Verso le elezioni

Di Maio: ombre russe, Salvini ci porterà in braccio a Putin. Salvini: "Rispondo solo agli italiani"

Meloni: con il presidenzialismo più crescita economica. Conte sulle bollette: subito in Parlamento per interventi massicci. Berlusconi: Meloni non ha bisogno di legittimazioni
Di Maio: ombre russe, Salvini ci porterà in braccio a Putin. Salvini: "Rispondo solo agli italiani"
Getty
elezioni

La giornata politica in vista del voto del 25 settembre

Salvini: "Querelo chiunque dica che sono al servizio dei Russi"

''Io ho sempre difese l'interesse  nazionale del mio Paese, in Italia e all'estero. Ultima volta che sono andato a Mosca ci sono andato da ministro. Da oggi querelo chiunque  dica che io sono al servizio dei russi, perché io sono esclusivamente  al servizio del popolo italiano e mi sono rotto le scatole di questa  gente che ha tempo da perdere e apre la bocca solo per darle fiato...  E questo vale per Saviano, per Letta, per Di Maio, per Renzi, per  Calenda.. Contestatemi su flat tax e altro ma non su questo...''.Lo ha detto Matteo Salvini ospite della kermesse di 'Affariitaliani' a  Ceglie.

Di Maio a Salvini: "Sei complice ingerenze russe"

Le continue ingerenze russe sulla nostra campagna elettorale sono pubbliche e tu non prendendo le distanze ne sei complice. Lo scrive su Facebook Luigi Di Maio rivolgendosi a Matteo Salvini.     Tu non fai gli interessi degli italiani perché quando dici no al tetto massimo al prezzo del gas stai facendo solo gli interessi di Putin che ci ricatta e fa aumentare le bollette degli italiani. I cittadini il 25 settembre voteranno liberamente proprio per questo devono sapere la verità per scegliere in maniera informata. E per la libertà noi difendiamola libertà che tu e i tuoi alleati volete togliere agli italiani con le vostre ricette economiche che rischiano di bruciare i loro risparmi. Matteo quando vuoi ci sono per il confronto tv, puoi portare con te anche Berlusconi, così con i rinforzi ti viene più coraggio, conclude Di Maio.

Ronzulli: "Chiediamo il voto sulla base di un programma chiaro"

"L'ultima volta che qualcuno si è candidato con un partito ed è stato poi incaricato di fare il Presidente del Consiglio è stato nel 2008 con Silvio Berlusconi. Probabilmente l'alto tasso di astensionismo che abbiamo visto in occasione degli ultimi appuntamenti elettorali è dovuto anche al fatto che chi va a votare sceglie qualcuno, ma poi si ritrova altri a governare. Magari con una maggioranza accrocchio come accaduto nel 2018, nel 2019 e anche nel 2021, quando però si è reso necessario un governo di unità nazionale guidato da Draghi, in cui fortunatamente per il paese sono entrati anche partiti di centrodestra, come Forza Italia e la Lega, per salvare l'Italia dall'onda sotto la quale rischiava di affondare. Non si può chiedere agli elettori di recarsi alle urne per poi trovarsi il giorno dopo il voto con una maggioranza creata nel laboratorio dei palazzi romani. Forza Italia e il centrodestra, invece, chiedono agli italiani di andare a votare sulla base di un programma chiaro, di idee, proposte e ricette concrete". Lo ha detto Licia Ronzulli, vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, intervenendo a 'La Piazza', kermesse organizzata a Ceglie Messapica da Affari Italiani.

Salvini: non vorrei che i Pm cambiassero l'esito del voto

"L' unica variabile non dipendente da noi è il tema della giustizia che va riformata: non vorrei che da qui al 25 settembre qualcuno si svegliasse male e pensasse di cambiare in un Tribunale il risultato della cabina elettorale". Lo afferma il leader della Lega, Matteo Salvini alla kermesse di Affari Italiani.

Berlusconi: "Da domani sarò su Tik Tok"

"Domani sarò presente anche su TikTok con contenuti dedicati a questo mezzo di informazione". Così il leader di Fi Silvio Berlusconi intervenendo a telefonicamente a 'La Piazza' di Affaritaliani a Ceglie Messapica (Brindisi). L'ex Cavaliere dovrebbe sbarcare prossimamente, spiegano i suoi, sul social usato dai giovanissimi.

Carlo Calenda,: "Governo di larga coalizione a guida Draghi"

"L'unica soluzione è quella che chiediamo noi: un governo di larga coalizione che continui con Draghi, completando il Pnrr perché altrimenti perderemo il sostegno della Bce, avremo prezzi dell'energia fuori controllo e rischiamo di farci veramente male". Lo ha detto a Palermo Carlo Calenda nel corso della presentazione del candidato del terzo polo alla presidenza della Regione siciliana, Gaetano Armao.

Il sondaggio di Termometro Politico: "Fratelli d'Italia aumenta il suo vantaggio nei confronti del PD. Stabile la Lega, calano M5S e Forza Italia"

"Fratelli d'Italia aumenta il suo  vantaggio nei confronti del Pd, dato in calo (24,7% contro 23,3%).  Stabile la Lega al 14,3% mentre M5S e Forza Italia scendono  rispettivamente al 10,7% e al 7,2%. Azione/Italia Viva flette al 4,8%. Gli altri partiti restano sotto la soglia di sbarramento del 3%:  Sinistra Italiana/Verdi (2,5%), Italexit (2,5%), +Europa (1,9%), Italia Sovrana (1,7%), Unione Popolare (1,5%), Noi Moderati (1,2%),  Alternativa per l'Italia (1%), chiude Impegno Civico (0,8%)". Lo  dicono le intenzioni di voto di Termometro politico, nel sondaggio  effettuato tra il 23 e il 25 agosto.       

 "Agli intervistati è stato chiesto cosa si dovrebbe fare nel caso in  cui dopo le elezioni nessuno degli schieramenti in campo dovesse avere la maggioranza per governare. Un terzo degli italiani (35,8%) ritiene  che si dovrebbe dare l'incarico al principale esponente della  coalizione con più voti perché cerchi la fiducia in Parlamento, il  28,1% pensa che si dovrebbe dare l'incarico a Draghi per un governo di unità nazionale o con i partiti disponibili, il 27,3% vorrebbe un  ritorno al voto mentre appena il 3,9% auspicherebbe un governo di  unità nazionale o con i partiti disponibili, ma con un premier diverso da Draghi".

Carlo Calenda: "Noi siamo favorevoli al nucleare"

"Se siamo favorevoli al nucleare? Noi siamo assolutamente favorevoli, perché è l'unica energia costante ad emissioni zero. Senza nucleare noi non arriveremo mai all'obiettivo europeo di essere ad emissioni zero. Il Giappone ha ripreso con la costruzione del nucleare, stanno costruendo i rigassificatori e noi dobbiamo riprendere ad estrarlo per essere sicuri e indipendenti". Così il leder di Azione, Carlo Calenda, parlando con i giornalisti ai 'Giardini del Massimo' a Palermo, dove si è recato per la campagna elettorali in vista delle elezioni politiche del 25 settembre e a sostegno di Gaetano Armao, candidato alla presidenza della Regione Siciliana.Insieme a Calenda erano presenti lo stesso Armao e i candidati Teresa Bellanova, Davide Faraone e Giangiacomo Palazzolo, segretario regionale di Azione.

Matteo Salvini replica a Roberto Saviano che lo aveva definito "agente di Putin": "Pronta la querela"

"Io ho sempre difeso l’interesse nazionale italiano, nel mio Paese e nel mondo, a testa alta. A prendere i soldi dei russi per anni sono stati i comunisti tanto cari a Saviano, non certo i leghisti. Da ministro ho combattuto le mafie coi fatti, con leggi e sequestri, abbattendone ville e confiscandone patrimoni.C’è chi chiacchiera e copia, c’è chi fa e ottiene risultati.P.S. Caro Roberto, hai vinto una querela che spero servirà a portare soldi a qualche associazione di volontariato che combatte la mafia coi fatti, non con le parole". Lo scrive su Facebook Matteo Salvini replicando a Roberto Saviano che lo aveva definito "agente di Putin".

Su facebook Salvini risponde a Saviano

Andrea Crippa, vice segretario della Lega: "La sinistra disperata getta fango su di noi ma è responsabile dei tagli alla sanità"

''La sinistra è disperata, non solo non ha uno straccio di programma ma passa le giornate a gettare fango su  Matteo Salvini e sulla Lega. Stiamo davvero toccando il fondo:  accusano noi di voler decurtare la sanità quando i responsabili del  taglio di ben 37 miliardi in 10 anni sono loro, da Mario Monti nel  2012 a Giuseppe Conte, passando per Letta nel 2013 e Matteo Renzi nel  2015. Il 25 settembre è vicino e grazie al voto degli italiani si  volterà pagina''. Lo dichiara il deputato Andrea Crippa,  vicesegretario federale della Lega.

Francesco Boccia alla Lega: " Per lo sport i 49 milioni che avete negato al fisco"

"Lo dico da uomo che ha sempre amato lo sport in tutte le sue discipline e da parlamentare si è sempre battuto per potenziare le risorse disponibili per tutti gli sport, a partire da quelli più penalizzati: la proposta del candidato della Lega Mastrangelo di tagliare i fondi alla sanitàper darli allo sport fa rabbrividire. Il Covid alla destra non ha insegnato nulla? Nessuno mette in dubbio la funzione sociale e l'importanza dello sport, ma la sanità pubblica non si tocca".Così Francesco Boccia, responsabile Regioni e Enti locali della Segreteria nazionale del PD e capolista al Senato in Puglia. "Abbiamo un programma chiaro di potenziamento e rafforzamento degli investimenti in favore degli sport olimpici non professionistici, così come il potenziamento di tutte le strutture sportive pubbliche legate alle scuole e alle società sportive locali - aggiunge Boccia -. Ma se la Lega smania così tanto da proporre tagli alla sanità per trasferire immediatamente risorse nella direzione auspicata da Luigi Mastrangelo, ci sarebbero da utilizzare i 49 milioni che Salvini & co hanno negato al fisco, no? Che ne pensano Mastrangelo e Salvini?".

Giuseppe Conte a Letta: "Noi incalzavamo Draghi ma tu eri distratto dalla furia bellicistica"

"Enrico rispondo alla tua domanda: mentre noi incalzavamo Draghi proponendo soluzioni straordinarie e tempestive contro il caro bollette e gli stipendi troppo bassi, forse tu eri distratto tra furia bellicista per il conflitto in Ucraina, armi e inceneritori da piazzare nei decreti. Se avessi sostenuto quelle nostre proposte ora avremmo soluzioni per imprese e famiglie: nel Conte II con un Pd più attento a questi temi lo abbiamo fatto". Lo scrive su Facebook il leader M5S Giuseppe Conte replicando a Enrico Letta. "Il Movimento - aggiunge - da subito ha chiesto a Draghi risposte adeguate alla gravità dell'emergenza economica, e proprio il fatto che queste non siano arrivate ci ha reso impossibile rimanere corresponsabili di un'azione di governo in pieno stallo. Comunque veniamo al sodo, leggi un pò: cosa prevede l'agenda Draghi per una crisi così grave? Non mi dire altri 6 euro al mese per i lavoratori".

Enrico Letta: "Chi ha fatto cadere il governo Draghi chiede misure urgenti ora?"

"Con quale credibilità chi trentasette giorni fa ha fatto cadere il Governo Draghi pretende oggi dal Governo Draghi misure per la crisi energetica?". Così il segretario dem, Enrico Letta su Twitter.

Antonio Pappalardo, Presidente dei Gilet Arancioni: "Ricorso in cassazione contro il rigetto delle liste Gilet Arancioni"

"Nel momento in cui i 'Gilet  Arancioni-Unione Cattolica Italiana', hanno presentato la loro lista  di candidati, dapprima la Corte D'Appello di Roma, poi, ad imitazione a seguire, alcune altre hanno ricusato la lista in quanto il neo  Movimento non era esonerato dal raccogliere le firme e doveva  candidare in tutti i collegi plurinominali obbligatoriamente quelli  uninominali. Il Movimento ha risposto facendo ricorso in Cassazione  impugnando il 'Rosatellum' chiedendo la sua illegittimità  costituzionale nella parte in cui impone - a detta dei giudici - tale  obbligo, e nella parte in cui si compie un'evidente discriminazione  nella raccolta delle firme, chiedendo l'annullamento delle elezioni  anticipate". Ne dà notizia Antonio Pappalardo, il presidente nazionale dei Gilet Arancioni. "Analogo ricorso d'urgenza -aggiunge- è stato  presentato al Tribunale civile di Roma ex art. 700 cpc".

Maurizio Gasparri, Forza Italia: "Rinnovo contratto e più agenti per le forze dell'ordine"

"Tra le priorita' per il nuovo governo ci deve essere uno stanziamento adeguato per il popolo in divisa. Non solo bisogna rinnovare il contratto per il nuovo triennio, ma bisogna incrementare gli organici e remunerare in maniera piu' significativa il lavoro straordinario. Inoltre vanno dedicate cifre adeguate per la difesa legale del personale delle forze di polizia che spesso si deve difendere in giudizio dopo essere stato aggredito o diffamato mentre tutela l'ordine pubblico. Tutto il comparto sicurezza-difesa e soccorso pubblico deve trovare una sua centralita' e mi faro' personalmente carico, insieme a tutta Forza Italia perche' questo sia uno dei doveri primari del governo. Siamo sempre stati dalla parte di chi in divisa tutela la sicurezza dei cittadini, dalla parte delle forze dell'ordine e delle forze armate. Che in ogni angolo d'Italia e in molto casi anche all'estero difendono i valori della liberta', della legalita' e della democrazia. Grazie alle donne e gli uomini che ci tutelano e che meritano per questo riconoscimenti adeguati". Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

Antonio Tajani: "Puntiamo al bonus per le paritarie"

"Dobbiamo garantire a tutti i ragazzi la possibilità di avere l'insegnamento libero, dobbiamo ricordare che le scuole paritarie svolgono un servizio pubblico, ne sono state chiuse troppo a causa del covid e questo è significato, per tanti giovani, perdere un'opportunità." Così il coordinatore nazionale di FI ed ex presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, nel suo intervento al Convegno Nazionale della FIDAE in corso  a Napoli. "Dobbiamo ripartire per mettere la libertà di scelta di insegnamento a tutte le famiglie - ha continuato Tajani -  perché il rapporto famiglia-scuola è fondamentale. Io credo che sia giusto dare anche un bonus per coloro che intendono scegliere un tipo di formazione che è quella delle scuole non statali. Poi ci sono tanti altri problemi, come l'Imu, su cui sono stati commessi degli errori; nell'ultimo decreto non c'è possibilità di posporre il pagamento dell'Imu agli istituti paritari e questa mi sembra un'ingiustizia".

Berlusconi: "Porteremo a termine il ponte sullo stretto di Messina"

"Se non fosse per la sinistra che lo ha bloccato, oggi sarebbe operativo anche il ponte sullo Stretto di Messina, che il nostro Governo aveva progettato, aveva finanziato, aveva conferito addirittura in appalto attraverso una gara internazionale ad un'importante azienda italiana". A dirlo è il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervenendo al telefono nel corso di una iniziativa elettorale di Antonio Tajani a Vietri sul Mare, nel Salernitano. "Questa del ponte - aggiunge - è una delle più grandi infrastrutture, tra le più importanti d'Europa, su una direttrice di traffico che tocca direttamente anche la Campania". "Questa volta il nostro Governo lo portera' certamente al termine", conclude.

Beatrice Lorenzin: "Il Veneto regione trainante per il paese"

"Il Partito Democratico nel Veneto è vitale, il segretario Martella sta facendo un grandissimo lavoro e come candidati vogliamo contribuire mettendoci al servizio delle esigenze del territorio. Il Pd ha proposte chiare e concrete per una Regione che è trainante per l'economia di tutto il Paese". Lo ha detto a Rete Veneta la deputata del Pd, Beatrice Lorenzin, candidata al collegio senatoriale Veneto 2 che comprende Verona, Vicenza e Padova. "La recente vittoria a Verona rappresenta un segnale importante. Il Pd vuole essere sempre più propositivo per aggredire e risolvere i problemi economici di questa Regione: dall'agricoltura all'industria, dall'artigianato al turismo fino ad arrivare alle famiglie. Nei prossimi mesi ci troveremo difronte a scelte molto complicate per questo non c'è tempo da perdere, dobbiamo dare risposte certe nel più breve tempo possibile".

Riammessa dalla Cassazione la lista "Noi Moderati" in Molise

La lista Noi Moderati in corsa alla Camera, ricusata dalla Corte d'Appello di Campobasso per un vizio formale sul frontespizio dei moduli di presentazione, è stata riammessa dalla Cassazione. La conferma dal segretario regionale dell'Udc Teresio Di Pietro. "Con immenso piacere comunico  l'Ufficio Centrale Elettorale presso la Corte di Cassazione in Roma ha accolto il nostro ricorso e la lista Noi Moderati é  stata riammessa". La lista, che ha supportato e sostenuto la candidatura sul maggioritario in Molise sempre per la Camera di Lorenzo Cesa, leader nazionale Udc, comprende esponenti centristi anche delle correnti di Toti, Lupi e Brugnano. Tornano in corsa per Montecitorio, sul listino proporzionale, Filomena Calenda (assessore regionale al Sociale) e Vittorio Colarelli.

Osvaldo Napoli (Azione):"La destra deve ancora vincere ed è già spaccata"

"Giorgia Meloni l'ha messa giù troppo facile. Salvini arriva a nascondersi perfino dietro Mattarella, che voleva dar via per mezzo Putin, per invitare alla prudenza l'alleata, si fa per dire, Giorgia Meloni. Calma, ragiona Salvini, prima si deve vincere poi valuterà Mattarella. Proprio la riabilitazione del ruolo del Capo dello Stato è il miglior indizio per misurare il grado di scollamento in cui versa la destra. A conferma che una vittoria di quello schieramento farebbe ballare la samba ai conti pubblici per qualche mese prima di cedere il passo a un nuovo governo tecnico. Sta agli elettori e alla loro sagacia impedire che si realizzi una tale catastrofe. L'Italia merita qualcosa di meglio delle carnevalare di Salvini e dell'inaffidabilità di Meloni". Lo afferma in una nota Osvaldo Napoli (Azione).

Silvio Berlusconi agli astensionisti: "Il 25 settembre andate a votare"

"Il 25 settembre si decide davvero il nostro futuro, il futuro della Campania e dell'Italia. Solo chi è soddisfatto di come vanno le cose, delle tasse che paga, del prezzo dell'energia, del funzionamento della burocrazia, del livello di sicurezza, della qualità dei servizi sanitari, delle pensioni che riceve, si può permettere il lusso di rimanere a casa. Tutti gli altri, e mi rivolgo proprio a chi pensa di astenersi, hanno il preciso interesse personale, e il dove reverso sé stessi, verso le proprie famiglie, verso la collettività, ad andare a votare e naturalmente votare Forza Italia, dare il loro voto a noi, a Forza Italia". Lo ha detto il leader di FI, Silvio Berlusconi, intervenendo in collegamento alla presentazione dei candidati del suo partito in Campania, a Vietri (Salerno).

Giorgia Meloni: "L'elezione diretta del Presidente della Repubblica rappresenterebbe la più potente misura economica per l'Italia"

"Pronti a ridare forza alla volontà popolare. L'elezione diretta del Presidente della Repubblica rappresenterebbe la più potente misura economica di cui necessita l'Italia. L'attuale sistema ci ha portato ad avere 11 governi in 20 anni, rendendo la Nazione instabile e poco credibile: quella che è cresciuta meno di tutte in Europa. Gli italiani hanno diritto di eleggere il Capo dello Stato e scegliere direttamente da chi farsi governare. Basta con governi calati dall'alto e basta con i giochi di Palazzo che mortificano la volontà popolare". Così la leader Fdi, Giorgia Meloni sui social.

Mara Carfagna a Matteo Salvini: "Confermerà la Quota Sud del Pnrr che vincola il 40 per cento delle risorse a opere e interventi nel Mezzogiorno? Basta un sì o un no"

"Mi sorprende che Matteo Salvini mandi avanti i suoi parlamentari con confuse dichiarazioni sul Sud. È stato ministro degli Interni, è il leader che ha avuto l'ambizione di fare della Lega un partito nazionale: il Sud e i suoi problemi dovrebbe conoscerli bene. Non capisco la sua difficoltà a rispondere in modo trasparente a una domanda semplice: confermerà la Quota Sud del Pnrr, cioè la  regola che vincola il 40 per cento delle risorse a opere e interventi nel Mezzogiorno? Non servono tante parole, basta un sì o un no: gli elettori meridionali, ai quali chiede il voto, hanno il diritto di conoscere la sua posizione". Lo dichiara Mara Carfagna, ministro per il Sud e la Coesione territoriale.

Matteo Salvini: "Sono d'accordo con Elon Musk, il nucleare di ultima generazione è la fonte energetica più pulita e sicura"

"Io sono totalmente d'accordo con Elon  Musk, il nucleare di ultima generazione è la fonte energetica più  pulita e sicura. Letta e Conte invece, come sempre, sanno solo dire  no. Voi come la pensate?". Lo scrive il segretario della Lega Matteo  Salvini commentando un tweet di Elon Musk in cui il fondatore di Tesla afferma che "i paesi dovrebbero aumentare la produzione di energia  nucleare".

Giuseppe Conte: "Subito in Parlamento per interventi massicci. Si è già perso troppo tempo"

"Più 711 euro a famiglia: questa, secondo Codacons, è la stangata di autunno che si abbatterà sui cittadini, schiacciati da bollette e spesa alimentare. Non siamo disposti a far ricadere sulla testa delle persone i ritardi accumulati su tetto al prezzo del gas, scostamento di bilancio, tassazione su extraprofitti ben più efficace, taglio Iva sui beni alimentari. Quando abbiamo alzato la voce con il Governo, già 6 mesi fa, per un piano straordinario di interventi ci sono piovute addosso accuse di tutti i tipi. Nel migliore dei casi eravamo i disturbatori che creano 'fibrillazioni' nella placida armonia dell'equilibrio di governo. Ma il mandato del M5S non è mai stato chiudere gli occhi e 'non disturbare' l'osannato Governo dei Migliori. Il nostro mandato è sempre stato e sempre sarà la difesa degli interessi dei cittadini, a partire dai meno garantiti. Se ci fossimo mossi per tempo avremmo potuto prevenire con maggiore efficacia e minori costi la spirale recessiva già innescata da mesi. Ora tutti i partiti in campagna elettorale stanno scoprendo che avevamo ragione. Allora andiamo subito in Parlamento per sostenere anche con le altre forze politiche interventi massicci. Si è perso già troppo tempo". Così, su Facebook, il leader del M5s, Giuseppe Conte

Il post di Facebook di giuseppe Conte in cui chiede interventi massicci per le famiglie

Matteo Salvini, ha risposto a Bari ai giornalisti che gli chiedevano un commento sul Giorgia Meloni presidente del consiglio nel caso Fratelli D'Italia prenda più voti: "Io aspetto il voto degli italiani prima di fare qualsiasi commento, poi il presidente della repubblica sceglierà come è giusto che sia. Tutti dicono che il centrodestra ha già vinto. Calma. Sono convinto che il centrodestra possa vincere, sono convinto che la Lega possa prendere un voto in più di tutti gli altri, ma non impongo nomi e ruoli a nessuno e men che meno al presidente della repubblica".

 

Renzi: dire sì agli impianti per energia serve

"Notizia di oggi: la Basilicata darà gratis il gas ai Lucani. Dire sì agli impianti serve! È chiaro perché noi da soli dicevamo sì a Tempa Rossa, Tap e termovalorizzatori? Il tempo è galantuomo. Ieri le trivelle, oggi Piombino. L'Italia che dice sì vota #TerzoPolo#ItaliaSulSerio". Lo scrive su Twitter il leader di Italia viva, Matteo Renzi.

Letta: la destra drammaticamente ambigua su Russia e Putin

Speranza a Salvini-Meloni,su vaccini Covid basta ambiguità

Sulla vaccinazione anti-Covid "basta ambiguità, lo dico a Salvini, Meloni, sui vaccini si dicano parole chiare. Dobbiamo considerare che qualsiasi cosa accada dopo il 25 settembre, il Paese continuerà sulla linea del rispetto dell'evidenza scientifica, non possiamo permetterci errori su una materia così delicata". Così a RTL 102.5 ilministro della Salute, Roberto Speranza. "Faccio appello a tutti i leader di dire che dopo il 26/9 si continua con la stessa determinazione nella campagna di vaccinazione. Chiedo a tutti di dirlo, anche - ha affermato - alle forze politiche dove ci sono stati elementi di ambiguità". "Penso che sui diritti delle donnenon si possa arretrare di un millimetro e anche su questo credo sia importante che ciascuna forza politica dica come la pensa fino in fondo. Se c'è chi la pensa come Trump credo che è giusto che gli italiani lo sappiano".

Salvini: la Lega dice sì al Ponte sullo Stretto

"Ponte sullo Stretto per unire Sicilia e Calabria, Italia ed Europa. Dopo troppi anni di chiacchiere, con studi pronti e costi contenuti, la Lega dice fortemente sì. Più lavoro per migliaia di persone, meno inquinamento nel nostro mare, un'immagine straordinaria della bravura italiana nel mondo. PD e 5Stelle continuano a dire NO? Scelgano gli Italiani, il 25 settembre". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini

Di Maio risponde sui social a Meloni: i tuoi alleati sono contro le sanzioni alla Russia, fanno gli interessi di Putin

"Tu puoi passare anche tutte le giornate a rassicurare il mondo che l'Italia è in buone mani, ma non è così e lo  sappiamo perché i tuoi alleati -Berlusconi e Salvini- sono amici di  Putin, addirittura Salvini voleva barattare Putin con Mattarella,  Berlusconi hai sempre avuto legami con Putin. Addirittura loro sono contro le sanzioni alla Russia, che significa fare il gioco di Putin  sul gas, significa permettere a Putin di ricattarci ancora e di  portare ancor più in alto le bollette delle imprese, significa non  fare il tetto massimo al prezzo del gas perché ci isoleremo a livello  internazionale". Così in un video postato sui social, il ministro  degli Affari esteri Luigi Di Maio risponde a Giorgia Meloni, che ieri lo ha definito 'indegno'.

Meloni: con presidenzialismo più crescita economica

Negli ultimi 20 anni la Francia ha avuto 4 capi di governo, che lì coincide con il Presidente della Repubblica. Il Regno Unito ha avuto 5 Primi Ministri. La Germania 3 Cancellieri. L'Italia 11 Presidenti del Consiglio. Una instabilità che ci penalizza nei rapporti con gli altri Stati, perché chiaramente ci fa apparire poco credibili. Una instabilità che penalizza gli italiani, perché Governi che durano così poco non hanno una visione di lungo periodo". Lo scrive la leader di Fdi, Giorgia Meloni su Facebook.    "Cercano sempre e solo consenso facile e immediato. Anche per questo dal 2000 al 2019 l'Italia è cresciuta meno di chiunque altro in Europa, solo del 4%. Nello stesso periodo in cui Francia e Germania crescevano più del 20%. L'instabilità politica è uno dei principali fattori del nostro declino economico. Il presidenzialismo non è una misura astratta, è la più potente misura economica di cui necessita l'Italia. Se gli italiani ci daranno fiducia e forza alle prossime elezioni, noi introdurremo l'elezione diretta del Presidente della Repubblica e un sistema che dia stabilità al Governo. Un sistema istituzionale all'altezza di una grande nazione occidentale come l'Italia, per tornare protagonisti in Europa e nel mondo, per tornare a investire sul nostro futuro, per tornare a crescere e a prosperare".

Salvini a Di Maio: "Io rispondo solo a italiani e difendo solo l'interesse nazionale"

"Gigi, guarda che il 25 settembre voteranno, liberamente e democraticamente, solo i cittadini Italiani. Io rispondo solo a loro e difendo solo l'interesse nazionale. E tu? Hai forse paura del loro giudizio? Dai, male che vada trovi un navigator che ti dà una mano. Viva la Libertà!". Così Matteo Salvini replica via twitter a Luigi Di Maio 

 

Salvini: sto giro lo vincono la Lega e il centrodestra. Il Pd starà alla finestra a guadare le stelle cadenti

"Da quello che sto sentendo in giro, da Nord a Sud, sto giro lo vincono la Lega e il centrodestra. Il Pd per un bel po', starà alla finestra a guadare le stelle cadenti". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini nel corso di un appuntamento elettorale a Barletta in Puglia.    "Saranno 5 anni complicati perché le bollette della luce e del gas stanno aumentando in maniera pazzesca- ha aggiunto- Non staremo a dire che bello abbiamo vinto però chi sceglie la Lega, sceglie un'Italia con un po' di lavoro in più e un po' di clandestini in meno".    "Il voto del 25 settembre è nazionale ma è anche un voto pugliese- ha continuato il leader leghista- non è possibile che la sanità in Puglia sia ridotta com'è ridotta, perché Emiliano non ha voglia di fare il suo lavoro. Non è possibile che ci siano liste di attesa interminabili o che ci sono cittadini che devono andare altrove per farsi curare e visitare. "Lezioni di moralità a qualcuno a cui vengono arrestati, indagati e condannati i collaboratori non le accettiamo" ha proseguito per poi mandare "un enorme bacione ai cinque comunisti che sono lì in fondo che mi fanno una grande tenerezza e simpatia. Perché andare in giro con la falce e col martello nel 2022 è qualcosa di eccezionale, ma è il bello della democrazia".   

Di Maio: ombre russe, Salvini ci porterà in braccio a Putin

Il ministro degli Esteri e leader di Impegno Civico Luigi Di Maio lancia l'allarme su possibili ingerenze russe in vista delle elezioni del 25 settembre. "Voglio ricordare che abbiamo recentemente espulso 20 funzionari russi con passaporto diplomatico. Il nuovo caso che avete portato alla luce con un lavoro giornalistico importante è la conferma delle ombre che gravitano sul nostro Paese e toccano istituzioni, partiti, dirigenti politici. Anche la campagna elettorale è inquinata", dice Di Maio in un'intervista a 'Repubblica'. Per Di Maio "i tentativi di interferenza russa sono evidenti. Il problema vero è che ci sottovalutiamo, non consideriamo quanto l’Italia sia importante per la tenuta della Ue, della Nato e del mondo libero. Abbiamo l’ex presidente Medvedev che dà indicazioni di voto, Razov che si complimentava con il partito di Conte sull’Ucraina e Salvini pagato in rubli per andare a Mosca. Perciò serve istituire una commissione parlamentare d’inchiesta che faccia luce sulle ingerenze".

Bonetti: Terzo polo è l'unica novità

Elena Bonetti, ministra per le Pari opportunità e la famiglia, ha deciso di ricandidarsi "per la volontà di portare avanti l'esperienza di un governo di cui ho avuto l'onore di far parte. Un lavoro non concluso, però. Le tante riforme che abbiamo portato a casa, dal Family Act alle leggi contro la violenza sulle donne, vanno attuate nella prossima legislatura" dice in un'intervista a Qn. E' in corsa nel  collegio di Roma 1: "Nessuna sfida è impossibile - commenta -. Ci ho messo la faccia e non ho paura. Accanto alla leadership di Carlo Calenda nel Terzo polo ci sono molte donne. Roma merita una risposta e Calenda alle Comunali prese il 20%". Il Terzo polo è "l'unica novità della campagna elettorale - sottolinea -. Tutti noi ci candidiamo per dare continuità all'agenda Draghi e al suo metodo di governo contro chi lo ha rinnegato e contro chi lo ha fatto cadere".
 

Berlusconi: Meloni non ha bisogno legittimazioni

Giorgia Meloni "non ha nessun bisogno di essere legittimata a fare il premier, anche perché la legittimazione dipende solo dal voto degli italiani. E proprio per questo abbiamo detto e scritto che sarà chi ha più voti a proporre al capo dello Stato il nome del premier". Lo dice in un'intervista a Qn il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi. La politica economica della coalizione "in particolare la flat tax", può generare per l'ex premier "una forte crescita, che significa anche un aumento delle risorse disponibili per lo Stato. Naturalmente da imprenditore so benissimo che bisogna fare i conti con le risorse disponibili, quindi procederemo con gradualità, tenendo conto del ciclo economico, ma anche con assoluta determinazione". Fra le altre proposte c'è il Ponte sullo Stretto che "sarebbe già fatto se le sinistre per due volte non avessero azzerato il nostro lavoro. Riprenderemo da capo, il che significa anche una grande opportunità per le aziende italiane". Per quanto riguarda la riforma della giustizia "tanti più voti verranno a Forza Italia, quanto prima si realizzeranno la separazione delle carriere, l'accorciamento dei tempi dei processi, l'inappellabilità delle sentenze di assoluzione". Venendo alle conseguenze del caro gas "il razionamento non mi piace, ma è una valutazione che lascio ai tecnici. Il primo dovere della politica sono immediati ristori e crediti d'imposta per chi non ce la fa, penso soprattutto alle aziende". Bisogna "intervenire subito, per decreto legge. Non si può certo aspettare il nuovo governo, a ottobre". Fra i temi dell'intervista anche la guerra in Ucraina: "La visione di Forza Italia coincide perfettamente con quella del governo italiano, dell'Unione europea e dell'Alleanza atlantica", e "naturalmente auspico una soluzione diplomatica nel più breve tempo possibile"-

Meloni: se FdI vince Mattarella non può non indicarmi premier

“Se vincesse il centrodestra e ci fosse l'affermazione di Fratelli d'Italia non ho ragione di credere che Mattarella possa assumere una scelta diversa” rispetto all'indicarmi come premier. Lo afferma Giorgia Meloni, alla kermesse di Affari Italiani. "L'anomalia non sarei io, ma lo è stata Monti"-