L'invasione russa

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 77

Il conflitto in tempo reale
Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 77
AP Photo/Felipe Dana
Ucraina, salme dei soldati caduti
23:43 11 Mag

Il sindaco di Lozova: raid nella regione di Kharkiv, almeno un civile morto

Un attacco missilistico sulla regione orientale ucraina di Kharkiv ha provocato oggi la morte di un civile nella città di Lozova. Lo ha riferito il sindaco Serhiy Zelensky, citato dall'Ukrainska Pravda. Nei raid è stato anche distrutto un magazzino di prodotti agricoli. 

23:14 11 Mag

Guterres: nessuna possibilità immediata per un accordo di pace

"E' chiaro per noi che, al momento attuale, non ci sono possibilità immediate di un accordo di pace o possibilità immediate di un cessate il fuoco globale". Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, rispondendo a una domanda sulla guerra in Ucraina durante la visita al presidente austriaco Alexander Van Der Bellen. 

23:02 11 Mag

Telefonata Scholz-Zelensky, Berlino promette altro sostegno

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha avuto un colloquio telefonico con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky per uno scambio su "altre possibilità molto concrete e pratiche di sostegno da parte della Germania all'Ucraina e hanno concordato di restare un contatto". Lo riferisce in una nota diramata in serata il portavoce di Scholz, Steffen Hebestreit. Il cancelliere tedesco  ha ribadito al telefono che la Russia debba chiudere la guerra e ritirare le truppe rispettando l'integrità territoriale e la sovranità dell'Ucraina. 

22:15 11 Mag

Zelensky: la guerra finirà quando riprenderemo i nostri territori e la libertà

La guerra scatenata dalla Russia finirà quando l'Ucraina riguadagnerà i suoi territori, le sue persone, la pace, la libertà e il diritto di scelta. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in una conversazione online con studenti delle università francesi, citato da Ukrinform. "Non abbiamo bisogno di troppo... vogliamo riportare la pace nel nostro Paese, nella nostra terra”.

21:49 11 Mag

Mosca: un morto e 3 feriti in un bombardamento nella regione russa di Belgorod

Un morto e tre feriti: è il bilancio di un bombardamento contro il villaggio russo di Solokhi, nella regione di Belgorod, al confine con l'Ucraina. Lo ha detto su Telegram il governatore della regione, Vyacheslav Gladkov. La notizia è riportata dall'agenzia stampa Tass che attribuisce il bombardamento alle forze ucraine. In un precedente bilancio, Gladkov aveva parlato di un solo ferito e di un edificio parzialmente distrutto, in questo villaggio a 11 km dal confine.
 

21:37 11 Mag

Draghi a Pelosi: l'attacco all'Ucraina è una sfida ai valori della democrazia

"L'invasione russa dell'Ucraina pone una sfida importante ai valori al cuore della democrazia. Non sono in gioco solo l'integrità territoriale dell'Ucraina, la sua sovranità, la sua indipendenza. Questo è un attacco al sistema basato sulle regole internazionali che abbiamo costruito dopo la seconda guerra mondiale": lo ha detto il premier Mario Draghi nell'incontro a Capitol Hill con la speaker della Camera, Nancy Pelosi. 

20:55 11 Mag

Kiev: la regione centrale di Poltava è sotto attacco missilistico russo

 Le truppe russe hanno lanciato un attacco missilistico sulla regione di Poltava nell'Ucraina centrale. Lo ha annunciato su Telegram Dmytro Lunin, capo dell'amministrazione militare regionale. "Attacco missilistico da parte di un aereo nemico nella regione di Poltava. Stiamo scoprendo i dettagli della distruzione e delle vittime", ha scritto Lunin, secondo quanto scrive Ukrinform. Ad aprile, nove missili russi avevano distrutto la raffineria di petrolio di Kremenchuk nella regione di Poltava. 

20:40 11 Mag

Kiev: in corso negoziati per scambio prigionieri russi con militari ucraini feriti ad Azvostal

Sono in corso negoziati tra Mosca e Kiev, che ha proposto ai russi uno scambio tra prigionieri e combattenti ucraini feriti intrappolati nelle acciaierie di Azvostal a Mariupol. Lo ha riferito su Telegram la vicepremier ucraina, Iryna Vereshchuk. 

20:00 11 Mag

Mosca, imbrattata di vernice rossa insegna dell'ambasciata polacca in Russia

Individui non identificati hanno macchiato con vernice rossa l'insegna dell'ambasciata polacca a Mosca, riferisce la Tass. I dipendenti della sede diplomatica della Polonia impegnati nelle pulizie dei locali, non rimuovendo completamente la vernice, si sono rifiutati di commentare l'incidente. L'ambasciatore polacco in Russia, Krzysztof Krajewski, è stato convocato oggi al ministero degli Esteri russo, dove è stato informato che Mosca si aspetta delle scuse ufficiali dalle autorità polacche in relazione all'attacco all'ambasciatore russo in Polonia, Sergey Andreyev, contro il quale il 9 maggio sono stati lanciati dei barattoli di vernice rossa.

19:52 11 Mag

Ministero Difesa: nessun attacco hacker, sito in manutenzione

"In riferimento alla notizia circolata circa l'impossibilità di raggiungere il sito internet www.difesa.it", lo Stato Maggiore Difesa precisa in una nota che "la stessa è dovuta ad attività di manutenzione da tempo pianificata, in atto sul sito". La homepage presenta una carrellata di immagini e la scritta: “sito in manutenzione, ci scusiamo per il disagio”.

19:19 11 Mag

La first lady Usa scrive a Putin: "Metta fine a guerra insensata e brutale"

"Signor Putin, la prego di porre fine a questa guerra insensata e brutale". Così la first lady Jill Biden, in un articolo da lei scritto per la Cnn dopo il suo viaggio nell'Europa dell'Est. Esperienza che le ha consentito di incontrare molte famiglie di profughi ucraini, in Romania e Slovacchia. Nell'articolo Jill Biden ha poi citato una frase di Kahlil Gibran, 'Più in profondità il dolore incide nel tuo essere, più gioia puoi contenere'. "La mia speranza è che questo sia vero per le madri che ho incontrato. Ma questo può succedere solo quando questa guerra finirà", ha scritto la first lady.

19:10 11 Mag

Kiev: poche speranze di liberare i militari nell'acciaieria Azovstal di Mariupol

I vertici militari ucraini hanno dato poche speranze di una possibile offensiva per liberare gli ultimi difensori di Mariupol, asserragliati nell'acciaieria Azovstal. "Ad oggi, una simile operazione richiederebbe un considerevole numero di truppe perché i soldati ucraini si trovano ad una distanza di 150-200 km", ha spiegato il numero due dello stato maggiore, generale Oleksiy Hromov, sottolineando che si tratterebbe di un'operazione molto costosa in termini di vite umane perché i russi hanno eretto potenti difese. Secondo la vice premier ucraina Iryna Vereshchuk, nell'acciaieria sono rimasti un migliaio di soldati, la metà dei quali feriti.

19:07 11 Mag

"Attacco hacker all'Italia" rivendicato da gruppo filorusso Killnet

I siti internet del Senato della Repubblica e del ministero della Difesa sono offline. Sarebbero stati oggetto di un attacco hacker. Irraggiungibile anche il sito dell'Istituto Superiore di Sanità e dell'Automobil Club d'Italia. Ci sarebbe stata una rivendicazione su Telegram da parte del collettivo hacker filorusso Killnet. Su Telegram il gruppo ha pubblicato una serie di indirizzi che sarebbero stati violati, con l'indicazione "attacco all'Italia". Nell'elenco compaiono, oltre a Senato e Difesa, Scuola alti studi di Lucca, Istituto superiore di Sanità, Banca Compass, l'azienda Infomedix e l'Aci.

18:05 11 Mag

Draghi: Gas pagato in rubli? E' una zona grigia

"Nessuno ha mai detto niente sull'eventualità che i pagamenti in rubli violino le sanzioni. Come sono organizzati questi pagamenti? E' una zona grigia. Il più grande importatore di gas in Germania ha già pagato in rubli, la maggior parte degli importatori di gas ha già aperto conti in rubli con Gazprom". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi rispondendo alle domande dei cronisti in conferenza stampa a Washington.

17:47 11 Mag

Draghi: intensificare i contatti ma presto per incontro Biden-Putin

E' maturo il tempo per un incontro Biden-Putin? "No. Abbiamo condiviso l'esigenza di sbloccare i porti e occorrerà collaborazione da entrambe le parti. I contatti devono essere riavviati, intensificati a tutti i livelli. Bisogna essere capaci non di dimenticare perché è impossibile, ma di guardare al futuro". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi nel corso della conferenza stampa all'Ambasciata d'Italia a Washington.  "Ho detto al presidente Biden che questa guerra produrrà cambiamenti drastici in Europa. Siamo sempre stati vicini in Europa ma lo saremo e lo dovremo diventare sempre di più. Biden ha detto che è un amico dell'Europa e ci sosterrà. E' molto molto leale e grato al processo di integrazione europea". 

17:32 11 Mag

Draghi: Tetto al prezzo del gas o del petrolio, cartello dei compratori, coinvolgere Opec: ne riparleremo

L'ipotesi di un tetto al prezzo del gas è stata "accolta con favore" dal presidente Joe Biden, ha detto il premier Mario Draghi, riferendo del suo colloquio di ieri alla Casa Bianca con il leader Usa. "Anche se - ha aggiunto - l'amministrazione Usa sta riflettendo più su un tetto al prezzo del petrolio, che del gas, ma ne riparleremo presto insieme".

"Il tetto al prezzo del gas ridurrebbe in parte i finanziamenti che l'Europa dà a Putin per la guerra. Stesso discorso per il petrolio a livello mondiale, si potrebbe creare un cartello dei compratori. Oppure, più preferibile per il petrolio, persuadere l'Opec e i grandi produttori ad aumentare la produzione, su entrambe le strade bisogna lavorare molto", ha detto il premier Mario Draghi in conferenza stampa all'ambasciata italiana a Washington.

17:20 11 Mag

Draghi a Washington: "Tutti sul tavolo per la pace", non c'è Golia, Russia non invincibile

"Voglio ringraziare il presidente Biden e tutta l'amministrazione Usa per l'accoglienza splendida. L'incontro è andato molto bene, ha ringraziato l'Italia per essere un partner forte, un alleato affidabile e un interlocutore credibile e io l'ho ringraziato per il ruolo di leadership in questa crisi e la grande collaborazione con tutti gli alleati". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa a Washington. “La guerra ha cambiato fisionomia: inizialmente si pensava ci fosse un Golia e un Davide, era un'impresa disperata che sembrava non riuscire. Oggi il panorama si è completamente capovolto. Non c'è più un Golia. La parte che sembrava invincibile non lo è più”, ha detto Draghi in conferenza stampa. "Tutte la parti, e in particolare Russia e Stati Uniti, devono fare lo sforzo di sedersi a un tavolo". 

17:11 11 Mag

Capo di stato maggiore americano: "Pronti a difendere alleati Nato"

"L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia è un pericolo per la stabilità e la pace non solo in Europa ma in tutto il mondo". Lo ha detto il Capo dello stato maggiore congiunto Usa, generale Mark Milley, in un'audizione alla commissione bilancio della Camera con il capo del Pentagono, Lloyd Austin. Il generale ha sottolineato che gli Stati Uniti sono pronti a "difendere gli alleati della Nato e sconfiggere chi li minacci o minacci la sicurezza americana".

16:45 11 Mag

Ilo: dall'invasione russa quasi 5 milioni senza lavoro in Ucraina

Quasi 5 milioni di ucraini hanno perso il lavoro dall'inizio dell'invasione russa, afferma l'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) sottolineando - secondo quanto riportano i media internazionali - che “se le ostilità dovessero intensificarsi, la perdita di posti di lavoro aumenterebbe a sette milioni”. Nel caso in cui i combattimenti dovessero cessare immediatamente, "sarebbe possibile una rapida ripresa, con il ritorno di 3,4 milioni di posti di lavoro. Ciò ridurrebbe perdita di posti di lavoro all'8,9 per cento", aggiunge l'agenzia delle Nazioni unite. Dei 4,8 milioni di ucraini che hanno perso il lavoro, 1,2 milioni sono rifugiati fuggiti nei Paesi vicini e 3,6 milioni sono disoccupati che sono rimasti in patria.

16:22 11 Mag

Cancelliere tedesco Scholz: Ucraina avrà conseguenze dalla guerra per 100 anni

L'Ucraina dovrà "lottare per 100 anni" contro le conseguenze della guerra in corso: la previsione è del cancelliere tedesco Olaf Scholz, che ha fatto un parallelo con le conseguenze della Seconda Guerra mondiale nel suo Paese. "Chi vive in Germania sa che ancora oggi sono ritrovate bombe cadute durante la Seconda Guerra mondiale e che anche gli allarmi bomba ci sono ancora. L'Ucraina dovrà dunque prepararsi fin d'ora a lottare per 100 anni contro le conseguenze di questa guerra", ha spiegato Scholz durante una conferenza stampa a Berlino.

15:58 11 Mag

Mosca: esperimenti del Pentagono su pazienti psichiatrici in Ucraina, coinvolte Germania, Polonia e case farmaceutiche

Il ministero della Difesa russo ha detto di avere le prove che il Pentagono ha partecipato ad "esperimenti biologici su pazienti di ospedali psichiatrici vicino a Kharkiv", in Ucraina. Lo riferisce la Tass. Negli esperimenti, aggiunge il ministero, sono coinvolti anche Germania e Polonia e le aziende farmaceutiche Pfizer, Moderna e Merck.

15:51 11 Mag

Crimini di guerra in Ucraina: procura di Bari apre inchiesta

Crimini di guerra da parte di soldati russi su civili ucraini: con questa ipotesi di reato la procura di Bari ha aperto un fascicolo d'inchiesta contro ignoti. Lo conferma a LaPresse il procuratore capo di Bari, Roberto Rossi. Stando a quanto si apprende, si tratta di un fascicolo aperto dopo la richiesta di Eurojust, l'Unità di cooperazione giudiziaria dell'Unione europea. Oltre a Rossi, l'inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Giannella.

15:47 11 Mag

Luhansk e Donetsk bloccano l'accesso a Facebook e Instagram

Le auto-proclamate repubbliche filo-russe di Luhansk e Donetsk, nell'Ucraina orientale, hanno annunciato di aver bloccato l'accesso a Facebook e Instagram. Questo le allinea con la politica russa nei confronti dei social network statunitensi. "L'accesso alle risorse informative della società americana Meta, che consente appelli alla violenza contro gli utenti di lingua russa sui suoi social network, è già stato bloccato", ha affermato il ministero delle comunicazioni del DNR in una nota, riferisce Reuters. "Alla luce di ciò, l'accesso ai social network Facebook e Instagram è bloccato sul territorio della repubblica". In una dichiarazione separata, il ministero delle comunicazioni dell'Lnr ha affermato di aver bloccato anche l'accesso ai social network. La Russia ha bandito Facebook e Instagram a marzo dopo che un tribunale ha ritenuto Meta colpevole di "attività estremista".

15:10 11 Mag

Segretario generale Onu Guterres: "Ci saranno negoziati di pace, ma non nell'immediato futuro"

Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha detto oggi che giungerà il momento in cui ci saranno colloqui di pace sull'Ucraina, ma che al momento non vede possibilità che si svolgano in un immediato futuro. "Questa guerra non durerà per sempre. Ci sarà un momento in cui si svolgeranno i negoziati di pace. Non li vedo nell'immediato futuro. Ma posso dire una cosa. Non ci arrenderemo mai", ha detto parlando in una conferenza stampa con il presidente dell'Austria, Alexander Van der Bellen. Guterres si dice anche profondamente preoccupato per i rischi che la fame nel mondo possa peggiorare a causa della guerra in Ucraina.

14:50 11 Mag

Ucraina: stop a 1/3 del gas verso l'Europa. Snam: in Italia finora nessun rallentamento

"L'Ucraina non è più responsabile del trasporto del gas russo attraverso i territori ucraini sotto occupazione militare russa: si tratta di un terzo del volume totale del transito di gas verso l'Europa". Lo fa sapere Naftogaz, la compagnia ucraina che gestisce i gasdotti d'interconnessione tra la Russia e l'Europa. Snam però fa sapere che finora non c'è nessun rallentamento nel sistema italiano sul fronte delle forniture di gas. Il prezzo del metano sul mercato europeo, dopo un avvio al rialzo, si muove con cautela oscillando poco sotto 100 euro al Megawattora.

13:39 11 Mag

Guerini: “Invio armi in Ucraina, prosegue impegno come indicato dal Parlamento”

L'invio di armi all'Ucraina non è un innalzamento dell'impegno dell'Italia nel conflitto ma "è la prosecuzione. Questo impegno non può essere disgiunto dal lavoro e dallo sforzo diplomatico per raggiungere negoziati e cessate il fuoco". Lo dice il ministro della Difesa Lorenzo Guerini in un'intervista al Gr1 Rai. "Per quanto riguarda l'impegno sul fianco Est - ha sottolineato - siamo già presenti in Lettonia e Romania, si aggiungerà un ulteriore impegno in Ungheria e Bulgaria assieme agli alleati. Impegno che sarà dettagliato dalla delibera missioni che porteremo in cdm nelle prossime settimane". "Il Parlamento è stato molto chiaro, l'invio di armi è finalizzato a consentire all'Ucraina di difendersi e difendere la sua popolazione dall'aggressione russa", ha concluso.

13:16 11 Mag

"Kherson chiederà l'annessione alla Russia", annuncia il governo insediatosi dopo la presa della città

Le autorità di Kherson, insediatesi dopo la presa della città da parte di Mosca, faranno appello al presidente russo Vladimir Putin per annettere la regione alla Federazione russa. Lo riportano le agenzie russe. “La città di Kherson è la Russia, non la Repubblica popolare di Kherson, non ci saranno referendum, ma un unico decreto sulla base dell'appello della leadership al Presidente della Federazione Russa, e ci sarà una richiesta di introdurre la regione a tutti gli effetti della Federazione Russa”, ha detto il vice capo dell'amministrazione regionale militare-civile Kirill Stremousov.

12:51 11 Mag

Mosca: dopo l'Ucraina stop al mondo dominato dagli Usa

Speriamo e ci aspettiamo che la finalizzazione della nostra operazione militare e il raggiungimento di tutti i suoi obiettivi contribuiscano a fermare i tentativi dell'Occidente di minare il dirittointernazionale e di ignorare e violare i principi della Carta delle Nazioni Unite, compreso il principio dell'uguaglianza sovrana degli Stati. Inoltre, costringerà l'Occidente a smettere di spingere per un cosiddetto ordine mondiale unipolare dominato dagli Stati Uniti e dai suoi alleati". Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov citato da Interfax

12:27 11 Mag

Mosca: la Russia non vuole la guerra in Europa

La Russia non vuole una guerra in Europa mentre l'Occidente sostiene che la Russia debba essere sconfitta. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov citato dall'agenzia Tass.

12:16 11 Mag

Mosca, Kiev nega cooperazione per sbloccare navi con grano

L'Ucraina rifiuta la cooperazione che faciliterebbe la partenza delle navi cariche di grano e cereali attualmente bloccate nei porti. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov citato dall'agenzia di stampa russa Interfax. E ha aggiunto che l'Ucraina ha piazzato delle mine nei porti dove si trovato le navi cariche di grano impedendogli dipartire. 

12:15 11 Mag

Gas: Lavrov, venderemo ad altri e Occidente pagherà di più

"La Russia ha a chi vendere le sue risorse energetiche e l'Occidente pagherà molto di più" per il suo approvvigionamento. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, in conferenza stampa dall'Oman dove è in visita ufficiale

09:56 11 Mag

Kiev: colpita scuola per bambini disabili in Lugansk

I militari russi hanno sparato su un istituto per bambini con disabilità che hanno bisogno di sostegno nella regione di Lugansk. Lo rende noto il capo dell'amministrazione militare regionale Sergiy Gaidai citato da Ukrinform.   "I soldati di Mosca ieri hanno aperto il fuoco su Horske. L'edificio della scuola speciale della regione dove studiano i bambini con bisogni speciali è stato colpito. Grazie ai russi" ha affermato Gaidai.  Ieri sono state bombardate per 15 volte aree residenziali e infrastrutture in tutta la regione. Il gasdotto principale di Sieiverodonetsk è stato danneggiato, la città è senza gas e anche in blackout. 

09:25 11 Mag

Il Papa incontrerà le mogli dei combattenti del Battaglione Azov

Al termine dell'udienza generale in Piazza San Pietro, al momento del cosiddetto 'baciamano', papa Francesco incontrerà e saluterà stamane le mogli di due ufficiali del Battaglione Azov, l'unità militare ucraina i cui combattenti sono attualmente asserragliati nei cunicoli dell'acciaieria Azovstal di Mariupol, opponendo l'ultima resistenza in una città ormai già in mano dei russi. Le giovani mogli dei militari di Azov hanno scritto nei giorni scorsi al Pontefice e a sorpresa è arrivato loro ieri l'invito per l'odierno incontro in udienza. Sono quindi presenti sul sagrato vaticano in attesa del saluto del Papa. 

09:06 11 Mag

Mosca: contatti Russia-Ucraina su colloqui sono in corso

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha detto che i contatti tra Russia e Ucraina nella sfera dei colloqui procedono. "I contatti sono in corso", ha detto a Radio Sputnik citata dall'agenzia russa Tass. 

07:35 11 Mag

Si combatte ancora all'Isola dei Serpenti

Proseguono i combattimenti all'isola di Zmiiniy, ormai più nota a tutti come Isola dei Serpenti, strategica, come ricordano le stesse forze di Difesa ucraine, per il controllo del nordovest del Mar Nero.    Si intensificano - fa sapere Kiev - i tentativi per fare arrivare rinforzi alla guarnigione russa sull'Isola mentre gli ucraini rivendicano di aver distrutto, con i droni Bayraktar, le batterie contraeree degli occupanti e anche i loro rifornimenti via mare.    Gli ucraini fanno anche sapere che ogni nuovo tentativo di attacco da parte nemica li mette in condizione di disporre di nuove occasioni per attaccare i russi. 

05:11 11 Mag

La camera Usa approva nuovi aiuti per 40 mld

La camera Usa ha approvato a stragrande maggioranza il nuovo pacchetto di aiuti - militari, economici e umanitari - all'Ucraina da 40 miliardi di dollari proposto dal presidente americano Joe biden. I nuovi finanziamenti sono passati con 368 voti contro 57 e probabilmente sarà approvato dal senato entro la fine della settimana.

06:44 11 Mag
01:00 11 Mag

Nyt: una delle pussy riot è fuggita dalla Russia

Masha Alekhina, una delle componenti delle Pussy Riot, il gruppo punk che si fece conoscere al mondo con una protesta contro il presidente Vladimir Putin nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, è fuggita dalla Russia. Lo riporta il New York Times, la dissidente si sarebbe travestita da 'rider' in modo da non insospettire la polizia moscovita che sorvegliava l'appartamento dell'amica in cui alloggiava e ha lasciato in casa il cellulare in maniera che non venisse tracciata. Un amico l'ha accompagnata al confine con la Bielorussia e li' ha dovuto attendere una settimana per entrare in Lituania.

00:30 11 Mag

È morto Leonid Kravchuk, il primo presidente dall'indipendenza ucraina

È scomparso a 88 anni il primo presidente dell'Ucraina indipendente, dal 1991 al 1994, Leonid Kravchuk. Già esponente di spicco del Partito comunista, la lunga esperienza non riuscì a metterlo al riparo dallo scontento popolare. A porre termine ai suoi 32 mesi di mandato giocarono infatti l'inflazione galoppante, gli scandali legati alla corruzione per le privatizzazioni. Fu sua la decisione di disfarsi dell'arsenale nucleare ex Urss ospitato in Ucraina. Il consigliere presidenziale ucraino Anton Gerashchenko lo ha elogiato su twitter affermando che Kravchuk era una "figura storica" che "ha svolto un ruolo enorme nell'indipendenza pacifica dell'Ucraina".

00:15 11 Mag

Cnn: Ministro lituano auspica rimozione Putin e intero regime

Il ministro degli esteri lituano, Gabrielius Landsbergis, ha affermato che per vedere la fine delle politiche "guerrafondaie" della Russia è necessaria la rimozione non solo del presidente Vladimir Putin ma di tutto "il sistema al potere" a Mosca, che ha paragonato alla Germania nazista. In un'intervista alla Cnn Landsbergis ha aggiunto di non voler dire che l'occidente deve intraprendere azioni concrete per un cambio di regime in Russia. "Potrebbe essere necessario parecchio tempo per questo cambiamento, perché non abbiamo alcun mezzo attivo a nostra disposizione per cambiarlo, deve cambiare dall'interno", ha sottolineato.

00:00 11 Mag

Kiev: I russi abbandonano i cadaveri dei loro soldati

I russi hanno lasciato i cadaveri dei loro soldati, in strada, nei villaggi abbandonati nella regione di Kharkiv. Lo ha riferito su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale Oleg Synegubov. Nella città liberata di Tsirkuni vicino a Kharkiv, ci sono di scene da "crimini di guerra": "Ci sono molte case, uffici, scuole distrutti. E ci sono cadaveri, cadaveri di civili. Gli occupanti non hanno nemmeno preso quelli dei loro soldati, che sono per strada, nelle case".Synegubov ha aggiunto che sono stati ritrovati i corpi di 44 civili sono stati trovati sotto le macerie di un palazzo a Izyum.