La campagna elettorale

Elezioni 2022, ultima settimana di campagna elettorale

Intervista di RaiNews24 a Giorgia Meloni. Salvini a Radio Anch’io: "Canone Rai da abolire". Inneggiò a Hitler, candidato Fdi sospeso chiede scusa. Usa: tributo di Kissinger a Draghi, "grande rispetto per lui"
Elezioni 2022, ultima settimana di campagna elettorale
Getty
Elezioni politiche in Italia

Il sindaco di Palermo: "Inaccettabili le tensioni al comizio di Giorgia Meloni"

"È inaccettabile che a margine di un comizio elettorale, momento di libera espressione del proprio pensiero, certi toni possano superare i limiti, tanto da sfociare in attimi di tensione tra manifestanti e forze dell'ordine, come è avvenuto stasera in alcune vie del centro città". Lo ha detto il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, in merito a quanto accaduto a margine dell'iniziativa elettorale di Fratelli d'Italia nel capoluogo siciliano.

Conte: "Renzi senza scorta? Ha frainteso, intendevo 'esci da Palazzo''"

"Renzi venga a parlare di abolizione del reddito di cittadinanza senza scorta? "Ha frainteso, volevo dire 'esci dal Palazzo'". Così Giuseppe Conte risponde alle domande a diMartedì, sulla polemica per una frase del leader del M5S.

Salvini: no alla droga legale, è morte

"Non mi va giù la possibilità, nel nome dei diritti, di coltivare e spacciare droga. Io finché campo dirò di no. Ogni droga è merda, ogni droga è morte. Noi della Lega scegliamo la vita. Non ci possono essere droghe legali. Anche perché basta andare in un centro sociale a vedere come si riducono". A dirlo è stato Matteo Salvini, leader della Lega, in un comizio elettorale a Mirafiori, a Torino.

Letta: da destra logica del vittimismo. Meloni non ha chiesto scusa per il video dello stupro

"Contestazioni a Meloni? Ieri sera anche a me a Napoli è successo, abbiamo parlato, ognuno ha i suoi  contestatori". Lo dice il leader del Pd, Enrico Letta, ospite questa  sera a di Martedì su La7. "La destra ha la logica del vittimismo,  Meloni non ha ancora chiesto scusa per il video della donna ucraina  violentata a Piacenza".   

Palermo, scontro tra polizia e manifestanti al comizio di Giorgia Meloni

L'arrivo di Giorgia Meloni a Palermo è stato segnato da contestazioni e da un leggero scontro con la polizia, che, in assetto antisommossa e dopo aver blindato nell'area, ha spintonato un gruppo di manifestanti che cercavano di raggiungere piazza Politeama, dove era in corso il comizio della leader di Fratelli d'Italia. Un giovane è stato portato in questura. 

Silvio Berlusconi:"Un governo non di centrodestra ma di larghe intese? E' un'ipotesi assurda"

"Un governo non di centrodestra ma di larghe intese con accordi con terzo polo e centrosinistra? E' un'ipotesi talmente assurda che mi rifiuto addirittura di commentarla. Chi dice queste cose fa ancora una volta semplicemente disinformazione. Però voglio aggiungere una cosa. Forza Italia sarà numericamente e politicamente determinante per il futuro governo di centrodestra". Così il presidente di Fi, Silvio Berlusconi, a Fuori dal coro in onda stasera su Rete4.

Enrico Letta:" Nelle ultime ore il discorso anti europeo di Meloni e Salvini è venuto fuori in tutta la sua potenza"

"Nelle ultime ore il discorso anti europeo di Meloni e Salvini è venuto fuori in tutta la sua potenza". Queste le parole del leader democratico, Enrico Letta, a Portici (Napoli) nel corso di una manifestazione elettorale con il ministro della Salute, Roberto Speranza e Pierluigi Bersani. "Negli atti, hanno deciso di distinguersi e di non andare contro Orban, anzi di dargli una mano. Questa è la destra italiana e - ha evidenziato il segretario del Pd - a questa destra italiana noi oggi è, con onore, che dobbiamo opporci. E' l'onore di portare avanti i nostri valori, quelli della nostra Costituzione", ha concluso Letta.

Giuseppe Conte: "Mai più governo con Letta, ha buttato a mare un'esperienza proficua"

"Io non auguro a Enrico Letta di lasciare  la segreteria del Pd, ma con lui non mi siederò più per una  prospettiva di collaborazione politica visto quello che ha fatto. Non  c'é più alcun affidamento nei suoi confronti, ha buttato a mare  un'esperienza che era stata proficua". Lo ha detto il leader del  Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte, ospite a Fuori dal coro in onda  questa sera.        

Meloni:" Se non ricominciamo a fare figli l'Italia scomparirà"

"Se noi non ricominciamo a mettere al mondo dei figli siamo spacciati. L'Italia è una nazione destinata a scomparire. Abbiamo una società che continua ad invecchiare". Così la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, nel corso del comizio in Piazza Ruggero Settimo a Palermo.

Giuseppe Conte: "Il fondi del PNRR?Il rischio è che vadano a finire in mano alla criminalità organizzata"

I fondi del Pnrr? "Il rischio e' quello che vadano a finire nelle mani della criminalita' organizzata, soprattutto di stampo mafioso. Bisogna mantenere alta la soglia del controllo sociale". Lo ha detto il presidente M5s, Giuseppe Conte, a Fuori dal Coro in onda stasera su Rete 4

Luigi Di Maio:" Nella gente del sud c'è tanta paura tr i problemi dell'inflazione e dell'energia"

"Nella gente del sud c'é tanta paura, tra  problema dell'energia e inflazione, si sta verificando una perdita del potere d'acquisto sia sulle pensioni che sui salari. Dobbiamo mettere  subito mano ai salari, con quello che si chiama salario equo da  adeguare al costo della vita". Lo ha detto il Ministro degli Esteri  Luigi Di Maio, leader di Impegno civico, ospite a Pomeriggio 5.

Pierluigi Bersani:" La lista con il PD è una premessa ad un nuovo persorso della sinistra"

"Questa lista che sosteniamo  si regge sul Pd, ma mette assieme Articolo 1, i socialisti, i cattolici di Demos. Si poteva fare di più? Forse, ma quello che stiamo facendo per me, anche oltre le elezioni, è una premessa e una promessa di un percorso nuovo per una sinistra di governo". Lo ha detto  Pierluigi Bersani, intervenuto a una manifestazione elettorale a  Portici (Napoli) con il segretario del Pd Enrico Letta e il ministro  della Salute Roberto Speranza.

Roberto Fico: " Il programma del M5S è sano e progressista"

"Lavoriamo fino all'ultimo giorno e all'ultimo minuto non tanto per convincere le persone, ma per spiegare un progetto di Paese che è un progetto sano, un progetto progressista che mette al centro le persone e il nostro ambiente". Lo dice il Presidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle Roberto Fico, questo pomeriggio a margine di un appuntamento a Napoli al campetto di viale Campi Flegrei a Bagnoli. "Io penso che stiamo lavorando bene, abbiamo grandi candidati e una grande squadra" sostiene Fico che poi evidenzia alcuni temi centrali per i pentastellati. Primo fra tutti il reddito di cittadinanza

Giuseppe Conte:"Il jobs act va spazzato via completamente, è un fallimento"

"Il jobs act va spazzato completamente via, è stato un fallimento totale". Lo dice il presidente del  Movimento 5 stelle Giuseppe Conte a Skuola.net. "Mi ha stupito il Pd che dice che lo vuole smantellare: lo abbiamo già smantellato, con il decreto dignità abbiamo creato 800 mila posti di  lavoro a tempo indeterminato, è stato un record storico. Il tempo  determinato va bene, ma deve essere l'eccezione", aggiunge.

Meloni: “Cancellare la fiamma? No, è simbolo destra repubblicana e democratica”

Meloni: “Cancellare la fiamma? No, è simbolo destra repubblicana e democratica”

Rai: le conferenze stampa in vista delle elezioni politiche

Mercoledì 21 settembre in diretta su Rai 2 alle 21.25, sulle frequenze di Radio 1 e su Rai Italia, appuntamento con le Conferenze stampa in vista delle elezioni politiche di domenica prossima, tradotte nella Lingua italiana dei segni, partecipano: Elly Schlein del Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista, Chiara Appendino del Movimento 5 Stelle, Massimiliano Romeo della Lega per Salvini Premier. Nel pomeriggio in diretta su Rai 3 alle 15.05 e sulle frequenze di Radio 1, andrà in onda il Confronto, tradotto nella Lingua italiana dei segni, partecipano: Mastella Noi di Centro - Europeisti, Movimento 5 Stelle, Azione - Italia Viva - Calenda, Impegno Civico Luigi Di Maio - Centro democratico. Su Rai 2 alle 9.45 gli appuntamenti con i messaggi autogestiti delle forze politiche, trasmessi anche su Radio 1 alle ore 10.24 e alle 00.25. Tutti gli aggiornamenti, i calendari delle trasmissioni, le informazioni per gli elettori sono disponibili su www.raiparlamento.rai.it, la vetrina web di Rai Parlamento.

Minacce a Sandro Ruotolo candidato alla Camera nel collegio uninominale di Torre del Greco per il Pd

"'Vedi come devi fare la fine tua sorella... fai molta attenzione'. È la minaccia, infame, che mi è giunta via social. Il riferimento è a mia cugina, Silvia Ruotolo, una delle tante, troppe vittime innocenti uccise dalla camorra. Lo sapevo che prima o poi si sarebbero fatti sentire. Mi sono candidato nel collegio uninominale della Camera di Torre del Greco, territori difficili dove a distanza di cento giorni sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose due Consigli comunali quello di Castellammare e Torre Annunziata. Oggi, a quattro giorni dal voto, evidentemente ci sono ambienti, personaggi che sono infastiditi dal fatto che in questa campagna elettorale continuo a parlare e denunciare la camorra. Questa minaccia via web, l'ho vissuta come se fosse stato un pugno nello stomaco. Io, come sempre, nonostante le minacce, mi sento un uomo libero. E non tacerò". È quanto scrive sul proprio profilo Facebook il senatore Sandro Ruotolo, candidato alla Camera nel collegio uninominale di Torre del Greco per il Pd.

Enrico Letta: "Spero che Vox non vinca, sarebbe un pessimo segnale per Europa"

"Le parole di Meloni sulla Spagna sono parole che non mi hanno sorpreso, perché il suo rapporto con Vox gli italiani lo conoscono bene. Io spero che Vox non abbia successo in Spagna, sarebbe un pessimo messaggio per l'Europa". Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, rispondendo a Caserta ad una domanda dei cronisti sulle parole di Giorgia Meloni, la quale ha affermato che, la sua vittoria, potrebbe aprire la strada a Vox, partito di estrema destra spagnolo.

Antonio Tajani:"FI sarà il garante nuovo governo sulla scena internazionale"

"Grazie a Hana Huba'kova', Ambasciatore della Repubblica Ceca, per l'incontro organizzato a Roma con gli ambasciatori di alcuni paesi dell'Ue. Forza Italia sarà il garante per il prossimo governo sulla scena internazionale. L' Europa sarà al centro della nostra azione politica". Lo scrive su Twitter Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia.

BoboCraxi: "Meloni vicina alla destra peggiore d'Europa"

"La signora Meloni, oggi a Palermo,si lamenta delle manifestazioni di dissenso ai suoi comizi. Capisco e comprendo che la contestazione politica non debba maitrascendere in atti contundenti. Mi domando però se GiorgiaMeloni - che ha passato mesi ad usare toni aggressivi, che hapassato le sue giornate in Spagna accanto alla destra peggiore d'Europa, che esalta l'Ungheria di Orban, minaccia per le donnee per le minoranze - non ritenga che presto o tardi qualcunointenda notificare di persona il proprio dissenso democratico.Non capisco perché rivolgersi al Ministro degli Interni per qualche schiamazzo. Sono le classiche provocazioni che metteva in atto il MSI di Almirante. Mi auguro che nessuno cada nella trappola delle sig.ra Meloni. A pochi giorni dal voto inoltre lamento che la coraggiosissima candidata del centrodestra nel mio collegio a Palermo ha schivato qualsiasi confronto politico e si è infilata sotto le gonne, pantaloni per meglio dire, della Meloni e si appresterebbe da vice sindaco in carica ad abbandonare la sua Città, giusto perché la Città non ha bisogno di amministratori che facciano il loro lavoro. Il confronto democratico è il sale della democrazia. Queste nuove destre, si fa per dire, vogliono promuovere le loro politiche oscurantiste contro donne, minoranze ed immigrati in splendida solitudine magari controllata dal ministero degli interni. Come in Iran". Lo dichiara Bobo Craxi, esponente socialista,candidato all'uninominale Palermo 2 per il centrosinistra.

Luigi Di Maio: "Meloni? Se ci alleiamo con chi è contro la Ue perderemo i fondi"

"Se ci alleiamo con quelli che stanno facendo la guerra contro l'Ue, l'unica cosa che otterremo è di perdere i fondi dell'Europa". Così il ministro degli Esteri e leader di Impegno civico, Luigi Di Maio, a margine della visita al mercato di Fuorigrotta a Napoli, commentando l'endorsement reciproco tra la presidente di Fdi Giorgia Meloni e il partito spagnolo di Vox.

Giorgia Meloni: " Gli ultimi dati dicono che ci sono i margini per una maggioranza di centrodestra"

"Gli ultimi dati che abbiamo visto dicono che ci sono i margini per fare una maggioranza di centrodestra". Lo ha detto la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, a "Oggi è un altro giorno" su Rai1. "Dall'altra parte, mi pare ci sia una situazione più confusa: si presentano in ordine sparso e poi dicono di voler andare al governo, ma nessuno ci può andare rifacendo l'alleanza del 'tutti contro' che abbiamo visto in questi anni", ha aggiunto.

Matteo Renzi:"Sul nucleare si dice no per ideologia"

"Io sono d'accordo sul nucleare di nuova generazione e ricordo che la Svizzera ha quattro centrali nucleari. Questa storia che il nucleare è un pericolo intanto non è vera ma si  può arrivare a risolvere anche quello con il nucleare di nuova generazione che riduce le emissioni e contemporaneamente non ha  problemi di sicurezza. Perché dire di no? Per ideologia". Così il  leader di Italia Viva Matteo Renzi al Tg4.

Giorgia Meloni:"Letta dice che sono autarchica? L' Europa non controlla più niente"

“Come Europa ci siamo presentati all’appuntamento con la storia totalmente impreparati. Si può far finta di non vederlo, ma non è intelligente andare avanti sulla stessa linea quando si vede che le cose non vanno bene”. Così la presidente di Fdi, Giorgia Meloni, ospite a 'Oggi è un altro giorno' su Rai1. “Letta dice che sono autarchica? Mi definivano così anche quando tentativo di spiegare che l’Europa doveva darsi una strategia energetica, che non puoi dipendere solo dall’estero – aggiunge -. L'Europa non controlla più niente, abbiamo deciso che la globalizzazione senza regole era la soluzione per democratizzare il mondo, è accaduto che i regimi si sono rafforzati e noi ci sono indeboliti perché dipendiamo da chiunque per qualsiasi”. “La questione del price cap ci dice che gli altri paesi difendono i loro interessi, secondo me anche l'Italia dovrebbe farlo”.

Salvini a Bari: "Nessun ruolo per Draghi nel futuro governo"

Per il premier Mario Draghi “non ci sono ruoli nel futuro eventuale governo” di centrodestra: lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, durante una conferenza stampa elettorale a Bari, il giorno dopo il comizio tenutosi nella serata del 19 settembre a parco 2 Giugno . Salvini lo ha affermato rispondendo a una osservazione sul fatto che il presidente del Consiglio sia stato premiato negli Usa come statista dell’anno. “Noi - ha aggiunto - chiediamo il voto per la Lega e per il centrodestra, non vedo ruoli per Draghi o per tecnici per rispetto anche nei confronti di Draghi. Perché se uno vota la Lega vota per la Lega, se uno vota per il centrodestra vota per il centrodestra”.

 

 

Matteo Renzi:"Se la Meloni non avrà i numeri credo che governerà Draghi"

Mario Draghi è "un Italiano che ottiene i massimi riconoscimenti in tutto il mondo, ma tre persone lo mandano a casa: Meloni, Salvini e Conte. L'Italia stava andando bene, hanno mandato a casa Draghi e adesso le conseguenze le pagano le famiglie, le imprese". Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, al Tg4. "Se ci saranno i numeri per un governo guidato dalla Meloni governerà la Meloni, se non li avrà io credo che governerà Draghi".

Accordo Viminale-Meta, sui social comunicazione verificata

Favorire l'accesso a informazioni verificate e attendibili sui social, in quanto provenienti da fonte istituzionale, in vista delle elezioni politiche di domenica prossima. E' l'obiettivo, informa il sito del Viminale, della collaborazione tra il ministero dell'Interno e Meta, proprietaria dei social network Facebook e Instagram che fa seguito a quella già avviata l'1 settembre con Twitter. A partire da oggi, saranno pubblicati promemoria elettorali su Facebook per le persone che hanno almeno 18 anni, i quali reindirizzano gli utenti su interno.gov.it, dove possono trovare informazioni verificate e attendibili, nonché complete, sulla tornata elettorale. Stessa funzione avranno su Instagram tre nuovi adesivi da condividere nelle storie. Cliccando sugli adesivi, l'utente arriverà direttamente sulle pagine diinterno.gov.it dedicate al voto.   Per quanto riguarda Twitter, agli utenti del social network che cercano termini o hashtag relativi alle elezioni, appare un messaggio che li indirizza allo "Speciale Elezioni" suinterno.gov.it. E’ stata creata, inoltre, una 'emoji' dedicata alle elezioni che sarà attivata con l'hashtag#ElezioniPolitiche2022.

Letta ai candidati, ancora tanti indecisi da convincere. Chi vince avrà maggioranza ampia per governare e cambiare Paese

"Tutti i sondaggi dicono che gli indecisi sono al 40-45%, ciò vuol dire che quando usciamo di qua e incontriamo due persone, una delle due non vota e va convinta a fidarsi del Pd". Così il segretario del Pd Enrico Letta all'incontro con i candidati a Caserta all'interno di un locale della centrale via Mazzini.

"Non è qui che si vincono le elezioni, ma convincendo le persone che noi abbiamo un'idea di Paese per i prossimi cinque anni. E non è vero - ha aggiunto Letta - che dopo le elezioni chi vince non sarà in grado di governare. Con questa legge elettorale chi vincerà, o noi o la destra, avrà una maggioranza molto ampia e potrà cambiare il Paese".

Salvini su Rai Uno: "Tornassi indietro non voterei lockdown". Intervenire sul caro energia

"Tornassi indietro non riapproverei quelle norme che hanno lasciato a casa medici, infermieri, poliziotti, insegnanti, tutelerei la vita e la libertà di scelta e il diritto al lavoro di tanti italiani che ancora adesso sono a casa senza  stipendio". E per il futuro, in caso di una recrudescenza della pandemia "gli obblighi e le sanzioni non fanno parte della mia idea di Italia del futuro". E su un eventuale lockdown "conto che non ce ne sia più bisogno". Lo ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite di 'Oggi è un altro giorno', su Raiuno.

"Come italiano che va a fare la spesa, dico che bisogna intervenire subito" contro il caro energia: "Dicono tutti che non bisogna fare debito, ma tutti i paesi europei hanno messo soldi per salvare le imprese, se l'Europa non si muove non possiamo lasciare a casa milioni di lavoratori". Ha aggiunto Salvini, "servono trenta miliardi adesso. Non se ne deve riparlare fra un mese e mezzo. Chiudiamo mezza Italia perché Draghi non vuole mettere i soldi per salvare un milione di posti di lavoro? Sì, è debito buono. Meloni non vuole? Non la convince Salvini, la convincono i lavoratori. Noi stiamo rischiando una strage economica".

Sulla flat tax "il nostro impegno è estendere questa facoltà" di pagare il 15%, "che già oggi è reale, anche ai pensionati, alle famiglie e ai lavori dipendenti con un tetto di 70mila euro. L'unico modo per abbattere l'evasione fiscale non è l'obbligo del bancomat, che arricchisce solo le banche, ma è abbassare le tasse. Chi guadagna 5 milioni continua a pagare quello che sta pagando".

Tribunale Milano respinge il ricorso della lista di Cappato

Il giudice civile del Tribunale di Milano ha bocciato il ricorso d'urgenza depositato nelle scorse settimane da parte della lista "Referendum e Democrazia con Cappato", a seguito della sua esclusione dalle elezioni politiche in programma domenica, per aver depositato le firme in formato digitale. Si tratta di "una decisione insensata perché ci imputa di non avere provato l'esistenza  delle firme, attribuendo a noi un dovere, la verifica delle firme, che è notoriamente in capo alla Corte d'Appello e non certo ai presentatori. Anche per questo presenteremo immediato reclamo". Lo ha spiegato Marco Cappato, leader della lista Referendum e Democrazia, a proposito della decisione del Tribunale civile di Milano che ha respinto il ricorso cautelare d'urgenza presentato dalla stessa lista che era stata esclusa, per aver depositato le firme in formato digitale, dalla Corte d'Appello di Milano, così come da altre Corti di altri distretti italiani, con provvedimenti poi confermati dalla Cassazione.

Fratoianni (Sinistra Italiana): "Il nostro programma è spinto, ecologico e innovativo"

Il programma di Sinistra Italiana "è  spinto, ecologico e innovativo: non è un vezzo, ma è la più importante sfida non del futuro ma del presente". A dirlo è Nicola Fratoianni,  segretario di Sinistra Italiana, ospite stamane di Corriere Tv. La  proposta della coalizione, spiega Fratoianni, "ha l'ambizione di dare  una forte spinta al Paese su alcune questioni fondamentali come la crisi climatica, la crisi sociale che esplode a ritmi impressionanti e la parità di diritti, garantita troppo poco. Vogliamo rimettere questi temi al centro della vita quotidiana".

Conte: preoccupato per eventuale vittoria della Meloni. "Ma non credo rappresenti un problema per la democrazia"

Cosa significherebbe per l'Italia una  vittoria di Giorgia Meloni? Giuseppe Conte si dice "molto  preoccupato". In un'intervista alla tedesca 'Die Zeit', il leader del  M5S si dice convinto che "i partiti di destra non abbiano le soluzioni necessarie per affrontare questa grave crisi". "E non hanno nemmeno un programma per il nostro paese", aggiunge. "Ma non credo che una  vittoria della destra rappresenti un problema per la democrazia. Hanno idee culturali che non possono essere condivise. Ma non c'è alcun  rischio per la democrazia italiana. C'è però un rischio politico. Una  vittoria elettorale di Meloni potrebbe rafforzare l'asse di destra in  Europa. Gli amici di Salvini e Meloni sono il primo ministro ungherese Viktor Orbán e il partito polacco PiS. Questo può portare alla  marginalizzazione dell'Italia all'interno dell'Europa".

Renzi: «L'endorsement di Scholz è controproducente»

"Farò di tutto perché non ci sia  Giorgia Meloni al governo. Ma se gli italiani decideranno così non sarà il cancelliere Scholz a cambiare i giudizi. Anzi temo che certi  endorsement possano essere controproducenti". Lo ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, replicando, a margine di un incontro ad  Assolombarda, a chi gli chiedeva dell'affondo dell'Spd contro la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. "Io - ha sottolineato - lavorerò fino all'ultimo giorno perché la Meloni non vinca. Dopodiché credo che gli italiani abbiano il diritto di scegliere come hanno fatto i tedeschi e come fanno tutti gli altri. Ciascuno pensi alle proprie contraddizioni, alle proprie alleanze di governo". 

Letta: io a Berlino per interesse Italia, Meloni stupefacente

"Tutte le polemiche di ieri sulla mia visita a Berlino sono totalmente fuori posto, sono figlie di un'idea autarchica e provinciale dell'Italia che è un'idea sbagliata che non difende gli interessi dell'Italia". Queste le parole del segretario del Pd, Enrico Letta, commentando il suo viaggio in Germania per tentare di trovare una soluzione sul rincaro energetico. Parlando a Pompei, a margine di una visita agli Scavi con il ministro della Cultura Dario Franceschini, il leader dem ha aggiunto: "Gli interessi dell'Italia si difendono decidendo insieme in Europa nella direzione giusta, com'è quella che dobbiamo prendere per abbassare il costo dell'energia che oggi è la priorità assoluta nel nostro Paese". "Sono rimasto esterrefatto dalle parole di Giorgia Meloni ieri - ha sottolineato - e delle discussioni che ho avuto con il cancelliere tedesco, discussioni nelle quali ho affrontato un tema che riguarda gli interessi del nostro Paese, l'abbassamento delle bollette elettriche, dei costi dell'energia. Sono decisioni che in parte dipenderanno da un Consiglio europeo del 30 settembre ed è fondamentale e importante che l'Italia dialoghi con gli altri Paesi europei che dovranno decidere. Questo è il metodo che noi mettiamo avanti e sul quale vogliamo lavorare". Per Letta "il nostro Paese vuole ottenere soluzioni a livello europeo e vuole che si arrivi ad abbassare le bollette a livello europeo, vuole che si riesca ad aiutare imprese e famiglie".

Meloni: "Spero che con Scholz Letta non abbia barattato l'interesse nazionale con il suo"

"Mi chiedo Letta cosa è andato a fare in Germania ieri? Spero che abbia chiesto a Scholz di parlare del tetto  al prezzo del gas per l'Italia'', perché l''alternativa potrebbe  essere che sia andato a barattare l'interesse nazionale in cambio del  suo interesse personale e questo sarebbe molto grave...''. Lo ha detto Giorgia Meloni intervistata da Rainews24.

Giorgia Meloni a Rai News 24: preoccupata per i toni della sinistra

Giorgia Meloni a Rai News 24 esprime la preoccupazione per i toni aggressivi della sinistra. "C'è un clima voluto dalla sinistra molto aggressivo e non voglio problemi, anche il centrodestra ha diritto a fare la propria campagna". Lo ha detto Giorgia Meloni parlando a RaiNews24."Non è normale - ha attaccato - che quella che vorrebbe essere classe dirigente del nostro Paese si comporti in maniera così aggressiva". "Michele Emiliano - ha citato ad esempio - ha detto parole gravi ed è ancora più grave che non ci sia stata una correzione".

"Io ero dentro Alleanza nazionale quando Fini fece quelle dichiarazioni, non mi pare di essermi dissociata. La risposta mi sembra evidente". Così la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni risponde a chi le chiede se condivide la celebre frase di Gianfranco Fini che defini' il fascismo "male assoluto".

Sul tema del gas Giorgia Meloni parla della speculazione in atto: “Il tetto al prezzo del gas è una misura che condividiamo con il governo”. Fondamentale il disaccoppiamento nelle bollette tra il prezzo del gas e  le fonti rinnovabili.

Giorgia Meloni a Rai News 24 Rai News 24
Giorgia Meloni a Rai News 24

Viminale invita a rafforzare sicurezza comizi

Massima attenzione agli ultimi appuntamenti elettorali di piazza, con un rafforzamento delle attività di prevenzione, monitoraggio e controllo per garantire che i comizi si svolgano in condizioni di sicurezza. E' l'indicazione partita - come riferiscono oggi alcuni giornali - dal capo di Gabinetto del ministro dell'Interno, Bruno Frattasi, integrando precedenti circolare di polizia in merito. Le raccomandazioni ai prefetti fanno seguito alla telefonata del leader di FdI Giorgia Meloni al ministro Luciana Lamorgese per protestare contro gli episodi di contestazione registrati sia da alcuni suoi comizi, mentre anche il leader di Iv, Matteo Renzi, aveva contattato la titolare del Viminale per chiederle la massima attenzione all'ordine pubblico durante la sua visita a Palermo.

Calenda: la coalizione di centrodestra non vedrà luce, rischio sfasci

Quella coalizione (di centrodestra ndr) non vedrà la luce, credetemi, perché non può reggere insieme, si detestano. Il rischio vero è lo sfascio, non il fascio. Lo ha detto in un'intervista a Rtl 102.5 il leader di Azione Carlo Calenda, che ha affermato di escludere che la Meloni rappresenti un pericolo democratico per il Paese. Meloni rappresenta un grave pericolo di incapacità di gestire il Paese, con una coalizione che ha un livello di contraddizioni interne impressionante. Basta pensare a Berlusconi che dice che ha abolito la leva e quell'altro dice che la vuole rimettere, la flat tax al 15, al 23, promettono miliardi di cose". Secondo Calenda, "c'è pochissima voglia di governare. La Meloni non sembra una persona che sta andando a vincere le elezioni. E' nervosissima, arrabbiata con tutti".

Calenda: “Proponiamo governo larghe intese con Draghi”

"Io propongo un governo di larghe intese con Draghi. Se noi riusciamo a prendere più del 12% non si può formare un governo e si va avanti con Draghi. Come successo con Mattarella, penso che Draghi messo davanti alla responsabilità per il Paese lo farebbe". Così il leader di Azione, Carlo

Meloni, nostra vittoria in Italia spiani strada Vox

Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d'Italia grande favorita a diventare la prima donna a guidare il governo in Italia dopo le elezioni del 25 settembre, auspica che la vittoria di Fratelli d'Italia "possa aprire la strada a qualcosa di simile in Spagna tra pochi mesi". Lo ha detto in un'intervista all'Efe, in cui rassicura anche l'Unione Europea: "Non siamo affatto contro l'Europa, ma per un'Europa più efficiente"

Di Maio a Radio Anch'io, Salvini ha ancora patto con partito Putin

"Salvini non ha cambiato idea su Putin, l'accordo fra la Lega e il partito di Putin ancora c'è". Lo ha detto il ministro degli Esteri e leader di Impegno civico, Luigi Di Maio, a Radio anch'io, su Radio Rai Uno, commentando l'affermazione del leader della Lega a Radio Anch'io.

Inneggiò a Hitler, candidato Fdi sospeso chiede scusa

"Anni fa ho scritto cose profondamente sbagliate. Avevo cancellato il mio profilo personale su Facebook perché mi vergognavo delle cose che erroneamente avevo pubblicato. Non so come Repubblica le abbia trovate, ma sono il primo a condannare senza ambiguità quelle espressioni. Chiedo scusa a chiunque si sia sentito offeso da quei post che a distanza di anni giudico indegni". Lo ha scritto, sui social, Lillo Pisano, coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia ad Agrigento e candidato alle prossime elezioni alla Camera. Pisano è stato sospeso da Fdi "con effetto immediato" da tutti gli incarichi nel partito guidato da Giorgia Meloni dopo che erano arrivate le proteste, fra le altre, della comunità ebraica di Roma, perché aveva usato parole inneggianti a Hitler e Putin.

Slavini a Radio Anch’io: “Tutti hanno cambiato giudizio su Putin dopo la guerra” 

"Il giudizio su Putin prima e dopo la guerra è cambiato da parte di tutti. Prima tutti facevano accordi commerciali, da Letta a Renzi a Prodi a Berlusconi. È chiaro che se  nel 2022 scatena una guerra, passa dalla parte del torto". A ribadirlo è il leader della Lega Matteo Salvini, ospite stamane di 'Radio  Anch'io' Radio Uno Rai. Sollecitato sul tema delle sanzioni, Salvini aggiunge: "Le abbiamo sempre votate". Ma ora, sottolinea, "siamo al settimo mese di guerra, io ho solo fatto la domanda: le sanzioni stanno mettendo in ginocchio la Russia? Vedete le bollette? Non vorrei che a pagare le sanzioni fossero i lavoratori italiani". Se andrà al governo, sulle sanzioni "continueremo a fare ciò che abbiamo già fatto ma proteggeremo i lavoratori italiani. Come durante il Covid. È un secondo Covid, non in ospedale ma in fabbrica e  bisogna proteggere gli italiani".

Salvini, a Radio Anch’io, canone Rai da abolire

"In tanti paesi Europei la tv pubblica non è finanziata da un canone, è un'altra voce nelle bollette degli italiani”. "La Rai è una grande azienda che può utilizzare i 700 milioni di euro che incassa dalla pubblicità tagliando magari qualche super stipendio a radical chic che vanno in tv a fare comizi", ha aggiunto.

Parolin auspica che i toni della campagna elettorale si smorzino

Il segretario di stato Vaticano Pietro Parolin ha auspicato che "i toni della campagna elettorale  si smorzino" e che "si metta al primo posto il bene del Paese": Lo ha detto lui stesso rispondendo ad una domanda dei giornalisti italiani a margine di un premio assegnato al premier Mario Draghi a New York.

Usa: tributo di Kissinger a Draghi, "grande rispetto per lui"

"Ho grande rispetto per Mario Draghi. Lui ha una grande capacità di analisi intellettuale, potete stare sicuri che se fa una proposta, quella porta a qualcosa di positivo per tutti perché nasce da una profonda analisi". Lo ha detto Henry Kissinger, 99 anni, seduto al fianco del presidente del Consiglio, nella sua "laudatio" a coronamento della premiazione del premier, come "statista dell'anno". Il gala è organizzato all'Hotel Pierre di Manhattan, dalla Appeal of Conscience Foundation. Kissinger ha ricordato che Draghi ha raggiunto traguardi "perché è stato ritenuto credibile" e grazie alla "sua visione e leadership", oltre che per la sua "capacità di analisi e il suo coraggio".

 

Per approfondire la notizia: Mario Draghi premiato a New York: "Solo l'Ucraina può decidere quale pace è accettabile"