però una nuova scia di polemiche sul calcio italiano.

È accaduto accaduto al nono minuto della ripresa della partita poi persa per 2-1 dal Brescia con il gol della bandiera segnato proprio da Super Mario. Con l'Hellas che era appena passata in vantaggio, Balotelli era vicino alla bandierina del corner sotto la curva dei tifosi scaligeri e stava difendendo palla dall'avversario quando all'improvviso si è fermato, ha afferrato la sfera e l'ha calciata verso la curva. L'attaccante stava quindi prendendo la via degli spogliatoi facendo cenno che non avrebbe più giocato ma compagni e avversari lo hanno abbracciato per farlo desistere.

Con la gara sospesa, lo speaker del Bentegodi ha poi letto l'annuncio che chiedeva di far cessare i cori discriminatori mentre gran parte dello stadio urlava "Mario, Mario" per solidarietà con il numero 45.

Presidente Verona: non abbiamo sentito alcunché 
Dopo la partita il Verona ha minimizzato l'episodio, sottolineando che i presunti cori razzisti non erano stati uditi. "Noi tutti oggi, al Bentegodi, non abbiamo sentito alcunché", ha affermato il presidente Maurizio Setti, "posso solo dire che i tifosi del Verona sono particolari. Hanno un modo di 'sfottere' gli avversari carico di ironia ma il razzismo qui non esiste, da tempo, almeno da quando ci sono io alla guida del club".

Cori uditi da ispettori Ficg
Resta il fatto che gli ispettori federali avrebbero sentito i cori e i buu, anche se sarebbero stati fatti da poche decine di tifosi. Martedì sul caso si esprimerà il giudice sportivo, ma è probabile che chieda alla Procura federale un supplemento d'indagine per stabilire quanti siano stati i tifosi del Verona coinvolti. Un supplemento d'indagine fu chiesto anche per i casi di Vieira (il centrocampista della Sampdoria preso di mira dai tifosi della Roma) e  Dalbert (il difensore della Fiorentina 'beccato' da alcuni tifosi dell'Atalanta).

Balotelli in serata ha postato un video di bambini africani che fanno il tifo per lui: "Il razzismo è solo solo ignoranza, ce ne sono tanti purtroppo di ignoranti, ma noi siamo qui per dirti che siamo tutti con te, che sei un campione e ti vogliamo bene", afferma il fondatore di 'We Africa to Red Earth', Adriano Nuzzo, che da una missione ha inviato il messaggio di sostegno al giocatore del Brescia. "Balotelli uno di noi", dice uno dei bambini del video.

Post Supermario: chi ha fatto verso della scimmia si vergogni
"Grazie a tutti i colleghi in campo e non, per la solidarietà avuta nei miei confronti e a tutti i messaggi ricevuti da voi tifosi. Grazie di cuore, avete dimostrato di essere veri uomini, non come chi nega l'evidenza". Così, su Instagram, Mario Balotelli, che nel pomeriggio, dopo essere stato oggetto di cori razzisti, voleva lasciare il campo di Verona-Brescia. Sempre sullo stesso social, il giocatore, commentando un video della curva del Verona, ha aggiunto: "Chi ha fatto il verso della Scimmia si vergogni".

Raiola: siamo con Balotelli
"Siamo con Mario, siamo contro tutte le forme di razzismo, razzisti ignoranti". Così Mino Raiola, l'agente di Mario Balotelli, in un tweet ha manifestato sostegno a Supermario dopo i cori razzisti di oggi durante Verona-Brescia.

Sindaco Verona: Buu a Balotelli? Non c'è stato niente
"Oggi allo stadio c'ero e non ho sentito alcun insulto razzista. E come me, le molte altre persone che a fine partita mi hanno scritto e contattato". Lo ha detto all'Ansa il sindaco di Verona, Federico Sboarina, in merito ai presunti buuu razzisti all'indirizzo di Mario Balotelli.

"Ciò che ha fatto Balotelli - ha aggiunto - è inspiegabile, perché senza alcun motivo ha avviato una gogna mediatica su una tifoseria e una città". "Condanno in maniera decisa ogni forma di razzismo, da perseguire senza mezzi termini termini - ha continuato Sboarina -, ma sono altrettanto fermo contro coloro che strumentalmente costruiscono sul nulla una falsa immagine di Verona e dei veronesi. Questo è inaccettabile".

Spadafora: ora iniziative concrete
"Da italiano, da rappresentante delle istituzioni, provo profondo imbarazzo per certi episodi di intolleranza e discriminazione". Il ministro per le Politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, interviene con una dichiarazione all'Ansa dopo i cori razzisti in Roma-Napoli e Verona-Brescia. "So che tutti gli attori coinvolti sono sensibili e impegnati a reprimere tali fenomeni. È quindi necessario - e su questo insisterò con Federcalcio e Leghe - che si adottino iniziative concrete".  "La maggioranza silenziosa del tifo alzi - conclude il ministro dello Sport - un grido di fronte a questa barbarie e restituisca al calcio i nobili valori di cui è da sempre portatore".

Mancini: calcio fatto per unire, no intolleranza
Anche il ct della nazionale Roberto Mancini dice la sua in un tweet condannando l'episodio di razzismo avvenuto al 'Bentegodi' durante Verona-Brescia all'indirizzo di Mario Balotelli. "Il calcio è fatto per unire - ha scritto l'ex allenatore dell'Inter - dobbiamo lavorare tutti insieme perché non si ripetano più episodi di intolleranza di ogni genere".

Bonetti: sport non trasmetta istinti disumani
"Continuo a credere in un Paese in cui le parole razziste non abbiano più voce. Un Paese in cui lo sport sia una festa, occasione di aggregazione e trasmissione dei valori di squadra, non di istinti disumani. Sia davvero l'impegno di tutti". Lo scrive su Twitter il ministro per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, riferendosi a quanto accaduto oggi pomeriggio durante la partita di calcio Verona-Brescia. 

Brescia: comportamento indegno alcuni tifosi Verona
"Alla luce di quanto accaduto a Verona, durante la partita Hellas Verona-Brescia, il Brescia calcio stigmatizza il comportamento di alcuni tifosi della squadra di casa che si sono resi protagonisti di un comportamento indegno e incivile, ai danni di Mario Balotelli. Non meno gravi sono apparse le dichiarazioni di alti rappresentanti manageriali della società Hellas Verona, a tv e organi di stampa, nel tentativo di negare o minimizzare la gravità dell'accaduto". Con un comunicato il Brescia è intervenuto sul 'caso Balotelli', stigmatizzando tanto i cori razzisti all'indirizzo del giocatore (che voleva lasciare il campo durante la partita contro il Verona) quanto le dichiarazioni della dirigenza del club veneto.
Condividi