La guerra in Ucraina minuto per minuto, giorno 549

Kiev: la controffensiva accelera a sud. Allarme Usa per le "spie civili" di Mosca

Morti 3 piloti militari ucraini in scontro tra velivoli. Ancora droni su Mosca e Belgorod. Le autorità ucraine rivendicano di avere colpito una base militare in Crimea. Intelligence britannica: i russi sotto pressione a sud ma attaccano a nordest
Kiev: la controffensiva accelera a sud. Allarme Usa per le "spie civili" di Mosca
Reuters
Carro armato ucraino vicino a Robotyne, regione di Zaporizhzia, 25 agosto 2023

Kiev: Nato assicura che gli F-16 ci daranno la superiorità

I caccia F-16 "saranno in grado di rilevare gli aerei russi a lunga distanza e consentire ai piloti ucraini di rimanere fuori dal raggio d'azione della difesa aerea russa in prima linea", scrive il Consiglio Atlantico, citato dall'agenzia ucraina Unian. Inoltre, scrive ancora l'agenzia ucraina sul suo canale Telegram, "è probabile che questi caccia siano equipaggiati con missili aria-aria Aim-120 Amraam, che hanno prestazioni simili e forse superiori agli R-77 russi".
In più, si legge, "la fornitura di F-16 darà all'Ucraina una piattaforma in grado di integrare facilmente un'ampia gamma di sofisticati sistemi d'arma qualora gli Stati Uniti e altri Paesi decidessero di fornirli in futuro. Si va dal sistema di contromisure elettroniche An/Alq-131 alle armi cinetiche a lungo raggio come la bomba di piccolo diametro e missili da crociera come l'Agm-158 Jassm".
"Non appena l'Ucraina sarà in grado di utilizzare gli aerei F-16, si apriranno le porte ai Paesi della Nato per fornire queste armi, poiché sono facilmente compatibili con i caccia di fabbricazione americana", scrive ancora Unian. 

 

La premier estone Kallas nei guai: i media chiedono le dimissioni per scandalo sui rapporti del marito con la Russia

Editoriali apparsi ieri sui tre principali quotidiani estoni (Eesti Pevalhet, Postimees e Ohtuleht) chiedono unanimamente le dimissioni della prima ministra Kaja Kallas. La richiesta arriva sulla scia delle rivelazioni secondo cui Stark Logistics, una società di trasporti di cui il marito della premier è azionista, avrebbe continuato fino ad oggi a realizzare profitti con la Russia. In un primo momento, Kallas aveva negato di essere a conoscenza dei rapporti dell'azienda con la Russia. Due giorni fa, nel corso di una conferenza stampa, Kallas ha quindi negato la fondatezza delle accuse dichiarando che Stark Logistics avrebbe interrotto la sua attività in Russia nel mese di settembre.
La stampa ha tuttavia confutato le dichiarazioni della prima ministra dimostrando che l'azienda sta mettendo in atto un piano di sviluppo dei trasporti verso la Russia. Nonostante i rapporti commerciali di Stark Logistics con la Russia non configurino un'infrazione delle sanzioni europee nei confronti della Russia, i quotidiani hanno contestato a Kallas un atteggiamento costantemente evasivo mischiato a palesi menzogne. 

 

Primo Ministro estone Kaja Kallas Getty
Primo Ministro estone Kaja Kallas

Russia: voci sul "mercante di morte" Viktor Bout come prossima guida della Wagner su mandato di Putin

A Mosca negli ambienti vicini all'intelligence circolano voci che Viktor Bout avrebbe avuto da Putin il mandato di guidare la milizia privata Wagner dopo la morte del fondatore Yevgeny Prigozhin in un misterioso incidente aereo. A riportare le indiscrezioni è Igor Sushko, un analista che dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina ha diffuso - grazie a credibili contatti con i servizi di sicurezza FSB - una serie di 'lettere' che evidenziavano le divisioni e l'impreparazione dei vertici russi.       

Se confermata, la scelta di Viktor Bout, per tutti il 'mercante di morte', indicherebbe una importante svolta nella gestione della Wagner. Bout, infatti, è stato oggetto di uno scambio gestito direttamente dal Cremlino dopo l'arresto pretestuoso della cestista americana Brittney Griner, condannata a 9 anni di reclusione a Mosca per possesso di stupefacenti. La mossa - che pose fine a 12 anni di detenzione del mercante di armi - evidenziò l'importanza di Bout per il Cremlino: l'uomo peraltro nelle scorse settimane è stato indicato come possibile candidato per il partito ultranazionalista Liberal-Democratico nelle elezioni dell'Assemblea legislativa nella regione di Ulyanovsk, nella Russia centrale.       Arrestato nel 2008, Bout - un passato nel Kgb e nell'esercito russo -  era già noto a livello globale per il suo 'contributo' ad alimentare guerre civili in tutto il mondo con la fornitura di armi sofisticate frutto di connessioni 'importanti' sviluppate prima sotto le armi quindi nei turbolenti anni post-Urss. Tagiko di nascita, Bout - alla  cui 'carriera' era stato ispirato un film con Nicholas Cage - era  stato arrestato dalla Drug Enforcement Administration al termine di una operazione che aveva attraversato tre continenti. Estradato negli Stati Uniti nel 2010 era stato condannato a 25 anni di carcere. A  confermare il suo 'status' le parole di Michael Braun, ex capo delle operazioni della Drug Enforcement Administration statunitense, nel  2010: "Viktor Bout, ai miei occhi, è uno degli uomini più pericolosi sulla faccia della Terra".

Zelensky annuncia indagine sui tre piloti morti a Zhytomir

E' "in corso" un'indagine sul "disastro" avvenuto nei cieli della regione ucraina di Zhytomir, dove tre piloti sono morti nello scontro tra due aerei da addestramento. Lo ha annunciato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un post su  Telegram.        

"È troppo presto per conoscere i dettagli. Tutte le circostanze verranno chiarite", ha proseguito Zelensky, assicurando che " l'Ucraina non dimenticherà mai tutti coloro che hanno difeso i cieli del nostro Paese".

Polonia: cyberattacco a ferrovie, indagini in corso

Le autorità polacche stanno indagando su un apparente cyberattacco alla rete di comunicazione ferroviaria nazionale che ha creato disagi al traffico notturno nel nord-ovest del Paese. Il vice coordinatore dei servizi speciali Stanislaw Zaryn ha dichiarato all'agenzia di stampa PAP che l'agenzia di sicurezza interna e la polizia stanno indagando sull'incidente. "Per il momento non escludiamo nulla", ha dichiarato Zaryn dopo che la rete di comunicazione radio della ferrovia PKP è stata violata nei pressi della città nord-occidentale di Stettino, provocando l'emissione di diversi segnali di stop che hanno fermato o ritardato circa 20 treni.    

Secondo i media, i segnali sono stati intervallati dall'esecuzione dell'inno nazionale russo e dalla registrazione di un discorso del Presidente russo Vladimir Putin. "Sappiamo che da alcuni mesi ci sono tentativi di destabilizzare lo Stato polacco. Tali tentativi sono stati intrapresi dalla Federazione Russa in collaborazione con la Bielorussia", ha aggiunto Zaryn, affermando che le autorità stanno prendendo sul serio l'incidente.

La PKP ha dichiarato che il traffico è ripreso normalmente nel giro di poche ore e Zaryn ha affermato che l'attacco "non ha comportato rischi per la salute o la vita dei passeggeri... e non rappresenta un pericolo per il traffico ferroviario in Polonia". La Polonia, stretto alleato dell'Ucraina, e' Paese di transito per le armi occidentali destinate ad aiutare Kiev. Durante la settimana le ferrovie polacche hanno registrato diversi incidenti, tra cui due deragliamenti, in cui nessuno e' rimasto ferito. Zaryn ha detto che non ci sono prove ad indicare che questi incidenti e il cyberattacco siano collegati.

"Juice", il capitano-pilota ucraino tra le tre vittime dello scontro aereo sopra il cielo di Zhytomyr

"Una tragica perdita. Il 25 agosto, due jet militari L-39 si sono scontrati nel cielo sopra la regione di Zhytomyr. Tre piloti dell'aeronautica ucraina hanno perso la vita. Uno di loro era il capitano Andrii Pilshchykov, insignito dell'Ordine del Coraggio, 3a classe, conosciuto con il nominativo "JUICE". Porgiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie dei defunti. Siamo grati per il loro servizio. Saranno ricordati sia nei cieli che sulla terra". E' quanto scrive, sul social X (ex Twitter), il ministero della Difesa ucraino.


 

 

uno dei tre piloti ucraini morti nell’incidente e tweet della difesa UA Difesa Ucraina Twitter
uno dei tre piloti ucraini morti nell’incidente e tweet della difesa UA

Kiev: inaccettabile lo stop all'import di prodotti agricoli ucraini da parte di alcuni Paesi Ue

L'intenzione, espressa da cinque Paesi Ue confinanti con l'Ucraina, di estendere il divieto delle importazioni di prodotti agricoli ucraini è "categoricamente inaccettabile: lo ha dichiarato il ministero degli Esteri di Kiev. I Paesi sono Polonia, Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia che hanno anche preannunciato di volere ampliare tale divieto ad ulteriori prodotti. Secondo Kiev, tali restrizioni unilaterali non sono coerenti con "lo spirito e la lettera" dell'accordo di associazione in vigore fra Ue e Ucraina e alle norme del mercato unico dell'Unione europea.     "Consideriamo categoricamente inaccettabile il mantenimento delle restrizioni commerciali sull'importazione di prodotti agricoli dall'Ucraina dopo la scadenza del divieto della Commissione europea il 15 settembre. Ciò provoca un totale malinteso e l'intenzione di aggiungere altre categorie di prodotti ucraini all'elenco delle merci vietate per import", si legge nella nota ufficiale della diplomazia citata dalla stampa ucraina.

Secondo l'intelligence Usa la Russia sta intensificando i suoi sforzi per manipolare l'opinione pubblica occidentale

La Russia sta intensificando i suoi sforzi per diffondere propaganda a lei favorevole e ostile all'Ucraina negli Stati Uniti e in Occidente. Lo evidenziano documenti dell'intelligence statunitense recentemente declassificati e citati da media come la Cnn e il New York Tims. Secondo questi documenti, l'intelligence russa (Fsb) sta portando avanti un programma sistematico per manipolare l'opinione pubblica basato sull'utilizzo di civili russi incaricati di costruire relazioni con influenti individui statunitensi e occidentali e poi diffondendo narrazioni che sostengono gli obiettivi del Cremlino. La Russia è stata ampiamente accusata di aver agito per influenzare gli elettori statunitensi nel periodo precedente alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, ma quegli sforzi erano progettati per avere effetti a breve termine. Tuttavia, secondo il Nyt, l'Fsb sta utilizzando obiettivi inconsapevoli negli Stati Uniti e in Occidente per diffondere la propaganda russa e "questi sforzi sono progettati  per avere effetti su un periodo di tempo più lungo".

Kiev: scontro tra aerei durante addestramento, morti 3 piloti

Due aerei da combattimento L-39 si sono scontrati nella regione di Zhytomyr durante un'attività di addestramento, provocando la morte di tre piloti ucraini. Lo ha riferito l'aeronautica militare di Kiev, citata dai media locali. Tra le vittime anche Andrei Pilshchikov, pilota noto in Ucraina per aver partecipato a numerose missioni di combattimento, comprese quella a difesa della capitale ucraina.

Forze Mosca bombardano Kupyansk, colpito un bar, morti due civili

Le forze russe hanno colpito un bar a Podoly, vicino alla città di Kupyansk in Ucraina, provocando la morte  di due civili e ferendone un terzo, ha denunciato il governatore Oleh Syniehubov. Nella regione, che gli ucraini avevano riconquistato lo scorso settembre, sono in corso intensi combattimenti.

Polonia: indagine su cyberattacco alle ferrovie: "Ombre su Mosca"

I servizi d'intelligence polacchi stanno indagando su un attacco informatico avvenuto ieri contro il sistema computerizzato delle ferrovie nazionali (Pkp) nella zone nord-occidentale del Paese, che ha messo in crisi il traffico ferroviario nella zona di Stettino (Szczecin), in direzione dl confine tedesco, dove una ventina di treni sono stati fermati o hanno viaggiato in ritardo. Secondo quanto scrivono oggi i media polacchi, il sistema emetteva gli ordini "stop" e gli addetti al controllo potevano udire di sottofondo "l'inno nazionale russo" e "un discorso di Vladimir Putin".
"Per il momento, non escludiamo alcuna pista", ha dichiarato in un comunicato il portavoce dei servizi d'intelligence di Varsavia, Stanislaw Zaryn, che ha detto che l'episodio viene preso molto sul serio. "Sappiamo che già da diversi mesi vengono fatti dei tentativi di destabilizzare lo Stato polacco e le sue imprese", ha aggiunto Zaryn, citato dall'agenzia Pap. La Polonia, strettamente alleata all'Ucraina e membro della Nato, è Paese chiave per il transito delle armi occidentali verso Kiev.
 

 

Mykahilo Podolyak: negoziare è riconoscere il diritto di Mosca all'impunità

 "Dopo i numerosi crimini di guerra commessi dalla Russia sul territorio dell'Ucraina", qualsiasi richiesta "di negoziati immediati" con la Russia dovrebbe essere vista come un "rifiuto dei principi fondamentali della democrazia" e la "disponibilità a riconoscere il diritto dell'assassino a commettere crimini impuniti". Così su X, ex Twitter, il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak, secondo cui "non è l'Ucraina che dovrebbe reagire a un desiderio così eloquente di scambiare la libertà con la paura. Dovrebbero reagire gli elettori dei Paesi da cui provengono gli appelli a negoziare con gli assassini".

Kyrilo Budanov: l'ultimo attacco in Crimea ha lasciato scoperto il fianco occidentale della penisola

"L'attacco aereo ucraino contro la base in Crimea della 126ma brigata della guardia di difesa costiera della flotta russa del Mar Nero, che secondo fonti ucraine ha ucciso decine di militari russi, ha lasciato scoperto il fianco occidentale della penisola, secondo quanto afferma il capo dei servizi segreti militari ucraini, Kyrilo Budanov, in un'intervista a Krym.Realii, emittente in onde medie del gruppo statunitense Radio Free Europe destinata agli abitanti della penisola. “Abbiamo la capacità di colpire qualsiasi parte del territorio temporaneamente occupato della Repubblica autonoma di Crimea a partire da ora. Assolutamente in qualsiasi punto possiamo raggiungere il nemico”, ha aggiunto. Ha inoltre affermato che liberare la Crimea senza combattimenti è impossibile, e che non sarà un'offensiva facile".

Kyrilo Budanov Krym.Realii / YouTube
Kyrilo Budanov

New York Times: così la Russia ha usato accademici per fare propaganda

La Russia sta intensificando i suoi sforzi per diffondere negli Stati Uniti e in Occidente propaganda a favore di Mosca e messaggi anti-Ucraina, utilizzando organizzazioni e influencer. Lo riporta il New York Times, citando fonti dell'intelligence americana che ha analizzato documenti riservati dell'Fsb, il servizio federale per la sicurezza della Federazione russa. L'analisi e' stata resa pubblica. La propaganda, sostengono a Washington, potrebbe avere ricevuto un impulso dopo il fallito ammutinamento contro i vertici militari russi di Evgeny Prigozhin, quando due mesi fa aveva tentato con il gruppo paramilitare Wagner di puntare verso Mosca. Gli 007 del Cremlino avrebbero portato avanti una strategia di disinformazione gia' sperimentata nel 2016 per favorire la vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali americane. Ma le informazioni, rese pubbliche venerdì, indicano un'attività ancora più profonda. Si parla di gruppi di "cooptati": persone, od organizzazioni ufficialmente indipendenti ma che, in realtà, si muovono sotto la direzione dei servizi segreti russi. Queste operazioni includono il sostegno alla Russia attraverso cittadini e uomini di cultura americani ed europei. Tra i nomi indicati nel report come figure di spicco dell'organizzazione figura Natalia Burlinova, incriminata quest'anno dal dipartimento della Giustizia. Secondo i procuratori federali, Burlinova aveva reclutato una serie di cittadini americani che appartengono al mondo accademico, convincendoli a partecipare alle attività di una noprofit, Creative Diplomacy, da lei stessa fondata per "favorire il dialogo con la Russia". Un'ottantina di persone provenienti da numerosi paesi ha aderito al programma. Il dipartimento del Tesoro ha, nei mesi scorsi, sanzionato due rappresentanti dell'Fsb, tra cui Yegor Sergeyevich Popov, sospettato di essere stato un complice di Burlinova. Tra gli obiettivi della coppia c'era quello di creare una rete di "futuri influencer occidentali" su cui il Cremlino puntava per farne alleati di Mosca e strumenti insospettabili per diffondere la propaganda. Altri nomi indicati nel report sono quelli di Andrey Stepanenko, che ha lavorato per i servizi russi dal 2014 al 2019; Maksim Grigoryev, direttore della Fondazione per lo Studio della democrazia, un 'think tank' americano che diffondeva messaggi negativi sull'Ucraina; e Anton Tsvetkov, considerato il capo di un gruppo chiamato "Funzionari della Russia". Tra le attività promosse ci sarebbero state manifestazioni di protesta a Mosca, inclusa una organizzata fuori dall'ambasciata Usa. Altre manifestazioni sono state organizzate contro il Bard College di New York, gemellato a un college di San Pietroburgo. 

Scontro tra due aerei militari ucraini durante un addestramento, 3 morti

 Due jet biposto da addestramento ucraini L-39 Albatros si sono scontrati in volo durante un'esercitazione e almeno 3 piloti sono morti, fra cui uno molto noto. L'incidente è avvenuto ieri nell'oblast nord-occidentale di Zhytomyr, ma si è appreso solo oggi dai canali ufficiali di Telegram, fra i quali quello dell'aeronautica militare di Kiev. Fra i morti c'è un pilota della 46ma brigata dell'aviazione tattica noto con il nomignolo 'Juice'.

I rottami dei velivoli precipitati Ufficio investigativo statale dell'Ucraina / Telegram
I rottami dei velivoli precipitati

Russia, il giornalista statunitense Evan Gershkovich ha fatto ricorso contro la proroga della detenzione

Il giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich ha presentato ricorso contro la decisione di un tribunale russo di prolungare di tre mesi la sua custodia cautelare, secondo i documenti pubblicati da un tribunale di Mosca. La detenzione è stata prorogata al 30 novembre dal 30 agosto, ha riferito l'agenzia di stampa statale Tass. Gershkovich è stato arrestato a marzo con l'accusa di spionaggio.

Secondo il ministero della Difesa russo l'Ucraina avrebbe perso oltre 200 soldati nella regione di Donetsk

L'Ucraina ha perso negli ultimi giorni fino a 225 soldati, tre veicoli blindati e quattro obici in direzione di Donetsk, ha riferito il ministero della Difesa russo. Lo scrive Ria novosti L'esercito russo ha respinto due attacchi delle forze ucraine in direzione di Donetsk e cinque attacchi in direzione di Kupyansk.

Kiev: a distruggere il sistema di contraerea in Crimea un missile di produzione ucraina

A consentire alle Forze armate di Kiev di distruggere un lanciatore russo del sistema missilistico antiaereo S-400 Triumph in Crimea è stato l'utilizzo di un nuovo e moderno missile ucraino. Lo ha dichiarato il segretario del Consiglio nazionale di sicurezza e difesa Oleksiy Danilov alla Radio ucraina, citato da Unian. Secondo le sue dichiarazioni, il missile che ha distrutto il Triumph era "nuovo e assolutamente moderno": "Sì, questo è il nostro nuovo prodotto, che ha dimostrato di essere assolutamente impeccabile", ha detto Danilov. Il segretario dell'Nsdc ha evitato altri dettagli tecnologici.  E non ha specificato se si tratti di uno sviluppo completamente nuovo o di una versione aggiornata di un'arma già disponibile in Ucraina. Tuttavia, Danilov ha rivelato che si tratta di uno sviluppo dell'industria della difesa ucraina come parte di un programma lanciato nel 2020. 

Uno dei recenti raid sulla penisola: l'esplosione del sistema antimissili russo S-400 in Crimea, colpito dalle forze di Kiev (Video)

Nbc: il relitto dell'aereo di Prigozhin fa pensare a un sabotaggio

 L'ala mozzata del jet privato di Yevgeny Prigozhin sarebbe stata ritrovata venerdì a miglia di distanza dal luogo dell'incidente: questo, secondo funzionari Usa, rafforza l'ipotesi che l'Embraer Legacy 600 precipitato mercoledì a nord di Mosca sia stato sabotato, finendo a terra già a pezzi. Lo affermano fonti del governo americano al network Nbc. L'emittente ha anche geolocalizzato a nord di Mosca il filmato dell'incidente, in cui si vede il velivolo cadere senza controllo, con un'ala che si stacca. Quell'ala che sarebbe stata ritrovata a quasi 3 km dal luogo dello schianto. Due funzionari americani hanno detto a Nbc News che l'intelligence è convinta che la causa più probabile sia il sabotaggio; uno di loro ha aggiunto che una delle teorie principali è che l'aereo sia stato abbattuto da un esplosivo a bordo, anche se le informazioni sono ancora troppo scarse per confermarlo. Non ci sono invece prove a sostegno dell'idea che l'aereo sia stato abbattuto da un missile terra-aria. Il generale Pat Ryder, addetto stampa del Pentagono, lo ha detto giovedì in un briefing. I funzionari, coperti da anonimato, hanno detto che ciò è dovuto al fatto che né gli Stati Uniti né i loro alleati hanno rilevato la firma termica di un missile in grado di colpire questo aereo ad altitudine di crociera. Il portavoce del Pentagono ha aggiunto che "la valutazione iniziale basata su una varietà di fattori" è che Prigozhin è probabilmente stato ucciso. Il ministero della Difesa britannico ha aggiunto che, sebbene non vi siano "prove definitive" che il capo della Wagner fosse a bordo, "è molto probabile che sia davvero morto".

Il governatore di Zaporizhzhia: un civile morto in un centro abitato vicino al fronte

 Una persona è morta e un'altra è rimasta ferita nell'ultimo giorno di raid russi nella regione di Zaporizhzhia. Lo riferisce su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale, Yurii Malashko, secondo cui nelle ultime 24 ore "il nemico ha effettuato 85 attacchi contro 26 insediamenti della regione di Zaporizhzhia" con missili, droni e artiglieria, "sfortunatamente, un residente di 58 anni di Malaya Tokmachka è stato ucciso durante il bombardamento con missili Grad. Inoltre, durante il bombardamento di questo villaggio, è rimasto ferito un uomo di 59 anni".

Dmitry Medvedev: Occidente spinge tutti verso la terza guerra mondiale

 L'Occidente spinge tutti verso la terza guerra mondiale, ignorando i segnali di Mosca, ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev in un'intervista all'agenzia di stato Tass e all'emittente satellitare controllata dal Cremlino Rt. "Francamente sarebbe stato meglio se li avessero ascoltati (i segnali). In ogni caso, il mondo non avrebbe dovuto affrontare la minaccia della terza guerra mondiale. In realtà, è in questa direzione che i nostri avversari stanno attivamente spingendo tutti", ha detto, commentando l'idea che la dura risposta della Russia nei fatti che hanno riguardato la Georgia nel 2008 sarebbe dovuta servire come un forte segnale agli Stati Uniti e ai suoi alleati della Nato sulla necessità di ascoltare le preoccupazioni di Mosca

Nord Stream, l'inchiesta di Der Spiegel: "Indizi puntano all'Ucraina"

La rivista tedesca Der Spiegel ha pubblicato una lunga e dettagliata inchiesta sull'attacco al gasdotto Nord Stream in cui, citando investigatori tedeschi che stanno conducendo quella che un alto funzionario della sicurezza ha descritto come "l'indagine più importante della storia tedesca del dopoguerra a causa delle sue potenziali implicazioni politiche", si riferisce di un "un numero sorprendente di indizi che punta all'Ucraina". Secondo Der Spiegel, sebbene la Germania "non possa semplicemente ignorare un crimine così grave… anche sospendere il sostegno all'Ucraina nella sua guerra contro la Russia non sarebbe un'opzione". Se gli Stati Uniti fornissero assistenza all'attacco, ciò aggiungerebbe ulteriore complessità alla questione che i politici tedeschi devono affrontare, ha aggiunto.  Secondo le fonti di Der Spiegel, gli investigatori sono certi che i sabotatori fossero in Ucraina prima e dopo l'attacco. "E i possibili motivi sembrano chiari anche agli ambienti della sicurezza internazionale: l'obiettivo, dicono, era quello di privare Mosca di un'importante fonte di entrate per finanziare la guerra contro l'Ucraina. E allo stesso tempo privare Putin una volta per tutte del suo più importante strumento di ricatto nei confronti del governo tedesco".

Controffensiva, il comandante ucraino a Reuters: "Da qui in poi andremo più veloci"

Le forze ucraine ritengono di aver sfondato la linea più difficile delle difese russe nel sud, dopo aver issato la bandiera ucraina a Robotyne nella regione di Zaporizhzhia, e di essere ora in grado di avanzare più rapidamente, ha detto all'agenzia di stampa Reuters un comandante che combatte nel sud noto con il nome di battaglia 'Kombat'.  "Non ci fermiamo qui", ha detto il comandante. "Poi abbiamo Berdiansk, e poi altro ancora. Ho chiarito subito ai miei combattenti: il nostro obiettivo non è Robotyne, il nostro obiettivo è il Mar d'Azov. Abbiamo superato le strade principali che erano state minate. Stiamo arrivando a quelle linee dove possiamo andare (avanti). Sono sicuro che da qui in poi andremo più veloci", ha detto Kombat. Lo stesso comandante ha spiegato che attualmente le truppe ucraine sono entrate in territori dove si trovano solo gruppi "logistici russi", con difese russe più semplici da sfondare: "Ci stiamo muovendo per liberare tutti i nostri territori", ha detto a Reuters.

Mykahilo Podolyak: Mosca diffonde false tesi su guerra, sono nel panico

Per il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak la Russia sta diffondendo "tre false tesi chiave"  che "non hanno nulla a che fare con la realtà" perché sta sperimentando "un panico crescente tra le élite russe, la mancanza di comprensione di cosa fare e una paura catastrofica di perdere". Scrivendo su X, Podolyak spiega che Mosca sostiene "che il conflitto è arrivato a una fase di stallo. L'offensiva è fallita", che "è necessario passare immediatamente alla pseudo-diplomazia e congelare il conflitto (con la cessazione delle forniture di armi all'Ucraina)" e che "la Russia ha ancora molte risorse e molte persone disposte a 'combattere'" ma si tratta di tesi "morte" "quindi dobbiamo spingerci fino in fondo".

Autorità locali: è morta un'anziana ferita nei bombardamenti notturni sulla regione di Kherson

A Olhivka, nella regione di Kherson, a seguito dei bombardamenti di questa notte, "una donna di 83 anni ha riportato numerose ustioni. È stata portata in ospedale. Ma, sfortunatamente, le ferite erano troppo gravi. È morta nella struttura sanitaria".Lo ha scritto su Telegram il capo dell'amministrazione regionale Oleksandr Prokudin.

Papa: guerra in Ucraina impone salto qualita' nel giornalismo

L'emergenza attuale, che vede nella guerra in Ucraina la sua punta dell'iceberg, impone che il giornalismo compia un salto di qualita' e non si facci trascinare dalla cultura dell'odio o della coprofilia del gossip. Lo ha detto Papa Francesco ricevendo in Vaticano una dlegazione del Premio "e' Giornalismo", che gli e' stato conferito.   "Per favore, non cediamo alla logica della contrapposizione, non lasciamoci condizionare dai linguaggi di odio", ha spiegato il Pontefice, "Nel drammatico frangente che l'Europa sta vivendo, con il protrarsi della guerra in Ucraina, siamo chiamati a un sussulto di responsabilita'. La mia speranza e' che si dia spazio alle voci di pace, a chi si impegna per porre fine a questo come a tanti altri conflitti, a chi non si arrende alla logica 'cainista' della guerra ma continua a credere, nonostante tutto, alla logica della pace, alla logica del dialogo, alla logica della diplomazia".   "La speranza", ha aggiunbto, "e' che oggi, in un tempo in cui tutti sembrano commentare tutto, anche a prescindere dai fatti e spesso ancora prima di essersi informati, si riscopra e si torni a coltivare sempre piu' il principio di realta' - la realta' e' superiore all'idea, sempre -: la realta' dei fatti, il dinamismo dei fatti; che mai sono immobili e sempre si evolvono, verso il bene o verso il male, per non correre il rischio che la societa' dell'informazione si trasformi nella societa' della disinformazione". 

Media, esercitazioni russe per impedire passaggio navi straniere

La Flotta del Nord della Marina russa è stata impiegata questo mese in esercitazioni navali nel Mare di Barents, iniziate lo scorso 10 agosto, con l'obiettivo di "impedire il passaggio non autorizzato di imbarcazioni straniere". Lo ha riferito stamani l'agenzia russa Interfax senza indicare una data di  conclusione delle manovre. Secondo le notizie riportate, il cacciatorpediniere 'Vice ammiraglio Kulakov' "ha condotto  un'esercitazione simulando di contrastare le azioni di una 'finta' imbarcazione intrusa". Stando all'agenzia sono previste altre esercitazioni.

Video: il drone esploso su Mosca, “sventato attacco terroristico di Kiev”

 

Kiev, 2 morti vicino Kupiansk sotto bombardamenti russi

Due persone sono rimaste uccise sotto i bombardamenti russi nel villaggio di Podoly vicino Kupiansk, nell'Ucraina nord-orientale. Lo ha riferito il governatore di Kharkiv, Oleg Synegubov, precisando che c'e' stato anche un ferito.  

Video: l'arrivo di una bomba aerea sui soldati ucraini a Robotyne, verso Zaporizhzhia


 

Min.Esteri Turchia a Mosca ai primi di settembre, ieri a Kiev

Il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan visiterà la Russia all'inizio di settembre per discutere dell'accordo sul grano, del progetto di un hub del gas e del conflitto in Ucraina, ha detto a Ria novosti una fonte diplomatica ad Ankara all'indomani della visita del capo della diplomazia turca a Kiev.

Stato maggiore Kiev, Ucraina riceve informazioni su decolli aerei MiG nemici dai partner internazionali

"L'Ucraina riceve dai suoi partner informazioni sul decollo dei MiG nelle profondità del territorio della Federazione Russa, poiché la propria intelligence radar è focalizzata sul tracciamento degli aerei nemici sul TOT, nel Mar Nero e a diverse centinaia di chilometri dal confine", così Yuriy Ignat, portavoce dell'aeronautica delle forze armate ucraine, durante la trasmissione televisiva nazionale "Yedini Novyni": "Si sollevano nelle retrovie della Russia. Forse dallo stesso aeroporto di Savasleika. Con le nostre stazioni radar, purtroppo - così il militare in diretta Tv - non possiamo rilevare i MiG che volano lontano in Russia, pertanto riceviamo informazioni sui decolli e sulla loro permanenza nello spazio aereo russo, come sul fatto che siano carichi di missili o meno, dai nostri partner". 

Video: l'arrivo di una bomba aerea sui soldati ucraini a Robotyne, verso Zaporizhzhia

 

I colpi del cannone MT-12 "Rapier" contro una postazione ucraina (Video)

Lituania-Polonia discutono di sicurezza dopo morte Prigozhin

I presidenti della Lituania, Gitanas Nauseda, e della Polonia, Andrzej Duda, hanno discusso, durante una telefonata avvenuta nel pomeriggio di ieri, le conseguenze per la sicurezza regionale dell'incidente aereo nel corso del quale ha perso la vita Yevgeny Prigozhin. Nauseda e Duda hanno, in particolare, prestato attenzione alle modalità di implementazione della cooperazione alla difesa e alla realizzazione degli obiettivi fissati dall'Alleanza atlantica durante il vertice di Vilnius dello scorso luglio 

Russia, abbattuti due droni ucraini, 4 feriti a Belgorod

La Russia ha reso noto di aver abbattuto questa mattina due droni, uno che si stava avvicinando a Mosca, l'altro nel distretto di Chebekino, nella regione di Belgorod. Lo ha specificato un comunicato del ministero della Difesa. Mosca ha accusato le forze ucraine di aver lanciato delle granate in un villaggio sempre nella regione di Belgorod, dove quattro persone sono rimaste ferite. 

Valery Zaluzhnyi in visita alla centrale di Zaporizhzhia reuters
Valery Zaluzhnyi in visita alla centrale di Zaporizhzhia

Guardian (Uk), ci fu riunione Kiev-Nato su controffensiva

Circa undici giorni fa una delegazione della Nato avrebbe incontrato alcuni vertici militari ucraini in una localita' segreta al confine tra Ucraina a Polonia per discutere del mancato avanzamento della controffensiva di Kiev. A riportarlo e' il Guardian che definisce l'incontro, durato cinque ore e capitanato dal capo dell'esercito ucraino il generale Valerii Zaluzhnyi, una specie di 'Consiglio di guerra'.    
Secondo il giornale britannico non si sarebbe trattato di discussioni 'ordinarie', Zaluzhnyi infatti avrebbe portato con se l'intero team di comando. Scopo dell'incontro 'risettare' la strategia militare di Kiev e dare nuovo impulso alla controffensiva. All'incontro, secondo il Guardian, avrebbero partecipato il generale statunitense Christopher Cavoli, comandante supremo delle forze Nato in Europa, e l'ammiraglio britannico Tony Radakin, capo di Stato maggiore dell'esercito del Regno Unito. 

Il punto: cosa sta succedendo. Il fronte della Crimea secondo Kiev

 

Papa, diplomazia costruisce sempre, capire posizioni altrui e limitare errori

''La diplomazia va avanti seguendo una strada: una strada dove l'unità è superiore al conflitto. La vera diplomazia non ha paura dei conflitti, ma non li sottolinea:  prende i conflitti e con i conflitti va avanti, tramite il dialogo e la preghiera. Capire la posizione dell'altro e anche limitare gli  errori''. Lo ha sottolineato il Papa-durante il suo intervento effettuato in collegamento streaming, all'''Incontro russo della  gioventù'' (''Vserossijskaja Vstreča Molodëži''), il festival della  gioventù cattolica in Russia, attualmente in corso a San Pietroburgo.  Alla domanda di una ragazza su come, secondo il Pontefice, dovrebbe essere la diplomazia per superare il conflitto in Ucraina, Francesco,  come riporta Fides, ha aggiunto: ''Non è facile la diplomazia. Tanto  bene fanno all'umanità i bravi diplomatici. Un mestiere per niente  facile, ma molto fecondo. E questo sia con la situazione ucraina sia  con altri Paesi. Sempre la diplomazia costruisce, non distrugge''.  

 

Il lancio del missile terra-aria da postazione Iris-T ucraina: nel video insegue il bersaglio (Video)

Mosca, abbattuto un drone ucraino sulla regione di Belgorod

Il ministero della Difesa russo ha reso noto che la contraerea ha abbattuto un drone ucraino sulla regione di Belgorod. Lo riferisce Ria Novosti."Oggi intorno alle 9, ora di Mosca, è stato sventato untentativo del regime di Kiev di effettuare un attacco terroristico con un drone sul territorio della Federazione Russa. Il velivolo senza pilota è stato distrutto nel territorio del distretto di Shebekinsky della regione di Belgorod dalla difesa aerea", ha affermato il ministero.  

Il fungo dell'esplosione sull'area fortificata ucraina di Kupyansk: video di un recente bombardamento russo (Video)

Intelligence Gb, Russia avanzerà nel Nord-est

Mentre l'Ucraina continua a riconquistare gradualmente terreno nel sud, la Russia cerchera' di riprendere l'iniziativa tornando all'offensiva, e una delle potenziali direzioni per questo e' Kupyansk-Lyman, nel nord-est del Paese.  Lo riporta l'ultimo bollettino dell'intelligence britannica."La controffensiva ucraina ha respinto le truppe russe a Bakhmut e nel sud dell'Ucraina. Nonostante cio', il gruppo occidentale delle truppe russe continua ad attaccare su piccola scala nel nord-est, nella zona di Kupyansk-Lyman, e ha ottenuto alcuni limitati successi locali", afferma il rapporto dell'intelligence britannica.  Secondo l'intelligence, esiste la reale possibilita' che la Russia nei prossimi due mesi aumenti l'intensita' dei suoi sforzi offensivi sull'asse Kupyansk-Lyman. Probabilmente con l'obiettivo di avanzare a ovest verso il fiume Oskil e creare una zona cuscinetto attorno alla regione di Luhansk.  

Video: il drone esploso su Mosca, “sventato attacco terroristico di Kiev”

 

Nuova Zelanda: status di residente a ucraini in fuga da guerra

La Nuova Zelanda ha annunciato oggi che ai rifugiati ucraini in fuga dalla guerra sarà concesso lo status di residente permanente. Il ministro dell'Immigrazione Andrew Little ha dichiarato che la residenza permanente in Nuova Zelanda sarà disponibile per le persone in fuga dalla guerra in Ucraina con speciali visti temporanei entro il 15 marzo del prossimo anno. "Molti di coloro che cercano sicurezza qui in Nuova Zelanda non avrebbero mai immaginato di rimanere a lungo termine, ma dato che la guerra continua, abbiamo l'obbligo umanitario di fornire loro una certezza", ha aggiunto. "Stiamo rendendo il processo di richiesta per il percorso di residenza il più semplice possibile", ha aggiunto. A tal fine, i richiedenti non dovranno superare un test linguistico, né disporre di fondi adeguati o sottoscrivere una sponsorizzazione. Sono stati concessi più di 1.500 visti speciali per l'Ucraina da quando questa categoria speciale è stata creata nel 2022 come parte degli sforzi del governo neozelandese dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia.  

Kiev, perdite significative dei russi nel delta del Dnipro

La portavoce del centro stampa militare Sud ucraino Nataliya Gumenyuk ha reso noto alla tv pubblica che nella regione meridionale di Kherson le truppe di Kiev stanno operando con successo nel delta del fiume Dnipro distruggendo la "sottoflotta" fluviale russa con la quale il nemico cerca di manovrare tra le isole: "In particolare, si sta lavorando molto sulla distruzione delle armi di grosso calibro", ha detto, citata da Rbc-Ucraina. 

Anche secondo l'Istituto statunitense per lo studio della guerra (Isw), gli occupanti russi hanno subito perdite significative a causa del supporto insufficiente sulle isole del delta del Dnipro.  

Il punto: cosa sta succedendo. Il fronte della Crimea secondo Kiev


 

Filorussi, attacco ucraino su Donetsk nella notte, bombe a grappolo della Nato

Durante la notte, le truppe ucraine hanno bombardato Donetsk e il distretto di Yasinovatsky anche con granate a grappolo: hanno dichiarato le autorità filorusse dell'autoproclamata repubblica su Telegram, citate da Ria Novosti.  "Il bombardamento è stato registrato nell'area di Kurakhovka della città di Donetsk: le forze armate ucraine hanno sparato tre proiettili Nato contro la capitale del Donetsk e otto munizioni contro il distretto di Yasynuvata''.  

Uno dei precedenti raid ucraini: residenti russi scendono in massa in strada impauriti dopo l'esplosione: drone ucraino vicino Mosca (Video)

Agenzia Tass, riaperti aeroporti di Mosca

Sono stati riaperti e hanno ripreso le  operazioni gli aeroporti Sheremetyevo, Domodedovo e Vnukovo di Mosca,  chiusi nelle scorse ore. Lo riferisce l'agenzia russa Tass dopo che le autorità russe hanno affermato di aver "distrutto un drone d'assalto  ucraino" nella regione della capitale russa.

Il punto: cosa sta succedendo, "pronta un'operazione di terra in Crimea"

 

Il video dimostrativo dei missili Taurus

.

Ministro difesa Kiev: "Missili Taurus da Germania? Sono ottimista"

Il ministro ucraino della Difesa, Oleksii Reznikov, si dice fiducioso che dalla Germania arriveranno a Kiev missili da crociera Taurus. "Sono davvero ottimista e ritengo che in futuro avremo anche i Taurus dalla Germania", ha detto Reznikov in  un'intervista pubblicata da Bild, Welt e da Politico. Senza precisare  quando potrebbero arrivare le forniture, Reznikov ha affermato di "non credere ci vorrà un intero anno".  L'Ucraina chiede da tempo i Taurus a Berlino. Tuttavia il cancelliere  tedesco Olaf Scholz si è finora mostrato riluttante. "Non importa  quali richieste vengano fatte alla Germania - ha detto ai giornali -  Continuerò a valutare con attenzione ogni singola decisione e non farò mai nulla di avventato".  Nei giorni scorsi il ministro degli Esteri tedesco, Annalena Baerbock, aveva parlato di "dettagli tecnici" da definire.      


Video: il drone esploso su Mosca, “sventato attacco terroristico di Kiev”

 

Pochi giorni fa: l'onda esplosiva illuminava la notte a Krasnogorsk: l'attacco ucraino alla periferia di Mosca (Video)

Kiev, stiamo avanzando nella regione di Zaporizhzhia

L'esercito ucraino ha guadagnato terreno ieri avanzando nelle operazioni di controffensiva nei pressi di Robotyno, nella regione occidentale di Zaporizhzhia, mentre i comandanti militari russi stanno lanciando l'allarme, poiché l'esercito del Cremlino sta combattendo nell'area senza rinforzi e senza rotazione delle truppe. Lo afferma lo Stato maggiore di Kiev in un post su Facebook aggiungendo che nelle ultime 24 ore le forze di Kiev hanno eliminato 640 occupanti, portando così le perdite tra i militari russi a circa 260.270 effettivi dall'inizio della guerra.  

Video: il drone esploso su Mosca, “sventato attacco terroristico di Kiev”

 

Kiev, russi hanno bombardato regione di Kherson 74 volte in un giorno, una persona è rimasta ferita

"Lo scorso giorno, l'esercito russo ha effettuato 74 bombardamenti nella regione di Kherson", così Oleksandr Prokudin, capo dell'amministrazione militare regionale su Telegram: "Il nemico ha lanciato 74 volte, sparando 377 colpi da mortai, artiglieria, carri armati, Grad, UAV e aerei. 36 colpi solo contro la città di Kherson", ha detto Prokudin.

Il punto: cosa sta succedendo. Kiev annuncia, "pronta un'operazione di terra in Crimea"

 

Uno degli incontri tra Putin e Lukashenko, al cosmodromo di Vostochny, in Russia (Video), dove ieri il presidente russo ha accolto l'omologo nord coreano Kim

ISW: Lukashenko cerca di "mantenere l'apparenza di leader sovrano"

"Il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko ha tentato di affermare la sua autorità interna sostenendo al contempo le narrazioni del Cremlino anche nella sua ultima conferenza stampa", così l'Istituto per lo studio della guerra (ISW) nel suo ultimo report. "Il 25 agosto ha commentato la morte del comandante Wagner Yevgeny Prigozhin in una conferenza stampa, ed ha appoggiato la linea narrativa del Cremlino secondo cui Putin non aveva assolutamente nulla a che fare con l'incidente di Prigozhin", ha scritto l'ISW. Tuttavia, il presidente bielorusso ha anche affermato di aver avvertito Prigozhin che continuare a portare avanti la sua ribellione di giugno lo avrebbe portato alla morte.
Ha poi smentito le affermazioni secondo cui i mercenari di Wagner stavano lasciando la Bielorussia in seguito alle notizie sulla morte di Prigozhin il 23 agosto. Insistendosul fatto che Wagner non solo avrebbe mantenuto la sua presenza in Bielorussia, ma si sarebbe espanso rapidamente nei prossimi giorni.

Anche a giugno, Lukashenko aveva rivendicato il merito di aver mediato un accordo tra Prigozhin e il Cremlino per porre fine alla marcia del Gruppo Wagner su Mosca. Secondo l'ISW le sue affermazioni indicano "il desiderio di mantenere l'apparenza di leader sovrano", piuttosto che di un burattino del Cremlino.
 

Archivio Video, la disperata ed inutile fuga del tank russo colpito sulla strada per Vugledar (Video)

Kiev, forze armate hanno respinto attacchi delle truppe russe nell'area di Vugledar

"Nella direzione di Shakhtarsky , i nostri difensori hanno respinto con successo gli attacchi delle truppe russe nell'area di Vugledar nella regione di Donetsk". Lo ha riferito lo Stato maggiore delle forze armate ucraine nel corso del briefing mattutino, riferisce Ukrinform: "Il nemico ha effettuato attacchi aerei nelle aree di Vugledar, Vremivka, Blagodatny, Staromayorskyi, Uozhainono nella regione di Donetsk. Più di 10 insediamenti sono stati colpiti dai bombardamenti dell'artiglieria nemica, tra cui: Vugledar, Novoukrainka, Urozhayne, Rivnopil, Blagodatne, Privilne, Buralatsk nella regione di Donetsk," si legge nel messaggio.
 

Un video dal fronte nel Donetsk

Kiev, russi si raggruppano a Kupyansk e Lyman dopo perdite

Nelle zone di Kupyansk e Lyman, rispettivamente negli oblast ucraini di Kharkiv e di Donetsk, "i russi, dopo aver subito perdite significative, si stanno raggruppando, trasferendo contemporaneamente le brigate e le divisioni appena formate dalla Russia": lo scrivono i media ucraini, fra cui Ukrinform, citando il comandante delle forze di terra ucraine, generale Oleksandr Syrskyi.

Video: il drone esploso su Mosca, “sventato attacco terroristico di Kiev”
 

Media Kiev, “cimitero dei Wagner spianato e le croci divelte”

La sezione del cimitero di Nikolayevka, oblast di Samara, in Russia, riservata ai combattenti del Gruppo Wagner caduti in combattimento è stata spianata con i bulldozer, le croci con i nomi sono state divelte e ammucchiate "come fossero spazzatura" insieme alle corone e i cuscini di fiori: lo affermano diversi media sui social, fra cui l'ucraina Ukrainska Pravda, che mostra una foto delle croci accatastate con dei bulldozer sullo sfondo. Ukrainska Pravda scrive che, in base alle voci che circolano sui social, la zona sarà ricoperta di cemento e le tombe dei wagneriti saranno segnate da piramidi di marmo neo che richiamano i "denti di drago", le barriere anticarro usate per le linee difensive.   

Video: Morto Prigozhin, quale futuro per la Wagner? L'intervista

Il video dei servizi ucraini: "Piantata la bandiera sul suolo della Crimea"

La notte tra il 23 e il 24 agosto si è svolta un'operazione del Servizio di sicurezza dello Stato ucraino con il supporto della marina militare, riporta una nota del servizio stampa dell'intelligence militare: unità speciali su moto d'acqua sono sbarcate sulla costa vicino agli insediamenti di Olenevka e Mayak, nella punta occidentale della penisola. "Durante la missione, i difensori ucraini hanno ingaggiato una combattimento con le unità di occupazione - si legge in un comunicato. Di conseguenza, il nemico ha subito perdite tra il personale e ha distrutto le attrezzature nemiche. Inoltre nella Crimea ucraina è tornata a sventolare la bandiera nazionale. Tutti gli obiettivi e i compiti sono stati portati a termine. Al termine dell'operazione speciale, i difensori ucraini hanno lasciato la scena senza perdite", prosegue la nota. (video: Intelligence della difesa dell'Ucraina / Telegram)

Fonti Kiev, decine di morti per attacco droni su Crimea

Nell'attacco ucraino con i droni sulla Crimea occupata, portato a termine dall'intelligence ucraina e dal Servizio di sicurezza civile di Kiev (Sbu) ieri sera, sarebbero morte decine di persone. Lo affermano alcuni media ucraini, tra cui Rbc Ukraine e Ukrainska Pravda citando fonti interna alla Sbu.   L'attacco avrebbe colpito la base militare colpito dove si trova la 126ma brigata della Flotta russa del Mar Nero, che ha sede nel villaggio di Perevalne. Oltre ai morti ci sarebbero anche decine di feriti e i droni avrebbero colpito anche un deposito di munizioni.  

Video: il drone esploso su Mosca, “sventato attacco terroristico di Kiev”

Riaperti due aeroporti di Mosca, Vnukovo ancora chiuso

Gli aeroporti di Sheremetyevo e Domodedovo di Mosca hanno ripreso le loro operazioni in modalità standard dopo una breve chiusura all'inizio della giornata, ha detto alla TASS una fonte delle autorità aeronautiche russe.   "Gli aeroporti Sheremetyevo e Domodedovo operano di nuovo in modalità standard. L'aeroporto Vnukovo è ancora chiuso", ha detto la fonte.  

Esplosioni a Zaporizhzhia

Una serie di esplosioni è stata udita nelle aree controllate dagli ucraini della regione di Zaporizhzhia. Lo ha riferito il canale televisivo ucraino TSN. Pochi minuti prima era stata dichiarata l'allerta aerea nelle regioni di Dnipropetrovsk, Poltava e Kharkiv, oltre che nelle zone controllate dagli ucraini nel Donestk e della regione di Zaporizhzhya.

Gli aeroporti della capitale sono stati chiusi per l'accoglienza e la partenza degli aerei.

Oggi, verso le tre del mattino, "droni ucraini hanno attaccato la regione di Mosca", lo ha scritto il sindaco di Mosca Sergei Sobyanin su Telegram. Il Ministero della Difesa russo afferma che un veicolo aereo senza pilota è stato distrutto dalla difesa aerea sul territorio di Istra, nella regione di Mosca; non ci sarebbero ne' vittime, ne'danni. Il canale Telegram russo VChK-OGPU scrive che i residenti dei distretti di Mosca, Odintsovo e Istra della regione di Mosca hanno segnalato varie esplosioni. Un altro testimone oculare ha detto che la difesa aerea funzionava a Vnukovo. L'agenzia TASS ha scrittoche gli aeroporti della capitale: Vnukovo, Sheremetyevo e Domodedovo, sono stati nuovamente chiusi per essere ppoi riaperti verso le quattro del mattino.
 

Gen. Syrrsky: I russi si raggruppano a Kupyansk e Lyman dopo ingenti perdite

Nelle zone di Kupyansk e Lyman, rispettivamente nelle regioni ucraine di Kharkiv e di Donetsk, "I russi, dopo aver subito perdite significative, si stanno raggruppando, trasferendo contemporaneamente le brigate e le divisioni appena formate dalla Russia", lo scrivono i media ucraini, fra cui Ukrinform, citando il comandante delle forze di terra ucraine, generale Oleksandr Syrskyi.

Kiev: Avviato negoziato col Canada su garanzie di sicurezza in vista di un possibile ingresso nella Nato


L'Ucraina dichiara di aver avviato negoziati con il Canada per mettere a punto un accordo bilaterale sulla fornitura di garanzie di sicurezza, delle quali Kiev ha bisogno nella transizione verso l'auspicato ingresso nella Nato. Lo scrive Ukrinform, citando il capo dell'ufficio di presidenza ucraino, Andriy Yermak, che ha dichiarato di star coordinando i negoziati a nome del presidente Volodymyr Zelensky. Il Canada, nota Yermak, e' il terzo Paese del G7, dopo Stati Uniti e Gran Bretagna, con il quale ha avviato negoziati per le garanzie di sicurezza bilaterali.