Il viaggio in Ucraina

Meloni a Kiev: L'Italia è con l'Ucraina, non tentennerà. Per ora non c'è sul tavolo invio di aerei"

"È stata sottovalutata l'eroica azione di un popolo per difendere la propria libertà e sovranità. Mi ha ricordato la nascita dello Stato italiano. Con la capacità che avete avuto di battervi avete dimostrato di essere una straordinaria nazione"
Meloni a Kiev: L'Italia è con l'Ucraina, non tentennerà. Per ora non c'è sul tavolo invio di aerei"
Getty
Conferenza stampa a Kiev tra Giorgia Meloni e Volodymyr Zelensky

L'Italia sostiene la Formula di pace presentata da Zelensky

"L'Italia esprime il suo apprezzamento per la Formula di Pace dell'Ucraina presentata dal Presidente Zelensky per la prima volta al Vertice dei Leader del G20 a Bali il 15 novembre 2022. L'Italia si impegna per una pace giusta per l'Ucraina basata sulla Formula di Pace e ribadisce il proprio impegno a collaborare attivamente con Ucraina sul piano di pace in 10 punti". È quanto si legge in una dichiarazione congiunta del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e della premier Giorgia Meloni, pubblicata sul sito della presidenza ucraina.

 

Kiev, ruolo importante dell'Italia nella ricostruzione

"L'Ucraina è pronta a riconoscere l'importante ruolo dell'Italia nella ricostruzione e nella rapida ripresa del Paese". È quanto si legge in una dichiarazione congiunta del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e della premier Giorgia Meloni, pubblicata sul sito della presidenza ucraina.

 

Kiev, conferenza stampa di Meloni e Zelensky

Meloni: “L'Italia lavora a una conferenza per la ricostruzione ad aprile”

"Abbiamo parlato molto del tema della ricostruzione, non solo al termine della guerra. La ricostruzione è già adesso. Ricostruire ora un palazzo distrutto è un segno di speranza, vuol dire scommettere sull'Ucraina. L'Italia lavora all'organizzazione di una conferenza sulla ricostruzione da tenersi in aprile". Lo dice la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa da Kiev.

Meloni: “L'Ucraina ha dimostrato di essere una nazione straordinaria”

"È stata sottovalutata l'eroica azione di un popolo per difendere la propria libertà, la propria sovranità. Mi ha ricordato la nascita dello Stato italiano. Qualcuno riteneva che sarebbe stato facile piegare l'Ucraina perchè l'Ucraina non era una nazione, ma con la capacità che avete avuto di battervi avete dimostrato di essere una straordinaria nazione". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, al termine dell'incontro con il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky. "L'Ucraina al cospetto del mondo ha già vinto la battaglia per rivendicare la propria identità". ha aggiunto. 

Meloni: “Berlusconi? Contano i fatti, la maggioranza è sempre compatta”

'Per me valgono i fatti e qualsiasi cosa il Parlamento è stato chiamato a votare a sostegno dell'Ucraina i partiti che fanno parte della maggioranza l'hanno votata. Al di là di alcune dichiarazioni, nei fatti la maggioranza è sempre stata compatta. C'è un programma chiaramente schierato a sostegno dell'Ucraina, è sempre stato rispettato da tutti e confido che sarà ancora così. A questa maggioranza piace rispettare gli impegni presi''. Lo dice il premier Giorgia Meloni, prendendo la parola dopo la risposta, durissima, del Presidente ucraino Zelensky a una domanda della stampa italiana sulle parole di Silvio Berlusconi.

Meloni: “Per ora non c'è sul tavolo l'invio di aerei”

"Quando c'è un aggredito tutte le armi sono difensive. Al momento non c'è sul tavolo l'invio di aerei, è una decisione da prendere con i partner internazionali. Ci siamo concentrati su sistemi di difesa antiaerea, Samp-T, Spada, Skyguard. La priorità è difendere infrastrutture e cittadini". 

Zelensky: “Berlusconi? Non gli hanno mai bombardato casa”

"Diversi leader hanno diritto di pensiero, il vero problema è l'approccio della società italiana che a quel leader hanno dato un mandato. Io credo che la casa di Berlusconi non sia mai stata bombardata dai missili, mai siano arrivati con i carri armati nel giardino di casa sua, nessuno ha ammazzato i suoi parenti, non ha mai dovuto fare la valigia alle 3 di notte per scappare o la moglie dovuto cercare da mangiare e tutto questo grazie all'amore fraterno della Russia". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in conferenza stampa con Giorgia Meloni a Kiev. "Io - ha aggiunto - auguro pace a tutte le famiglie italiane, anche a chi non sostiene l'Ucraina, ma la nostra è una grande tragedia che va capita. Voglio che vengano qui a vedere con i propri occhi, vedano la scia di sangue che hanno lasciato".

Meloni: “L'Italia non tentennerà”

"Ho ribadito il pieno sostegno dell'Italia di fronte all'aggressione Russa, l'Italia non intende tentennare e non lo farà. È passato quasi un anno dal giorno che ha riportato le lancette della storia indietro di qualche decennio, l'invasione sarebbe dovuta durare qualche giorno ma non è andata così perché è stata sottovalutata l'eroica reazione di una nazione disposta a tutto per difendere la sua libertà, identità e sovranità". 

"L'Italia darà ogni possibile assistenza perché si creino le condizioni di un negoziato, ma fino ad allora darà ogni genere di supporto militare, finanziario, civile. Chi sostiene anche militarmente l'Ucraina è chi lavora per la pace".

"Al cospetto del mondo l'Ucraina ha già vinto la sua battaglia per affermare la sua identità". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa a Kiev con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

 

Le parole della premier in visita a Irpin

Amendola (Pd): oggi Meloni rappresenta tutti gli italiani

"L'Italia è al fianco dell'Ucraina. Da sempre, come l'Europa e il mondo libero. La Presidente Meloni a Kiev oggi rappresenta tutti gli italiani che non cedono di fronte alle minacce e all'aggressione di Putin", scrive Enzo Amendola, parlamentare Pd.

Meloni in visita a Bucha

La premier Giorgia Meloni visita Bucha Reuters
La premier Giorgia Meloni visita Bucha

Meloni sul discorso di Putin: la solita propaganda

Kiev: grati a Meloni per l'impegno e la leadership

Kiev "è grata alla presidente Meloni per la sua leadership e per il suo impegno nel continuare a sostenere l'Ucraina". Lo ha detto all'ANSA il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko, commentando la visita della premier a Kiev. "Contiamo sull'ulteriore pieno sostegno da parte dell'Italia nel vincere la pace per l'Ucraina, ristabilire la sua sovranità e integrità territoriale e portare la Russia a rispondere dei suoi crimini", ha aggiunto. "Guardiamo inoltre al ruolo costante di Roma nel rafforzamento delle capacità di difesa dell'Ucraina per proteggere il nostro popolo dalla brutale guerra della Russia".

"L'Ucraina accoglierebbe con favore il sostegno attivo di Roma per l'attuazione della formula di pace del presidente Zelensky e il progresso dell'integrazione dell'Ucraina nell'Unione europea e nella Nato", ha aggiunto Nikolenko.

Meloni: da Putin la solita propaganda, i fatti sono diversi

"'Speravo in parole diverse, mi aspettavo un passo avanti: quello che abbiamo sentito stamattina è stata la propaganda che già conoscevamo ma i fatti sono diversi: ha detto che lavora per la diplomazia, per evitare il conflitto, ma la verità è che c'è qualcuno che è l'invasore e qualcuno che si sta difendendo, e il paradosso è che chi è vittima di questa aggressione sta comunque cercando di presentare un piano di pace". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni al termine della visita a Irpin, in Ucraina.

Meloni a Irpin, è diverso vedere a caldo la vita della gente distrutta

"È diverso parlare di numeri o vedere a caldo la vita della gente distrutta senza che ci sia una ragione, abbiamo visto fiori e peluche: è diverso, vale la pena di vederlo". Così la premier Giorgia Meloni, prima di lasciare Irpin per tornare a Kiev, dove incontrerà il presidente ucraino Volodymir Zelensky. 

Meloni a Irpin: spero di trasferire agli italiani quello che ho visto

"Spero di riuscire a trasferire agli italiani quello che ho visto, l'importanza del lavoro che stiamo facendo, l'amicizia e la riconoscenza perché anche questo è importante per dare una mano con sempre maggiore impegno". Lo ha detto la presidente del Consiglio in visita a Irpin. Meloni ha firmato una bandiera ucraina lasciando la dedica "At your side!", al vostro fianco.

Meloni fa tappa a Irpin e consegna generatori

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, dopo Bucha visita Irpin, che ha subito pesanti bombardamenti nelle fasi iniziali della guerra. A Irpin, tappalo scorso anno anche della visita di Mario Draghi con il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz, la premier consegnerà alle autorità locali due generatori a supporto delle infrastrutture critiche, che sono parte di un lotto di 52, per oltre 660 mila euro donati dal governo italiano all'Ucraina. Alla cerimonia simbolica, accanto a due dei 45 mezzi dei vigili del fuoco donati sempre dagli italiani, saranno presenti associazioni italiane attive a Kiev.

La premier Meloni in visita a Bucha

Giorgia Meloni a Bucha rainews
Giorgia Meloni a Bucha

Meloni agli ucraini, combatteremo per la vostra libertà

"Combatteremo per voi e la vostra libertà". Lo ha detto la presente del consiglio Giorgia Meloni alle autorità locali ucraine, a conclusione della visita sui luoghi dei massacri di Bucha. Ora Meloni è diretta a Irpin.

Meloni si commuove a Bucha, non siete soli

A tratti commossa, nella sua visita a Bucha la premier Giorgia Meloni ha ascoltato da varie autorità ucraine i racconti delle tragedie causate in questi luoghi dall'aggressione russa. Dopo aver passato in rassegna anche una piccola mostra fotografica con le immagini degli orrori, la presidente del Consiglio ha chiesto all'interprete di tradurre un messaggio ai suoi interlocutori: "Non siete soli".

Meloni riceve la medaglia di Bucha, città non conquistata

Una medaglia composta con le pallottole usate: questo l'omaggio che le autorità locali hanno fatto alla premier Giorgia Meloni in visita a Bucha. La presidente del Consiglio ha osservato con attenzione la medaglia e letto con interesse ad alta voce l'incisione sul retro: ‘Bucha, la città non conquistata’.

Meloni a Bucha, potete contare sull'Italia fino alla fine

"Può contare sull'Italia, siamo con voi dall'inizio e lo saremo fino alla fine. Avete tutto il nostro il supporto". Lo ha detto la presidente del consiglio Gorgia Meloni, alle autorità ucraine durante la visita a Bucha.

Meloni a Bucha depone fiori in omaggio a vittime

A Bucha la premier Giorgia Meloni ha deposto dei fiori rossi per rendere omaggio alle vittime nelle fosse comuni. Davanti a questo luogo simbolico, la presidente del Consiglio si è chiusa in raccoglimento, facendosi il segno della croce.

Meloni a Bucha, l'omaggio alle vittime del massacro

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni è a Bucha per visitare la città diventata simbolo dell'invasione russa in Ucraina. Qui, nei primi giorni di marzo del 2022, i russi che cercavano di raggiungere Kiev uccisero circa 400 persone. A Bucha la prima tappa è la chiesa ortodossa di Sant'Andrea. Meloni deporrà una corona di fiori per le vittime delle fosse comuni e visiterà la chiesa dove c'è un'esposizione fotografica sulla guerra.Subito dopo Meloni andrà a Irpin, dove sarà accolta dal sindaco Oleh Bondar, per una visita della città e dei luoghi più colpiti dalle bombe. Meloni consegnerà materiali civili di aiuto, in particolare due generatori elettrici (parte di un lotto di 52 donati dal governo italiano, con una spesa di 666 mila euro), a supporto di strutture strategiche. Sul posto anche due dei 45 mezzi Iveco donati dalla Protezione civile italiana all'Ucraina.

Calenda: la missione di Meloni in Ucraina è un fatto importante per la reputazione italiana

"La missione di Giorgia Meloni in Ucraina alla vigilia dell'anniversario dell'invasione russa è un fatto importante per la reputazione italiana e la solidità nostro posizionamento internazionale messo più volte in discussione da Salvini,  Berlusconi e Conte". Lo scrive su Twitter il leader di Azione, Carlo

Ambasciatore Melnyk: bene Meloni dopo le parole inaccettabili di Berlusconi

L'Ucraina apprezza la pronta risposta del presidente del Consiglio italiano Giorgia Meloni,che ha ribadito il sostegno incrollabile del governo italiano all'Ucraina dopo le dichiarazioni inaccettabili di Berlusconi".Lo dice l'ambasciatore ucraino a Roma Yaroslav Melnyk, che oggi è con la premier a Kiev, in un'intervista all'ANSA, rispondendo ad una domanda su come giudichi le posizioni dei diversi partiti italiani nel sostegno a Kiev anche dopo le ultime dichiarazioni del leader di Forza Italia su Zelensky.

La dichiarazione di Giorgia Meloni all'arrivo a Kiev

Ambasciatore ucraino: la visita di Giorgia Meloni un segnale forte

"L'Italia ci dà un forte sostegno nel nostro percorso verso l'adesione all'Ue, apprezzo molto la leadership di Roma" su questo. "È molto importante per la nostra posizione durante la guerra. Contiamo anche sul sostegno dell'Italia per la nostra domanda di adesione alla Nato con procedura accelerata. La visita del presidente del Consiglio Giorgia Meloni a Kiev è un altro forte segnale di sostegno all'Ucraina". Lo dice l'ambasciatore ucraino a Roma Yaroslav Melnyk, che oggi è con la premier a Kiev, in un'intervista all'ANSA.

L'arrivo di Giorgia Meloni a Kiev Rainews
L'arrivo di Giorgia Meloni a Kiev

Per Meloni pausa in hotel a Kiev, poi tappa a Bucha

La premier Giorgia Meloni si è trasferita dalla stazione di Kiev all'hotel per una breve pausa dopo il viaggio notturno in treno dalla Polonia, prima di proseguire la sua visita in Ucraina, facendo tappa a Bucha.

Meloni: "Sono qui per capire cosa serve a un popolo che si batte per la sua libertà"

"Sono qui per capire cosa serve a un popolo che si batte per la sua libertà. E' sempre diverso vedere con i propri occhi e credo che aiuti anche gli italiani a capire" ciò che sta accadendo in Ucraina, ha aggiunto Meloni.

Meloni: a Kiev per ribadire la posizione del governo

"Credo sia doveroso essere qua per ribadire la posizione del governo italiano e forse anche rendersi conto personalmente di quel che serve a un popolo che si batte per la libertà". Così la premier Giorgia Meloni, scendendo dal treno a bordo del quale è giunta a Kiev: "È sempre diverso vedere con i propri occhi credo che aiuti anche gli italiani a capire"

Meloni: sono onorata, doveroso essere qui a Kiev

"Sono onorata, doveroso essere qui". Così la premier Giorgia Meloni, scendendo dal treno a bordo del quale è giunta a Kiev. "Era giusto e necessario esserci", ha detto la premier. Meloni è stata accolta dalla delegazione del governo ucraino con un mazzo di rose, da una rappresentanza dell'Ambasciata italiana e dall'ambasciatore ucraino in Italia, Yaroslav Melnyk.

Meloni accolta con un mazzo di fiori

La premier, sorridente, è stata accolta con un mazzo di fiori prima di uscire dalla stazione e salire in auto per trasferirsi in hotel.

Giorgia Meloni è arrivata a Kiev

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni è arrivata a Kiev per incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Meloni è arrivata nella capitale a bordo di un treno partito la scorsa notte, intorno all'una, dalla stazione polacca di Przemysl, vicino al confine ucraino.Il programma della visita è riservato, ma Meloni dovrebbe visitare alcuni luoghi simbolo della guerra, prima di incontrare il presidente Volodymyr Zelensk