Verso le elezioni

I partiti si "accorgono" dei giovani e puntano a conquistarli. Rimane aperto il problema del gas

La campagna elettorale in vista del voto del 25 settembre
I partiti si "accorgono" dei giovani e puntano a conquistarli. Rimane aperto il problema del gas
Getty
elezioni

PNRR. Letta a Meloni: "Altro che rinegoziare"

"Altro che rinegoziare!", l'Italia deve andare avanti con decisione sulle riforme stabilite dal Pnrr. Lo afferma il segretario del Pd, Enrico Letta, in una intervista a 'Restart' su Rai2. Per Letta "la frase di Giorgia Meloni" che quando Fdi e il centrodestra andranno al governo 'rovesceranno l'Italia come un pedalino', "Non mi è piaciuta per niente. È orribile come la frase che ieri Meloni ha usato ieri quando ha parlato di morra cinese, mettendo insieme il rifugiato violentatore e la donna violentata. Non è soltanto il linguaggio ma dentro c'è un disprezzo per le persone in difficoltà che è insopportabile. 

Conte: via amici degli amici dei politici da sanità pubblica, faremo una legge

"Dobbiamo investire tanto e lavorare per migliorare la sanità e, dalla sanità pubblica, via gli amici degli amici dei politici di turno. Le aziende sanitarie vanno governate da chi ha competenze e professionalità. Dobbiamo fare una legge che spazza via i colori politici dalla sanità pubblica." Così il presidente del M5S, Giuseppe Conte a Manfredonia.

Salvini: nel programma del centro destra non c'è blocco navale

"Nel programma di centrodestra non c'è nessun blocco navale. Non c'è bisogno di fare la battaglia navale o schierare i sommergibili. Ci sono i decreti sicurezza che hanno già funzionato. Basta reintrodurli, perché hanno funzionato e con i quali avevamo sostanzialmente azzerato gli sbarchi degli immigrati clandestini che, invece, in queste ore si stanno ripetendo a migliaia". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite a Rete4.

Meloni: parole Hillary Clinton mi hanno fatto piacere

"Mi hanno fatto piacere, e le capisco". Lo dice il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni in una intervista al Tg5, in riferimento alle parole dell'ex segretario di Stato americano Hillary Clinton ("Meloni premier rappresenta rottura con il passato e sarebbe una buona cosa. Poi andrà giudicata per quello che fa ma questo vale per ogni leader, uomo o donna"). "Le donne - spiega Meloni - sanno che esiste questo problema del tetto di cristallo, per cui è sempre un problema se una donna emerge troppo. Chiaramente avere un premier donna per la prima volta in Italia, al di là di chi sia, se di destra o di sinistra romperebbe quel tetto di cristallo, e aprirebbe la strada a tantissime".

Fratoianni: obiettivo cambiare Italia nel segno diritti

"La nostra proposta ha l'obiettivo di cambiare l'Italia nel segno di diritti, giustizia e libertà per tutti. Abbiamo di fronte una destra che ha, nel suo programma politico esplicito, la riduzione dei diritti. Noi invece vogliamo una Europa più giusta, più verde, più libera". Così il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

Tajani: tetto Ue a prezzo gas e nucleare per combattere aumento prezzi

"La prima scelta da fare è mettere un tetto al prezzo del gas, per sconfiggere l'inflazione dobbiamo farlo al livello europeo. La Russia reagirà ma noi ci dobbiamo impegnare per arrivare all'autosufficienza, puntando su altri fornitori, avere una strategia che ci porti all'aumento dell'estrazione del gas nel nostro Paese. Infine cominciare a lavorare per il nucleare pulito di quarta generazione. Lo ha detto il vice presidente di Forza Italia, Antonio Tajani, ospite al Tg4.

Meloni: dati ci danno al governo, avversari nervosi

"Noi metteremo gente preparata al governo: puntiamo al merito". Lo ha detto la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni nelle prime battute del suo comizio a Cagliari. "I dati che dicono che Fratelli d'Italia potrebbe governare stanno creando molto nervosismo. Non abbiamo vinto niente, bisogna combattere ma i dati dicono quello che dicono".

Renzi: noi unico voto utile perché Italia cresca

"Siamo l'unico voto utile perché l'Italia torni a crescere". Lo ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, all'evento di apertura della campagna elettorale del terzo polo a Milano. "Da una parte c'è una destra sovranista tra le peggiori in Europa, dall'altra una sinistra populista. E tra gli altri, a destra, sinistra e nel M5S, c'è chi ha mandato a casa Draghi, noi l'abbiamo sostenuto".

Della Vedova: Azione? Finirà per aiutare destre

"Noi siamo rimasti fedeli al patto. Chi ha cambiato idea finirà per aiutare la destra di Salvini e Meloni". È la critica che Benedetto Della Vedova, segretario nazionale di +Europa rivolge a Carlo Calenda leader di Azione, intervenendo ad Avellino ad una manifestazione elettorale.

Schifani: reddito di cittadinanza va rimodulato

"È una misura interessante che però va rimodulata, nel senso che vanno tutelate le fasce più deboli, coloro che hanno davvero bisogno. Sono mancati in questi anni i controlli sulle 3 offerte di lavoro rifiutate da parte dei percettori. Non ci sono stati reali e seri controlli e quindi siamo andati avanti coi rinnovi. Ripeto guardare a chi ha davvero  bisogno." Lo ha detto Renato Schifani, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Siciliana.

Lista Cappato deposita ricorso dopo esclusione per firme digitali

La lista 'Referendum e Democrazia con Cappato' ha annunciato di aver depositato il ricorso dopo l'esclusione alle elezioni 2022, finalizzato a ottenere l'ammissione della lista nella circoscrizione della Lombardia. "Se il giudice non dovesse accogliere il ricorso, chiederemo di sollevare una questione di legittimità costituzionale, per la palese irragionevolezza del presunto divieto di presentazione in forma elettronica di liste in occasione delle elezioni, laddove da più di un anno la stessa identica procedura è ammessa invece per iniziative di valore costituzionale altrettanto rilevante e cioè per le iniziative referendarie e le iniziative di legge popolare."

Bonetti: Letta ci attacca insultando intelligenza elettori

"Enrico Letta non è ancora riuscito a trovare argomento migliore che attaccarci insultando l'intelligenza degli elettori che vorrebbe convincere. Il segretario di un partito fa campagna elettorale sulle proposte e idee che offre al Paese. Se le idee le ha. Se." Lo scrive su Twitter la ministra per le Pari opportunità Elena Bonetti, esponente di Italia Viva.

Marcucci: "Benvenuto in campagna elettorale a Giuseppe Sala"

"Con Giuseppe Sala e Carlo Cottarelli in campo per il Pd e Più Europa, possiamo vantare un modello concreto di amministrare i territori, ed una volontà realmente riformista. Sono orgoglioso di amministratori come Stefano Bonaccini, Giorgio Gori, Dario Nardella e mille altri. Oltre le parole, ci sono i fatti. Benvenuto in campagna elettorale al sindaco di Milano". Lo scrive sui social il senatore Dem Andrea Marcucci.

Speranza: "Sul Covid la Destra lancia degli occhiolini ai no vax"

"Ho sfidato Giorgia Meloni a un confronto sul tema dei vaccini perché su questo tema continuano parole e messaggi subliminali a chi si è battuto contro i vaccini e le restrizioni. Questa destra è pericolosa e può portare il Paese a sbattere. A destra non dicono una parola sul Covid. Anzi, continuano a lanciare occhiolini al mondo no vax". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, in occasione di un incontro di Pd e Articolo 1, a Firenze. "Chiederò - ha aggiunto - fino all'ultimo giorno di campagna elettorale a Salvini e Meloni  di dire che, dopo il 25 settembre, la campagna vaccinale continuerà con la stessa forza di prima".

Bonino: "La scelta tra me e la Meloni è tra Centrosinistra e destra che spaventa"

''Io non sono Giorgia, sono Emma. Lo dico  non per arroganza ma perché in queste due figure si incarna la  differenza tra la coalizione di centrodestra e +Europa, che è nella  coalizione di centrosinistra''. Lo ha detto Emma Bonino, intervenendo  alla presentazione dei candidati di +Europa a Torino.        

''Io sono per le libertà economiche, civili e personali. Di là,  invece, c'è una coalizione che si richiama a Orban e Putin, per una  democrazia illiberale alla quale non sento di appartenere e che anzi - ha sottolineato la leader di +Europa - mi spaventa abbastanza. Sono  anche una europeista convinta da sempre, anche quando parlare di  Europa non era popolare. Peccato che poi è arrivato il Covid e altre  disgrazie e ora sono tutti europeisti, alcuni proprio di facciata. Ma  intanto c'è una scelta da fare, e mi rivolgo ai cittadini: andate a  votare, perché il partito maggioritario resta quello degli astenuti,  tra chi è sfiduciato e chi non può, come i fuorisede, problema su cui  stiamo lavorando dal 2017. Andate a votare, e se votate +Europa - ha  concluso Bonino - è pure meglio''.

Salvini: "Io su TikTok ci sono da tempo. Arrivarci solo 20 giorni prima del voto è impresa difficile, auguri"

"Sono su TikTok da tempo" e lo considero "uno strumento utile per ascoltare i giovani: qui arrivano idee e proposte interessanti". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, che dà il "benvenuto" agli altri leader di partito: "Arrivarci 20 giorni prima del voto è un po' più complicato che non esserci da anni". "Io ci sono da un po' di tempo su TikTok, non per fare 'din don dan', ma per condividere la mia vita privata ma anche per ascoltare", ha detto Salvini, a margine della presentazione dei candidati alle elezioni del 25 settembre a Bologna. "Il tema dell'abolizione del numero chiuso per accedere al primo anno di medicina è arrivato dai social che ieri mi hanno detto di estendere anche a Scienze infermieristiche. Pare che i ragazzi, a proposito del risparmio energetico, mi dicono 'no alla chiusura delle scuole un giorno alle settimane, ma si potrebbe entrare un'ora dopo, soprattutto per i ragazzi delle scuole superiori che potrebbero entrare alle 9 invece che alle 8 per avere un'ora di luce in più". "A me TikTok, Instagram e Facebook servono anche per capire e per ascoltare - ha aggiunto il segretario -. Poi sono arrivati Berlusconi, Renzi, Calenda, Letta: benvenuti, la rete è quanto di più libero e democratico che ci sia. Arrivarci 20 giorni prima del voto è un po' più complicato che esserci da anni. Quando sono arrivato su TikTok c'erano titoloni in cui venivo preso in giro perché facevo il bambino e facevo i balletti... io non sono bambino e non so ballare però da TikTok arrivano anche segnalazioni utili e intelligenti che a volte possono diventare legge. Per me valorizzare i ragazzi è una cosa importante".

Conte: "Rimonta M5S? Ne ero certo, sono finiti i giochi palazzo"

Una rimonta M5S nei sondaggi? "Adesso non è più tempo di giochi di palazzo o teatrini politici. Adesso è il tempo del confronto con i cittadini, io giro le piazze da Nord a Sud e vedo un rinnovato entusiasmo da parte dei cittadini che riconoscono la nostra coerenza e la nostra forza. Adesso non ci sono più le bugie e quel clamore mediatico che ha distorto completamente la nostra immagine politica e ha frainteso in buonafede o alterato in malafede le nostre battaglie politiche. Ora è il momento della verità. Di questa rimonta eravamo certi, i cittadini apprezzano le nostre battaglie politiche". Così il leader M5s Giuseppe Conte in un punto stampa a Volturara Appula.

Salvini: "Dobbiamo difendere agroalimentare italiano"

"Ringrazio tutte le donne e gli uomini in campo, anche se siete stati scorretti nei miei confronti: portarmi mentre sono a dieta nella casa del tortellino è una cosa scorretta". Ha esordito così il leader della Lega Matteo Salvini, in visita a Bologna per la campagna elettorale. Dopo l'elogio, imitando il dialetto emiliano, "al turtlén" (tortellino) bolognese, è passato a quella che ha definito "una battaglia fondamentale e una priorità della Lega quando sarà al governo, la difesa dell'agroalimentare italiano: useremo il nostro voto a Bruxelles per fermare quella schifezza del Nutriscore", ha detto.   "La priorità - ha detto - è difendere i nostri agricoltori, produttori e pescatori, perché mangiare italiano fa bene, si mangino loro le loro schifezze da laboratorio. Dobbiamo difendere il nostro modo di lavorare, di vivere e di mangiare, visto che l'uomo è ciò che mangia. Difendere l'agricoltura italiana sarà una delle priorità della Lega al governo  e il Nutriscore glielo infiliamo nel taschino. Ritornerò il 26 a Bologna e alla casa del tortellino - ha concluso - a festeggiare la vittoria".

Letta: "Partita tutta da giocare, le ultime settimane saranno decisive"

"Abbiamo tre settimane davanti in cui gli indecisi sono al 40%, i giovani non hanno ancora deciso cosa andare a votare, è una partita tutta da giocare, e come si è visto anche in tante altre elezioni nel nostro Paese sono le ultime settimane quelle decisive". Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta in un punto stampa fuori Palazzo Marino a Milano con il sindaco Beppe Sala. "Per questo motivo le voglio cominciare da Milano accanto a un'esperienza così positiva come quella di Beppe Sala", ha aggiunto.

Salvini: "Bloccare gli aumenti delle bollette e stop alle cartelle del fisco"

"In questo momento l'Italia ha due emergenze prioritarie da risolvere. Servono interventi immediati per bloccare gli aumenti di luce e gas, ma anche lo stop all'invio delle cartelle esattoriali della Agenzia delle Entrate". Così il leader della Lega, Matteo Salvini in visita stamattina a Reggio Emilia per presentare i candidati del Carroccio alle prossime elezioni politiche. "Non voglio vincere le elezioni con un Paese in ginocchio e un milione di disoccupati in più. C'è un Governo ancora in carica, proceda. Come ha fatto la Francia che ha stanziato 30 miliardi subito", ha detto Salvini.

Renzi: "Nasce a Milano Renew Italia", una formazione politica europea per i giovani

"Oggi a Milano nasce Renew Europe in Italia, il partito che in Francia è guidato da Macron, e che porterà tanti giovani a interessarsi di politica perché a noi non basta scommettere sulle elezioni politiche del 25 settembre, vogliamo scrivere una pagina nuova nella politica europea". Lo annuncia Matteo Renzi in un video sui social.

Bernini: "Berlusconi su TikTok? Fa bene, i 18enni votano anche al Senato"

"Lo adoro, ma rinuncio. Non ce l'ho. Se ha un senso stare su TikTok per il presidente Berlusconi lo capiremo solo vivendo. È ovvio che dobbiamo fare qualcosa per i giovani, ricordiamoci che i 18enni voteranno anche al Senato. È fondamentale andare a votare. L'astensionismo è insidioso. Siamo importantissimi come cittadini quando abbiamo in mano la matita e la scheda elettorale". Così Anna Maria Bernini, capogruppo di Fi al Senato, a  Rtl 102.5

Letta: "Irripetibile la maggioranza del governo Draghi"

"L'Esperienza di Draghi è stata positiva e io spero che Draghi abbia ancora un ruolo di primo piano al servizio del Paese. Ma quel tipo di maggioranza è irripetibile". Lo ha detto Enrico Letta, segretario del Pd in una intervista a "Il Messaggero".

Calenda: ricomincia l'epoca del Papeete, mandiamoli a casa

"Traduzione. Ricomincia l'epoca del Papeete, dell'abbiamo abolito la povertà, delle balle spaziali e dei Ministri che non vanno a lavoro. Insomma quella che è appena collassata per poi chiamare un 'tecnico', in ginocchio. Mandiamoli a casa. Per sempre". Lo scrive su twitter il leader di Azione Carlo Calenda, commentando le parole di Matteo Salvini, secondo il quale è finita l'era dei tecnici e il centrodestra stravincerà. 

Renzi: non si vince con le alleanze ma con le idee chiare

"Con questo sistema elettorale vince chi ha le idee chiare. Se ti allei con chi vuole abolire la proprietà privata a partire dai jet, vuole aumentare le tasse ed è contrario alla Nato, perché questo ha fatto il Pd di Enrico Letta...non vinci con le alleanze ma con le idee chiare. Il Pd di Enrico Letta ha fatto scelte dettate dal rancore personale. Non sono le alleanze che fanno vincere ma le idee chiare". Lo dice il leader di Iv Matteo Renzi a Radio Capital.

Di Maio: lo Stato paghi l'80% delle bollette

"Le mie preoccupazioni sono quelle di tutti gli italiani. Caro bollette, aumento del carrello della spesa,  caro energia. Tutti problemi concreti, davanti ai quali noi facciamo proposte concrete". Lo dice il ministro Luigi Di Maio, leader di Impegno Civico, in un'intervista a 'La Nuova Sardegna'. "Mi riferisco - aggiunge - al decreto taglia-bollette, con cui lo Stato paga l'80% delle bollette di tutte le imprese, grandi e piccole, fino alla fine dell'anno". E sulla scissione dal M5s, Di Maio precisa: "Se non l'avessimo fatta, il governo sarebbe caduto in occasione della risoluzione sull'Ucraina e sulla politica estera".

Romeo: la Lega rimonterà chi si è allontanato alla fine ci capirà

"Stiamo sicuramente recuperando. Specie dopo le ultime Amministrative di maggio. Il recupero c'è, vedo entusiasmo sulle nostre battaglie storiche. Sento che attorno a noi sta tornando l'entusiasmo di una volta". Lo ha detto Massimiliano Romeo, capogruppo al Senato della Lega in un'intervista a La Stampa. "Ora dobbiamo spiegare meglio le nostre ragioni. Noi entrammo nel governo perché ce lo avevano chiesto le categorie più vicine, le piccole e medie imprese. Anche perché altrimenti ci sarebbe stata una maggioranza sbilanciata sui giallo-rossi - ha aggiunto - la nostra fatica è farci capire da chi si è allontanato dalla Lega, ma sono convinto che ce la faremo e rimonteremo".

Letta: la destra non ha già vinto, puntiamo sugli Under 35

Le possibilità di vittoria del Pd alle prossime elezioni "dipendono da quanto siamo in grado di portare le persone al voto. Ci sono milioni di indecisi, specie fra i giovani. Siamo il primo partito tra gli under 35, è molto incoraggiante. Quanto agli esiti già scritti la storia anche recente è piena di risultati elettorali inattesi di ribaltamenti, di spinte non fotografate dai sondaggi". Lo dice il segretario dem, Enrico Letta, in un'intervista al Messaggero. E se il Pd dovesse essere il primo partito "significa cambiare la percezione del nostro Paese anche all'estero" oltre a "incidere molto di più da protagonisti sugli equilibri nel prossimo parlamento". Se invece il centrodestra trionfasse "l'Italia passa da Mario Draghi a Giorgia Meloni, non c'è altro da aggiungere".

Speranza: con Lega e FdI i 'no vax' al governo

"Gli italiani devono sapere cosa succede alla campagna di vaccinazione anti Covid se vince la destra". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, a La Stampa. "Meloni e Salvini hanno un atteggiamento ambiguo", aggiunge sottolineando come le loro dichiarazioni "fanno l’occhiolino ai no vax". "Credo che il Paese abbia bisogno di sapere fino in fondo la verità: il Covid non è scomparso o evaporato, ma è un tema di cui dovremo occuparci nei prossimi mesi. E l’arma fondamentale è la campagna vaccinale", aggiunge Speranza. "Gli italiani hanno il diritto di sapere se c’è qualcuno che vuole cambiare la linea tenuta dal governo finora, basata su diritto alla salute ed evidenza scientifica. Su questo tema sono pronto a un confronto pubblico con Meloni", conclude.