Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/vertice-centrodestra-tajani-salvini-meloni-scostamento-0e1aa93d-c570-44fd-a84f-6c9231771e92.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Opposizione compatta su proroga emergenza e bilancio

Vertice del centrodestra: "linea comune" di Tajani, Salvini e Meloni su scostamento

Domani la discussione in Parlamento sulla richiesta di autorizzazione allo scostamento di bilancio. Il voto da regolamento prevede la maggioranza assoluta sia alla Camera che al Senato

Condividi
Matteo Salvini, Antonio Tajani e Giorgia Meloni si sono incontrati nell'ufficio del senatore leghista a Palazzo dei beni spagnoli.

Secondo quanto si apprende da fonti di Forza Italia, i tre leader del centrodestra hanno concordato che la coalizione avrà una "linea comune" sullo scostamento di bilancio e sulla proroga dello stato di emergenza. La decisione finale dipenderà dagli impegni che prenderà il governo rispetto alle proposte avanzate.

L'esito dell'incontro è stato confermato anche da fonti leghiste e di Fratelli d'Italia. Il centrodestra, quindi, voterà compatto sulla richiesta di autorizzazione allo scostamento di bilancio che sarà discussa domani in Parlamento (per la quale sono necessari i voti della maggioranza assoluta delle Camere). E non dovrebbe esserci alcuna differenziazione da parte di Forza Italia.

"I nostri gruppi parlamentari sono stati invitati a votare un nuovo scostamento di bilancio: sbagliano a dare per scontato il nostro sostegno. Abbiamo avanzato una serie di proposte: un semestre bianco fiscale con rinvio delle scadenze a fine anno e l'azzeramento delle sanzioni per chi non ha potuto pagare la rata di luglio, la proroga della cassa integrazione", ha insistito lo stesso Silvio Berlusconi in videoconferenza alla riunione con i governatori di Forza Italia organizzata dalla Forza Italia Web School.

"Abbiamo chiesto sostegno a fondo perduto per turismo, made in Italy, agricoltura e commercio e la reintroduzione almeno temporanea dei voucher per il lavoro stagionale nel turismo e nell'agricoltura. Vediamo se accoglieranno queste indicazioni, che sono fondamentali per la sopravvivenza del sistema economico".

Dal canto suo, la Lega chiede l'esenzione dei soggetti Isa dal secondo acconto 2020, 8 miliardi di tagli all'Imu sulle seconde case da compensare con maggiori trasferimenti ai Comuni. Infine, FdI propone una premialità agli imprenditori che non usufruiscono della Cig, il rinvio delle scadenze fiscali e un fondo per aumentare le pensioni di invalidità. 
Condividi