L'invasione russa

Berlino: non ci opporremo alla Polonia se deciderà invio Leopard a Kiev

Lo ha detto la ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock spiegando che finora Varsavia non ha fatto questa richiesta. La cronaca minuto per minuto, giorno 333
Berlino: non ci opporremo alla Polonia se deciderà invio Leopard a Kiev
Getty
tank ucraina

Zelensky: possiamo vincere nel 2023, riconquisteremo tutto

"Credo davvero che riusciremo a vincere la guerra nel 2023". Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, durante un incontro all'università Taras Shevchenko di Kiev con l'ex premier britannico Boris Johnson. "La velocità dipende da diverse cose: la forza all'interno dell'Ucraina e all'esterno con l'aiuto dei partner", ha detto Zelensky, escludendo qualsiasi possibilità di vittoria parziale: "riconquisteremo sicuramente tutto".
 

Berlino: non ci opporremo alla Polonia se deciderà invio Leopard a Kiev

La Germania non si opporrà se la Polonia deciderà di inviare i suoi carri armati di fabbricazione tedesca Leopard all'Ucraina. Lo ha affermato la ministra degli esteri tedesca Annalena Baerbock spiegando che finora Varsavia non ha fatto alcuna richiesta.

Crosetto: sesto decreto sull'Ucraina ci sarà e sarà condiviso

"Il sesto decreto ci sarà e penso sarà condiviso da quasi tutto il Parlamento". Lo ha detto il ministro della difesa, Guido Crosetto, alla trasmissione “Che tempo che fa” su Rai 3. Crosetto ha detto che gli aiuti daranno agli ucraini "la possibilità di difendersi dagli attacchi aerei. Vuol dire missili che abbattono altri missili".

Macron non esclude di fornire a Kiev i carri armati Leclerc

Il presidente francese Emmanuel Macron non esclude l'invio di carri armati Leclerc in Ucraina, anche se ha sottolineato che devono essere soddisfatte tre condizioni, tra cui il fatto che questo non comporti l'escalation del conflitto. "Ho chiesto al ministro della Difesa di lavorare su questo, nulla è escluso", ha detto nella conferenza stampa con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, al termine di un Consiglio dei ministri franco-tedesco.

Cnn: esperti statunitensi hanno visitato la città di Izium

Una delegazione non ufficiale degli Stati Uniti ha visitato la città ucraina orientale di Izium, liberata dall'occupazione russa lo scorso settembre. Lo riferisce la Cnn, spiegando che della delegazione faceva parte il tenente generale in pensione dell'esercito americano Keith Kellogg. Il gruppo era accompagnato da Oleg Synegubov, capo dell'amministrazione militare della regione di Kharkiv. "I nostri partner americani hanno osservato personalmente l'entità della distruzione causata dai bombardamenti e dall'occupazione russi e hanno esaminato le prove dei crimini di guerra russi nella regione", ha dichiarato Synegubov su Telegram.

Capo amministrazione regionale: una donna uccisa in attacco russo su Kharkiv

Una donna è rimasta uccisa e un uomo ferito in un bombardamento russo della regione di Kharkiv. Lo ha detto il capo dell'amministrazione militare regionale, Oleg Synegubov specificando che la donna è stata uccisa nel bombardamento di artiglieria del villaggio di Petrivka. "Carri armati nemici - ha aggiunto - hanno sparato contro il cimitero nel villaggio di Guryiv Kozachok, danneggiando le tombe".

Polonia, inaccettabile esitazione Berlino su Leopard a Kiev

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha definito "inaccettabile" la continua esitazione del cancelliere tedesco Olaf Scholz nel fornire carri armati Leopard all'Ucraina. Se il governo tedesco persisterà nel non fornire all'Ucraina i Leopard, la Polonia creerà "una piccola coalizione" di Paesi che forniranno all'Ucraina "attrezzature moderne" e "carri armati moderni" dalle proprie scorte, ha affermato Morawiecki, come riporta l'agenzia Pap.

Scholz, Germania e Francia continueranno a sostenere Kiev

"Continueremo a sostenere l'Ucraina. In modo completo  e per tutto il tempo necessario. Insieme, come europei, per difendere il nostro progetto di pace nella Ue". Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz da Parigi, in occasione del 60° anniversario del Trattato dell'Eliseo.

Ex premier Gb Johnson a Kiev, Zelensky saluta un 'vero amico'

L'ex premier britannico Boris Johnson si è recato oggi in Ucraina e ha visitato Bucha e Borodyanka, nella regione di Kiev, come riportano i media ucraini. Johnson ha incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha pubblicato sui suoi canali social un video dell'incontro e ha ringraziato l'ex premier britannico per il suo sostegno, definendolo "un vero amico dell'Ucraina"

Ucraina: Spiegel, Germania potrebbe consegnare 19 Leopard a Kiev

La Germania potrebbe decidere di consegnare 19 carri armati Leopard all'Ucraina. Lo rivela Der Spiegel, secondo cui il ministro della Difesa, Boris Pistorius, vuole verificare quali carri armati Leopard la Bundeswehr è in grado di garantire a Kiev.Nell'elenco dei corazzati a disposizione, risulta che l'esercito tedesco ha un totale di 312 diversi carri armati Leopard 2 di diverse serie, di cui 99 sono in manutenzione. Di conseguenza, ci sono 212 modelli Leopard 2 nell'inventario delle truppe tedesche

Ucraina: Papa, non dimentichiamo popolo che soffre tanto

"In questi giorni mentre preghiamo in particolare per la piena unità di tutti i cristiani non dimentichiamo, per favore, di invocare la pace perla martoriata Ucraina. Il Signore conforti e sostenga quel popolo che soffre tanto, soffre tanto". Lo ha detto il Papa all'Angelus

Londra: la minaccia della guerra durerà per anni

 La Russia faticherà a trovare  reclute e armi per equipaggiare la forza di 1,5 milioni di soldati, da 1,15, secondo il nuovo piano annunciato dal ministro della Difesa,  Sergei Shoigu. Un annuncio che indica come per la leadership in Russia lo stato di minaccia di un conflitto armato convenzionale, se non la  guerra in Ucraina, durerà anni. Sono queste le conclusioni  dell'intelligence britannica.         

I soldati trascinano il compagno ferito

Kiev: respinti 10 attacchi nemici, attaccati 14 obiettivi russi

 Secondo lo stato maggiore militare ucraino, le forze di Kiev hanno respinto 10 attacchi russi ad altrettanti insediamenti, mentre hanno compiuto attacchi di terra contro 14 basi temporanee delle truppe russe e colpito con bombardamenti tre sistemi missilistici antiaerei nemici. Lo scrive il Kyiv Independent sul suo sito. 

 

Tajani:"Dall'Italia aiuti per un miliardo"

L'Italia "sostiene ogni pista possibile per arrivare a una pace giusta in Ucraina, che significa l'indipendenza e l'integrità territoriale dell'Ucraina. Ma intanto continuano brutali e indiscriminati gli attacchi russi. A livello generale le conseguenze globali del conflitto, soprattutto in termini di sicurezza alimentare ed energetica, continuano a essere pesanti". Lo dice in un'intervista al Corriere della Sera Antonio Tajani, vicepremier e ministro degli Esteri. "Il conflitto deve finire al più presto: ma allora per i Paesi alleati dell'Ucraina deve essere ben chiaro che dobbiamo fare tutto il possibile per aiutare questa nazione nella sua battaglia per l'indipendenza" aggiunge.
"L'Italia ha già fornito all'Ucraina 5 pacchetti di aiuti nel campo della difesa per circa 1 miliardo di euro. È in preparazione un sesto pacchetto, che include sistemi di difesa aerea - spiega -.  Il ministro Kuleba ha ringraziato per il sostegno fornito, ho ripetuto che continuerà. In collaborazione con la Francia stiamo finalizzando l'invio del Samp-T, e comunque ci sono altre azioni a cui lavoriamo riservatamente".
Il Parlamento "sarà sempre informato di ogni iniziativa e di ogni eventuale futuro invio di materiale militare. Ricordo che il decreto Ucraina ha esteso al 2023 la possibilità di forniture. Rispetteremo l'impegno preso". Unità d'intenti "e massima collaborazione con i partner internazionali sono essenziali, in questa fase più che mai" sottolinea. 

 

Mosca: "Armi offensive a Kiev portano a disastro globale"

"La fornitura di armi offensive a Kiev porterebbe a un disastro globale", ha dichiarato lo speaker della Duma russa, Viacheslav Volodin. "Se Washington e i Paesi della Nato inviano armi (all'Ucraina) da impiegare per attaccare città pacifiche o per tentare di occupare le nostre terre, una minaccia che è stata fatta, questo provocherebbe una reazione con l'uso di armi ancora più potenti", ha aggiunto il presidente della camera bassa del parlamento di Mosca, citato dalla Tass, sul suo canale Telegram. 

 

Il soldato si siede in poltrona e spara dalla finestra

Ucraina: Ministro difesa tedesco, 'a breve in visita a Kiev'

Il ministro della difesa tedesco Boris Pistorius ha dichiarato al quotidiano Bild Am Sonntag che ha intenzione di visitare l'Ucraina a breve, "probabilmente entro le prossime quattro settimane". Pistorius ha in programma di incontrare a Kiev il suo omologo ucraino Oleksiy Reznikov. Rispondendo poi a una domanda del quotidiano tedesco sui carri armati Leopard, Pistorius non si è sbilanciato e ha dichiarato: "stiamo dialogando molto strettamente su questo tema con i nostri partner internazionali, soprattutto con gli Stati Uniti". La ritrosia di Berlino nel consegnare i carri pesanti a Kiev ha sollevato molte critiche all'interno dello stesso governo tedesco. Ieri il cancelliere socialdemocratico Olaf Scholz è stato criticato da entrambi i partiti della sua coalizione, liberali e verdi, per la sua indecisione.

Media giapponesi: il premier Kishida valuta una visita a Kiev

Il premier giapponese Fumio Kishida sta valutando di recarsi in visita a Kiev in febbraio per incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e manifestare il proprio sostegno al paese in anticipazione del vertice del G7 che si terrà a Hiroshima, e dove lo stesso leader ucraino potrebbe essere ospite. Lo dice il quotidiano Yomiuri Shimbun, che cita fonti governative e segue un simile annuncio fatto dalla Casa Bianca a seguito della visita di Kishida a Washington di metà mese.
 

Difesa aerea sugli edifici di Mosca, timore di un attacco di droni o provocazione del Cremlino

Bloomberg e l'American Institute for the Study of War (ISW) non sono d'accordo sulle possibili ragioni per posizionare sistemi di difesa aerea sugli edifici di Mosca. Fonti dell'agenzia lo hanno attribuito alla minaccia di un attacco da parte di droni ucraini, e gli esperti dell'ISW lo hanno considerato come parte di una strategia comunicativa del Cremlino per preparare i russi ad una guerra di lunga durata in Ucraina. Le autorità russe hanno deciso di schierare sistemi di difesa aerea sui tetti di Mosca dopo diversi attacchi di droni all'interno della Russia, scrive Bloomberg. L'ISW ritiene invece che il Cremlino consideri improbabile la minaccia di un attacco a Mosca, ma con l'aiuto di pubblicazioni "provocatorie" sta preparando la società all'interno del Paese a ostilità prolungate e ulteriori vittime.

Il Patriarca Kirill: "I sacerdoti aiutino di più l'esercito russo"

Il Patriarca di Mosca Kirill ritiene che la Chiesa ortodossa russa dovrebbe fare di più per aiutare le forze armate e invita le congregazioni a "mobilitare tutti i loro parrocchiani". Durante un discorso, il Patriarca ha paragonato la guerra in Ucraina sia alla Seconda Guerra Mondiale che alla Guerra Patriottica del 1812, quando "praticamente tutta l'Europa si unì per cercare di conquistare la Russia". Oggi, ha aggiunto il Patriarca, "l'intero mondo occidentale ha preso le armi contro la Russia", perché, ha detto, la Russia offre "un'alternativa molto attraente" alla globalizzazione e al generale rifiuto dei valori tradizionali.

Stati Uniti: La 101esima Divisione aviotrasportata resta in Romania 

Gli Stati Uniti hanno preso la decisione finale di prolungare lo schieramento della 101esima Divisione aviotrasportata in Romania per nove mesi a partire dal gennaio 2023. La notizia è stata riportata dal New York Times. Attualmente, la brigata in Romania è composta da circa 4.000 militari. I militari statunitensi, come in precedenza, saranno di stanza nella base aerea Mihail Kogalniceanu, situata a meno di 100 km dal confine con l'Ucraina.

Media ucraini: "Acquisti della difesa gonfiati, è corruzione"

La commissione parlamentare ucraina per la sicurezza nazionale, la difesa e l'intelligence ha convocato alti funzionari del ministero della difesa per rispondere alle accuse di stampa secondo cui il dicastero sta acquistando cibo per l'esercito a prezzi gonfiati. Lo riporta il Kyiv Independent. Il quotidiano ucraino zn.ua ha riferito che il ministero ha acquistato cibo per i militari a prezzi da due a tre volte superiori a quelli venduti nei negozi di alimentari di Kiev. Ciò indicherebbe un possibile schema di corruzione, secondo zn.ua. Il dicastero da parte sua non ha ancora fornito commenti. Il ministero della difesa avrebbe firmato un contratto da 360 milioni di dollari per l'acquisto di cibo nel 2023, ha riferito il quotidiano ucraino.

Kiev: Arrivati elicotteri Sea King donati da Londra

Il ministro della difesa ucraino Oleksii Reznikov ha dichiarato che sono arrivati in ucraina gli elicotteri Sea King donati dal Regno Unito. Non ha specificato il numero di velivoli ottenuti, ma da varie indiscrezioni sembra che siano tre. "Si tratta di un gran rinforzo per la marina ucraina. La nostra cooperazione continuerà ad aumentare", ha detto Reznikov su Twitter ringraziando il suo omologo britannico Ben Wallace.