L'invasione russa

Putin incontra le madri dei soldati e li chiama "eroi", poi invita a non credere a "false notizie"

Zelensky: "Attacchi russi a Kherson ogni ora". Danneggiato ospedale a Zaporizhzhia
Putin incontra le madri dei soldati e li chiama "eroi", poi invita a non credere a "false notizie"
EPA/ALEXANDER SHCHERBAK / KREMLIN POOL / SPUTNIK / POOL via Ansa Foto
Putin parla con le madri dei soldati

Kiev: iniziate le evacuazioni governative da Kherson

Il ministero della Reintegrazione dei territori temporaneamente occupati dell'Ucraina ha riferito che oggi è partito da Kherson un treno diretto a Khmelnytskyi, nell'ovest del Paese, con i primi 100 residenti della città che hanno approfittato dell'evacuazione prevista dal governo di Kiev. "Tra loro ci sono 26 bambini, 7 pazienti costretti a letto e 6 persone con mobilità ridotta", si legge in un post sul profilo Facebook del ministero.   All'arrivo a Khmelnytskyi, tutti gli sfollati "riceveranno assistenza" e "un sostegno monetario", saranno "sistemati gratuitamente e riceveranno aiuti umanitari", ha precisato il ministero. "Ricordiamo che attualmente è possibile evacuare dalla regione di Kherson in autobus per Odessa, Mykolaiv e Kryvyi Rih".   Nelle scorse ore, le autorità ucraine avevano annunciato le evacuazioni dei pazienti degli ospedali di Kherson a causa dei sistematici bombardamenti russi contro la città.

Zelensky: 6 milioni di famiglie ucraine senza elettricità

Più di sei milioni" di famiglie in Ucraina sono state colpite da interruzioni di corrente oggi, due giorni dopo i massicci attacchi russi contro il Paese. Lo ha affermato il presidente Volodymyr Zelensky nel suo discorso serale. "Stanotte i blackout continuano nella maggior parte delle regioni e a Kiev. Più di sei milioni di famiglie in totale", ha detto il leader ucraino.

Kuleba: non è escluso che vi siano negoziati con la Russia

Kiev non esclude di avere negoziati con la Russia. L'ha detto il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba in un'intervista pubblicata oggi dal giornale francese Le Parisien. "L'Ucraina non è contro i negoziati. Volodymyr Zelensky al summit G20 ha parlato della 'pace mondiale' e ha espresso la volontà di ottenerla", ha detto il ministro. Ma, perché ci possa essere un dialogo, la Russia dovrebbe smetterla di "confondere i negoziati con un ultimatum".

Tajani sente Stoltenberg, manterremo sostegno a Kiev

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha avuto oggi un colloquio telefonico con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. Lo rende noto la Farnesina, precisando che nel corso della telefonata sono stati discussi alcuni dei temi che saranno affrontati nel corso della riunione dei ministri degli Esteri dell'Alleanza atlantica a Bucarest il 29 e 30 novembre.    Tajani ha ribadito che l'Italia, Paese fondatore della Nato, strumento indispensabile di difesa dei valori occidentali, continua a promuoverne l'azione, sottolineando come la dimensione transatlantica e quella europea della politica estera italiana siano essenziali per la nostra sicurezza. In particolare, il titolare della Farnesina ha ricordato come l'Italia tradizionalmente sia ai primissimi posti, insieme agli Stati Uniti, per contributi in operazioni e missioni alleate, che comprendono anche il comando delle due principali missioni 'fuori area' della Nato, in Iraq e Kosovo.

Von der Leyen annuncia l'invio di trasformatori per non lasciare l'Ucraina al buio

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato l'invio - grazie alle donazioni fatte dal Paesi Ue e alle riserve dell'esecutivo "il più rapidamente possibile 200 trasformatori di medie dimensioni e un di grande autotrasformatore dalla Lituania, un autotrasformatore di medie dimensioni dalla Lettonia e 40 generatori".

"Volava tutto": il condominio di Nina colpito dai missili

Ukrenergo: i lavori di ripristino dell'infrastruttura energetica sono rallentati dal maltempo

L'operatore della rete energetica nazionale ucraina, Ukrenergo, ha affermato che la battaglia per ripristinare l'energia nelle case è rallentata da "forti venti, pioggia e temperature notturne sotto lo zero". In un post su Facebook, la società ha affermato che "oltre il 70% del fabbisogno del Paese" è stato coperto con priorità data alle infrastrutture critiche. "La riconnessione degli utenti domestici è in corso. Le difficili condizioni meteo stanno rallentando i lavori: a causa dei forti venti, della pioggia e delle temperature notturne sotto zero, tubi gelati e fili rotti nelle reti di distribuzione si aggiungono ai danni provocati dai missili russi", spiega ancora Ukrenergo. Le squadre di riparazione stanno lavorando "24 ore su 24 per eliminare i danni", aggiunge.

Forze terrestri ucraine: "I russi hanno capito che devono ritirarsi dal fronte meridionale"

I russi hanno capito che dovranno ritirarsi dal fronte meridionali", ha detto ufficio stampa del comando operativo “Sud” Nataliya Humeniuk all'emittente digitale ucraina Espreso Tv. "Il nemico ha minato la costa e sta allestendo postazioni di tiro a 15-20 km di profondità. Perché hanno capito che dovranno ritirarsi. L'artiglieria ucraina può già raggiungere le difese erette sulla riva sinistra del Dnepr, nella zona di Armyans".

Le previsioni ucraine per il fronte meridionale Deepstatemap.live
Le previsioni ucraine per il fronte meridionale

Il ministro degli Esteri del Regno Unito, James Cleverly, ha incontrato a Kiev il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky

“Presidente Zelensky, il Regno Unito vi supporta con i fatti, non con le parole. Te lo prometto, siamo determinati”, ha scritto il ministro Cleverly su Twitter. Sui suoi canali social Zelensky ha ringraziato il membro del governo britannico.

Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky e il ministro degli Esteri del Regno Unito James Cleverly Presidenza dell'Ucraina
Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky e il ministro degli Esteri del Regno Unito James Cleverly

Ukrenergo: Kiev importerà elettricità da Ue

L'operatore di rete statale ucraino Ukrenergo sta lavorando per consentire al paese di acquistare elettricità dall'Unione europea. Lo ha riferito il capo del consiglio di amministrazione di Ukrenergo, Volodymyr Kudrytskyi, come riporta Kiev Independent. "Sono necessari meccanismi speciali per garantire queste importazioni perché il prezzo dell'elettricità in Europa è più alto che in Ucraina", ha affermato Kudrytskyi.

Il video dei soldati ucraini nella trincea invasa dal fango

Questo video è stato ripreso da un soldato ucraino all'interno di una trincea, invasa da acqua e fango a causa delle precipitazioni autunnali. Le condizioni del terreno in questa stagione rendono molto difficile che il fronte registri spostamenti significativi, la guerra è in una fase di sostanziale stallo.

Troppi missili: pazienti evacuati dagli ospedali di Kherson

I pazienti degli ospedali di Kherson vengono evacuati in altre città dell'Ucraina a causa dei sistematici bombardamenti russi contro la città. Lo annuncia il capo della regione Yaroslav Yanushevich su Telegram. Lo riporta Ukrainska Pravda. Secondo lui, i bambini che sono stati curati presso l'ospedale clinico regionale di Kherson sono stati trasferiti a Mykolaiv e anche i pazienti dell'istituto regionale psichiatrico sono stati evacuati e a Odessa verranno curate 100 persone.

Il parco giochi bombardato a Kherson

Kiev: Kherson è tornata sotto il fuoco russo, vittime tra civili

Le forze russe hanno nuovamente bombardato oggi la città ucraina di Kherson e sono state segnalate vittime tra la popolazione civile.  Lo rende noto il vicepresidente del consiglio regionale Yuriy Sobolevsky, come riporta  Ukrinform. "Kherson è stata nuovamente bombardata", ha scritto Sobolevsky. Ieri le forze russe hanno bombardato il territorio della regione di Kherson 49 volte, uccidendo almeno 10 persone e ferendone altre 54

A Odessa e Kiev torna la luce e i cittadini esultano, ma dura solo poche ore (Video)

La stessa scena, ieri sera, è stata filmata a Odessa e nella capitale Kiev: dopo una giornata senza corrente elettrica, le luci si sono riaccese e nei condomini i cittadini hanno esultato rumorosamente. L'erogazione di energia è però durata solo poche ore.

Maria Zakharova: "La Nato è complice dei crimini del regime di Kiev"

"La Nato è complice dei crimini del regime di Kiev". Così su Telegram la portavoce del ministro russo degli Esteri, Maria Zakharova, replica alle affermazioni del segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in supporto dell'Ucraina. 

Jens Stoltenberg: "L'Ucraina diventerà un membro della Nato"

- "Dimostrando che la porta della Nato è aperta e dimostrando che la Russia non ha diritto di veto sull'allargamento della Nato, abbiamo quindi dimostrato che la porta della Nato è aperta e che spetta agli alleati della Nato e ai paesi aspiranti decidere in merito all'adesione. Questo è anche il messaggio all'Ucraina. E abbiamo ribadito la decisione che abbiamo preso nel 2008, a Bucarest, al vertice lì. L'Ucraina diventerà un membro della Nato". Lo ha affermato il Segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nella conferenza stampa in vista della ministeriale Esteri del 29 e 30 novembre a Bucarest.

Kiev: "Ripristinato il 70% del fabbisogno energetico"

Dopo l'ultimo attacco missilistico che ha colpito le infrastrutture in Ucraina, in tarda mattinata di oggi è stato erogato "oltre il 70%" del fabbisogno di energia del Paese. Lo riferiscono le autorità responsabili per l'erogazione dell'energia, citate da Unian. "Alle 11, i produttori di elettricità hanno fornito oltre il 70% del fabbisogno di consumo del Paese. Innanzitutto, l'energia è stata fornita alle infrastrutture critiche in tutte le aree: caldaie, stazioni di distribuzione del gas, servizi idrici, impianti di trattamento, il trasporto pubblico elettrico opera in alcune regioni", si sottolinea. 

Putin definisce eroi i soldati e invita a non credere a "false notizie" sul web

"Per voi che avete i figli nella zona di combattimento la festa della mamma (domani in Russia, ndr) è associata con un sentimento di ansia e preoccupazione". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin incontrando una delegazione di madri di soldati impegnati nell'operazione militare in Ucraina, secondo quanto riferisce l'agenzia Ria Novosti. Putin ha poi definito "eroi" i soldati che combattono in Ucraina e invitato a non credere a tutte le "false notizie, inganni e menzogne" diffuse attraverso Internet.

Sale a 10 morti il bilancio delle bombe russe sulla regione di Kherson

È salito a 10 morti e 54 feriti il bilancio dei bombardamenti russi di ieri sulla regione di Kherson: lo ha reso noto il governatore regionale Yaroslav Yanushevych, come riporta il Kyiv Independent. Mosca ha lanciato 49 attacchi ieri nel Kherson, ha precisato Yanushevych, colpendo edifici residenziali, un cantiere navale, aree scolastiche e condotte del gas. Le forze russe hanno attaccato anche le comunità di Zelenivka, Chornobaivka e Stepanivka, situate sulla riva occidentale del fiume Dnipro, da cui si sono ritirate all'inizio di novembre. 

Kiev ancora per il 50% senza luce, tornata l'acqua

Il 50% delle abitazioni di Kiev è ancora senza luce, l'acqua è stata ripristinata dappertutto mentre un terzo delle case di Kiev è al momento stato raggiunto dal riscaldamento. E' il punto della situazione stamattina nella capitale fatto dal sindaco della città Vitaliy Klitschko, ripreso da Ukrainska Pravda. Per quanto riguarda le comunicazioni mobili, il funzionamento delle reti di tutti gli operatori mobili dipende dall'alimentazione. Durante il giorno, si prevede di collegare l'elettricità a tutti i consumatori a turno, per 3 ore.

Kiev: "A Zaporizhzhia i russi costringono a riaccatastare le abitazioni"

Nel villaggio di Mostove, nella regione di Zaporizhzhia, gli occupanti russi stanno costringendo la popolazione locale a ricompiliare i documenti immobiliari e fondiari in conformità con la legislazione della Federazione Russa. In caso di rifiuto, minacciano di "nazionalizzare", cioè semplicemente portare via questo immobile. Lo riferisce lo Stato Maggiore delle Forze Armate dell'Ucraina

Volodymyr Zelensky: la guerra è "un'aggressione antieuropea della Russia"

 "Quest'anno la linea del fronte in Ucraina è diventata la linea di lotta dell'Europa per se stessa". Lo afferma il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un messaggio sul suo canale Telegram. "Sono passati 274 giorni ed è ovvio che l'aggressione antieuropea della Russia fallirà e la libertà europea sarà garantita". "La Russia ha ancora abbastanza missili e artiglieria per uccidere persone ogni giorno e provocare nuove difficoltà per l'Ucraina e l'intera Europa" ha detto.

Cremlino: il ritorno della Crimea all'Ucraina è "fuori questione"

L'Ucraina non ha abbandonato la posizione secondo cui la Crimea dovrebbe essere restituita con la forza, ma per la Russia questo significherebbe alienazione di parte del territorio della Federazione Russa: "questo è fuori discussione", ha affermato Dmitry Peskov, addetto stampa del presidente della Russia. Le dichiarazioni del presidente dell'Ucraina, Vladimir Zelensky, sul ritorno della Crimea al suo paese indicano che Kiev non cerca di risolvere pacificamente il problema della penisola, ha affermato il portavoce del Cremlino.

La Francia invia cento generatori elettrici all'Ucraina

 Il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna ha affermato su twitter che il suo paese ha inviato 100 generatori in Ucraina per aiutare ad affrontare le conseguenze degli attacchi russi alle infrastrutture energetiche. Lo riportano i media ucraini. "Per aiutare la popolazione a resistere, la Francia sta inviando 100 potenti generatori in Ucraina, mentre la Russia vuole trasformare l'inverno in un'arma di guerra. 100 generatori francesi sono già in viaggio verso l'Ucraina. Ricordiamo che gli attacchi alle infrastrutture civili sono crimini di guerra", ha twittato Colonna.

L'Onu condanna gli attacchi russi alle infrastrutture civili in Ucraina

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Türk ha espresso il suo shock per l'inarrestabile sofferenza umana in Ucraina, come evidenziato dai continui attacchi missilistici e droni russi contro infrastrutture critiche su vasta scala. "Milioni di persone stanno precipitando in condizioni di estrema difficoltà e spaventose condizioni di vita a causa di questi attacchi. Nel complesso, ciò solleva seri problemi per il diritto internazionale umanitario, che richiede un vantaggio militare concreto e diretto per ogni oggetto attaccato", ha affermato Türk, come riporta una nota dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr). Secondo la Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Ucraina (Hrmmu), mercoledì scorso ulteriori attacchi missilistici hanno ucciso almeno otto civili, tra cui una ragazza, e ferito almeno altri 45, tra cui sette bambini, nella città e nella regione di Kiev. Un neonato con due giorni di vita è stato ucciso e due medici sono rimasti feriti da un razzo che ha colpito un ospedale di Vilniansk, nella regione di Zaporizhzhia. Queste vittime portano il totale verificato da Hrmmu da quando la Russia ha iniziato la sua continua raffica di attacchi missilistici in tutta l'Ucraina lo scorso 10 ottobre, ad almeno 77 civili uccisi e 272 feriti.

Borrell: Putin non è interessato a parlare con l'Ue

Il presidente russo Vladimir "Putin non è interessato a parlare con noi". Lo ha dichiarato l'Alto rappresentate dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell, in un'intervista all'emittente spagnola Rtve. 

Nato, non ci sarà pace se vince aggressore

 "Questa è una guerra dove la Russia e' l'aggressore e l'Ucraina si difende", "non ci sara' pace se vince l'aggressore, se prevale l'autocrazia". Lo ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, presentando la riunione dei ministri degli Esteri della Nato che si terra' a Bucarest il 29-30 novembre. "La Nato continuerà a sostenere l'Ucraina per tutto il tempo necessario, non si tirerà indietro", ha aggiunto.

Kiev ancora per il 50% senza luce, tornata l'acqua

Il 50% delle abitazioni di Kiev è ancora senza luce, l'acqua è stata ripristinata dappertutto mentre un terzo delle case di Kiev è al momento stato raggiunto dal riscaldamento. E' il punto della situazione stamattina nella capitale fatto dal sindaco della città Vitaliy Klitschko, ripreso da Ukrainska Pravda.
Per quanto riguarda le comunicazioni mobili, il funzionamento delle reti di tutti gli operatori mobili dipende dall'alimentazione. Durante il giorno, si prevede di collegare l'elettricità a tutti i consumatori a turno, per 3 ore. 

Cremlino smentisce imminente mobilitazione generale

Il Cremlino ha smentito le notizie circolate sui media russi di una imminente "mobilitazione del Paese". Le voci "non sono vere", ha detto all'agenzia russa Ria Novosti l'addetto stampa della presidenza russa, Dmitry Peskov.
Era stato la pubblicazione online Pravda.ru a scrivere che Putin avrebbe emenato il decreto entro la fine dell'anno. 

Ministro degli Esteri Gb in visita a Kiev

Il ministro degli Esteri britannico, James Cleverly, è giunto oggi in visita a Kiev dove ha presentato un pacchetto di aiuti per sostenere il Paese durante l'inverno. "Le parole non bastano. Le parole non terranno le luci accese quest'inverno. Le parole non difenderanno dai missili russi", ha scritto Cleverly su Twitter, pubblicando una foto che lo ritrae al fianco dell'omologo Dmytro Kuleba.
Il pacchetto di aiuti prevede l'invio di 35 mezzi di emergenza, tra cui 24 ambulanze e sei veicoli blindati, e aiuti da tre milioni di sterline per la ricostruzione delle infrastrutture locali, comprese scuole e centri di accoglienza, oltre ad altri finanziamenti per sostenere le vittime di abusi. 

 

Cina, raffreddare scenari con dialogo e negoziati

La posizione della Cina "è sempre stata chiara: abbiamo sempre attribuito importanza alla situazione umanitaria in Ucraina". La portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning, in merito alla carenza di forniture di elettricità e riscaldamento in Ucraina e alla domanda se la Cina stia pensando di fornire aiuti a Kiev e di chiedere alla Russia di fermare gli attacchi alle strutture civili, ha affermato che Pechino ritiene "che sia la massima priorità raffreddare la situazione il prima possibile attraverso il dialogo e la negoziazione, che è il modo fondamentale per risolvere il problema". 

Bombe russe su città Zaporizhzhia, danni a ospedale

Un ospedale di Zaporizhzhia è stato danneggiato la notte scorsa da un attacco missilistico delle forze russe: lo riferisce su Telegram il governatore della regione, Oleksandr Starukh, come riporta il Guardian.
"Il nemico ha nuovamente attaccato la periferia di Zaporizhzhia. Questa volta i missili sono caduti vicino all'ospedale. Fortunatamente le persone non sono rimaste ferite, ma non si può dire lo stesso dell'edificio. Decine di finestre rotte", ha precisato Starukh. 

Zelenska, "Resisteremo. Senza vittoria non c'è pace"

La 'first lady' ucraina Olena Zelenska assicura che il Paese è pronto a resistere al freddo e ai black-out causati dagli attacchi russi perché "senza vittoria non può esserci pace". "Siamo pronti a sopportare tutto questo", ha detto alla Bbc la moglie del presidente ucraino. "Abbiamo avuto così tante terribili sfide, visto così tante vittime, così tanta distruzione, che i blackout non sono la cosa peggiore che ci possa capitare".    Zelenska ha anche citato un sondaggio secondo cui il 90% degli ucraini si è detto pronto a resistere senza elettricità per due o tre anni se vedesse la prospettiva di aderire all'Unione europea. 

Oltre 15.000 persone scomparse da inizio guerra

Oltre 15.000 persone sono scomparse in Ucraina dall'inizio dell'invasione russa il 24 febbraio scorso: lo ha reso noto un funzionario della Commissione internazionale per le persone scomparse (Icmp), come riporta l'agenzia di stampa Reuters sul suo sito web.   Non è chiaro al momento quante persone siano state trasferite con la forza, siano detenute in Russia, siano vive e separate dai loro familiari o siano morte, ha precisato il direttore del programma dell'Icmp per l'Europa, Matthew Holliday.   In ogni caso, la ricerca dei dispersi durerà anni, anche dopo la fine dei combattimenti, ha aggiunto Holliday sottolineando che la cifra di 15.000 è prudente se si considera che nella sola città portuale di Mariupol le autorità stimano fino a 25.000 persone morte o disperse.   "I numeri sono enormi e le sfide che l'Ucraina deve affrontare sono vaste", ha commentato Holliday. 

Mosca: discutiamo con Aiea rispetto accordi su Zaporizhzhia

La Russia e l'Aiea stanno discutendo la questione del monitoraggio internazionale del rispetto degli accordi sulla protezione della centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo ha affermato il rappresentante permanente della Federazione Russa presso l'Aiea Mikhail Ulyanov. Secondo lui, altrimenti la sicurezza della centrale non sarà garantita.
E proprio su Zaporizhzhia durante la notte gli attacchi russi hanno colpito un ospedale. Lo ha detto su Telegram il governatore della regione, Oleksandr Starukh. Mosca ha nuovamente attaccato i sobborghi di Zaporizhzhia, dopo lo spegnimento di tutte le centrali nucleari ucraine per la prima volta in 40 anni, a causa dei bombardamenti.
Volodymyr Zelensky ha dichiarato al Financial Times che gli attacchi di questa settimana hanno creato una situazione che non si vedeva da 80 o 90 anni: "Un paese nel continente europeo dove non c'è luce".
In Ucraina, permangono infatti seri problemi con la fornitura di elettricità in quasi tutte le regioni e ci sono interruzioni nella fornitura di acqua in 15 regioni, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Le autorità stimano che il ripristino della rete costerà centinaia di milioni di dollari.

Zelensky al Ft: "non c'è soluzione senza la liberazione della Crimea"

"Dobbiamo restituire tutte le terre, perché credo che il campo di battaglia sia la via da seguire quando non c'è diplomazia". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in una intervista al Financial Times."Capisco che tutti siano confusi dalla situazione e da ciò che accadrà alla Crimea - ha aggiunto Zelensky nel colloquio con il quotidiano britannico - se qualcuno è pronto a offrirci una soluzione per la de-occupazione della Crimea con mezzi non militari, non potrò che essere favorevole"Il presidente ucranio ha concluso spiegando che se la soluzione non prevede la liberazione della Crimea allora è solo "una perdita di tempo". 

Usa: Senatori chiedono invio a Kiev di droni 'Gray Eagle'

Un gruppo bipartisan di senatori sta spingendo l'amministrazione Biden a trasferire in Ucraina i droni "Gray Eagle" in grado di portare missili Hellfire. Sedici senatori Repubblicani e Democratici, molti dei quali fanno parte della commissione Servizi armati, hanno inviato una lettera al segretario alla Difesa Lloyd Austin in cui criticano il Pentagono per non aver ancora autorizzato la consegna dei 'super droni' a Kiev."Questo particolare sistema - scrivono - accrescerà le possibilità ucraine nel
breve periodo e merita di essere riconsiderato". Il gruppo dei firmatari è guidato dal repubblicano Joni Ernst, rappresentante dell'Iowa, e il democratico centrista Joe Manchin, della West Virginia. 

Corrente elettrica a Kiev ridotta a 2-3 ore al giorno

L'elettricità per i residenti di Kiev sarà ridotta a 2-3 ore al giorno fino al completo ripristino dell'energia elettrica nella città. Lo riporta Kyiv Independent citando la società energetica privata ucraina Dtek. La stessa società ha reso noto che l'elettricità è stata ripristinata per circa il 30% dei residenti di Kiev. 

Kiev: missili su Zaporizhzhia danneggiato l'ospedale

Attacco missilistico russo nella tarda serata su Zaporizhzhia. Lo rende noto l'amministratore regionale ucraino Oleksandr Starukh su telegram. "Questa volta i razzi hanno colpito vicino all'ospedale. Le persone non sono rimaste ferite ma lo stesso non si può dire dell'edificio dove dozzine di finestre sono state distrutte", ha spiegato.

E' salito a 7 morti e 21 feriti il bilancio dei raid russi su Kherson

E' salito a 7 morti e 21 feriti il bilancio dei raid russi su Kherson. Lo ha detto Yaroslav Yanushevich, capo dell'amministrazione militare regionale."Oggi è un'altra pagina terribile nella storia della nostra città. Memoria eterna a coloro che sono morti per mano degli invasori russi. Sincere condoglianze ai parenti", ha scritto su telegram.

Zelensky: Attacchi russi a Kherson ogni ora, è vendetta di chi ha perso

 "Quasi ogni ora ricevo notizie di attacchi da parte degli occupanti a Kherson e in altre comunità. Questo terrore è iniziato  immediatamente dopo che l'esercito russo è stato costretto a fuggire dalla regione di Kherson. Questa è la vendetta di chi  ha perso". Così nel suo consueto video serale, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, a proposito della situazione nel  suo Paese. "Non sanno combattere. L'unica cosa che possono ancora fare è terrorizzare - prosegue - Terrorismo  energetico, dell'artiglieria, o missilistico: a questo la Russia si è ridotta sotto i suoi attuali leader". Per Zelensky "solo la  liberazione della nostra terra e garanzie di sicurezza affidabili per l'Ucraina possono proteggere il nostro popolo da  qualsiasi escalation russa. Lavoriamo con i partner ogni giorno per questo. Presto ci saranno importanti novità". "Abbiamo  sopportato nove mesi di guerra su vasta scala e la Russia non ha trovato un modo per spezzarci - ha concluso - E non lo  troverà. Dobbiamo continuare a resistere".