L'invasione russa

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 157

Il conflitto in tempo reale
Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 157
Unian
Chernihiv
22:55 30 Lug

Zelensky: evacuare Donetsk per sfuggire a terrore russo

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ribadito l'appello ad evacuare la regione del Donetsk nell'Est del Paese, le cui città sono colpite da bombardamenti continui, per fuggire dal "terrore russo". "Il governo ha deciso l'obbligo dell'evacuazione della regione del Donetsk - ha detto in un video rivolto ai connazionali - Per favore evacuate! In questa fase della guerra, il terrore è l'arma principale della Russia". La decisione era stata annunciata dalla vice premier Irina Vereshchuk, motivandola con la distruzione delle reti di gas e l'assenza di riscaldamento prevista per la prossima stagione invernale.

 

22:34 30 Lug

Zelensky: i responsabili dell'attacco a Olenivka saranno trovati. Saranno raccolte tutte le prove crimine commesso da occupanti

"Saranno raccolte tutte le prove del crimine commesso dagli occupanti. Sono tutti colpevoli: chi ha approvato, chi ha organizzato, chi ha distrutto queste persone, chi sapeva. Saranno trovati tutti". Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, citato dall'agenzia di stampa Ukrinform, nel suo messaggio serale, con  riferimento all'attacco di ieri contro il carcere a Olenivka, nella regione di Donetsk, che ha provocato la morte di oltre 50 prigionieri di guerra ucraini, ferendone più di cento.

"L'attacco degli occupanti a Olenivka è un deliberato crimine di guerra dei russi, un deliberato omicidio di massa di prigionieri di guerra ucraini. Più di cinquanta morti...". Lo scrive su Telegram il presidente Ucraino Volodymyr Zelensky. "Ogni occupante, che abusa degli ucraini, che tortura e uccide, dovrebbe sapere che ci sarà una punizione per questo. Se alcuni degli assassini russi sperano che non vengano assicurati alla giustizia, che si nascondano da qualche parte, faglielo sapere: saranno comunque ritenuti responsabili. Geografia, tempo, confini e muri non fermeranno una giusta punizione. Ci dovrebbe essere un chiaro riconoscimento legale della Russia come stato terrorista. La Russia ha dimostrato con numerosi attacchi terroristici di essere la principale fonte di terrorismo nel mondo di oggi. È un dato di fatto.Gloria eterna a tutti coloro che distruggono gli occupanti!", aggiunge.

Il riconoscimento formale della Russia come Stato terrorista, in particolare da parte del dipartimento di Stato degli Usa, è necessario non solo come gesto politico, ma come una concreta difesa del mondo libero. Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo discorso serale, come riporta l'agenzia di stampa Ukrinform. "La decisione renderà automaticamente difficile l'esistenza per lo Stato terrorista, e automaticamente taglierà vari legami politici e di affari che la Russia potrebbe altrimenti mantenere. E tutto questo avverrà al cento per cento", ha affermato il presidente. "Dovrà essere fatto, è solo una questione di tempo e di come prendere questa decisione. E prima accadrà, meno male la Russia avrà il tempo di fare", ha aggiunto.

22:31 30 Lug

Azov a Putin: sarai giustiziato con i tuoi sciacalli. Per 'crimine di guerra' contro carcere Olenivka, in oblast Donetsk

"Sarai giustiziato con i tuoi sciacalli e le tue ambasciate": è il messaggio rivolto al presidente russo Vladimir Putin dal comandante del battaglione ucraino Azov, Mykyta Nadtochia, citato dal giornale Ukrainska Pravda, dopo l'attacco di ieri al carcere di Olenivka, nella regione di Donetsk, che ha provocato oltre 50 morti e più di 100 feriti tra i prigionieri di guerra ucraini. Putin è ritenuto da Nadtochia responsabile di questo "crimine di guerra" e, dopo aver chiamato in causa un "tribunale internazionale", ha così risposto al tweet dell'ambasciata russa in Gran Bretagna, secondo cui i membri di Azov "meritano l'impiccagione'. 

 

19:58 30 Lug

'Partito di Putin lavora a referendum annessione sud Ucraina'. Lo scrive Unian. Attivismo di Russia Unita per liste elettorali

Nei territori del sud dell'Ucraina occupati dai russi, il partito di Vladimir Putin, Russia Unita, è attivamente impegnato a preparare gli annunciati referendum con cui Mosca a settembre intende sancire l'annessione delle oblast di Kherson e Zaporizhzhia alla Federazione russa. Lo scrive l'agenzia ucraina Unian, secondo la quale si stanno preparando i seggi e anche le liste elettorali, ricordando come i residenti ucraini di quei territori "temporaneamente occupati dall'esercito russo, vengano minacciati di "deportazione" se non prenderanno parte al referendum, che Kiev definisce una pura mossa propagandistica. Da tempo, ricorda inoltre Unian, è in corso la distribuzione in loco di passaporti russi.

 

19:32 30 Lug

Deputati Usa a Biden: inviare consiglieri militari in Ucraina. Come in Vietnam, ma sarebbero primi 'boots on the ground'

Il Pentagono dovrebbe inviare dei "consiglieri" in Ucraina per aiutare le forze di Kiev a gestire le migliaia di armi inviate dagli Usa, a organizzare la logistica e dare un sostegno all'intelligence locale. Lo sostiene un gruppo di parlamentari bipartisan che la settimana scorsa si è recato in visita nel Paese. Civili, contractor ma anche membri dell'esercito, secondo il repubblicano Michael Waltz, ex veterano dell'Afghanistan e anche primo 'berretto verde' eletto alla Camera. I 'Green Berets', sono forze speciali dell'esercito americano addestrate per guerre non convenzionali e operazioni ad alto rischio. Furono i berretti verdi i primi ad essere inviati in Vietnam dall'allora presidente John Kennedy a sostegno delle forze del sud. "Nessuno sta suggerendo di inviare soldati americani in prima linea, ma aiutare con la logistica, pianificare operazioni, sostenere l'intelligence è incredibilmente importante in questo momento", ha spiegato Waltz. Figure del genere sono presenti attualmente in Germania e Polonia per aiutare a gestire l'invio e la distribuzione di armi all'Ucraina. Ma se fossero inviate sul territorio ucraino si tratterebbe di una sorta di 'boots on the ground', una mossa che Biden ha detto di voler evitare sin dall'inizio della guerra. 

 

19:14 30 Lug

'Odio i russi', incidente diplomatico tra Oslo e Mosca. Console norvegese filmata mentre inveisce a reception albergo

"Odio i russi": si apre il caso su Elisabeth Ellingsen, console norvegese nella città russa di Murmansk che inveisce alla reception di un hotel durante una lite relativa alla pulizia di una stanza. La scena è stata ripresa dalla videocamera di sorveglianza dell'albergo e trasmessa dal canale Mash su Telegram, accompagnato dal messaggio: "ecco una lezione di tolleranza europea per i dipendenti di un hotel di Murmansk della console norvegese Elisabeth Ellingsen". Il video ha avuto oltre 500 mila visualizzazioni. Il comportamento della diplomatica è stato denunciato dal ministero degli Esteri, che lo ha definito "scandaloso". "Il ministero degli Esteri russo sta valutando una risposta a questo atto oltraggioso di odio, nazionalismo e xenofobia", ha detto su Telegram la portavoce, Maria Zakharova. Da parte sua, il ministero degli Esteri norvegese ha affermato di "rammaricarsi profondamente" per quest'incidente. "I sentimenti espressi non riflettono la politica norvegese o l'atteggiamento norvegese nei confronti della Russia e del popolo russo", ha aggiunto, precisando che il dicastero sta gestendo quanto accaduto "attraverso i canali appropriati". Secondo il sito web dell'ambasciata norvegese a Mosca, il consolato generale norvegese a Murmansk è stato temporaneamente chiuso dal primo luglio a causa della situazione "difficile" nelle relazioni bilaterali. Il ministero degli Esteri norvegese non ha specificato se quest'incidente sia avvenuto prima o dopo la chiusura del consolato.

18:34 30 Lug

Comandante Azov: Putin personalmente responsabile attacco Olenivka

Il comandante ad interim del reggimento Azov, il maggiore Mykyta Nadtochy, ha detto che i russi hanno "confermato" il loro crimine con l'attacco al carcere di Olenivka tramite "la dichiarazione dell'ambasciata in Gran Bretagna sulla necessità di giustiziare gli Azov". Per il militare "Putin è personalmente responsabile di questo crimine". Quanto agli esecutori materiali "stiamo già scoprendo i loro nomi. Li troveremo ovunque, nei territori occupati dell'Ucraina, in Russia o in paesi terzi".

 

18:25 30 Lug

Lady Zelensky: da servizio Vogue ulteriore risalto a Paese

In un'intervista alla tv ucraina la first lady Olena Zelenska ha reagito alle critiche ricevute dopo la pubblicazione su Vogue del servizio fotografico che la ritrae insieme al marito. "Da un punto di vista estetico, qualcosa può piacere o non piacere, ma sono sicura che darà ulteriore risalto all'Ucraina a livello internazionale, perché questa pubblicazione è letta da milioni di persone nel mondo", le sue parole riportate da Unian. "Mi piacerebbe vedere una persona che rifiuterebbe Annie Leibovitz", aggiunge citando la fotografa di fama mondiale che ha scattato le immagini. Zelenska inoltre ha spiegato che la sua sessione fotografica è durata diverse ore, mentre il marito e presidente è stato impegnato "solo per 15-20 minuti".

 

L'analisi semiotica della foto del presidente Zelensky e della moglie pubblicata da Vogue

Zelensky e la moglie Olena su Vogue: scoppia la polemica

 

18:28 30 Lug

Critiche per le foto dei Zelensky su Vogue

18:05 30 Lug

Blinken, conversazione con Kuleba, Russia responsabile

Il Segretario di Stato Usa Antony  Blinken ha parlato ieri per telefono con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba "per esprimere le sue condoglianze per la morte di oltre 50 detenuti ucraini avvenuta ieri mattina a Donetsk, controllata dalla Russia". E' quanto fa sapere il Dipartimento di Stato in una nota. "Il Segretario ha ribadito l'impegno degli Stati Uniti a ritenere la Russia responsabile delle atrocità commesse dalle sue forze contro il popolo ucraino". I due capi delle diplomazie americana e ucraina "hanno anche ribadito la necessità di una rapida attuazione dell'accordo per il trasporto di grano, negoziato dalle Nazioni Unite, tra Russia, Turchia e Ucraina". Blinken "ha espresso la speranza che le prime navi possano lasciare i porti ucraini senza ulteriori ritardi". Infine, dopo aver illustrato al suo interlocutore "un resoconto della sua telefonata con il Ministro degli Esteri russo Lavrov", Blinken "ha sottolineato l'incrollabile sostegno degli Stati Uniti alla sovranità, all'indipendenza e all'integrità territoriale dell'Ucraina". 

 

17:48 30 Lug

Almeno 5mila delfini morti nel Mar Nero da inizio guerra

"Almeno 5mila delfini" sono morti nel Mar Nero dall'inizio della guerra in Ucraina. Lo ha detto Ivan Rusev, dottore in scienze biologiche del del parco naturale nazionale "Tuzlivski Lymani" nella regione di Odessa. Lo riporta Unian. Un numero sottostimato perché non tutti i delfini morti si arenano sulla spiaggia ma molti finiscono in fondo al mare quindi il numero reale potrebbe essere di "decine di migliaia" di animali.

 

17:44 30 Lug

Onu pronta ad indagare sul bombardamento del carcere di Elenovka

Le Nazioni Unite sono pronte ad indagare sul bombardamento del carcere di Elenovka, nella regione di Donetsk, controllata dai russi, in cui sono rimasti uccisi almeno 50 prigionieri ucraini. "Per quanto riguarda la tragedia nella prigione di Elenovka, siamo pronti ad inviare un gruppo di esperti in grado di realizzare un'indagine con il consenso delle parti", ha dichiarato Farhan Hag, portavoce del segretario generale, secondo quanto riporta l'agenzia Tass. Russi ed ucraini si accusano reciprocamente del bombardamento. Il portavoce dell'Onu ha insistito nel dire che la missione potrà essere inviata solo se si avrà "il permesso di entrambe le parti". 

 

17:37 30 Lug

Difesa: iniziato dispiegamento contingente italiano in Bulgaria

Con l’imbarco, dal porto di Bari, dei primi autoveicoli tattici e logistici, nonché dei materiali logistici, è iniziato il dispiegamento del contingente italiano che a breve sarà impiegato in Bulgaria nell’ambito del Battle Group eVA (Enhanced Vigilance Activity) a guida 82° Reggimento fanteria “Torino” dell’Esercito Italiano. Con supporto del nucleo gestione transiti del Reggimento RSOM (Reception Staging and Onward Movement) di Bari, sono stati caricati 55 container, 49 veicoli tattico-logistici e materiali a disposizione del contingente italiano per l'assolvimento della missione autorizzata dalle Autorità politiche italiane sotto egida Nato. Il dispiegamento di unità dell'Esercito Italiano, per la prima volta in territorio bulgaro, è stato possibile grazie ad una complessa attività di redazione di accordi tecnico-logistico-amministrativi tra gli Alleati e la Bulgaria, Nazione ospitante. L’Italia, dopo un prima fase prettamente logistica fondamentale per l’avvio della missione con l’impiego di circa 750 uomini e donne dell’Esercito, assumerà il ruolo di Framework Nation ovvero la leadership della missione che vedrà il coinvolgimento di altri contingenti dell’Alleanza. Con l’adesione all’iniziativa eVA, l’Italia si conferma tra le principali contributrici al rafforzamento della postura di deterrenza e difesa della NATO sul fianco Est. Le attività operative relative alla missione in Bulgaria saranno condotte sotto il coordinamento e secondo le direttive impartite dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI).

17:28 30 Lug

Kiev: evacuazione di massa obbligatoria dal Donetsk

Le autorità ucraine hanno ordinato l'evacuazione di massa obbligatoria dalle zone ancora non occupate dai russi nella regione di Donetsk, in Donbass. Ad annunciarlo è stata la vicepremier, Irina Vereshchuk, spiegando che il governo è pronto a sistemare in nuovi alloggi tutti coloro che saranno costretti ad abbandonare le proprie abitazioni, "prima dell'inizio della stagione che prevede l'accensione dei riscaldamenti". Sono circa 200-220 mila le persone interessate al provvedimento, come riporta l'agenzia Unian; tra queste, 52 mila sono bambini. Kiev ha spiegato l'ordine col fatto che "non c'è un'adeguata fornitura di elettricità in quelle aree e che non ci sarà di fatto riscaldamento nella regione di Donetsk quest'inverno". Sui canali di propaganda russa, come quello del giornalista Vladimir Solovev, la notizia viene letta come "la rinuncia del presidente Zelensky al Donbass".

17:07 30 Lug

Il Centro prigionieri di guerra chiede gli elenchi delle vittime. E un'indagine internazionale dopo l'attacco russo al carcere Olenivka

La Russia deve fornire gli elenchi dei prigionieri ucraini uccisi e feriti dopo l'attacco di ieri contro il carcere vicino a Olenivka, nella regione di Donetsk, che ha provocato oltre 50 morti e più di 100 feriti. Lo ha detto il Coordinamento per il trattamento dei prigionieri di guerra dell'Ucraina in un post su Telegram, citato dall'agenzia di stampa Ukrinform. "Tutti i feriti dovrebbero ricevere cure mediche adeguate e i corpi dei soldati morti dovrebbero essere restituiti per una degna sepoltura. Finora, i rappresentanti dell'occupante non hanno dato alcuna risposta all'appello", si legge nel rapporto. Il Coordinamento ha invitato il Comitato internazionale della Croce Rossa e dell'Onu, che ha agito da garante della vita e della salute dei prigionieri di guerra ucraini, ad avviare immediatamente un'indagine internazionale sul crimine e chiedere il perseguimento dei suoi autori, sottolineando la necessità di un'ispezione internazionale per verificare le condizioni di detenzione dei prigionieri di guerra ucraini. "Il crimine che si è verificato a Olenivka viola gravemente il diritto internazionale, la legislazione nazionale e le norme della moralità umana. La punizione per tutti coloro che sono coinvolti nella pianificazione e nell'esecuzione dell'attacco terroristico dovrebbe essere la più severa ed essere ineluttabile", ha aggiunto, precisando di continuare il suo lavoro "per lo scambio e il ritorno a casa dei difensori ucraini". 

16:59 30 Lug

La Polonia consegnerà a Kiev otto obici semoventi Krab

La Polonia consegna otto obici semoventi Krab all'Ucraina. Lo riferiscono i media di Varsavia. Le ultime formalità sono in fase di completamento - viene spiegato - gli obici fanno parte di un contratto siglato a giugno.

 

16:57 30 Lug

I familiari dei militanti del battaglione Azov manifestano in piazza a Kiev

I parenti dei prigionieri di guerra del battaglione 'Azov' hanno manifestato in piazza a Kiev invitato la comunità mondiale a reagire alla tragedia avvenuta venerdì nel carcere di Olenivka e a riconoscere la Federazione Russa come un stato sponsor del terrorismo mondiale. Lo riporta Ukrainska Pravda. Sulla piazza si sono radunate alcune decine di persone, la maggior parte dei quali erano parenti dei soldati del reggimento Azov. Ad organizzare l'evento l'associazione delle 'famiglie dei difensori dell'Azovstal'. La moglie del comandante del reggimento Azov, Kateryna Prokopenko, ha osservato che quando i difensori di Azovstal hanno deposto le armi l'Onu e il Comitato internazionale della Croce Rossa hanno assicurato che nulla avrebbe minacciato le loro vite. Inoltre si chiede alle Nazioni Unite di inviare i suoi rappresentanti nel territorio del villaggio di Olenivka nel territorio temporaneamente occupato della regione di Donetsk per "accertare le circostanze" dell'accaduto verificare lo stato di salute dei feriti e di altri prigionieri di guerra e per facilitare il trasferimento dei corpi dei morti.

 

16:31 30 Lug

Ambasciata russa in Gb: militari dell'Azov vanno impiccati

"I militanti dell'Azov meritano l'esecuzione, ma la morte non per fucilazione bensì per impiccagione, perché non sono veri soldati. Meritano una morte umiliante". È il tweet comparso sull'account dell'ambasciata russa in Gran Bretagna che ha provocato la veemente reazione dell'Ucraina. Twitter ha pubblicato un avviso prima del tweet affermando: "Questo tweet ha violato le Regole di Twitter sulla condotta relativa all'odio. Tuttavia, Twitter ha stabilito che potrebbe essere nell'interesse del pubblico che il tweet rimanga accessibile". Kiev reagisce con fermezza. Andriy Yermak, capo dell'ufficio della presidenza ucraina, afferma su Telegram, come riporta il Guardian: "La Russia è uno Stato terrorista. Nel XXI secolo, solo i selvaggi e i terroristi possono parlare a livello diplomatico del fatto che le persone meritano di essere giustiziate per impiccagione. La Russia è uno Stato sponsor del terrorismo. Quali altre prove sono necessarie?". 

 

14:32 30 Lug

Kiev: distrutto il principale ponte di Kherson

Le forze armate ucraine hanno distrutto  l'Antonivskiy, il principale ponte di Kherson che attraversa il fiume  Dnieper. Lo ha annunciato su Telegram il portavoce  dell'amministrazione militare di Odessa, Sergei Bratchuk.

14:31 30 Lug

Kiev: i russi hanno perso 40.670 soldati da inizio conflitto

Le forze armate russe hanno perso 40.670 soldati dall'inizio della guerra. Lo riportano i militari di Kiev nel loro bollettino quotidiano. A questi vanno aggiunti 1759 carri armati, 906 sistemi di artiglieria, 222 aerei, 190 elicotteri e 15 navi.

14:13 30 Lug

Kiev: 6 civili morti in bombardamenti nel Donetsk

Nuovi attacchi russi nel Donetsk hanno provocato ieri la morte di sei civili e il ferimento di altre 15 persone. Lo ha affermato su Telegram il governatore ucraino dell'Oblast contesa, Pavlo Kyrylenko.     "I russi hanno ucciso sei civili nella regione di Donetsk: due a Kramatorsk, uno a Vodiani, uno a Kurdiumivka, uno a Pervomaiski e uno a Kermenchik", ha affermato Kyrylenko, secondo il quale a Donetsk e' avvenuto un attacco missilistico.

12:48 30 Lug

Ucraina chiede indagine a Croce Rossa e Onu su attacco a prigione

L'Ucraina ha chiesto alle Nazioni Unite e alla Croce Rossa di indagare sulla morte di oltre 50 prigionieri di guerra ucraini in un attacco su un centro di detenzione nei territori occupati del Donbass. La Croce Rossa ha detto che sta cercando di avere accesso al carcere per aiutare a evacuare e curare i feriti. Ucraina e Russia si sono accusate a vicenda di aver attaccato il campo

12:29 30 Lug

Mosca impone sanzioni contro 32 cittadini della Nuova Zelanda

Mosca ha introdotto sanzioni contro32 cittadini della Nuova Zelanda, tra cui il comando delle forze armate e giornalisti. Lo rende noto il ministero degli Esteri russo, come riporta Tass.

12:16 30 Lug

Ambasciatore Usa all'Onu: Mosca vuole smantellare il Paese

Non dovrebbero più esserci dubbi sul  fatto che la Russia intenda smantellare l'Ucraina e "vederla  dissolversi completamente dalle mappe". A dichiararlo è stata Linda  Thomas-Greenfield, ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite.        Intervenendo al Consiglio di Sicurezza, Thomas-Greenfield ha parlato  di segnali crescenti del fatto che il Cremlino stia gettando le basi  per l'annessione di tutte le regioni dell'Ucraina orientale nelle aree di Donetsk e Luhansk e le regioni meridionali di Kherson e  Zaporizhzhia "con l'obiettivo di organizzare falsi referendum o  decreti per unirle alla Russia". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov "ha persino affermato che questo è l'obiettivo della guerra  della Russia", ha osservato.

12:14 30 Lug

Borrell: dalla Russia atti inumani, sono crimini di guerra

"L'Unione europea condanna con la massima fermezza le atrocità commesse dalle forze armate russe" e condanna "nei termini più forti possibili" l'attacco al carcere di Olenivka e l'evirazione, ripresa in un filmato, di un prigioniero ucraino. Lo dichiara l'Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera, Josep Borrell.    "Questi atti inumani e barbari rappresentano gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra e del loro Protocollo aggiuntivo e costituiscono crimini di guerra. Gli autori dei crimini di guerra e di altre gravi violazioni, così come i funzionari governativi e i rappresentanti militari responsabili, saranno chiamati a risponderne. L'Unione europea sostiene attivamente tutte le misure volte a garantire la responsabilità per le violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale commesse durante l'aggressione russa in Ucraina", aggiunge Borrell.

11:42 30 Lug

Cremlino: in Italia "accuse assurde" su interferenze russe

Le accuse d'ingerenza della Russia in Italia "sono assurde". Lo ha dichiarato all'AGI il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ribadendo che la Russia "non interferisce nella politica italiana". Queste accuse, denuncia Peskov, "sembrano più che altro un tributo alla moda di incolpare la Russia per tutto e ovunque". Alla domanda di commentare i legami della Lega Nord con la rappresentanza diplomatica della Federazione a Roma, il portavoce si è limitato a rispondere che "è meglio chiedere all'ambasciata stessa".

11:33 30 Lug

Kiev: un morto in bombardamenti russi a Mykolaiv

L'artiglieria russa ha ucciso una persona e ne ha ferite altre sei in un attacco a Mykolaiv che ha colpito un distretto residenziale nei pressi dei cantieri navali. Lo riportano le autorità locali, secondo il Kyiv Independent. 

11:32 30 Lug

Papa: in Ucraina vorrei andare, vediamo come va la gamba

Per il momento il programma dei viaggi internazionali di Papa Francesco rimane. Lo ha confermato lui stesso durante la conferenza stampa sul volo di ritorno con i giornalisti. "Io ho detto che in Ucraina vorrei andarci. Vediamo adesso cosa trovo quando arrivo a casa". Lo riferisce Vatican News.    "In Kazakistan (a settembre, ndr) per il momento mi piacerebbe andare, è un viaggio tranquillo, senza tanto movimento, è un congresso di religioni. "Per il momento tutto rimane. Devo anche andare in Sud Sudan prima che in Congo, perché è un viaggio con l'arcivescovo di Canterbury e con il vescovo della Chiesa di Scozia perché abbiamo fatto tutti e tre insieme il ritiro due anni fa. E poi il Congo, ma sarà l'anno prossimo, perché c'è la stagione delle piogge, vediamo. Io ho tutta la buona volontà, ma vediamo la gamba cosa dice".

10:47 30 Lug

Bombardamenti russi su Mykolaiv, un morto e 6 feriti

Una persona è morta e altre 6 sono rimaste ferite a causa dei bombardamenti russi avvenuti nella notte nella zona di Mykolaiv. Lo riferisce il capo dell'amministrazione militare regionale di Mykolaiv Vitaly Kim su Telegram. Secondo quanto si apprende, molti edifici hanno subito danni significativi a causa dei bombardamenti. 

10:31 30 Lug

Cnn: Mosca si appella a volontari per combattere al fronte

Mosca sta reclutando migliaia di volontari in tutto il Paese per rimpolpare gli eserciti per combattere in quella che il presidente russo Vladimir Putin ha definito 'l'operazione militare speciale' in Ucraina.   Da Murmansk, nel Circolo Polare Artico, a Perm, negli Urali, e a Primorsky Krai, nell'Estremo Oriente russo, è stato lanciato un appello sia al patriottismo che ai portafogli dei russi e l'esperienza militare non sempre viene richiesta, scrive la Cnn online.   In totale, secondo gli analisti, potrebbero essere mobilitati più di 30.000 volontari per integrare i ranghi russi impoveriti da cinque mesi di combattimenti soprattutto nella regione orientale del Donbass, dove probabilmente sarà inviata la maggior parte dei volontari. 

10:28 30 Lug

Blinken sente Kuleba, deciso rafforzamento militare contro russi

Il ministro degli Esteri dell'Ucraina, Dmytro Kuleba, ha avuto una conversazione con il segretario di Stato americano Anthony Blinken dopo il colloquio di quest'ultimo ieri con il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov.  "Abbiamo deciso - scrive Kuleba su Twitter - di rafforzare ulteriormente militarmente ed economicamente l'Ucraina e ci siamo concentrati sui prossimi passi pratici che consentiranno a Kiev di costringere l'invasione russa a fallire". 

10:27 30 Lug

Gazprom sospende le forniture di gas alla Lettonia

Il gigante russo del gas Gazprom ha annunciato di aver sospeso le forniture di gas alla Lettonia in seguito alle tensioni tra Mosca e l'Occidente sul conflitto in Ucraina e alle sanzioni senza precedenti dell'Ue contro la Russia. "Oggi Gazprom ha sospeso le forniture di gas alla Lettonia, a causa della violazione delle condizioni di acquisto del gas", si legge in un comunicato della società russa su Telegram.

07:42 30 Lug

Gb: territori occupati sotto pressione per referendum

"Nei territori occupati di recente nell'Ucraina meridionale, le autorità installate dai russi sono molto probabilmente sotto crescente pressione da parte di Mosca perché consolidino il loro potere sulla regione e preparino referendum per l'annessione alla Russia entro la fine dell'anno". È quanto si legge nell'ultimo bollettino dell'intelligence militare britannica. "La Russia al momento classifica le aree occupate come sotto 'amministrazione militare-civile' ad interim", aggiungono gli 007 di Londra, "le autorità locali stanno probabilmente costringendo la popolazione a rivelare dettagli personali per poter costituire i registri di voto". 

07:10 30 Lug

Bombardamenti nel Donetsk, 5 civili morti e 13 feriti

Bombardamenti russi nell'oblast di Donetsk hanno provocato la morte di 5 civili e il ferimento di 13. Lo rende noto The Kyiv Independent che cita il governatore dell'oblast di Donetsk, Pavlo Kyrylenko.

07:06 30 Lug

Zelensky, attacco a Olenivka è crimine di guerra pianificato

"Ci sono prove sufficienti che si trattava di un crimine di guerra pianificato. È un'altra conferma che la Russia è uno stato terrorista". In un video postato su Telegram, il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky, parla del bombardamento a Olenivka e dice: "In quell'attacco terroristico dei russi più di 50 difensori ucraini sono stati cinicamente uccisi"

05:10 30 Lug

Le forze russe bombardano Nikopol

Secondo il sindaco di Nikopol, Yevhen Yevtushenko, le truppe russe hanno bombardato Nikopol, nell'Oblast' di Dnipropetrovsk, durante la notte del 29 luglio con sistemi a razzo a lancio multiplo. Non sono state fornite ulteriori informazioni.

04:45 30 Lug

Le forze russe bombardano Charkiv

Il sindaco di Kharkiv, Ihor Terekhov, ha riferito di aver subito un bombardamento nel distretto Slobidsky di Kharkiv intorno alle 3:00 del mattino del 30 luglio. L'attacco avrebbe incendiato un edificio scolastico. Al momento non sono state fornite informazioni sulle vittime.

04:00 30 Lug

L'Ucraina riceve 13 miliardi di dollari in assistenza finanziaria dall'inizio della guerra

Sebbene gli aiuti esteri siano diventati una "fonte significativa di entrate in valuta estera" per l'Ucraina, non sono sufficienti a compensare il deflusso di valuta dal Paese, riporta Ukrinform, citando la Banca Nazionale Ucraina. Secondo il Primo Ministro Denys Shmyhal, l'Ucraina riceverà un ulteriore sostegno di 20 miliardi di dollari dai partner internazionali.

03:10 30 Lug

La Lettonia chiede ai russi di condannare la guerra

La Lettonia chiede ai russi che attraversano il confine di firmare un documento di condanna della guerra russa. I controlli hanno lo scopo di identificare coloro che possono rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale lettone, riferisce l'agenzia di stampa lettone LSM, citando il Servizio di sicurezza statale della Lettonia.

02:30 30 Lug

La Croce Rossa chiede l'accesso al sito dell'attacco di Olenivka

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa si è offerto di assistere nell'evacuazione dei feriti dell'attacco russo alla struttura di Olenivka che ospita prigionieri di guerra ucraini. Il CICR si è anche offerto di donare forniture mediche, equipaggiamento protettivo e materiale forense.