La guerra in Ucraina, giorno 316

La tregua che non c'è: accuse incrociate tra Mosca e Kiev

Proclamata unilateralmente dalla Russia dalle 10 di oggi alle 22 (ora italiana) di domani, Natale ortodosso, entrambe le parti denunciano violazioni. Casa bianca: il gruppo Wagner ha interessi economici a Bakhmut
La tregua che non c'è: accuse incrociate tra Mosca e Kiev
Facebook/Oleksandr Honcharenko
Questo edificio di Kramatorsk sarebbe stato colpito dai russi a tregua vigente

Zelensky: cooperazione su difesa con partner è a un nuovo livello

"Siamo riusciti a portare la forza e la cooperazione di difesa dell'Ucraina con i partner a un nuovo livello ed è quello di cui abbiamo davvero bisogno in questo momento". lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo consueto discorso di fine giornata. "Ora i nostri soldati avranno ancora più armi, equipaggiamento, proiettili, sistemi di difesa, che ci renderà molto più preparati a eventuali piani di una escalation da parte della Russia" ha detto Zelensky.
 

Usa: cessate il fuoco di Putin è tattica cinica

Secondo il Dipartimento di Stato Usa, gli attacchi di oggi in Ucraina orientale hanno dimostrato che il cessate il fuoco annunciato ieri dal presidente russo Vladimir Putin era uno stratagemma cinico. Lo ha sostenuto il portavoce del Dipartimento, Ned Price, in un incontro con la stampa.

Kiev: i russi hanno colpito le aree confine nell'oblast di Sumy

I russi "hanno bombardato oggi le aree di confine della regione di Sumy con artiglieria semovente". Lo ha detto il capo dell'amministrazione militare regionale di Sumy, Dmytro Zhyvytskyi, citato da Ukrinform. Non sono state registrate vittime. 

Intelligence Kiev: Russia si prepara a mobilitare altri 500 mila coscritti

L'intelligence militare ucraina sostiene che la Russia è pronta a ordinare la mobilitazione di 500.000 coscritti a gennaio in aggiunta ai 300.000 richiamati a ottobre. Vadym Skibitsky, vice capo dell'intelligence militare ucraina, citato dal Guardian, ritiene che i coscritti parteciperanno ad una serie di offensive russe durante la primavera e l'estate nell'est e nel sud del paese.
 

Zelensky ringrazia Biden per i nuovi aiuti militari

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato Joe Biden per il nuovo pacchetto di aiuti militari. "Grazie Potus (acronimo per President of the United States ndr) per le armi completamente nuove, inclusi i veicoli Bradley, i missili antiaerei - ha scritto su Twitter Zelensky - un fantastico regalo di Natale per l'Ucraina!"

Sindaco Melitopol: esplosione vicino alla stazione

Una forte esplosione è stata udita vicino alla stazione ferroviaria di Melitopol, città del sud  temporaneamente occupata dai russi, nella regione di Zaporizhzhia. Lo ha riferito il sindaco in esilio Ivan Fedorov, citato da Ukrainska Pravda.

Guardian: Abramovic trasferì beni a figli per evitare sanzioni

L'oligarca russo Roman Abramovic avrebbe tentato di proteggere la sua fortuna trasferendo beni per diversi miliardi di dollari ai suoi figli subito prima di essere sanzionato da Europa e Stati Uniti, dopo l'aggressione russa all'Ucraina. Lo sostiene il quoditiano britannico Guardian, che parla di una riorganizzazione del sistema di fiduciarie che custodivano il suo patrimonio nelle settimane precedenti l'inizio della guerra. La riorganizzazione, secondo la ricostruzione del quotidiano, è stata fatta in maniera del tutto legale.

Gli Stati Uniti invieranno altri aiuti militari, per 3 miliardi di dollari

Gli Stati Uniti forniranno altri aiuti militari all'Ucraina, del valore di 3 miliardi di dollari. Lo ha appena annunciato la portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre. I dettagli saranno forniti più tardi dal Pentagono.

Un automobilista cerca di superare un ponte sotto i colpi dell'artiglieria russa (Video)

Un tentativo di attraversare un ponte a Torske, un sobborgo 12 chilometri a Est di Lyman, nella regione di Donetsk, in Donbass. Il guidatore avanza cercando di aggirare un auto in fiamme, ma è costretto a fermarsi quando l'artiglieria russa colpisce l'altra estremità del viadotto. Questo piccolo centro abitato si trova lungo la strada che collega Lyman, liberata dagli ucraini a ottobre, a Kreminna, città della regione di Luhansk conquistata ad aprile dagli invasori. Oggi si trova in piena linea del fronte, uno dei più caldi di questa fase del conflitto. Kiev cerca da mesi di raggiungere Kreminna, la cui liberazione aprirebbe la strada verso le importanti città di Rubizhne, Lysychansk e Severodonetsk, dove tra giugno e luglio si è arrestata l'avanzata russa in Donbass. (video da TikTok @sergiy_3777)

Volodymyr Zelensky: "A Natale uniti nella fede in un'unica vittoria"

"Non importa dove ci troviamo ora - a casa, a lavoro, in trincea, per strada, in Ucraina o all'estero - la nostra famiglia è più unita che mai. Uniti nella fede in un'unica vittoria". Lo ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo messaggio alla popolazione in occasione del Natale ortodosso, che si celebra domani. "Possa l'armonia arrivare in ogni famiglia", prosegue il video messaggio, "la prosperità in ogni casa e la vittoria nella terra ucraina e con essa la pace per migliaia di anni".

L'Unione europea ha già investito 44 miliardi in aiuti all'Ucraina

 "A oggi gli europei hanno investito 44 miliardi di euro per aiutare l'Ucraina. Sono cifre enormi, spese in meno di un anno, in termini di aiuti civili, umanitari, macrofinanziari e soprattutto militari. Siamo stati in grado di eliminare la nostra dipendenza energetica dalla Russia. All'inizio della guerra l'Europa riceveva il 40% del suo gas dalla Russia. Oggi siamo praticamente a zero. Putin credeva di poter fare ricatti con l'energia, ma siamo stati in grado di cercare gas, carbone e petrolio altrove e siamo liberi dalla dipendenza dalla Russia". Lo ha detto l'Alto rappresentante Ue Josep Borrell durante la visita a Fez (Marocco)

Zelensky sente Scholz: "Grazie per Patriot e Marder"

"Ho avuto una conversazione telefonica con il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Ho ringraziato per il potente pacchetto di difesa, che comprende diverse decine di veicoli Marder e il sistema Patriot. Abbiamo discusso di un'ulteriore cooperazione per rafforzare l'esercito ucraino". Lo riferisce su Twitter il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. La Germania prevede di inviare circa 40 veicoli corazzati Marder e il sistema missilistico Patriot in Ucraina entro la fine del primo trimestre di quest'anno, riferisce il portavoce del governo tedesco Steffen Hebestreit 

Ria Novosti: tre civili feriti da artiglieria ucraina nella regione di Kherson

 Tre civili sarebbero rimasti feriti a causa di un bombardamento di artiglieria delle forze ucraine nella città di Aleshki, situata a pochi chilometri da Kherson. Lo riferisce un membro dei servizi di emergenza della regione di Kherson citato dall'agenzia di stampa russa Ria Novosti. "Nonostante il Natale e la tregua dichiarata, i nazionalisti del battaglione Tsunami hanno sparato con l'artiglieria contro la città di Alyoshki oggi alle 16", riferisce la fonte citata da Ria, che parla di 3 civili feriti e 2 edifici residenziali danneggiati.

Nuove sanzioni Usa contro i produttori iraniani di droni

Gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni contro i fornitori di droni iraniani usati dalla Russia per prendere di mira le infrastrutture civili in Ucraina. Il Dipartimento del Tesoro  ha riferito di aver imposto sanzioni a sei dirigenti e membri del consiglio di Qods Aviation Industries (QAI), noto anche come Light Airplanes Design and Manufacturing Industries. Il Tesoro ha descritto Qods Aviation Industries, a sua volta soggetta a sanzioni statunitensi dal 2013, come un importante produttore di difesa iraniano responsabile della progettazione e produzione di droni. "Continueremo a utilizzare ogni strumento a nostra disposizione per negare a Putin le armi che sta usando per condurre la sua guerra barbara e non provocata contro l'Ucraina", ha affermato nella dichiarazione il segretario al Tesoro Janet Yellen.

APPROFONDISCI LA NOTIZIA QUI

Il premier svedese Ulf Kritstersson: "L'Ucraina è la priorità principale della presidenza Ue"

"L'Ucraina è la priorità principale della Presidenza svedese dell'Ue. Oggi abbiamo continuato a discutere con il presidente Volodymyr Zelensky sul nostro costante sostegno all'Ucraina e sull'assistenza militare". Lo scrive in un tweet il premier svedese Ulf Kritstersson. Stoccolma da qui alla fine di giugno, terrà la presidenza di turno dell'Ue.

Josep Borrell: "Sulla tregua il Cremlino non è credibile, ritiri le truppe"

"Il Cremlino manca di credibilità e questa dichiarazione di cessate il fuoco unilaterale non è credibile. Dobbiamo avere, dobbiamo vedere, cose concrete, azioni concrete sul campo da parte della Russia. Gli attacchi militari devono cessare del tutto. Le truppe e gli equipaggiamenti militari devono essere ritirati dal territorio ucraino." Lo ha detto l'Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera, Josep Borrell, incontrando la stampa a Fes nel corso della sua missione in Marocco.

Onu: la tregua permette l'ingresso di aiuti

"L'annuncio della Federazione Russa di un cessate il fuoco di 36 ore in Ucraina è una buona notizia" . Lo scrive in un tweet Martin Griffiths, capo dell'ufficio dell'Onu per il Coordinamento degli Aiuti umanitari (Ocha) secondo cui ciò " offrirà l'opportunità di inviare un convoglio di assistenza tanto necessaria alle persone a cui non siamo stati in grado di accedere a causa degli intensi combattimenti". 

Lo Stato ucraino sfratta gli ortodossi russi da una cattedrale di Kiev

"È come se i talebani si appropriassero del Vaticano". Il commento di un canale Telegram russo filo-Cremlino spiega bene l'impatto per Mosca della decisione dell'Ucraina di restituire allo Stato la cattedrale dell'Assunzione nel “Monastero delle grotte” (Pechersk Lavra) a Kiev, considerato il cuore del monachesimo ortodosso slavo. La chiesa, fino a una settimana fa, era legata al Patriarca russo ortodosso, ma domani sarà il primate della Chiesa ortodossa ucraina autocefala - staccatasi nel 2018 da quella di Mosca generando un vero e proprio scisma nel mondo ortodosso - a celebrarvi la messa per il Natale ortodosso.

Una ragazza ucraina si è tagliata i capelli dopo 17 anni per donare soldi all'esercito

La 17enne non li tagliava dalla nascita: la lunghezza della treccia di capelli è di 64 centimetri e il peso è di 108 grammi

APPROFONDISCI LA NOTIZIA QUI

Il consigliere Usa per la sicurezza nazionale ha parlato con il consigliere diplomatico di Giorgia Meloni

 Il consigliere per la Sicurezza Nazionale americana Jake Sullivan ha parlato oggi con Francesco Talò, il consigliere diplomatico della premier italiana Giorgia Meloni.  Lo riferisce la Casa Bianca in una nota. I due funzionari hanno condannato l'aggressione della Russia contro l'Ucraina e  i suoi attacchi contro infrastrutture critiche e hanno ribadito il loro impegno a fornire assistenza a Kiev sia in termini di aiuti energetici che militari "per difendere la sovranità e la democrazia" del paese.

Il consigliere di Zelensky: "Nessuna tregua, per i russi solo Himars"

"Non ci sarà tregua" fino a quando l'ultimo soldato russo avrà lasciato l'Ucraina. Fino ad allora "ci saranno solo Himars sulle vostre teste". Questo il messaggio a Mosca del consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Arestovych, che fa riferimento ai lanciarazzi multipli semoventi forniti dagli Usa alle forze di Kiev, rivelatisi uno dei sistemi d'arma più efficaci nel conflitto contro le forze di Mosca. "Vogliamo la continuazione della guerra fino a quando l'ultimo piede dell'ultimo occupante sarà rimosso dal nostro territorio", ha detto Arestovych in una conversazione su Youtube con l'attivista russo per i diritti umani Mark Feigin, ripresa dall'agenzia ucraina Unian. "Ecco quando saremo pronti per i negoziati - ha aggiunto -. Questa è la nostra condizione. Non ci sarà tregua fino ad allora, ma solo Himars sulle vostre teste".

Guardian: il patrimonio di Ambramovich trasferito ai figli poco prima dell'invasione

La proprietà di trust contenenti beni per miliardi dollari del magnate russo Roman Abramovich fu trasferita ai suoi figli poco prima che iniziasse l'invasione russa dell'Ucraina. Lo scrive il Guardian citando documenti visti in esclusiva. Secondo questa carte, 10 trust offshore super-riservati di cui l'oligarca era l'unico beneficiario furono modificati in modo che i figli ne risultassero proprietari: il trasferimento avvenne all'inizio di febbraio 2022, tre settimane prima dell'attacco russo a Kiev.  In quei giorni la comunità internazionale già minacciava di colpire gli oligarchi legati a Mosca con sanzioni (tra cui il congelamento dei beni), se i russi avessero scatenato la guerra. I beni contenuti nei trust includono proprietà immobiliari di lusso, una flotta di super-yacht, elicotteri e jet privati. Le rivelazioni, scrive il giornale, potrebbero porre la questione di sanzioni che colpiscano anche i figli di Abramovich, che ha cittadinanza russa, israeliana e portoghese. 

Turchia: esportate 17 milioni di tonnellate di grano

A partire da agosto, "circa 17 milioni di tonnellate di grano sono state esportate" dall'Ucraina attraverso un corridoio sicuro nel Mar Nero. Lo ha affermato il ministro della Difesa turco, Hulusi Akar, facendo riferimento all'accordo trovato a fine luglio tra Ankara, Kiev, Mosca e le Nazioni Unite che ha permesso esportazioni di grano e altri prodotti dai porti ucraini dopo che per circa cinque mesi erano state bloccate a causa del conflitto tra Russia e Ucraina. Secondo i dati dell'Onu, la Cina è il Paese che ha ricevuto la maggior parte dei prodotti esportati, con circa 3,1 milioni di tonnellate di grano, seguita da Spagna (circa 3 milioni) e Turchia (1,9 milioni) e Italia, in quarta posizione con 1,4 milioni di tonnellate ricevute. 

L'ambasciata russa contro il governo tedesco: invio blindati è un passo verso l'escalation

L'ambasciata russa a Berlino ha condannato la decisione della Repubblica federale di Germania di inviare a Kiev il veicolo da combattimento della fanteria Marder e una batteria aggiuntiva di sistemi di difesa aerea Patriot. Lo rende noto l'agenzia di stampa Tass, citando la missione diplomatica russa in Germania. "Condanniamo fermamente questa decisione e la consideriamo un altro passo verso l'escalation del conflitto in Ucraina", ha osservato l'ambasciata. La missione diplomatica ha aggiunto che questo passo è stato compiuto a Berlino "anche sotto la forte pressione di Washington". Il rapporto afferma che "pompare Kiev con armi letali e attrezzature militari pesanti è la linea morale che le autorità tedesche non avrebbero dovuto oltrepassare, tenendo conto della responsabilità storica della Germania".

Volodymyr Zelensky al premier svedese Ulf Kristersson: "Avviare i negoziati per l'adesione all'Ue"

"Incontro online con il primo ministro svedese Ulf Kristersson. Ho parlato in dettaglio della situazione in prima linea e dei rischi di una sua escalation, nonché delle esigenze fondamentali dell'Ucraina per rafforzare le forze di difesa. Ci aspettiamo che sotto la Presidenza svedese del Consiglio dell'UE saremo in grado di avviare i negoziati sull'adesione dell'Ucraina. Questo è un potente motivatore per il nostro esercito e un desiderio comune della nostra società. Crediamo che sarà un forte incentivo per l'unità all'interno dell'UE. Sono grato per l'assistenza umanitaria e invito Ulf Kristersson a continuare il dialogo su tutte le aree durante un incontro personale a Kiev". Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Colpita prima della tregua una caserma dei vigili del fuoco a Kherson, un morto e 4 feriti

Base dei vigili del fuoco colpita a Kherson Telegram/United24
Base dei vigili del fuoco colpita a Kherson

La Germania pronta a inviare 40 mezzi blindati

La Germania invierà 40 mezzi blindati a Kiev nei primi tre mesi del 2023. È quanto riferisce il settimanale tedesco Der Spiegel. I primi mezzi blindati, dei Marder, saranno forniti quando l'esercito tedesco avrà completato l'addestramento dei soldati ucraini.

La vicepremier ucraina Iryna Vereshchuk: "La Russia pianifica assalti alle chiese durante la celebrazione del Natale"

La Russia pianifica attacchi alle chiese nei territori occupati in Ucraina, durante le celebrazioni del Natale ortodosso, domani. Lo ha denunciato la vice premier ucraina, Iryna Vereshchuk, come riporta il Kyiv Independent. Gli attacchi, scrive la testata, avrebbero lo scopo di far passare l'Ucraina come aggressore e incoraggiare potenziali coscritti ad arruolarsi nell'esercito.

Mosca assicura di stare rispettando la tregua unilaterale

 L'esercito russo ha assicurato di rispettare il cessate il fuoco unilaterale di due giorni decretato da Mosca in Ucraina per il Natale ortodosso, ma ha accusato Kiev di continuare i bombardamenti. "Nonostante l'osservanza del regime di cessate il fuoco da parte delle truppe russe... il regime di Kiev ha continuato a bombardare citta' e posizioni russe", ha affermato il ministero della Difesa russo nel suo briefing quotidiano. Dopo l'entrata in vigore della tregua annunciata da Mosca, ma rifiutata da Kiev, i due Paesi si stanno accusando a vicenda di raid e bombardamenti. Il ministero della Difesa russo sostiene che sia Kiev a non rispettare la tregua e ha riferito che da un luogo vicino alla citta' di Novopavlivka nella regione di Zaporizhzhia, nel Sud dell'Ucraina, le forze ucraine abbiano effettuato otto attacchi con l'artiglieria e che altri tre sono stati registrati nella regione di Lugansk. Mosca spiega che al momento sta solo rispondendo agli attacchi delle forze di Kiev. "Con il fuoco di risposta, le truppe russe hanno distrutto le posizioni delle forze armate ucraine da dove sono stati lanciati gli attacchi", ha detto il portavoce del ministero della Difesa in un briefing.

Kiev: raid russi a Kramatorsk nonostante la tregua

Le forze russe hanno colpito la città di Kramatorsk nell'est dell'Ucraina dopo l'entrata in vigore della tregua natalizia annunciata dal presidente russo Vladimir Putin. Lo ha detto il vicecapo dell'ufficio di presidenza ucraino Kyrylo Tymoshenko. "Gli occupanti hanno attaccato la città due volte con razzi", ha scritto sui social, aggiungendo che è stato colpito un edificio residenziale, ma che non ci sono state vittime.

Caccia dalla Bielorussia, allarme aereo in tutta l'Ucraina

Un allarme aereo è scattato in tutta l'Ucraina dopo il decollo di due caccia dalla base di Baranovichi in Bielorussia. La popolazione è stata invitata ad andare nei rifugi. Lo riporta il gruppo di monitoraggio Belarusian Gayun citato da Unian. Subito prima era decollato da Machulyshchy l'aereo radar A-50u dell'aeronautica russa. 

Tass: l'Ucraina viola il cessate il fuoco unilaterale di Putin, bombardata Donetsk

Accuse incrociate su violazione della tregua. L'Ucraina ha attaccato a colpi di artiglieria l'area di Donetsk per tre volte subito dopo l'entrata in vigore del cessate il fuoco unilaterale dichiarato da Putin per il natale ortodosso. Lo riporta la Tass. 

Mosca vuole alzare le tasse alle imprese per finanziare l'invasione

 La Russia sta pensando di chiedere più contributi alle proprie imprese e di tagliare le spese non collegate alla difesa per far fronte ai costi provocati dall'invasione dell'Ucraina. Secondo quanto riferisce Bloomberg, che ha visionato un ordine governativo emesso dal primo ministro Mikhail Mishustin a metà dicembre, la proposta prevede il pagamento di dividendi più alti da parte delle società statali e di una 'una tantum' da parte dei produttori di fertilizzanti e di carbone.

Dmitri Medvedev: "Kiev rifiuta la nostra mano tesa? Per noi meno problemi"

 L'ex presidente russo e attuale vice del Consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev, ha dichiarato - citato dalla Tass - che "una mano di pietà cristiana è stata tesa all'Ucraina" per la Grande festa (il Natale ortodosso) e che Kiev "l'ha rifiutata", aggiungendo che questo per i russi significa "meno problemi". Secondo Medvedev, "molti dei nostri soldati credo abbiano tirato un sospiro di sollievo quando hanno saputo del rifiuto della tregua natalizia (da parte dell'Ucraina). Meno problemi e astuzie", ha commentato sul suo canale Telegram, secondo la Tass.

Via alla tregua dalle 10 (ora italiana) alle 22 (mezzanotte in Ucraina)

A mezzogiorno ora di Mosca (le 10 in Italia) è entrato ufficialmente in vigore il cessate il fuoco natalizio nelle operazioni militari in Ucraina annunciato dalla Russia, che durerà fino alla mezzanotte (le 22 italiane) di domani. 

La tregua è stata annunciata anche dal primo canale televisivo statale russo: "a mezzogiorno di oggi, il regime del 'cessate il fuoco' è entrato in vigore su tutta la linea di contatto. Continuerà fino alla fine del 7 gennaio".

Ieri era stato il Patriarca di Mosca Kirill, fedelissimo di Putin, a chiedere una tregua in occasione del Natale ortodosso. L'appello del religioso è stato poi accolto dal capo del Cremlino.

La notizia ha suscitato molte polemiche e scetticismo da parte di Kiev e dagli "alleati" che hanno parlato solo di “momento per riorganizzarsi e prendere fiato” per i russi.

L'ex presidente russo e attuale vice del consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev, ha dichiarato - citato dalla Tass - che "una mano di pietà cristiana è stata tesa all'Ucraina" per la grande festa (il Natale ortodosso) e che Kiev "l'ha rifiutata", aggiungendo che questo per i russi significa "meno problemi". Secondo Medvedev, "molti dei nostri soldati credo abbiano tirato un sospiro di sollievo quando hanno saputo del rifiuto della tregua natalizia (da parte dell'Ucraina). Meno problemi e astuzie", ha commentato sul suo canale Telegram.

Casa bianca: il gruppo Wagner ha interessi economici a Bakhmut

Il gruppo Wagner combatte a Bakhmut, città ucraina, per ottenere il controllo delle miniere di sale e gesso. Lo ha riferito un funzionario della Casa Bianca, citato dal Guardian. Secondo quanto riferito, il gruppo Wagner, fondato e guidato da Yevgeny Prigozhin, ha interessi economici nei confronti della miniera.

Ambasciatore russo a Washington: "Usa non vogliono accordo"

Gli Stati Uniti allungano la guerra in Ucraina inviando armi e rifiutando il cessate il fuoco: è l'opinione dell'ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov. "Tutte le azioni dell'amministrazione indicano la mancanza di qualsiasi desiderio di una soluzione politica", ha detto il diplomatico, secondo una nota pubblicata dal sito della missione. 

Intelligence Uk: le milizie del Donbass sono state integrate nell'esercito russo

Le milizie filorusse delle autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk, nel Donbass ucraino, che combattono al fianco dette truppe di Mosca, sono state formalmente integrate nell'esercito russo lo scorso 31 dicembre: è quanto sostiene oggi l'intelligence britannica nel suo briefing quotidiano sulla guerra in Ucraina, citato dal Guardian. Nello stesso bollettino si ricorda che Mosca considera ora questi territori come parte della Federazione russa, ma si afferma che questi sarebbero percepiti come un elemento divisivo in Russia, dove secondo molti essi drenano risorse finanziarie e hanno un costo politico e diplomatico per il paese.

Kiev, i russi continuano a bombardare nelle vicinanze di Nikopol

I russi hanno continuato a bombardare per tutta la notte con l'artiglieria pesante le comunità di Marhanetska e di Chervonohryhorivka, nei pressi di Nikopol, nell'oblast ucraino di Dnipropetrovsk. che sta fra quelli di Zaporizhzhia a sud e di Kharkiv a nord. Lo fa sapere sul suo account Telegram il governatore della regione, Valentyn Reznichenko, citato dal Kyiv Independent. 

Germania fornirà a Kiev 40 veicoli blindati Marder

Il governo tedesco ha in programma di inviare 40 veicoli blindati di tipo Marder in Ucraina: lo scrive il settimanale Der Spiegel, dopo che ieri Berlino e Washington avevano annunciato la decisione di fornire per la prima volta veicoli da combattimento a Kiev. I primi Marder saranno forniti nel primo trimestre di quest'anno, dopo che l'esercito tedesco ha addestrato i soldati ucraini al loro utilizzo, scrivono ancora i media tedeschi. Inoltre, secondo fonti di Der Spiegel, il governo di Olaf Scholz sta valutando la possibilità di inviare altri veicoli corazzati antiaerei di tipo Gepard all'esercito ucraino. Berlino e Washington hanno annunciato ieri in un comunicato congiunto la decisione di fornire per la prima volta veicoli da combattimento a Kiev, anche se non hanno fornito cifre (secondo l'agenzia Reuters, gli Usa forniranno 50 veicoli da combattimento di fanteria Bradley). Inoltre, il governo tedesco consegnerà anche un sistema antiaereo di tipo Patriot, che andrà ad aggiungersi a quelli che vogliono inviare gli Stati Uniti.

Dopo Biden anche il Dipartimento di Stato Usa boccia la tregua di Putin: cinica

Il dipartimento di Stato Usa ha definito "cinica" la proposta russa di un 'cessate il fuoco' in Ucraina. "C'e' una parola che la descrive bene ed e' 'cinico'", ha detto il portavoce Ned Price. "La nostra preoccupazione e' che i russi cercherebbero di sfruttare qualsiasi pausa temporanea nei combattimenti per riposarsi, rimontarsi, riorganizzarsi e, infine, riattaccare".   Molto scettico anche il presidente Usa Joe Biden, secondo il quale il capo del Cremlino, Vladimir Putin sta "cercando di trovare un po' di ossigeno". 

Biden: aumenteremo aiuti a Kiev, patriot anche dalla Germania

Anche la Germania fornirà all'Ucraina una batteria di missili Patriot. Lo ha detto il presidente Usa Joe Biden, durante una riunione del suo gabinetto, riferendo della "lunga discussione" avuta con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, nella quale è stato deciso anche l'invio di mezzi corazzati Bradley e Marden a Kiev. La guerra in Ucraina al momento è a un "punto critico", ha detto Biden, e "dobbiamo fare tutto ciò che possiamo per aiutare gli ucraini a resistere all'invasione russa". Le truppe russe, ha aggiunto, "non stanno affatto mollando". Quindi, "aumenteremo il sostegno all'Ucraina". Quanto ai Patriot, Biden ha affermato che servono all'Ucraina per "difendersi dagli attacchi aerei russi" e che "funzionano e i russi stanno cominciando a capire che funzionano bene". I Patriot, ha detto ancora il presidente, "aiuteranno molto".
 

Kuleba: cessate il fuoco russo non va preso sul serio

"L'annuncio di un cessate il fuoco natalizio da parte del Cremlino "non può e non deve essere considerato seriamente": lo ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba. Kiev "ha proposto un chiaro piano di pace in dieci passi, che la Russia ha ignorato bombardando invece Kherson alla vigilia di Natale, e lanciando dei massicci attacchi missilistici e di droni a Capodanno", ha scritto Kuleba sul suo account di Twitter. 

Zelensky: proposta tregua Putin solo una copertura

"La Russia vuole usare il Natale come copertura per fermare la nostra avanzata nel Donbass e avvicinare equipaggiamento, munizioni e uomini alle nostre posizioni": così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha respinto la proposta di tregua natalizia avanzata dal Cremlino. Secondo Zelensky Mosca intenderebbe sfruttare la tregua per guadagnare tempo e riprendere i combattimenti "con rinnovato vigore".  Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato una tregua natalizia di 36 ore, dalle 12 del 6 alle 24 del 7 gennaio "lungo tutta la linea del fronte in Ucraina", come richiesto anche dal patriarca ortodosso di Mosca Kirill. "Dato che un gran numero di fedeli ortodossi vive nelle zone interessate dalle ostilità, chiediamo alla parte ucraina di dichiarare un cessate il fuoco per consentire loro di partecipare alle funzioni religiose della vigilia e di Natale", conclude l'ordinanza di Putin.