L'invasione russa

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 197

Gli aggiornamenti in tempo reale
Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 197
Ipa
Zaporizhzhia, partita da Kiev la missione Aiea 1/09/22

Rappresentante Gb all'Onu: Kiev ha diritto alla difesa

"L'Ucraina ha tutto il diritto di difendersi legalmente e moralmente e lo sta facendo con grande coraggio, non combatte solo per la sua esistenza ma in difesa della carta Onu". Lo ha detto l'ambasciatrice britannica alle Nazioni Unite, Barbara Woodward, durante la riunione del Consiglio di sicurezza. "La Gran Bretagna è orgogliosa di sostenere la gente ucraina e continueremo a farlo, continueremo a essere contro questa aggressione, per la libertà, la democrazia e la sovranità delle nazioni in tutto il mondo" ha aggiunto.

Zelensky annuncia liberazione città di Balakliya

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha pubblicato un video che mostra il resoconto delle truppe ucraine sull'esecuzione dell'ordine di liberare la città di Balakliya, nella regione di Kharkiv. Lo riferisce Ukrinform. "Ogni cosa è al suo posto: la bandiera dell'Ucraina è in una città ucraina libera sotto un cielo ucraino libero! Grazie!" ha scritto Zelensky. Le forze armate di Kiev hanno liberato più di 20 insediamenti nella regione.

Russia a Onu: Occidente ha lanciato guerra per procura

"I nostri colleghi occidentali hanno lanciato una guerra per procura usando l'Ucraina". Lo ha detto l'ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, durante la riunione del Consiglio di sicurezza, continuando a definire l'invasione una "operazione militare speciale". "Nuove armi non cambieranno l'equilibrio delle forze ma estenderanno solo l'agonia del regime di Zelensky", ha continuato.

Sindaco: nuovo blackout nella città della centrale di Zaporizhzhia

Nuovo blackout stasera a Energodar, la città che ospita la centrale nucleare di Zaporizhzhia, da settimane al centro degli scontri. Lo ha annunciato il sindaco Dmytro Orlov, citato da Unian. "Per un breve periodo i fornitori di energia sono stati contenti del ripristino della fornitura di elettricità. Venti minuti fa la luce si è spenta di nuovo - ha detto Orlov - è così in tutta la città."

I primi video da Balakliya liberata: un gruppo di cittadini esulta

Nuove immagini dalla controffensiva ucraina nella regione di Kharkiv, iniziata martedì. Questi video, insieme ad alcune fotografie che circolano sui social network scattate in luoghi riconoscibili della cittadina, sono le prime testimonianze dell'ingresso delle truppe ucraine. Al passaggio di un auto delle forze ucraine un gruppo di cittadini saluta e esulta. 

APPROFONDISCI LA NOTIZIA QUI

Domani a Bari due navi con 20 mila tonnellate di grano ucraino

Domani arriveranno a Bari due navi provenienti dall'Ucraina e che trasportano complessivamente 20mila tonnellate di grano tenero. Lo comunica l'Agenzia delle accise, dogane e monopoli sottolineando di aver predisposto tutte le procedure necessarie per le verifiche "che saranno effettuate da parte dei propri ispettori specializzati". La prima imbarcazione, la 'Triump IV', arriverà "nella prima mattinata di domani: salpata dal porto fluviale di Reni, confinante con la Moldavia e la Romania, trasporta un carico di seimila tonnellate di grano tenero. Seguirà l'arrivo della seconda imbarcazione, la 'Simas', salpata dal porto di Odessa, con sosta a Istanbul per i controlli, trasporta un carico di oltre 14 tonnellate di grano tenero".

Casa Bianca: "Coordinamento per garantire energia all'Europa"

Joe Biden ha parlato oggi in videoconferenza con alleati e partner "per sottolineare il continuo sostegno internazionale all'Ucraina, attraverso la fornitura di armi e aiuti economici e l'imposizione di costi alla Russia in risposta alla sua aggressione". Lo fa sapere la Casa Bianca in un nota. I leader hanno anche discusso "della strumentalizzazione dell'energia da parte della Russia e della necessità di un ulteriore coordinamento per garantire forniture energetiche sostenibili e convenienti per l'Europa".

Casa Bianca: l'accordo sul grano regge

 Non c'è alcuna indicazione che l'accordo Onu-Turchia sul grano ucraino stia andando a pezzi, l'intesa sta avendo l'effetto voluto: lo ha detto il portavoce del consiglio per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, dopo la minaccia di Vladimir Putin di limitare l'export di grano verso la Ue.

Guerini da Ramstein: "Ribadito il sostegno alla resistenza"

 "Oggi a Ramstein all'Ukraine Defense Contact Group con Paesi amici alleati e partner, ho ribadito il nostro sostegno a Kiev e alla resistenza ucraina. L'Italia è e sarà all'altezza delle sue responsabilità". Così su twitter il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. L'Ukraine Defense Contact Group è il format che riunisce i Paesi donatori di armamenti all'Ucraina.

I campioni dello sport russo pronti ad appellarsi al Cio

C'è fermento attorno alla 'raccomandazione' del Comitato Olimpico Internazionale (Cio) che non consente di invitare atleti e dirigenti di Russia e Bielorussia agli eventi internazionali per quella che è un sanzione sportiva all'invasione militare russa in Ucraina. A Mosca e dintorni i campioni olimpici ed olimpionici russi di ieri e di oggi, sono pronti ad appellarsi al presidente del Cio, Thomas Bach. Vyacheslav Fetisov, primo vicepresidente del Comitato della Duma di Stato per la cultura fisica e lo sport, gia' ministro dello sport (2002-2008) famoso in tutto il mondo per essere stato uno dei più forti giocatori (difensore) di hockey su ghiaccio della storia, mette in dubbio il divieto imposto dal Cio- "Stiamo cercando un formato per fare appello al presidente del Cio affinché' ci spieghi sulla base di quali documenti e' stata presa la decisione di rimuovere i russi poiché non è prevista dalla Carta olimpica - ha detto 'Slava' Fetisov a margine dell'Eastern Economic Forum di Vladivostok -. In caso contrario, e' necessario richiedere loro di modificare lo statuto e i documenti delle federazioni che in questo caso cesseranno di essere sportive poiche' lo sport e' finalizzato ad unire le persone e creare un'atmosfera di unita'". 

Podolyak: "Né Berlusconi né Merkel validi mediatori"

"Le strane proposte di alcune figure di diventare mediatori tra Ucraina e Russia dovrebbero essere considerare come un tentativo di utilizzare il tema dell'Ucraina per rilanciare il proprio nome nei loro Paesi. Qualsiasi mediatore deve avere fiducia, autorità, rilevanza. Certamente né Berlusconi né Merkel ce li hanno. Per cosa?". Lo ha scritto su Twitter il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak.

Pentagono: "Russia sconfitta nei suoi obiettivi stategici"

 Le forze armate russe hanno ottenuto "limitati successi tattici in alcune aree dell'Ucraina" ma "nei loro obiettivi strategici sono state sconfitte". Lo ha dichiarato il capo di stato maggiore congiunto degli Stati Uniti, Mark Milley, in conferenza stampa al termine della riunione del Gruppo di Contatto per la Difesa dell'Ucraina a Ramstein, in Germania. "La guerra non è finita", ha ammonito Milley, "la Russia è un paese grande e ha obiettivi molto ambiziosi sull'Ucraina, dobbiamo continuare a dare all'Ucraina quello che le serve nella sua lotta per la libertà". L'Ucraina ha lanciato una controffensiva nel Sud e "il suo progresso è stabile, ed è ponderato", ha aggiunto

Mosca: "Kiev annuncia avanzate per fare pressione su Ramstein"

 Il tentativo di controffensiva ucraina nella regione orientale di Kharkiv, in cui Kiev ha rivendicato diverse avanzate, mira a convincere l'Occidente ad aumentare le forniture di armi. Lo ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, citata dalla Tass, facendo riferimento alla riunione del Gruppo di contatto sull'Ucraina nella base americana di Ramstein, in Germania. "Fanno di tutto per convincere i partecipanti a questo incontro della necessità di aumentare le consegne militari, a partire dalle forniture di armi offensive aggiornate", ha affermato Zakharova, secondo cui "Zelensky è pronto a tutto pur di mantenere il sostegno militare e finanziario degli Stati Uniti e dei suoi alleati".

Il 15 settembre a Berlino vertice dei presidenti dei parlamenti del G7

Si terrà a Berlino, dal 15 al 17 settembre, il vertice dei presidenti dei Parlamenti dei Paesi del G7 e dell'Unione europea. A quanto riferiscono gli uffici del parlamento tedesco, il tema e' quello dell'"Aggressione della Russia contro l'Ucraina - Conseguenze per una nuova architettura della sicurezza internazionale". Ospite d'onore Ruslan Stefantschuk, presidente della Verchovna Rada, il parlamento ucraino, che terrà un discorso introduttivo la mattina del 16 settembre, seguito dall'intervento di Nancy Pelosi. A quanto ribadisce la nota del Bundestag, al centro della discussione saranno soprattutto le modalità del sostegno all'Ucraina, le sanzioni contro la Russia, il dramma dei profughi, le inchieste sui crimini di guerra e la ricostruzione nel paese. Dopo l'intervento di Stefantschuk, sara' un membro della delegazione ucraina, Hanna Polonska, a riferire in qualita' di testimone oculare dei massacri perpetrati a Bucha

Amministrazione militare Luhansk: "I russi stanno concentrando gli sforzi su Bakhmut"

“La situazione rimane molto difficile. La parte della Regione di Luhansk, dove le nostre truppe stanno tenendo la difesa, non è la zona più calda in questo momento. I principali sforzi dell'esercito russo sono concentrati sulla cattura della città di Bakhmut. Considerando il fatto che le forze armate dell'Ucraina hanno visto alcuni successi nelle regioni di Kherson e Kharkiv i russi stanno spostando truppe su diversi fronti, quindi noi nella regione di Luhansk abbiamo un po' meno carico”. Lo ha detto Serhii Haidai, capo dell'amministrazione militare dell'Oblast di Luhansk, alla televisione ucraina, riferisce Ukainska Pravda.

Quattro bombardamenti nella regione di Dnipropetrovsk

Secondo quanto riferisce dal capo dell'amministrazione militare della regione di Dnipropetrovsk,  Valentyn Reznichenko, i russi hanno colpito quattro volte con artiglieria pesante. Non risultano feriti.

Controffensiva ucraina: significativa avanzata tra Kharkiv e Izyum, territori riconquistati anche nel Donbass e nel Sud

Le forze armate ucraine hanno rivendicato la riconquista di territori nelle controffensive nelle regioni del Donbass e di Kharkiv e nel sud del Paese. "Nella regione di Kharkiv, i difensori ucraini hanno liberato più di 20 insediamenti temporaneamente occupati dagli invasori russi", ha affermato il vicecapo del dipartimento operativo principale dello stato maggiore delle forze armate di Kiev, generale di brigata Oleksiy Gromov, citato da Unian. "Attualmente, le unità militari si sono incuneate nelle difese nemiche fino a una profondità di 50 km. Sono in corso operazioni di infiltrazione in numerosi insediamenti", ha aggiunto Gromov, secondo cui in tutto sono stati ripresi complessivamente 700 chilometri quadrati di territorio. Nella serata di ieri, l'ultimo report dell'Institute for the Study of War confermava un'avanzata di almeno 20 km di profondità e 400 chilometri quadrati di terreno, citando inoltre blogger militari russi secondo cui "questo contrattacco ucraino cerca di tagliare le linee di comunicazione di terra alle aree posteriori russe a Kupyansk e Izyum, il che consentirebbe alle truppe ucraine di isolare i raggruppamenti russi in queste aree e riconquistare ampie aree di territorio". Le ultime notizie che rimbalzano sui social network, non confermate, riferiscono dell'avanzamento ucraino fino a 2 km da Kupiansk, che sarebbe stata evacuata dai filorussi. Controllare questo nodo bloccherebbe isolerebbe Izyum, la città da cui nelle scorse settimane gli invasori hanno coordinato le operazioni nella regione di Luhansk. L'esercito ucraino ha inoltre rivendicato conquiste nel Donbass e nelle zone di Kramatorsk e Sloviansk. A sud, dove è in corso la controffensiva in direzione di Kharkiv, le forze di Kiev sono "avanzate in profondità nelle difese nemiche, tra due e diverse decine di chilometri" in base alle zone e "un certo numero di località sono state liberate", ha aggiunto il generale ucraino. 

Kiev: "La Russia ha usato munizioni a grappolo nella regione di Donetsk"

“La Russia ha munizioni a grappolo proibite nella regione di Donetsk”. Lo riferisce la Polizia nazionale in un post su Telegram, citata da Ukrinform: “Nell'ultimo giorno, le forze di occupazione hanno lanciato 18 attacchi contro case e infrastrutture. L'esercito russo ha attaccato otto località: le città di Avdiivka, Bakhmut, Kurakhove, Marinka, i villaggi di Vodiane, Halytsynivka, Karlivka, Lastochkyne”. L'agenzia aggiunge che Bakhmut è stato preso di mira quattro volte. Per la seconda volta i locali del Pronto Soccorso statale sono stati danneggiati e due soccorritori sono rimasti feriti. Un'ambulanza, un mercato, un centro ricreativo e culturale, le attrezzature dell'impresa statale "Artemsil", i garage sono stati danneggiati. A Halytsynivka sarebbero state distrutte cinque abitazioni private, ci sarebbero morti e feriti. 

Il video russo del freelance italiano Mattia Sorbi in ospedale

Pubblicato dalla tv del ministero della Difesa, che accusa: "La strada era minata e l'esercito ucraino lo sapeva, volevano ucciderlo e incolpare la Russia"

APPROFONDISCI LA NOTIZIA QUI

Erdogan: "Putin ha ragione, il grano ucraino non va a paesi poveri"

"Putin sul corridoio del grano ha ragione". Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan oggi, dopo che ieri il collega russo Vladimir Putin ha manifestato la volonta' di ridimensionare l'intesa per il passaggio del grano ucraino attraverso il Mar Nero. "Il grano passato attraverso il Mar Nero purtroppo va verso Paesi ricchi e non poveri"

Blinken da Kiev: "Due milardi di aiuti militari a 18 stati europei che rischiano un'aggressione russa"

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha visitato l'ospedale pediatrico nazionale Ohmatdyt di Kiev, in Ucraina. Il capo della diplomazia di Washington ha incontrato i bambini ricoverati - compresi alcuni feriti in guerra - ed ha tenuto in braccio il cane antimine Patron, diventato una sorta di eroe nazionale nel suo paese. Ha inoltre annunciato che giovedì durante una visita a sorpresa a Kiev che gli Stati Uniti forniranno 2 miliardi di dollari di aiuti militari a 18 paesi europei che sono "più potenzialmente a rischio di una futura aggressione russa". I paesi beneficiari includono Albania, Bosnia, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Georgia, Grecia, Kosovo, Lettonia, Lituania, Moldova, Montenegro, Macedonia del Nord, Polonia, Romania, Slovacchia e Slovenia. L'aiuto consentirà ai paesi europei di acquistare attrezzature per la difesa fabbricate negli Stati Uniti Il nuovo finanziamento si aggiunge ai 675 milioni di dollari di equipaggiamento militare, inclusi obici, sistemi anticarro e munizioni di artiglieria che gli Usa forniranno all'Ucraina.

Oggi il presidente Usa Joe Biden chiamerà gli alleati

Il presidente americano Joe Biden chiamerà gli alleati per parlare del continuo sostegno dell'Occidente all'Ucraina. Lo riferisce la Casa Bianca in una nota. La videochiamata tra Biden e gli alleati si svolgerà oggi, sottolinea la Casa Bianca senza specificare un orario. In queste ore si sta svolgendo nella base americana di Ramstein, in Germania, la riunione del Gruppo di contatto sull'Ucraina presieduta dal ministro della Difesa Usa Lloyd Austin. 

Media russi: "Le forze ucraine hanno cercato di fare saltare in aria il municipio di Erdogar"

Le forze armate ucraine hanno cercato di far saltare in aria con un drone kamikaze l'edificio amministrativo di Energodar, citta' dove si trova la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo riporta l'agenzia di stato russa Ria Novosti. "Alle 13:00 ora di Mosca, a seguito della caduta di un drone kamikaze con un ordigno esplosivo improvvisato, si è verificata un'esplosione sul tetto dove sono collocati i condizionatori d'aria. In seguito è scoppiato un incendio", ha affermato il servizio stampa dell'amministrazione comunale. 

Mosca: "Una donna anziana uccisa da bombe ucraine a Donetsk"

Alexei Kulemzin, sindaco di Kirovsky, nel territorio separatista di Donetsk, ha affermato che una donna ultra-ottantenne è morta a causa dei bombardamenti ucraini nella zona. Lo riporta l'agenzia di stato russa Tass.

Un reporter italiano ferito in Ucraina, "sta bene"

 Mattia Sorbi, un giornalista italiano freelance, è stato ferito in Ucraina. La Farnesina riferisce di essere "in contatto costante con il giornalista coinvolto nell'incidente: è curato, abbiamo notizie positive sullo stato di salute, ha poca copertura per comunicare ma dispone di un contatto libero. Stiamo lavorando per farlo rientrare, in sicurezza, in Italia appena possibile". 
 

APPROFONDISCI LA NOTIZIA QUI

Zelensky: "Controffensiva su Kharkiv aiuterà su tutto il fronte". Filorussi negano che Balakiliya sia stata accerchiata

 La controffensiva ucraina a Kharkiv aiuterà gli sforzi delle truppe di Kiev sull'intero fronte del conflitto contro i russi. Lo ha sottolineato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky: "Ogni successo delle nostre forze armate in una direzione o nell'altra cambia la situazione generale lungo l'intera linea del fronte a favore dell'Ucraina".
"Piu' è difficile per gli occupanti, più perdite hanno, migliori saranno le posizioni dei nostri difensori nel Donbass, più affidabile sarà la difesa di Zaporizhzhia, Mykolaiv e delle città della regione di Dnipropetrovsk, piu' veloce saremo in grado di liberare la regione dell'Azov e l'intero sud", ha sottolineato il leader di Kiev. Intanto l'agenzia di stato russa Interfax riporta che il capo dell'amministrazione militare filorussa della regione di Kharkiv ha affermato sul canale televisivo "Russia 24" che l'esercito russo avrebbe “respinto un tentativo delle forze armate ucraine di circondare Balakliya”. Ieri il Guardian aveva dato conto di questo accerchiamento citando fonti russe.

Metsola: "Sono orgogliosa della risposta europea alla guerra"

"Il mondo si avvicina a duecento giorni di guerra in Europa. Il brutale attacco di Putin insegna che non possiamo dare nulla per scontato. Sono orgogliosa della risposta europea, abbiamo sostenuto l'Ucraina, fornito armi e sostegno diplomatico, oltre a finanziamenti senza precedenti", Lo ha detto stamani Roberta Metsola, presidente del Parlamento europeo, nel corso dell'evento 'About Women' in corso di svolgimento alla Mostra del Cinema di Venezia. Intervistata dal direttore del Giornale di Vicenza, Marino Smiderle, ha spiegato come l'Europa condivide dei valori che devono essere protetti, "per questo abbiamo concesso all'Ucraina lo status di Paese candidato all'Unione Europea".

Orban: "Le sanzioni rischiano di mettere l'Unione europea in ginocchio"

"A causa delle sanzioni e della guerra, l'Europa potrebbe rimanere senza energia: sono in vigore 11 mila sanzioni contro la Russia, ma la guerra è ancora in corso e i tentativi di indebolire Mosca sono falliti". Lo ha dichiarato il primo ministro ungherese, Viktor Orban, in un discorso al Bosch Budapest Innovation Campus, assicurando allo stesso tempo che in Ungheria "non ci sarà deficit energetico". Lo riportano i media locali e il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs, su Twitter. "Ci saranno gas ed elettricità a sufficienza in Ungheria", il che significa che nessuna fabbrica dovra' essere chiusa. energia, ha promesso il premier di Budapest. Sulle sanzioni contro la Russia, Orban ha affermato di non ritenerle efficaci e ha avvertito che l'inflazione e la carenza di energia causate dalle sanzioni potrebbero "mettere in ginocchio" l'Europa

Gli Stati Uniti inviano in Ucraina i migliori proiettili ad alta precisione

Il Pentagono ha inviato all'Ucraina il suo proiettile di artiglieria a più alta precisione, l'Excalibur a guida Gps, secondo documenti di bilancio che confermano l'aggiunta non annunciata all'arsenale per combattere l'invasione russa. Lo riferisce Bloomberg citata dai media ucraini. L'Excalibur è un'arma a guida satellitare che può colpire entro due metri dal suo bersaglio, è stata usata per la prima volta in Iraq nel 2007 nell'uccisione del leader di al-Qaeda Abu Jurah e dei suoi collaboratori. Utilizzato negli obici da 155 millimetri, l'artiglieria da campo dell'esercito, il proiettile è stato sviluppato in collaborazione da Raytheon Missiles and Defense e Bae Systems Bofor . L'Excalibur a guida di precisione consente ai comandanti di concentrarsi sui bersagli in modo più preciso. Ha un'autonomia di 40,5 chilometri, secondo i documenti.

Blinken in visita a sorpresa a Kiev

Il capo della diplomazia americana Antony Blinken è giunto a Kiev, in una visita a sorpresa, per parlare degli aiuti militari. 

Usa: prestiti e sovvenzioni a Kiev e paesi vicini per 2 miliardi

Gli Stati Uniti hanno approvato altri 2 miliardi di dollari in prestiti e sovvenzioni all'Ucraina e ai Paesi vicini per l'acquisto di attrezzature militari statunitensi. Lo ha dichiarato il Dipartimento di Stato. I nuovi aiuti si aggiungono ai 675 milioni di dollari di nuovi aiuti militari diretti all'Ucraina annunciati oggi dal Segretario alla Difesa Lloyd Austin. 

Kiev: "I russi hanno rapito e torturato dipendenti della centrale di Zaporhizhia"

L'operatore nucleare ucraino Energoatom accusa le truppe russe nella centrale nucleare occupata di Zaporhizhia di averne rapito i dipendenti: il presidente Petro Kotin ha anche parlato di dipendenti uccisi o torturati. Lo riferisce l'agenzia tedesca Dpa.   "Circa 200 persone sono già state arrestate. Non sappiamo cosa sia successo ad alcune di loro. Non c'è alcuna indicazione su dove si trovino", ha detto Kotin ai giornali del gruppo editoriale Funke. "È molto difficile per il nostro personale lavorare lì", ha detto. Secondo Kotin, circa un migliaio di dipendenti ucraini mantengono l'impianto in funzione. In tempo di pace, 11.000 persone hanno lavorato nello stabilimento.

Austin: "Con la controffensiva di Kiev la guerra a uno snodo chiave"

La guerra in Ucraina è entrata "in un nuovo snodo chiave". Lo ha affermato il segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin, nelle dichiarazioni di apertura della riunione del Gruppo di Contatto per la Difesa dell'Ucraina a Ramstein, in Germania. "Se la Russia continua a bombardare crudelmente città e civili con missili e artiglieria, l'Ucraina ha cominciato la controffensiva al Sud, integrando le capacità per combattere e rivendicare i propri territori", ha sottolineato Austin, osservando come gli alleati di Kiev abbiano adattato il loro contributo all'evolversi del conflitto. Il capo del Pentagono ha spiegato che gli aiuti militari hanno fatto crescere di 18 volte la dotazione di armi ucraina, arricchendola con "missili di lungo raggio e sistemi di artiglieria. "Tutte queste capacita' hanno consentito all'Ucraina di contrattaccare a fronte dell'aggressione russa", ha aggiunto Austin. 

Spenta la quinta unità di alimentazione della centrale di Zaporizhzhia

A causa del cedimento delle linee elettriche, è stata presa la decisione di spegnere la quinta unità di alimentazione della centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo ha annunciato Aleksander Volga, capo dell'amministrazione filorussa di Energodar, la città dove si trova l'impianto, aggiungendo che la sesta e ultima unita' funziona "solo parzialmente". "La situazione e' sotto controllo", ha assicurato in un'intervista al canale russo Rossiya-24.    Volga ha fatto sapere che oggi una commissione apposita deciderà la modalità di funzionamento della centrale e ha riferito che non è stato ancora possibile ripristinare le linee elettriche danneggiate a Novaya Kakhova e altri centri urbani. 

Esplosione nella sede di un movimento filorusso a Melitopol

Un'esplosione si è verificata presso la sede del movimento "Siamo con la Russia" nella città ucraina di Melitopol, occupata dalle forze di Mosca, e dove si prepara il referendum sull'annessione alla Federazione. Secondo le informazioni dei media locali, nessuno è rimasto ferito.     "Sono tutti vivi, non ci sono vittime. L'edificio ha subito danni materiali", ha spiegato il presidente del movimento, Vladimir Rogov, come riporta la Tass. Rogov ha spiegato che le esplosioni sono state due, una di seguito all'altra: la prima doveva servire come "esca" affinchè la seconda facesse più vittime. 

Aiea apre le consultazioni sulla zona di protezione a Zaporizhzhia

Rafael Grossi, il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) ha avviato le consultazioni sull'istituzione di una zona di protezione e sicurezza nucleare presso la centrale nucleare di Zaporizhzhia a causa dei costanti bombardamenti che mettono a rischio l'impianto, ha affermato l'Aiea. "Ieri, il direttore generale Rafael Grossi ha raccomandato l'istituzione urgente di una zona di protezione e sicurezza nucleare presso la centrale e sta svolgendo consultazioni volte all'attuazione di questo piano", ha affermato l'agenzia su Twitter.

Kiev all'Onu: 2,5 milioni di persone deportate in Russia

Il viceambasciatore ucraino presso le Nazioni Unite, Khrystyna Hayovyshyn, ha detto al Consiglio di sicurezza dell'Onu che migliaia di cittadini ucraini vengono deportati con la forza in "regioni isolate e depresse della Siberia e dell'estremo oriente" russo. Hayovyshyn ha quantificato in 2,5 milioni di persone i deportati ucraini,inclusi 38.000 bambini. Lo riporta la Cnn. 

Zelensky: arriveranno "buone notizie" per Kharkiv in settimana

Un'inattesa controffensiva delle forze ucraine nel nord del Paese: di questo si ragiona tra i media di Kiev e gli analisti della situazione sul campo, mentre è in corso una campagna anche a sud, intorno alla città di Kherson. Il presidente Zelensky, nel consueto messaggio serale del 7  settembre, ha detto che arriveranno "buone  notizie" per la regione di Kharkiv in questa settimana, anche se poi non ha voluto dire quali zone sono già state rioccupate dalle forze ucraine. E se anche l'esercito di Kiev non parla della situazione intorno a Kharkiv, sui social media appaiono video che documenterebbero le difficoltà dei russi e le gravi perdite che starebbero subendo anche sul fronte settentrionale dell'Ucraina. Tutti elementi che fanno pensare che effettivamente una controffensiva di Kiev sian in pieno svolgimento.

 

Stato maggiore Ucraina: respinti undici attacchi russi

Lo Stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina ha comunicato di avere respinto undici attacchi russi e di avere distrutto due aerei e un elicottero. I tentativi di avanzata delle forze di Mosca sono stati respinti nelle zone di Pytomnyk, Ruski Tyshky, Hryhorivka, Zaitseve, Mayorsk, Mykolaivka Druha, Soledar, Bakhmutske, Bakhmut, Dolyna,  e Opytne.

 

Onu: Italia, "La Russia faccia tornare i civili ucraini deportati"

L'Italia ha lanciato un appello all'Onu perché la Russia faccia tornare a casa gli ucraini deportati. L'ambasciatore italiano Maurizio Massari ha sollevato il problema nel corso del briefing del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: "Il sistema di filtraggio dei civili ucraini messo in atto dalla Russia - ha detto Massari - è una violazione dello 'jus in bello' cosi' profonda che non si vedeva in Europa dalla Seconda guerra mondiale". "La gravità della situazione - ha aggiunto - richiede due azioni rapide e cruciali. In primo luogo chiediamo alla Russia di garantire libero accesso agli organismi Onu e a organismi non governativi come il Comitato internazionale della Croce Rossa, perché visitino i centri temporanei dove si trovano i civili ucraini". "In secondo luogo - ha continuato - chiediamo alla Russia di garantire l'immediato ritorno del cittadini ucraini trasferiti con la forza, in particolare donne e bambini, nei loro territori di origine e la loro liberta' di movimento verso Paesi terzi".

Onu: credibile il trasferimento forzato dei bimbi in Russia

L'Onu ha riferito che ci sono "accuse credibili" secondo cui le forze di Mosca hanno trasferito bambini dall'Ucraina alla Russia per l'adozione come parte di trasferimenti forzati e deportazioni su larga scala. "Siamo preoccupati che le autorità russe abbiano adottato una procedura semplificata per concedere la cittadinanza russa ai bambini senza cure parentali e che questi bambini possano essere adottati dalle famiglie russe", ha sottolineato la vice segretario generale Onu per i diritti umani, Ilze Brands Kehris, parlando di "accuse credibili su trasferimenti forzati di bambini non
accompagnati nei territori occupati dalla Russia, o nella stessa Federazione".