L'invasione russa

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 103

Il conflitto in tempo reale
Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 103
Ansa
Gli occupanti consegnano il grano rubato in Ucraina alla Crimea annessa e lo portano fuori da Sebastopoli.
23:08 06 Giu

Zelensky: le truppe ucraine non si stanno arrendendo a Severodonetsk

Nel consueto videomessaggio a conclusione della giornata, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha lodato i militari che stanno difendendo Severodonetsk affermando che "non stanno cedendo posizioni". Nella città del Luhansk continuano "feroci combattimenti nelle strade", ha detto ancora Zelensky, spiegando che in tutto il Donbass (formato appunto dalle regioni di Luhansk e Donetsk) "gli ucraini resistono fieramente".
 

22:26 06 Giu

Blinken: credibili le informazioni su grano rubato all'Ucraina

"L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia sta avendo un "effetto devastante" sulla sicurezza globale. Lo ha affermato il Segretario di Stato americano Antony Blinken, parlando di "ricatto" da parte di Mosca sulle forniture alimentari. Gli Stati Uniti stanno lavorando con altri paesi per cercare di mitigare la crisi, assicura Blinken che ha definito "credibili" le informazioni sul fatto che la Russia stia cercando di trarre profitti vendendo il grano rubato all'Ucraina.

21:23 06 Giu

Kiev: due civili morti e dodici feriti in attacchi nel Donbas

Ci sono stati due morti e dodici feriti tra i civili nei bombardamenti a oltre 20 insediamenti nelle regioni di Donetsk e Luhansk. Lo ha riferito il servizio stampa dell'esercito di Kiev, citato da Ukrinform. Secondo il resoconto le truppe ucraine hanno respinto dieci attacchi mentre i combattimenti continuano in due località.
 

21:05 06 Giu

Borrell: distrutto secondo più grande terminal grano ucraino

"Un altro attacco missilistico russo che contribuisce alla crisi alimentare globale. Le forze russe hanno distrutto il secondo più grande terminal di grano in Ucraina, a Mykolaiv. Alla luce di tali notizie, la disinformazione diffusa da Putin che devia le colpe diventa sempre più cinica". Lo scrive in un tweet l'Alto rappresentante dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell.
 

20:31 06 Giu

Mosca impone sanzioni ad altri 61 statunitensi: tra loro la ministra Yellen

La Russia inserisce altri 61 cittadini americani nella "lista nera", tra i quali le ministre di Tesoro e dell'Energia, Janet Yellen e Jennifer Granholm che, come gli altri, non potranno entrare in territorio russo. La misura, in risposta a quelle adottate contro "figure politiche e pubbliche russe", dice il ministero degli Esteri di Mosca, coinvolge anche manager e Ceo, compresi il direttore esecutivo di Netflix, Wilmot Hastings, e il presidente Universal Pictures, Peter Cramer.

20:14 06 Giu

Mosca consegna a Kiev i cadaveri dei soldati morti nell'acciaieria di Mariupol

La Russia ha iniziato a consegnare all'Ucraina i corpi di decine di soldati morti nella difesa dell'acciaieria Azovstal di Mariupol. I cadaveri dovranno ora essere identificati attraverso il dna, ha spiegato Maksym Zhorin, ex leader del reggimento Azov ora comandante di un'unità dell'esercito di Kiev. Lo riporta l'Associated Press.

20:00 06 Giu

Kiev: navi russe respinte a 100 km da costa Mar Nero

La Marina ucraina ha annunciato di aver respinto navi da guerra russe a 100 km dalla costa del Mar Nero. La flotta di Mosca è stata "costretta a cambiare tattica" dopo aver attuato per settimane un duro blocco, ha sottolineato il comando della Marina di Kiev. Nonostante ciò, ha specificato Kiev, un gruppo di circa 30 navi e sottomarini russi continua a bloccare la navigazione civile mentre la situazione nella parte nord-occidentale del Mar Nero resta "difficile".
 

19:37 06 Giu

Russia: armi occidentali per Ucraina finiscono ai terroristi. La denuncia dell'ambasciatore russo all'Onu, Nebenzia

I sistemi di armi consegnati in Ucraina dagli Stati Uniti e da altri Paesi occidentali stanno finendo sul mercato nero per un possibile acquisto da parte di organizzazioni terroristiche internazionali. Lo ha denunciato l'ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vassily Nebenzia. "Grazie alla nota e incredibile corruzione dei funzionari ucraini, le armi fornite dall'America e dall'Europa vengono vendute apertamente sul mercato nero ucraino. Una ricerca su internet molto semplice vi mostrerà che gli Stinger americani sono venduti per 7mila dollari a pezzo e i Javelin per 30mila dollari ciascuno", ha detto Nebenzia al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. "Naturalmente, queste vendite non sfuggiranno ai terroristi internazionali, compresi quelli che agiscono in Europa e in America". Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno inviato armi e munizioni in Ucraina per un valore di diversi miliardi di dollari dopo che la Russia ha lanciato un'operazione militare speciale in quel Paese il 24 febbraio. Tuttavia, la visibilità di quelle armi è quasi inesistente, secondo i resoconti dei media statunitensi che citano fonti informate sull'intelligence statunitense. Gli Stati Uniti dipendono dalle informazioni del governo ucraino su quello che sta accadendo nel Paese per la mancata presenza degli Stati Uniti sul campo.

19:23 06 Giu

La salma del giornalista morto mercoledì in Francia

La salma di Frédéric Leclerc-Imhoff, giornalista 32enne di Bfmtv ucciso in Ucraina dalla scheggia di una granata mentre si trovava a bordo di un'auto per seguire un'evacuazione di civili a Severodonetsk, sarà riportata in Francia mercoledì. Lo ha annunciato la stessa emittente francese, in presenza dei colleghi di missione in Ucraina del reporter, Maxime Brandstaetter e Oksana Leuta. "Le autorità ci avevano avvertito che non avrebbero potuto garantire la nostra sicurezza. Mi sono consultato con Frédéric. Quel giorno abbiamo esitato, ma poi ci siamo detti che era il nostro lavoro andare", ha affermato Brandstaetter tornando sull'episodio. Nel pomeriggio di venerdì a Leclerc-Imhoff sarà reso inoltre un omaggio in Place de la Republique a Parigi, dove saranno presenti la famiglia, gli amici e i colleghi. Reporters sans frontières ha lanciato un appello su twitter, chiedendo i "essere numerosi". La Procura nazionale antiterrorismo francese ha annunciato lunedì scorso l'apertura di un'inchiesta per crimini di guerra dopo la morte del giornalista.

19:15 06 Giu

Oltre 75mila euro a famiglie soldati russi uccisi in Ucraina o Siria. Lo indica un decreto firmato da Putin

Le famiglie dei soldati della Guardia nazionale russa morti in Ucraina o in Siria riceveranno un risarcimento di cinque milioni di rubli (75.900 euro circa). Lo indica un decreto firmato dal presidente russo Vladimir Putin. "In caso di morte di militari in servizio nella Guardia Nazionale (e) che hanno preso parte all'operazione speciale (in Ucraina) o hanno svolto missioni speciali in Siria, i loro familiari riceveranno un risarcimento di cinque milioni di rubli", si può leggere in questo decreto pubblicato nella Gazzetta ufficiale russa. Ad aprile, un decreto simile era già stato firmato dal presidente russo per le guardie di frontiera di stanza alla periferia del territorio ucraino, oltre che per i "volontari" morti durante l'offensiva russa in Ucraina. La Guardia Nazionale Russa è stata istituita nel 2016.

19:07 06 Giu

Fao e Wfp: allarme fame in dozzine paesi per guerra, clima ed impatto Covid

Conflitti, condizioni meteorologiche estreme, shock economici, gli impatti persistenti del Covid-19 e gli effetti a catena della guerra in Ucraina spingono milioni di persone nei paesi di tutto il mondo alla povertà e alla fame, mentre i picchi dei prezzi di cibo e carburante avvicinano le nazioni all'instabilità dice il nuovo rapporto sui punti caldi della fame. L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) e il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (Wfp) hanno emesso oggi un forte avvertimento di molteplici crisi alimentari incombenti, causate da conflitti, shock climatici, le ricadute della pandemia di covid-19, e l'enorme onere del debito pubblico, esacerbato dagli effetti a catena della guerra in Ucraina che ha spinto i prezzi di cibo e carburante ad accelerare in molte nazioni in tutto il mondo.

19:03 06 Giu

Il Dipartimento di giustizia Usa sequestrerà 2 aerei ad Abramovich

Un giudice federale di New York ha firmato lunedì un mandato che autorizza il Dipartimento di Giustizia Usa a sequestrare due jet di proprietà dell'oligarca russo Roman Abramovich. Il mandato di sequestro è l'ultimo di una serie di sanzioni e attacchi economici contro miliardari russi in risposta all'invasione dell'Ucraina da parte di Putin. I jet sono un Boeing 787-8 Dreamliner e un Gulfstream G650ER. Il Boeing che vale 350 milioni di dollari, è attualmente a Dubai.

18:56 06 Giu

'Grano da Odessa', prima intesa tra Turchia e Russia. Kiev scettica. Gli Usa: 'Navi con cereali rubati verso l'Africa' 

Uno schema preliminare c'è già: prima lo sminamento del mar Nero da parte dei genieri turchi -un'operazione per cui potrebbe volerci un mese -, poi la scorta della Marina di Ankara ai cargo ancorati nei porti ucraini fino ad acque neutrali, con un centro di coordinamento e monitoraggio a Istanbul. La scommessa di Erdogan per sbloccare la crisi mondiale del grano arriva alla prova dei fatti. L'accordo di massima, limitato per ora a Odessa, sarebbe stato raggiunto da Mosca e Kiev con la mediazione turca, afferma il quotidiano russo Izvetsia, e finirà mercoledì al centro della visita del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. "Spero - ha detto fiducioso il capo della diplomazia di Putin - che saremo in grado, se non di chiudere l'argomento, questo deve ancora essere fatto dai nostri leader, di elaborare in dettaglio le opzioni". Per Erdogan, la sfida sembra essere ora quella di convincere Kiev, timorosa che la riapertura dei porti offra la via ad un cavallo di Troia. 

18:48 06 Giu

L'ambasciatore russo lascia il Consiglio dell'Onu mentre parla Michel

L'ambasciatore della Federazione russa presso l'Onu, Vasily Nebenzya, ha lasciato l'aula del Consiglio di sicurezza dell'Onu mentre stava parlando il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel. Nel suo intervento, il leader Ue si era rivolto direttamente al diplomatico russo, apostrofandolo: "Signor ambasciatore, lasci la stanza. Forse è più facile non ascoltare la verità".

18:29 06 Giu

Michel all'Onu: crimini guerra Russia non restino impuniti. 'Anche violenza sessuale lo è. Sostegno Ue in raccolta prove'

"Sono stato a Borodyanka e lì sono state commesse atrocità, crimini contro l'umanità. Ecco perché stiamo fornendo assistenza per raccogliere prove di questi crimini. L'impunità non è un'opzione". Lo ha detto il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, parlando al Consiglio di sicurezza dell'Onu. "Questi crimini vanno puniti", ha aggiunto Michel sottolineando, inoltre, che "mentre parlo, sono stati diffusi dei report sull'uso della violenza sessuale da parte delle truppe russe come arma di guerra. La violenza sessuale è un crimine di guerra, è un crimine contro l'umanità. Si tratta di atti vergognosi in una guerra vergognosa". 

18:17 06 Giu

Russi colpiscono Su-27 ucraino nei cieli di Zaporižžja e il drone conferma abbattimento (Video)

18:13 06 Giu

Zelensky: 2.500 combattenti Azovstal prigionieri dei russi

Circa 2.500 combattenti dello stabilimento metallurgico Azovstal di Mariupol sono prigionieri dei russi dopo essersi arresi. Lo ha confermato il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskyy, citato dal quotidiano ucraino Strana.ua, come riporta la Ria Novosti. 

 

17:55 06 Giu

Il video del valzer dei diplomati davanti alla scuola distrutta

17:46 06 Giu

Metsola: carenze per anni se non riesce a coltivare

"Ci sono gravi turbative nel commercio dei cereali a seguito della guerra in Ucraina. I blocchi dei porti, l'incapacità di trovare vie alternative per il trasporto dei prodotti agricoli dall'Ucraina e verso l'Ucraina. Tutto questo ha determinato una spirale dei prezzi e una forte instabilità con una forte pressione sulle catene di approvvigionamento alimentare. E' situazione sempre più preoccupante: se l'Ucraina non riesce a coltivare i suoi campi abbiamo una prospettiva di parecchi anni di carenze alimentari. Ecco perché c'è bisogno di una forte reazione da parte nostra". Lo ha dichiarato la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, in apertura del dibattito in occasione dei sessant'anni della Pac, la Politica agricola comune dell'Unione europea. 

 

17:41 06 Giu

Nel Baltico manovre militari di Nato e Russia. Coinvolte decine di navi e aerei da guerra

Forze della Nato e della Russia schierate in contemporanea nel Mar Baltico per esercitazioni militari "programmate" da tempo e "di routine", ma che assumono comunque un significato particolare in un momento di altissima tensione internazionale. Per l'Alleanza Atlantica si tratta dell'esercitazione annuale Baltops, giunta alla sua 51esima edizione, che ha preso il via a Stoccolma in occasione del 500esimo anniversario della Marina svedese, con la partecipazione di 16 Paesi, ovvero 14 membri dell'Alleanza più Svezia e Finlandia, che hanno di recente fatto richiesta di adesione, sullo sfondo della guerra in Ucraina. Si concluderanno a Kiel, in Germania, e sono coinvolti oltre 4.000 militari, truppe d'assalto marittimo, più di 60 aerei e 40 navi di varie classi. In particolare i partecipanti dimostreranno di essere pronti a garantire la difesa nella regione baltica e l'attuazione della politica di deterrenza, attraverso diverse operazioni tattiche che coinvolgono navi, aerei e veicoli blindati dell'alleanza. Gli Stati Uniti partecipano anche con la Uss Kearsarge, la gigantesca nave d'assalto anfibia che ha a bordo 26 aerei da guerra e 2.400 tra marines e marinai. La Russia a sua volta coinvolge le unità Yevgeny Kocheshkov e l'hovercraft Mordovia della Flotta del Mar Baltico, che già oggi hanno tenuto un'esercitazione di artiglieria nel Mar Baltico, sparando "con successo", ha dichiarato il servizio stampa della Flotta, colpi di artiglieria "contro obiettivi di superficie e aerei in mare". Dieci aerei Sukhoi Su-24 e Su-27 si sono inoltre esercitati in attacchi contro un gruppo di finte navi nemiche. "L'esercitazione di routine ha coinvolto in totale più di dieci aerei dell'unità di aviazione navale della flotta baltica", ha affermato la stessa fonte. 

17:35 06 Giu

Sacru: rischi denutrizione e malattie per 13 milioni. Impennata dei prezzi rischia di scatenare una crisi alimentare

La guerra tra Russia e Ucraina ha bloccato il granaio del mondo. L'impennata dei prezzi e il calo dell'offerta rischiano di scatenare una crisi alimentare e di aumentare di 13 milioni il numero di persone denutrite. Lo afferma la  Strategic Alliance of Catholic Research Universities (Sacru), il network composto da otto università cattoliche di quattro continenti diversi, coordinate dall'Università Cattolica del Sacro Cuore.  

17:23 06 Giu

Il ministro tedesco della Cultura in visita a Odessa

Il ministro tedesco della Cultura, Claudia Roth, è a Odessa per una visita di due giorni su invito dell'omologo ucraino Olexandr Tkachenko. Lo riporta l'agenzia Dpa. "Vogliamo mostrare come la cultura sia sotto attacco", ha detto Roth,  che ha in programma incontri con il governatore Maksym Marchenko e il  sindaco della città, Hennadii Trukhanov. In agenda anche visite  all'Odessa Film Studio e al Teatro Filarmonico.

17:16 06 Giu

Filorussi: al via processo contro mercenari britannici, rischiano pena di morte

E' prevista oggi la prima udienza di un tribunale istituito dai separatisti filorussi di Donetsk per i prigionieri di guerra. Lo ha annunciato il loro leader Denis Pushilin al canale Rossiya-1, citato da Interfax, spiegando che alla sbarra ci saranno "mercenari britannici" che rischiano la pena di morte. Secondo la procura di Donetsk, si tratta dei cittadini britannici Shaun Pinner e Andrew Hill e del marocchino Saadun Brahim. 

17:07 06 Giu

Zelensky: a Severodonetsk resistiamo ma i russi sono più potenti

Il leader ucraino, Zelensky ha affermato: a Severodonetsk resistiamo ma i russi sono più potenti. Tra diecimila e 15mila civili si trovano ancora a Severodonetsk, bombardata da settimane dall’artiglieria russa, secondo il presidente ucraino.

16:57 06 Giu

Kiev: bombardamenti nella regione di Sumy

I russi hanno bombardato la regione di Sumy nell'Ucraina nord-orientale. Lo ha annunciato il capo dell'amministrazione militare regionale di Sumy, Dmytro Zhyvytskyi, come riporta Unian. Secondo Zhyvytskyi, dopo le 9 del mattino dal territorio della Russia il nemico ha aperto il fuoco con i mortai, colpendo per 4 volte la comunità di Velykopysariv. "Dopo le 14, i russi sembrano aver perso la testa: hanno aperto il fuoco di mortaio sul territorio della comunità di Shalygin con circa 30 colpi", ha spiegato. 

16:45 06 Giu

Media: intesa preliminare Russia-Turchia su grano

Turchia e Russia hanno raggiunto un accordo preliminare per sbloccare le spedizioni di prodotti agricoli ucraini da un porto chiave sul Mar Nero. Lo riferisce l'agenzia Bloomberg, aggiungendo però che Kiev rimane scettica sull'intesa proposta, stando a fonti "a conoscenza" dei negoziati. Secondo le fonti, l'attuazione del piano russo-turco sotto gli auspici delle Nazioni Unite consentirà di rimuovere le mine dalle acque costiere nella regione di Odessa e garantire la spedizione sicura di navi con grano dal Mar Nero al Mar Mediterraneo. In particolare, la Turchia ha offerto assistenza nello sminamento delle acque ucraine e nella scorta delle imbarcazioni con i carichi di grano da esportare. Ankara - dove mercoledì sarà in visita il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov - spera inoltre che l'approvazione di questo piano da parte delle Nazioni Unite ne garantisca l'attuazione in sicurezza. Allo stesso tempo, le autorità turche hanno in programma di creare un centro a Istanbul che coordinerà e monitorerà l'attuazione della missione. Tuttavia, secondo le fonti, l'Ucraina non ha partecipato direttamente ai negoziati russo-turchi.

16:12 06 Giu

Zelensky: entro autunno rischio 75 milioni tonnellate grano bloccate

Potrebbero esserci fino a 75 milioni di tonnellate di grano bloccate in Ucraina entro questo autunno e Kiev desidera armi antinave in grado di garantire il transito sicuro delle sue esportazioni. Lo ha affermato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. L'Ucraina, ha spiegato Zelensky in un briefing a Kiev, ha discusso con Gran Bretagna e Turchia l'ipotesi di una marina di un Paese 'terzo' che garantisca il passaggio delle esportazioni di grano ucraine attraverso il Mar Nero dominato dalla Russia. Tuttavia, la massima garanzia del loro passaggio sicuro sarebbero le armi ucraine, ha detto ai media il presidente ucraino, secondo Reuters.

15:54 06 Giu

Disappunto del Presidente serbo per mancata visita Lavrov

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha espresso disappunto per il divieto di sorvolo aereo che hanno impedito l'arrivo oggi a Belgrado del ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov. Incontrando l'ambasciatore russo Aleksandr Botsan-Kharcenko, che lo ha informato sui particolari delle decisioni di Bulgaria, Montenegro e Macedonia del Nord di negare il proprio spazio aereo al volo di Lavrov, Vucic, ha riferito la presidenza in un comunicato, ha detto che, nonostante tutto, la Serbia manterrà la sua indipendenza e autonomia in fatto di decisioni politiche, proseguirà nel suo cammino verso l'integrazione europea mantenendo i tradizionali rapporti di amicizia e partenariato con Paesi di tutti i continenti, e mantenendo la sua neutralità militare.   Nell'incontro, ha aggiunto il comunicato della presidenza, si è parlato al tempo stesso di un prossimo incontro tra i ministri degli esteri serbo e russo - Nikola Selakovic e Serghiei Lavrov. Vucic ha espresso dal canto suo la speranza che presto potrà tornare il tempo della pace e della collaborazione, con il dialogo e il negoziato quale unico mezzo di comunicazione nel mondo contemporanea.

15:52 06 Giu

Ucraina: respinto l'esercito russo in direzione di Slovyansk

Le forze armate ucraine hanno fermato  l'offensiva nemica e respinto l'esercito russo in direzione di  Slovyansk. Lo ha annunciato il portavoce del ministro della Difesa  dell'Ucraina, Oleksandr Motuzyanyk.

15:04 06 Giu

Kiev: da un mese i rientri cittadini in Ucraina superano le uscite

Il flusso di persone che entrano in Ucraina attraverso i confini occidentali supera da 27 giorni consecutivi quello di chi lascia il Paese. Lo indicano i dati del Servizio di guardia di frontiera di Kiev, citato da Interfax Ucraina. In questo periodo, il saldo tra ingressi e uscite è di circa 184 mila persone.   La tendenza era già stata confermata nei giorni scorsi da Frontex.

14:53 06 Giu

Kiev: un morto e 29 feriti in bombardamento Mykolaiv

I "caotici" bombardamenti russi su Mykolaiv di stamattina hanno causato un morto e 29 feriti. Lo ha riferito su Telegram la presidente del consiglio regionale della città, Hanna Zamazieieva. "Gli occupanti hanno colpito edifici residenziali in diverse parti della citta' dove non ci sono strutture militari", ha accusato Zamazieieva. 

14:52 06 Giu

Kiev: forze sufficienti per respingere attacchi a Severodonetsk

L'Ucraina ha concentrato "forze sufficienti per respingere gli attacchi russi" a Severodonetsk, ma nessuna delle due parti si sta preparando a ritirarsi. Lo afferma il sindaco della città, Oleksandr Stryuk, citato dal Guardian.

14:50 06 Giu

Lavrov: Kiev non vuole trattare

"L'Ucraina non vuole avere colloqui, si è rifiutata. E abbiamo tutte le ragioni per credere che stia soddisfacendo le richieste della leadership anglosassone del mondo": lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, citato da Interfax.   "Eravamo pronti a lavorare con onestà sulla base delle proposte presentate dai colleghi ucraini. E la bozza di accordo scritta sulla base di queste proposte è rimasta in mani ucraine per quasi un mese e mezzo", ha aggiunto Lavrov.

14:43 06 Giu

Johnson sente Zelensky nel giorno voto sfiducia

Il premier britannico Boris Johnson ha avuto una nuova conversazione telefonica con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Ne ha dato notizia lui stesso con un tweet, nel giorno in cui verrà sottoposto a un voto di sfiducia da parte dei suoi stesse parlamentari.    "Il presidente Zelensky mi ha appena aggiornato sulla battaglia in corso contro l'aggressione russa in Donbass. E' chiaro che il popolo ucraino non si inchinerà alla brutalità russa. Siamo incrollabili nella nostra missione di garantire che l'Ucraina sia difesa e sostenuta a lungo termine", ha sottolineato il capo di Downing Street

14:41 06 Giu

Ambasciatore russo: la linea media italiani è ostile

L'ambasciatore russo in Italia, Sergey Razov, che questa mattina è stato convocato alla Farnesina, ha affermato che "la linea di propaganda che sta dominando nei media italiani difficilmente può essere qualificata altrimenti che come ostile". Lo riferisce l'ambasciata russa in una nota. Durante l'incontro con il segretario generale Ettore Sequi, Razov si è soffermato sulle dichiarazioni "talvolta inaccettabili di alti funzionari italiani nei confronti della Russia e della sua leadership". L'ambasciatore ha poi chiesto "moderazione ed equilibrio, tradizionali per la politica estera italiana, nell'interesse del mantenimento di relazioni positive e di cooperazione tra i popoli russo e italiano a lungo termine". Secondo l'ambasciata russa sono stati poi forniti chiarimenti anche in relazione alle proposte dell'Italia per porre fine al conflitto in Ucraina e agli appelli per lo sblocco delle esportazioni di grano dai porti ucraini.

14:07 06 Giu

Lavrov: i burattinai di Bruxelles hanno impedito viaggio a Belgrado

"L'impensabile è accaduto": così il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov ha commentato la decisione di diversi Paesi europei di chiudere i propri spazi aerei al suo volo, costringendolo a rinunciare alla prevista visita alla Serbia, Paese "amico" di Mosca. "Si è trattato della privazione a uno stato sovranità di svolgere la propria politica estera", ha detto lo stesso Lavrov in una conferenza stampa online.   "Avevamo programmato di prendere inconsiderazione un'ampia agenda: volevamo parlare, ovviamente, del partenariato strategico in rapido sviluppo nelle nostre relazioni bilaterali, ma, a quanto pare, i burattinai di Bruxelles non hanno voluto concederci un altro forum per poter esporre e riaffermare nella capitale serba la posizione della Russia sulla questione del Kosovo e sulla questione della Bosnia-Erzegovina". Così il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, citato dalla Tass, ha criticato in una conferenza stampa online il divieto di sorvolo da parte di 3 Paesi balcanici al suo aereo per raggiungere Belgrado.

14:03 06 Giu

Lavrov: più sarà lunga gittata armi a Kiev più avanzeremo

La Russia è pronta a colpire territori ucraini più lontani dai propri confini quanto più potente sarà la portata delle nuove armi che Kiev riceverà dall'Occidente: lo ha detto oggi il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, durante una conferenza stampa online. Lo riportala Tass.  "Il presidente Vladimir Putin ha già commentato la situazione che emergerà con l'arrivo di nuovi armamenti, io posso solo aggiungere che più lunga sarà la gittata degli armamenti che fornirete, più noi sposteremo avanti dal nostro territorio la linea oltre la quale la presenza dei neonazisti verrà considerata una minaccia per la Federazione Russa"

13:29 06 Giu

Russia: attacchi a governo se missili a lungo raggio a Kiev

Nel caso in cui l'Occidente fornisca all'Ucraina lanciarazzi multipli a lungo raggio (MLRS), la Russia potrebbe colpire le infrastrutture di trasporto e le agenzie governative di Kiev. L'avvertimento è arrivato da Andrei Kartapolov, a capo della Commissione Difesa della Duma di Stato russa. Gli obiettivi sarebbero "prima di tutti, dentro i confini dell'Ucraina", ha spiegato Kartapolov, sottolineando che "di questi oggetti ce ne sono molti". "Dopo tutto, l'infrastruttura di trasporto in Ucraina, nel complesso, è ancora funzionante, anche se con alcune difficoltà, l'aeroporto di Kiev accetta voli civili, la Rada funziona, molte altre istituzioni statali, come anche il ministero della Difesa", ha aggiunto il deputato in visita in Armenia. 

13:27 06 Giu

Mattarella: chiamati a impegnarci per pace, sicurezza, progresso

"Viviamo a livello nazionale e internazionale momenti particolarmente delicati e impegnativi. Il nostro paese sta sviluppando un programma decisivo di riforme con il Pnrr" e "sul piano internazionale la guerra scatenata dalla Federazione russa contro l'Ucraina sta minando le basi della sicurezza nel mondo. E' un grande impegno quello a cui siamo chiamati per assicurare pace, sicurezza e progresso". Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 208esimo anniversario di costituzione dell'Arma dei Carabinieri.

13:26 06 Giu

Kiev: insufficiente cibo distribuito da russi a Mariupol

A Mariupol dalle 1.500 alle 2.000 persone fanno la fila ogni giorni davanti all'ex centro commerciale Metro per ricevere aiuti alimentari dagli occupanti russi ma vengono distribuiti solo 400 pacchi al giorno. Lo ha riferito su Telegram Petro Andriushchenko, consigliere del sindaco ucraino di Mariupol, Vadim Boychenko.  "La gente sta invano in fila per sei ore nel caldo e al sole", ha detto il funzionario, "non c'è acqua potabile e non è possibile reperirla da nessuna parte nel territorio dei 'quartieri generali umanitari'. Negli ultimi giorni ogni ora almeno dieci persone vengono portate in ospedale per svenimento. La puzza che giunge dall'obitorio, a 200 metri di distanza, diventa ogni giorno più intensa. Il tutto per un pacco come questo. Perchè non c'è altro modo di ottenere cibo. L'aiuto umanitario russo è bullismo e umiliazione. Come qualsiasi cosa facciano in città".

13:19 06 Giu

Mosca: distrutto stabilimento che riparava veicoli armati a Kharkiv

La Russia afferma di aver distrutto gli  edifici di uno stabilimento che riparava veicoli armati ucraini nella  regione di Kharkiv. Nel suo aggiornamento mattutino, il ministero  della Difesa russo ha comunicato che anche un altro jet militare  ucraino sarebbe stato abbattuto. Altri 18 carri armati ucraini sono  stati distrutti e 450 "nazionalisti" uccisi, afferma la Russia.

13:02 06 Giu

La Lettonia vieta tutti i canali tv russi

La Lettonia ha deciso di vietare tutti i canali televisivi russi fino alla fine della guerra in Ucraina: lo riporta il Kyiv Independent.   Il governo di Riga ha reso noto che 80 canali tv russi rimarranno sospesi finché proseguiranno i combattimenti e la penisola occupata della Crimea non ritornerà all'Ucraina. La misura entra in vigore giovedì prossimo.

13:00 06 Giu

Kuleba: garanzie di Putin su Odessa non affidabili

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, si è detto certo che il presidente russo Vladimir Putin menta quando dice che non attaccherà la città di Odessa, sul Mar Nero, l'unico porto commerciale del Paese ancora controllato dagli ucraini.     "Putin dice che non utilizzerà le rotte commerciali per attaccare Odessa. Questo è lo stesso Putin che ha detto al cancelliere tedesco Olaf Scholz e al presidente francese Emmanuel Macron che non avrebbe attaccato l'Ucraina, pochi giorni prima di lanciare un'invasione su vasta scala contro il nostro Paese", ha avvertito Kuleba in un tweet.  "Non possiamo fidarci di Putin, le sue parole sono vuote", ha aggiunto il ministro degli Esteri ucraino. 

12:53 06 Giu

Colloquio Zelensky-Johnson, insieme per sbloccare porti

"Ho parlato con Boris Johnson. Abbiamo parlato della situazione al fronte. Ho ricevuto la conferma di un nuovo pacchetto di sostegno alla difesa rafforzato per l'Ucraina. Si è sollevata la questione dell'intensificazione dei lavori sulle garanzie di sicurezza. Insieme alla Gran Bretagna stiamo cercando modi per evitare la crisi alimentare e sbloccare i porti". Lo scrive il presidente ucraino Volodimir Zelensky su twitter.

12:52 06 Giu

Aiea: in preparazione missione a centrale Zaporizhzhia

L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) sta preparando una missione internazionale alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, che si trova sotto controllo russo, in una zona interessata ancora dai combattimenti fra le truppe di Mosca e quelle di Kiev. Lo ha annunciato il direttore dell'Agenzia, Rafael Grossi.  "Stiamo mettendo a punto le modalità per inviare una missione", ha affermato Grossi aggiungendo che "altre considerazioni non dovrebbero impedire che si svolga questa missione internazionale essenziale". 

12:43 06 Giu

Cremlino: chiusura spazio aereo a visita Lavrov "atto ostile"

Il portavoce del Cremlino, Dmtri Peskov, ha definito "atto ostile" la decisione di Montenegro, Macedonia del Nord e Bulgaria di vietare il loro spazio aereo al volo del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov che doveva recarsi in visita a Belgrado oggi. Lo riportano le agenzie russe. Peskov ha poi assicurato che la decisione dei tre Paesi non influisce comunque sul lavoro del ministero degli Esteri e che Mosca manterrà i suoi contatti con i Paesi amici. 

12:26 06 Giu

La Farnesina convoca l'ambasciatore russo Razov

Il segretario generale del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ambasciatore Ettore Francesco Sequi, ha convocato questa mattina alla Farnesina, su istruzione del ministro Luigi Di Maio, di concerto con Palazzo Chigi, l'ambasciatore della Federazione Russa in Italia, Sergey Razov. Ne dà notizia la Farnesina in una nota. L'Ambasciatore Sequi ha rinnovato la condanna per l'ingiustificata aggressione all'Ucraina da parte della Federazione Russa ed ha ribadito l'auspicio del Governo italiano che si possa giungere presto a una soluzione negoziata del conflitto su basi eque e di rispetto della sovranità ucraina e dei principi del diritto internazionale. Sequi ha infine sottolineato l'importanza di definire rapidamente un'intesa per sbloccare le esportazioni di grano dai porti ucraini al fine di evitare gravi conseguenze per la sicurezza alimentare globale.

12:13 06 Giu

Kiev: attacco russo nella regione di Kharkiv, 3 morti

Un attacco russo nella regione di Kharkiv, nell'Ucraina orientale, ha provocato tre morti e 10 feriti: lo ha reso noto il governatore della regione, Oleh Synehubov, secondo quanto riporta il Kyiv Independent.   Synehubov ha aggiunto che le forze di Mosca hanno intensificato i bombardamenti delle aree residenziali nella regione ed hanno attaccato le truppe ucraine vicino a Izium, ma non hanno avuto successo e sono state costrette a ritirarsi subendo perdite.

12:07 06 Giu

Putin: per la Russia gli anni venti di questo secolo saranno un periodo di rafforzamento economico

Il presidente russo Vladimir Putin si è congratulato con gli organizzatori del Forum economico internazionale di San Pietroburgo per il 25esimo anniversario della sua fondazione e ha osservato che le sanzioni e i "molti anni di errori economici occidentali" "hanno portato a un'ondata di inflazione globale, alla distruzione delle catene di approvvigionamento e alla carenza di cibo. Nel messaggio rivolto agli organizzatori dell'evento, il leader del Cremlino sottolinea inoltre che "Gli anni '20 di questo secolo diventeranno un periodo di rafforzamento della sovranità economica per la Federazione Russa, che prevede lo sviluppo accelerato delle proprie infrastrutture e della propria base tecnologica, un aumento qualitativo del livello di formazione degli specialisti, nonché la formazione di un sistema finanziario indipendente ed efficiente. Allo stesso tempo, l'economia russa farà sempre più affidamento sull'iniziativa privata e, naturalmente, manterrà la sua rotta verso l'apertura e un'ampia cooperazione internazionale". "Sono sicuro - ha scritto ancora Putin - che il forum continuerà a dare un contributo significativo alla soluzione di molti compiti prioritari che l'umanità deve affrontare e i suoi tratti distintivi rimarranno sempre fiducia reciproca, all'insegna di un dialogo fruttuoso e della collaborazione".

12:00 06 Giu

Zelensky incontra e premia i soldati ucraini impegnati in prima linea - Video

11:40 06 Giu

Johnson: non resteremo a guardare, il Regno Unito invia sistemi missilistici

"Non possiamo restare a guardare mentre  l'artiglieria russa a lungo raggio rade al suolo le città e uccide  civili innocenti. Il Regno Unito regalerà alle forze armate ucraine  sistemi missilistici a lancio multiplo in modo che possano respingere  efficacemente il continuo assalto russo". Così in un tweet il primo  ministro del Regno Unito Boris Johnson.

11:38 06 Giu

Borrell: investire sulla difesa Ue comune, ora cambiare passo

"La guerra voluta dalla Russia ha mostrato che serve un cambio di passo verso una maggiore condivisione degli investimenti nella difesa". Così Josep Borrell, Alto rappresentante dell'Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza, vicepresidente della Commissione europea, in un intervento su La Repubblica

11:35 06 Giu

Kiev: armi pesanti di Mosca in Bielorussi al confine con l'Ucraina

Le truppe russe hanno schierato armi pesanti, come i sistemi missilistici balistici tattici ipersonici a corto raggio Iskander-M, in territorio bielorusso lungo il confine con l'Ucraina: lo ha reso noto lo Stato maggiore di Kiev, secondo quanto riporta il Kyiv Independent.   La Russia ha anche posizionato lungo il confine sistemi missilistici terra-aria e di artiglieria antiaerea a medio raggio Pantsir, sistemi missilistici S-400 e aerei operativi e tattici.

11:33 06 Giu

Cina a Ue: sanzioni non corrette per risolvere la crisi

La Cina avverte l'Unione Europea che le sanzioni "non sono un modo corretto per risolvere la crisi" in Ucraina. Lo ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri, Zhao Lijian, in risposta a una domanda sul sesto round di sanzioni approvato dall'Unione Europea contro la Russia per l'aggressione dell'Ucraina. "La Cina sostiene l'Ue nello svolgere un ruolo attivo nel processo di persuasione della pace e promozione dei colloqui e nella costruzione finale di un quadro di sicurezza europeo equilibrato, efficace e sostenibile", ha scandito il portavoce, aggiungendo che, con l'escalation delle sanzioni "i cittadini europei potrebbero pagare un prezzo maggiore e il mondo dovrà affrontare grandi sfide come la crisi energetica e la crisi alimentare".

11:14 06 Giu

Usa-Russia, l'ambasciatore Sullivan: impossibile totale rottura rapporti

E' impossibile una rottura completa dei rapporti diplomatici tra Stati Uniti e Russia, per quanto possa averli deteriorati la crisi in Ucraina. Lo ha dichiarato l'ambasciatore americano a Mosca, John Sullivan, in un'intervista all'agenzia Tass.    "Alcuni mesi fa, l'ex presidente Medvedev ha rilasciato una dichiarazione - spero frutto di qualche esagerazione - secondo la quale dovremmo chiudere le ambasciate e guardarci l'un l'altro con il binocolo", ha detto il diplomatico, "non possiamo permetterci il lusso di tornare indietro di decenni al dopoguerra. Dobbiamo mantenere la capacità di parlarci. C'è poco altro da aggiungere qui. Questa è una constatazione di fatto". 

11:12 06 Giu

Kiev: 32 giornalisti uccisi in Ucraina da inizio guerra

Almeno 32 giornalisti sono stati uccisi in Ucraina dall'inizio dell'invasione russa: lo ha reso noto su Telegram il ministro della Cultura e della politica dell'informazione ucraino Alexander Tkachenko. Lo riporta l'agenzia Unian.   "Quest'anno, la Giornata del Giornalista ha un sapore speciale di amarezza. Il quarto mese di una guerra su vasta scala, e abbiamo perso 32 giornalisti... In 8 anni di guerra, ne abbiamo persi ancora di più. Memoria eterna ai nostri combattenti sul fronte delle informazioni avanzate", ha scritto Tkachenko.

11:10 06 Giu

"Mosca concorda con Kiev e Ankara corridoio per il grano"

Mosca avrebbe concordato con Kiev e Ankara uno schema preliminare per l'uscita da Odessa delle navi ucraine con il grano: i militari turchi saranno impegnati nello sminamento e scorteranno le navi in acque neutrali. Lì, le navi incontreranno le navi russe e le scorteranno sul Bosforo. Lo rivela il quotidiano russo Izvestia citando una fonte informata di alto rango. Secondo il quotidiano russo, ripreso dai media ucraini, finora lo schema è stato concordato solo per Odessa. 

10:24 06 Giu

Kiev: situazione Severodonetsk 'torna a peggiorare'

 La situazione a Severodonetsk è tornata a peggiorare per gli ucraini, dopo il successo dei contrattacchi delle scorse 48 ore che hanno consentito di recuperare il controllo del 50% del centro amministrativo ucraino del Lugansk, sulla cui conquista i russi stanno concentrando tutti i loro sforzi. Lo ha riferito il governatore della regione, Sergiy Gaidai, alla televisione nazionale.     "In questo momento a Severodonetsk sono in corso combattimenti ferocissimi e dalla rapida evoluzione", ha detto Gaidai, "i nostri difensori sono riusciti a effettuare una controffensiva per un certo periodo; hanno liberato quasi metà della città. Ma ora la situazione' è un po' peggiorata di nuovo per noi". 

09:14 06 Giu

Sindaco Mykolaiv: diverse esplosioni in città

A Mykolaiv, città dell'Ucraina meridionale, sono state udite diverse esplosioni. Lo riferisce il sindaco, Oleksandr Sienkevych.

08:55 06 Giu

la USS Kearsarge: la più grande nave da guerra Usa ancorata a Stoccolma

08:33 06 Giu

Mosca, attacco ucraino con mortaio nella regione di Kursk

 Il governatore della regione russa di Kursk, Roman Starovoit, ha riferito su Telegram che le forze ucraine hanno colpito con mortai la città di Tyotkino, causando solo danni materiali. Nello specifico, ha spiegato Starovoit, sono stati danneggiati un ponte, un edificio residenziale e una raffineria di zucchero. La regione di Kursk, al confine con l'Ucraina, denuncia spesso attacchi dell'artiglieria di Kiev. 

08:19 06 Giu

Kiev, 31.250 soldati russi uccisi dall'inizio della guerra

 Sono circa 31.250 i soldati russi uccisi in Ucraina dall'inizio dell'invasione, secondo l'esercito di Kiev. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l'esercito ucraino indica che dopo 103 giorni di conflitto si registrano anche 213 caccia, 176 elicotteri e 551droni abbattuti.   Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1.386 carri armati russi, 690 pezzi di artiglieria, 3.400 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 125 missili da crociera e 13 navi.

07:40 06 Giu

Un autogol, finisce il sogno dell'Ucraina ai mondiali

07:39 06 Giu

Ucraina fuori da Mondiali, sconfitta 1-0 dal Galles

Sfuma il sogno dell'Ucraina di andare ai Mondiali in Qatar: lo spareggio decisivo per la qualificazione è infatti stato vinto dal Galles per 1-0. Il gol al 34' con lo zampino di Gareth Bale, il giocatore più rappresentativo dei gallesi, che batte una punizione velenosa: la palla viene toccata di testa da Andriy Yarmolenko che insacca nella propria porta.

07:37 06 Giu

Il missile russo sorvola la centrale nucleare di Pivdennoukrainsk

06:36 06 Giu

Zelensky fa visita a truppe su linea orientale Kiev

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha visitato ieri le truppe sulla prima linea orientale del Paese, per comprendere la posizione dei difensori ucraini mentre l'assalto russo al Donbas continua. Secondo un comunicato diffuso dal suo ufficio, Zelensky ha visitato i posti di comando e le posizioni in prima linea delle truppe ucraine nell'area di Bakhmut nella regione di Donetsk e Lysychansk nella regione di Luhansk. "Il presidente ha ascoltato informazioni sulla situazione operativa in queste parti del fronte, e ha avuto un rapporto sulla logistica dei difensori ucraini", si legge nella nota. All'inizio della giornata di ieri, Zelensky aveva visitato le truppe in prima linea nella regione sud-orientale di Zaporizhzhia.

06:19 06 Giu

Zelensky visita i territori sotto attacco: fiducia e forza

06:05 06 Giu

Londra invia i primi missili a lungo raggio M270: possono colpire obiettivi fino a 80 chilometri

Il Regno Unito sta inviando i suoi primi missili a lungo raggio in Ucraina. Lo ha affermato il segretario alla Difesa Ben Wallace, spiegando che il sistema missilistico a lancio multiplo M270 aiuterà l'Ucraina a difendersi dalla Russia. Il governo del Regno Unito non ha confermato quante armi verranno inviate, ma secondo la BBC inizialmente saranno tre. La decisione è stata coordinata con gli Stati Uniti, che hanno annunciato la scorsa settimana di fornire anche un sistema missilistico. Il governo di Londra ha affermato che l'esercito ucraino sarà addestrato su come utilizzare le armi nel Regno Unito nelle prossime settimane. "Mentre le tattiche della Russia cambiano, anche il nostro sostegno all'Ucraina deve cambiare", ha detto Wallace: "Questi sistemi di lancio multiplo ad alta capacità consentiranno ai nostri amici ucraini di proteggersi meglio dall'uso brutale dell'artiglieria a lungo raggio che le forze di Putin hanno usato indiscriminatamente per radere al suolo le città". Il sistema di missili a lancio multiplo del Regno Unito può sparare 12 missili in un minuto e può colpire obiettivi entro 80 chilometri con una precisione millimetrica, molto più lontano dell'artiglieria attualmente in possesso dell'Ucraina.

06:05 06 Giu

Spazio aereo chiuso per Lavrov: salta visita in Serbia Bulgaria, Macedonia del Nord e Montenegro

Durante un'intervista a La7, la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha confermato che i paesi confinanti con la Serbia hanno chiuso il loro spazio aereo agli aerei del ministro Sergey Lavrov, impedendogli così di raggiungere Belgrado. "I paesi confinanti con la Serbia hanno chiuso l'unica rotta aerea all'aereo di Sergey Lavrov che doveva partire per la Serbia. La delegazione russa avrebbe dovuto tenere colloqui a Belgrado, mentre i paesi membri dell'UE e della NATO hanno chiuso il loro spazio aereo", ha detto Zakharova.Il quotidiano serbo Ve·ernje Novosti, spiega l'agenzia russa TASS, aveva riferito in precedenza che Bulgaria, Macedonia del Nord e Montenegro avevano chiuso il loro spazio aereo all'aereo di Lavrov in partenza per la Serbia.

05:28 06 Giu

Allerta Usa, in arrivo in Africa navi russe con 'grano rubato'

Gli Stati Uniti hanno allertato14 Paesi, in gran parte in Africa, che navi russe piene di quello che un cable del dipartimento di Stato americano definisce "grano ucraino rubato" potrebbero essere dirette verso di loro, ponendo il dilemma di cosa fare: beneficiare di possibili crimini di guerra e dare un dispiacere al potente alleato occidentale o rifiutare il grano a buon mercato in un periodo in cui il suo prezzo sta impennandosi e centinaia di migliaia di persone sono affamate.   Un dilemma che, secondo alcuni esperti contattati dal New York Times, lascerà solo la seconda scelta a molti di questi Paesi, sia per il grande numero di persone sull'orlo della carestia sia per la loro forte dipendenza dall'acquisto di armi russe.   Il cable diplomatico americano identifica per nome tre cargo russi sospettati di trasportare il grano. L'allarme lanciato da Washington rinforza le accuse del governo ucraino secondo cui Mosca ha rubato sino a 500 mila tonnellate del suo grano, per un valore di 100 milioni di dollari, trasferendolo nei porti in Crimea e poi caricandolo sulle navi. 

05:10 06 Giu

Violato il sito web di un ministero russo

Il sito web del Ministero russo per le Costruzioni sembra essere stato violato: una ricerca su Internet del sito porta a una scritta "Gloria all'Ucraina" in ucraino. I dati personali degli utenti non sarebbero stati rubati. Molte aziende statali russe e organizzazioni giornalistiche hanno subito sporadici tentativi di hacking da quando la Russia ha inviato le sue forze armate in Ucraina il 24 febbraio. Gli attacchi di hacking all'inizio di maggio hanno tenuto offline il sito di video hosting RuTube per tre giorni e hanno alterato i menu della televisione satellitare a Mosca nel Giorno della Vittoria, quando la Russia ha celebrato il 77° anniversario della vittoria dell'Unione Sovietica sulla Germania nazista.

02:50 06 Giu

Welt am Sonntag: stop a Gazprom costerà cinque miliardi euro annui

Le sanzioni della Russia contro Gazprom Germania potrebbero costare ai contribuenti e agli utenti tedeschi 5 miliardi di euro in più all'anno per pagare il gas sostitutivo, scrive il settimanale Welt am Sonntag. A maggio la Russia aveva deciso di interrompere la fornitura a Gazprom Germania. Secondo Welt am Sonntag, i costi aggiuntivi verrebbero trasferiti ai fornitori di energia e ai clienti finali sotto forma di una tassa sul gas a partire da ottobre. 
 

02:44 06 Giu

Anche i lanciarazzi britannici avranno portata 80 km

Il Regno Unito fornirà all'ucraina sistemi di lanciarazzi multipli, gli M270 MRLS, con una gittata di 80 chilometri per contrastare l'offensiva russa. Lo ha confermato il Ministero della difesa britannico. "La strategia della Russia sta cambiando e anche il nostro sostegno deve cambiare", ha affermato il Ministro della difesa britannico Ben Wallace. Finora il supporto militare del Regno Unito all'Ucraina ammonta a oltre 750 milioni di sterline (874 milioni di euro). 
 

01:59 06 Giu

Messaggio notturno di Volodmyr Zelensky

Il presidente ucraino, Volodmyr Zelensky, ha annunciato di essere andato in visita ai soldati in alcune delle zone più pesantemente bombardate dai russi. "Siamo stati a Lysychansk e a Soledar - ha dichiarato in un messaggio notturno - Sono orgoglioso di tutte le persone che ho ncontrato, a cui ho stretto la mano e dato il mio sostegno. Abbiamo qualcosa per loro, ma non scenderò nei dettagli, mentre da loro ho preso qualcosa per voi, che è importante: fiducia e forza". Le due aree a cui ha fatto riferimento Zelensky sono da settimane sotto attacco aereo e missilistico. Lysychanks si trova nella zona sudest del Paese, Soledar nella regione del Donetsk.

00:30 06 Giu

Il governatore: il 60% della regione di Zaporizhzhia è in mano russa

Quasi il 60% della regione di Zaporizhzhia è occupato dalle truppe russe: Lo afferma il governatore Oleksandr Starukh, citato dal Kyiv Independent. Parlando ieri con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in visita nella regione sudorientale, Starukh ha spiegato che i russi hanno distrutto oltre 2.700 siti infrastrutturali nella regione e che 77 tra città e villaggi della regione sono senza elettricità a causa dei combattimenti.