La cerimonia di Hollywood

Live: la notte degli Oscar in tempo reale

La corsa alle statuette più ambite del cinema mondiale
Live: la notte degli Oscar in tempo reale
Ap
La cerimonia degli Oscar si tiene come ogni anno nel Dolby Theater di Los Angeles, in California

Miglior film: Coda - I segni del cuore

Coda - I segni del cuore della regista Sian Heder ha vinto l'Oscar per il miglior film 2022. Una vittoria storica per il film, interpretato nel linguaggio dei segni. Gli altri nominati: Belfast, Don't look up, Drive my car, Dune, King Richard - Una famiglia vincente, Licorice Pizza, La fiera delle illusioni - Nightmare Alley, Il potere del cane e West Side Story.

Oscar alla migliore attrice a Jessica Chastain

Jessica Chastain ha vinto l'Oscar come migliore attrice protagonista per Gli occhi di Tammy Faye. Una standing ovation ha accolto la notizia del suo premio. Le altre nominate erano Olivia Colman (La figlia oscura), Penélope Cruz (Madres paralelas),  Nicole Kidman (Being the Ricardos), Kristen Stewart (Spencer).

Oscar come miglior attore a Will Smith

Will Smith ha vinto l'Oscar come migliore attore protagonista per il film King Richard - Una famiglia vincente. Gli altri nominati: Javier Bardem (Being the Ricardos), Benedict Cumberbatch (Il potere del cane), Andrew Garfield (tick,tick...Boom!) e Denzel  Washington (Macbeth).

A Jane Campion l'Oscar per la miglior regia

Jane Campion ha vinto l'Oscar per la migliore regia per il film Il potere del cane. Gli altri nominati erano Kenneth Branagh (Belfast), Ryusuke Hamaguchi (Drive my car),Paul Thomas Anderson (Licorice Pizza), Steven Spielberg (West Side Story).

Lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock nella notte degli Oscar 2022

Will Smith si alza e da' un pugno a Chris Rock, momenti di tensione alla cerimonia

Momento di tensione, vera e tangibile, sotto gli occhi del mondo al Dolby Theater, durante la cerimonia degli Oscar. A metà cerimonia Will Smith si è alzato dalla sua poltrona ed è salito sul palco per sferrare un pugno a Chris Rock che pochi minuti prima aveva scherzato su sua moglie. Il motivo: una battuta di Rock sui capelli e l'alopecia di Jada, la moglie di Smith. “Tieni il nome di mia moglie fuori dalla tua fottuta bocca”, ha urlato Will Smith.

Omaggio a Francis Ford Coppola per i 50 anni de "Il padrino"

Gli Oscar hanno reso omaggio al Padrino per i 50 anni dall'uscita del primo film della trilogia nelle sale: una standing ovation ha accolto Francis Ford Coppola e le due star della saga dei Corleone, Al Pacino e Robert de Niro, sul palco dei premi dell'Academy. Coppola ha dedicato "dal profondo del cuore" l'omaggio a due persone che non ci sono più: lo scrittore Mario Puzo e il produttore Robert Evans, con cui era stato a lungo ai ferri corti durante la realizzazione dei film.

"Summer of soul" vince come miglior documentario

Summer of soul (...or, when the revolution could not be televised) ha vinto l'Oscar come miglior film documentario. Diretto da Ahmir "Questlove" Thompson, racconta l'annata 1969 dell'Harlem Cultural Festival. Nel ritirare il premio, il regista e musicista si è commosso .Gli altri nominati erano Ascension, Attica, Flee e Writing with fire.

Oscar, Mila Kunis parla di Ucraina: "Dignità contro devastazione"

"I recenti eventi globali stanno frustrando molti di noi. Ma quando si assiste alla forza e alla dignità di coloro che affrontano tale devastazione, è impossibile non essere scossi dalla loro resilienza. Non si può non essere toccati e in soggezione davanti a coloro che trovano forza nel continuare a combattere attraverso questa oscurità inimmaginabile". Sono le parole dell'attrice, nata in Ucraina, Mila Kunis, salita sul palco degli Oscar per introdurre Reba McIntyre. Kunis, che con il marito Ashton Kutcher ha già raccolto 35 milioni di dollari per l'Ucraina, non pronuncia il nome del suo paese ma le parole sono dirette a Kiev.

"Dune" vince anche per il miglior montaggio

Il film Dune ha vinto il premio Oscar nella categoria miglior montaggio. Sono sette le statuette conquistate in questa edizione dalla pellicola di Dennis Villeneuve.

A "Coda" l'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale

Assegnato a Sian Heder per Coda il premio Oscar per la migliore sceneggiatura non originale. In lizza c'erano anche Drive my car, Dune, La figlia oscura e Il potere del cane.

"Belfast" miglior sceneggiatura originale

Va a Belfast di Kenneth Branagh il premio Oscar per la migliore sceneggiatura originale. In nomination c'erano anche Don’t look up, Una famiglia vincente – King Richard, Licorice Pizza e La persona peggiore nel mondo.

"Crudelia" vince per i migliori costumi, nessun premio per l'Italia

Jenny Beavan ha vinto l'Oscar per i miglior costumi per il film Crudelia. Niente da fare per l'italiano Massimo Cantini Parrini, che era candidato insieme a Jacqueline Durran per i costumi di Cyrano.

Minuto di silenzio per l'Ucraina

Al Dolby Theater, a Los Angeles, durante la cerimonia di consegna della 94esima edizione degli Oscar, l'attrice ucraina Mila Kunis ha presentato la canzone Somehow You Do, dal film Four Good Days, interpretata dalla cantante country Reba McEntire, alludendo all'Ucraina, ma non l'ha nominata. “Nelle ultime settimane, il mondo è rimasto scioccato da un'invasione non provocata e da un atto di aggressione”, ha detto. E poi le sue parole sono state seguite da un appello dell'Academy Awards a sostenere l'Ucraina con un minuto di silenzio.

Miglior film internazionale al Giappone, Sorrentino non ce la fa

Drive my car (Giappone) ha vinto l'Oscar come miglior film internazionale. E' stata la mano di Dio, candidato nella categoria, non ce l'ha fatta.

A Kotsur la statuetta come miglior attore non protagonista

Troy Kotsur ha vinto l'Oscar come migliore attore non protagonista per il film Coda - I segni del cuore. Kotsur è il secondo attore sordo a vincere la statuetta. Gli altri nominati erano Ciarán Hinds (Belfast), Jesse Plemons (Il potere del cane), J.K. Simmons (Being the Ricardos), Kodi Smit-McPhee (Il potere del cane)

A "Encanto" l'Oscar per il miglior film di animazione

Encanto ha vinto l'Oscar per il miglior film d'animazione. Jared Bush, Byron Howard, Yvett Merino e Clark Spencer hanno ritirato la statuetta per il film Disney. Gli altri nominati: Luca (dell'italiano Enrico Casarosa e Andrea Warren), Flee, I Mitchell contro le macchine e Raya e l'ultimo drago.

"Dune" conquista anche il premio per i migliori effetti speciali

Dune ha vinto l'Oscar anche per i migliori effetti speciali. La statuetta è stata assegnata a Paul Lambert, Tristan Myles, Brian Connor e Gerd Nefzer. Il film di Denis Villeneuve, con 10 nomination, ha vinto anche miglior suono, scenografia, fotografia, montaggio e colonna sonora.

A Fraser ("Dune") l'Oscar per la migliore fotografia

Greig Fraser per Dune ha vinto l'Oscar per la migliore fotografia. Il film di Denis Villeneuve è candidato a 10 premi. Il direttore della fotografia australiano (lo stesso dell'ultimo Batman) ha avuto la meglio su La fiera delle illusioni - Nightmare Alley, Il Potere del Cane, Macbet e West Side Story.

Ariana DeBose vince l'Oscar come miglior attrice non protagonista

Ariana DeBose per West Side Story ha vinto l'Oscar come migliore attrice non protagonista per il film di Steven Spielberg. Le altre nominate erano Jessie Buckley (La figlia Oscura),  Judi Dench (Belfast),Kristen Dunst (Il potere del cane) e Aunjanue Ellis (King Richard).

Oscar, cominciata la 94ma edizione

Iniziata al Dolby Theater di Los Angeles la 94esima edizione degli Academy Awards, premi Oscar. Ad aprire la notte cinematografica, le sorelle Venus e Serena Williams. Le due star del tennis Usa hanno presentato Beyoncé dai campi da tennis di Compton, per la sua performance sulle note di Be Alive, brano candidato agli Oscar per la colonna sonora di Una famiglia vincente - King Richard. Parola poi alle tre conduttrici Amy Schumer, Regina Hall e Wanda Sykes, che hanno scherzato sulla scelta dell'Academy: "Tre donne costano meno di un uomo solo".

Oscar, a "Dune" di Denis Villeneuve vanno 4 statuette

Sono già state assegnate le prime statuette della 94ª edizione degli Academy Awards, in scena nella notte italiana al Dolby Theatre di Los Angeles. Il film Dune, che vanta ben dieci nomination in tutto, conquista subito quattro statuette. La pellicola di Denis Villeneuve è stata premiata per la miglior colonna sonora originale composta da Hans Zimmer (il compositore 69enne mette così in bacheca il suo secondo Oscar a quasi trent'anni di distanza dal primo, vinto per la colonna sonora di Il re leone nel 1995), oltre che per il miglior suono, il miglior montaggio (Joe Walker) e la migliore scenografia. Si tratta di alcuni dei premi esclusi dalla diretta della serata, un taglio che riguarda otto categorie e che ha generato polemiche tra gli addetti ai lavori. I vincitori degli otto Oscar assegnati prima della cerimonia vera e propria saranno citati nel corso della diretta

A "Gli occhi di Tammy Faye" l'Oscar per il miglior trucco

Gli occhi di Tammy Faye ha vinto l'Oscar per il miglior trucco e acconciatura. Linda Dowds, Stephanie Ingram e Justin Raleigh sono i vincitori. Il film ha avuto la meglio sugli altri nominati: Crudelia, Coming 2 America, Dune e House of Gucci. Il premio è stato assegnato prima della diretta della cerimonia degli Oscar. La protagonista del film, Jessica Chastain, ha presenziato alla premiazione, allontanandosi dal red carpet.

Hans Zimmer vince per la miglior colonna sonora originale di Dune

Cominciata l'assegnazione dei premi: si parte con le categorie escluse dalla diretta tv per rendere più breve lo show. Hans Zimmer vince la statuetta per la miglior colonna sonora originale per il film Dune. Si tratta del secondo Oscar per il compositore di origine tedesca, dopo quello del 1995 per Il re leone.

Jessica Chastain lascia tappeto rosso a sostegno dei truccatori

Jessica Chastain ha fatto una rapida apparizione sul tappeto rosso degli Oscar prima di entrare al Dolby Theater, per sostenere l'equipe di truccatori che l'hanno trasformata nella protagonista di Gli occhi di Tammy Faye. L'attrice ha preso in questo modo posizione sulla polemica per l'esclusione dalla diretta di otto categorie di premi tra cui quella degli artisti del makeup. "Sarò in sala quando verrà annunciato quell'Oscar", ha detto, "anche a costo di sacrificare le interviste sul red carpet".

Sul red carpet molte star con i colori dell'Ucraina

Le star di Hollywood sul tappeto rosso dimostrano il proprio sostegno all'Ucraina sfoggiando i colori giallo e blu della bandiera del paese. Si va dalle spille alle pochette agli anelli.

Sorrentino: voglio fare un altro film su Napoli

"Felice, divertito, contento": Paolo Sorrentino, sul tappeto rosso del Dolby Theatre, a Hollywood, in California, attende il verdetto dell'Academy e preannuncia che, comunque vada, regalerà un altro film alla sua città, Napoli.