Guerra in Ucraina. La cronaca, giorno 578

Oppositore Kara-Murza in colonia penale in Siberia. Drone esplode in pieno centro a Kursk, Russia

Zelensky: grazie ad Usa per "decisione storica" di produrre congiuntamente armi e sistemi di difesa. Secondo intelligence di Kiev drone su Kursk ha colpito un edificio dell'Fsb. Intelligence britannica: "elevato logorio nelle forze armate russe".
Oppositore Kara-Murza in colonia penale in Siberia. Drone esplode in pieno centro a Kursk, Russia
ap
In questa foto satellitare fornita da Planet Labs, il fumo si alza da un edificio del quartier generale della flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli, in Crimea

Mosca: distrutto drone di Kiev su regione di Bryansk

I sistemi di difesa aerea russi hanno distrutto un drone ucraino sulla regione di Bryansk, ha riferito il Ministero della Difesa russo. Lo riporta Ria Novosti. "Il 24 settembre 2023, verso le 22:20 ora di Mosca, è stato fermato un tentativo da parte del regime di Kiev di effettuare un attacco terroristico da parte di un drone contro oggetti sul territorio della Federazione Russa. Il veicolo aereo senza pilota ucraino è stato distrutto dai sistemi di difesa aerea in servizio sulla regione di Bryansk", si legge nel messaggio.

 

Zelensky elogia il nuovo pacchetto di armi Usa: "Decisione storica"

Zelensky: grazie a Usa per nuovo pacchetto aiuti, decisione storica

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha elogiato il nuovo pacchetto di difesa ricevuto dagli Stati Uniti americano definendolo "storico". Lo riporta il Kiev Independent. Zelensky ha dichiarato che il nuovo pacchetto includerà “artiglieria, missili per Himars, missili per la difesa aerea, sistemi di difesa aerea aggiuntivi, veicoli tattici” e altro ancora. "Si tratta di una decisione storica da parte dell'America di produrre congiuntamente armi e sistemi di difesa, compresa la difesa aerea. Questo è qualcosa che fino a poco tempo fa era una pura fantasia. Ma diventerà una realtà. Lo renderemo realtà", ha affermato nel suo discorso serale.

Zelensky nel suo discorso si riferisce al Memorandum d'intesa tra il Ministero delle Industrie Strategiche dell'Ucraina, l'Arizona Defense & Industry Coalition (AZDIC) e la Global Defense Industrial Alliance (AZDIC) Defense & Industry Alliance, GDI, firmato presso l'Ambasciata dell'Ucraina negli Stati Uniti, il 21 settembre scorso. “Il documento consolida la cooperazione nella realizzazione di progetti nel settore della difesa-industriale e della ricostruzione”, si legge in una nota rilasciata dall'ufficio stampa dell'Ufficio del Presidente ucraino.

In precedenza, il presidente Volodymyr Zelenskyy aveva dichiarato, come riportato da Ukrinform, che l'Ucraina e gli Stati Uniti lavoreranno insieme per produrre armi e sistemi di difesa.

Kiev: salgono a 55 i feriti nell'attacco russo a Kremenchuk

Sale a 55, tra cui sei bambini, il numero dei feriti nell'attacco missilistico russo su Kremenchuk, nella regione di Poltava, avvenuto due giorni fa. Mentre le autorità confermano una sola vittima. "Ad oggi ci sono 55 feriti a Kremenchuk, sei dei quali sono bambini", scrive su Telegram il sindaco di Kremenchuk, Vitaliy Maletskyi, riferisce Ukrinform. Diciannove persone, tra cui un bambino, sono ricoverate negli ospedali della città. A tutti viene fornita la massima assistenza medica e, ha aggiunto il sindaco, il consiglio comunale fornirà anche assistenza finanziaria a tutte le vittime. 

 

Rendering di un missile Taurus taurus-systems.de
Rendering di un missile Taurus

Media Germania: "Ci vorranno circa 3 mesi per addestrare gli ucraini sui missili Taurus"

Ci vorranno circa tre mesi all'esercito ucraino per prepararsi a lanciare i missili Taurus. Lo riferisce l'agenzia Rbc-Ucraina che cita un articolo della Bild. Secondo Bild, anche se i missili saranno consegnati all'Ucraina nel prossimo futuro, il problema sarà il lungo addestramento dell'esercito ucraino su di essi.

"Tutti gli argomenti della Cancelleria per il ritardo non sono più validi. La ragione impone che i missili Taurus siano consegnati immediatamente. Abbiamo visto quanto siano importanti i missili da crociera per l'Ucraina recentemente, dopo l'attacco al quartier generale della flotta russa del Mar Nero ", ha detto Marcus Faber, esperto di difesa del partito FDP. 

"Gli ucraini hanno richiesto per la prima volta missili Taurus più di quattro mesi fa. Questo tempo avrebbe potuto essere utilizzato per una formazione di successo", ha aggiunto Faber.

In Germania, sono in corso discussioni da mesi per quanto riguarda la fornitura di missili Taurus all'Ucraina. Kiev richiede queste armi per colpire le posizioni nelle retrovie degli occupanti russi. Il 15 settembre, il ministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, ha dichiarato che una decisione sul trasferimento di questi missili potrebbe essere presa entro una o due settimane.

I missili tedeschi Taurus hanno una gittata di lancio che può arrivare oltre 500 chilometri.

Sull'argomento, il Wall Street Journal ha riportato che la Germania sarebbe propensa a muoversi all'unisono con gli Stati Uniti, di cui sono attese le consegne dei missili ATACMS, che dovrebbero indurre il governo tedesco a consegnare i missili da crociera a lancio aereo Taurus.

Sondaggio Washington Post-Abc: Trump in vantaggio di 10 punti su Biden

Donald Trump sarebbe avanti di dieci punti percentuali rispetto a Joe Biden in un'ipotetica corsa alla Casa Bianca fra i due. E' quanto emerge da un sondaggio Washington Post-ABC News dove si rileva 'un'insoddisfazione crescente' per la gestione da parte di Joe Biden dell'economia e dell'immigrazione. Inoltre - viene spiegato ancora - una quota crescente di cittadini statunitensi afferma che gli Usa stanno facendo 'troppo' per aiutare l'Ucraina nella guerra con la Russia. Il significativo vantaggio di Trump nei confronti di Biden di questo sondaggio è in contrasto con la maggioranza delle altre rilevazioni pubblicate dove invece i due, qualora dovessero trovarsi nuovamente uno contro l'altro, sarebbero testa a testa.

Intelligence Kiev: drone a segno su un edificio dell'Fsb a Kursk, in Russia

Lituania: se l'Ucraina non vince, catastrofe geopolitica

"La guerra della Russia contro l'Ucraina ci ricorda che la libertà, la democrazia e l'appartenenza all'Europa non sono valori da dare per scontati.
Sarebbe ingenuo ritenersi sicuri mentre l'Ucraina soffre. L'Ucraina deve conseguire la vittoria: solo questo potrà evitare gravi conseguenze geopolitiche". Lo ha affermato la Presidente del Parlamento lituano (Seimas), Viktorija Cmilyte-Nielsen, durante un discorso pronunciato oggi durante una visita in Lettonia. Parlando dei rapporti bilaterali tra Lituania e Lettonia, Cmilyte-Nielsen ha sottolineato la necessità di rafforzare l'integrazione regionale migliorando i collegamenti infrastrutturali, portando a realizzazione la sincronizzazione del sistema elettrico con l'Europa continentale, nonché rafforzando il mercato comune e la collaborazione economica. La politica lituana ha inoltre posto l'attenzione sull'inevitabilità del rafforzamento del fianco orientale della Nato e sulle ulteriori prospettive di cooperazione regionale alla difesa che questo comporterà.
Analoghe le parole della neoeletta Presidente del Parlamento lettone (Saeima), Daiga Mierina, che ha accentuato come la collaborazione tra Lituania e Lettonia abbia raggiunto livelli mai toccati prima e contribuisca all'implementazione della sicurezza e del benessere della regione baltica e dell'Europa.
 

 

Kiev: drone bomba russo catturato nella regione di Kharkiv

Le guardie di frontiera ucraine nella regione di Kharkiv (nord-est) hanno usato un cannone elettronico anti-drone per far atterrare in sicurezza un velivolo senza pilota russo che trasportava esplosivi: lo ha reso noto il Servizio statale delle guardie di frontiera, come riporta Ukrinform. "Un drone nemico carico di esplosivi è stato messo a terra. Avvistando il bersaglio a 50 metri di altitudine, le guardie di frontiera hanno usato un cannone anti-drone e hanno neutralizzato il 'volatile'", si legge in un comunicato. Si tratta del quarto drone carico di esplosivo abbattuto o intercettato dalle guardie di frontiera di Kharkiv nell'ultima settimana. 

 

Intelligence Kiev: colpito edificio Fsb a Kursk

Un drone ucraino ha colpito questa mattina un edificio dell'FSB nel centro della città di Kursk, in Russia. Lo una fonte dell'intelligence della difesa ucraina secondo i media di Kiev. Secondo quanto riporta Ukrainska Pravda, l'operazione è stata condotta dall'intelligence militare ucraina. Al momento non ci sono informazioni chiare sull'entità della distruzione o delle vittime. Il governatore della regione di Kursk della Federazione Russa, Roman Starovoit, afferma che "il tetto è stato leggermente danneggiato" a seguito di questo attacco. 

 

Polonia: faremo corridoi per transito grano ucraino

La Polonia ha preparato corridoi di transito attraverso i quali l'Ucraina può esportare il suo grano verso i Paesi che ne hanno bisogno ma Varsavia manterrà in vigore il divieto di esportazione sul proprio mercato. Lo ha annunciato il presidente della Polonia Andrzej Duda su Tvp1, come riporta la presidenza polacca su X. "Stiamo cercando di aiutare l'Ucraina - afferma Duda - e i Paesi che ne hanno bisogno. Credo che il governo polacco abbia preso la decisione giusta di mantenere il divieto di vendita del grano ucraino sul mercato polacco. Grazie al lavoro dei nostri agricoltori siamo autosufficienti".

 

Oppositore Kara-Murza mandato in isolamento in Siberia

Il politico dell'opposizione russa Vladimir Kara-Murza, condannato a 25 anni con l'accusa di tradimento e per aver denunciato l'offensiva di Mosca in Ucraina, dovrà scontare la sua pena in un carcere di massima sicurezza in Siberia. Lo ha fatto sapere il suo legale. "Vladimir Kara-Murza è stato portato nella colonia penale di massima sicurezza IK-6 di Omsk per scontare la sua pena", ha scritto su Facebook il suo avvocato Vadim Prokhorov. "E' stato subito messo in una cella di isolamento." Omsk si trova a circa 2.700 chilometri a est di Mosca, nella Siberia sud-occidentale. Kara-Murza - con doppia cittadinanza russo-britannica - è stato condannato ad aprile ad una pena senza precedenti. Il sistema penale russo spesso impiega settimane per portare i prigionieri nelle carceri pi§ remote del paese, e spesso non si sa dove si trovi un prigioniero in transito che si ferma in varie carceri lungo il percorso. "L'intero viaggio da Mosca a Omsk nel 21  secolo è durato non meno di tre settimane", ha detto Prokhorov, aggiungendo che l'uomo è stato tenuto per "diversi giorni" in una cella di isolamento nella città centrale di Samara. Gli avvocati e la famiglia di Kara-Murza hanno affermato che l'uomo soffre di una condizione nervosa chiamata polineuropatia a causa di due tentativi di avvelenamento e la decisione di tenerlo in carcere in quelle condizioni aggraverà il suo già precario stato di salute. Kara-Murza è stato giudicato colpevole di aver diffuso "false informazioni" sull'esercito russo e di avere legami con una "organizzazione indesiderata" in un processo a porte chiuse svoltosi in primavera. La sua condanna è la più dura degli ultimi anni contro un esponente dell'opposizione russa.
 

 

Il Papa: preghiamo per l'Ucraina che soffre tanto

 "Ricordiamo la martoriata Ucraina e preghiamo per questo popolo che soffre tanto". Lo ha detto il Papa alla fine dell'Angelus. 

 

In Donetsk censura e coprifuoco, vietate manifestazioni

Sul territorio della autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk è stata introdotta la censura militare. E' quanto risulta dal decreto del presidente, Denis Pushilin. "Al fine di garantire il regime della legge marziale e attuare misure per combattere il sabotaggio e le formazioni di ricognizione", si legge nel decreto pubblicato sul sito di Pushilin e rilanciato dall'agenzia Ria Novosti, si introduce "la censura militare degli invii postali e dei messaggi trasmessi attraverso i sistemi di telecomunicazione, nonché il controllo sulle conversazioni telefoniche". Il decreto introduce anche il divieto per i cittadini di trovarsi nelle strade e in altri luoghi pubblici nei giorni feriali dalle 23 alle 4 e di organizzare manifestazioni e altri eventi pubblici. Il decreto è stato firmato il 18 settembre e pubblicato oggi. 

 

Kiev: due persone uccise in attacchi russi a Kherson

Le forze russe hanno ucciso una donna a Beryslav e un uomo di 67 anni a Lviv mentre continuano i bombardamenti nell'oblast di Kherson. Lo ha detto su Telegram il governatore regionale Oleksandr Prokudin. A Beryslav gli attacchi aerei che hanno ucciso una donna hanno distrutto anche case private e ferito un poliziotto, un uomo di 48 anni e una donna di 60 anni. Stanno ancora emergendo informazioni su eventuali altre vittime a Lviv. 

 

Commissione Ue approva pacchetto aiuti da 1,5 mld euro

La Commissione Europea ha approvato un nuovo pacchetto di aiuti finanziari all'Ucraina per un valore di 1,5 miliardi di euro. La Commissione ha approvato un totale di 18 miliardi di aiuti all'Ucraina, di cui Kiev ne ha già ricevuti 12 destinati al mantenimento dei servizi pubblici essenziali e al pagamento di stipendi e pensioni, nonché alla riparazione di infrastrutture critiche distrutte dagli attacchi russi.

 

Zelensky in Usa ha incontrato vertici finanziari

Durante la sua visita negli Stati Uniti il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha incontrato i principali vertici finanziati - fra cui l'ex sindaco di New York Mike Bloomberg - per discutere di investimenti e ricostruzione in Ucraina: è quanto riporta l'agenzia di stampa britannica Reuters.

 

Un impianto per l'estrazione di petrolio in Tatarstan, Russia Alexander Manzyuk/Anadolu Agency via Getty Images
Un impianto per l'estrazione di petrolio in Tatarstan, Russia

Intelligence Gb, la carenza di carburante in Russia non dipende dalla guerra: “Pesa aumento domanda settore agricolo”

La carenza di benzina e gasolio registrata in alcune parti della Russia nelle ultime settimane probabilmente non è una conseguenza diretta della guerra: lo scrive il ministero della Difesa britannico nel suo aggiornamento quotidiano di intelligence.
E' probabile, si legge nel rapporto pubblicato su X, che questa carenza sia causata da una serie di fattori, tra cui l'aumento della domanda a breve termine da parte del settore agricolo, la manutenzione estiva annuale delle raffinerie e le esportazioni guidate dai prezzi elevati. Ieri, commentano gli esperti di Londra, Mosca ha sospeso quasi tutte le esportazioni di diesel e benzina per stabilizzare i mercati interni. Questa decisione, conclude il rapporto, "limiterà ulteriormente le forniture in un mercato globale ristretto, avendo probabilmente l'impatto maggiore sui Paesi che attualmente dipendono dalle forniture di carburante russo".

Il punto sulla controffensiva: Kiev conferma lo sfondamento della linea Surovikin, nel quadrante di Zaporizhzhia

Kiev, Zelensky ha incontrato "gotha" della finanza Usa

Durante la sua vista negli Usa il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky ha incontrato "i piu' influenti imprenditori americani e i responsabili dei piu' grandi fondi. L'incontro e' stato organizzato con il sostegno della banca JP Morgan". Lo scrive sui social Andriy Yermak, capo di gabinetto del presidente ucraino.  

Ue, stanziati altri 1,5 miliardi di aiuti a Kiev

La Commissione europea ha inviato all'Ucraina altri 1,5 miliardi di euro di assistenza macro finanziaria. Lo rende noto la stessa Commissione. Bruxelles ha stanziato complessivamente 18 miliardi di euro a favore dell'Ucraina, mentre il Paese ne ha gia' ricevuti 12. I fondi servono a mantenere in funzione i servizi pubblici essenziali, come ospedali, scuole e alloggi per i cittadini trasferiti, oltre a pagare salari e pensioni. Andranno anche al ripristino delle infrastrutture critiche distrutte dagli attacchi russi, come infrastrutture energetiche, sistemi idrici, reti di trasporto, strade e ponti.  

Lavrov, dall'Onu attacca la Nato: "Siamo al bivio di una grande guerra"

Tass, forze armate russe hanno colpito due carri armati Leopard ucraini nell'area di Kupyansk

Secondo il Ministero della Difesa russo, "il nemico ha perso anche due obici trainati da 152 mm 2A65 "Msta-B". Unità del gruppo tattico Ovest avrebbero colpito due tank Leopard ucraini nell'area di Kupyansk, così il portavoce del gruppo tattico Sergey Zybinsky, come riporta l'agenzia Tass: "Nel corso delle operazioni di combattimento, il personale del gruppo tattico Ovest ha distrutto due carri armati due obici trainati da 152 mm 2A65 Msta-B e un equipaggio di mortai nelle aree di Stelmakhovka, Krinichki, Peschanoye e Petropavlovka".

Inoltre, secondo Zybinsky, gli aerei tattici operativi del gruppo tattico hanno inflitto un attacco aereo "alle basi temporanee della 44a brigata meccanizzata e della 68a brigata Jager" vicino a Kopanka e Pershotravnevoye, sempre nell'area di Kupyansk.

Il giallo del carro armato Leopard 2 - secondo Mosca “con equipaggio tedesco” - distrutto dagli ucraini

Cnn, in Russia ora si comincia a insegnare la guerra all'asilo

Nelle scuole russe, dal Pacifico al Mar Nero, i bambini dell'asilo indossano uniformi e prendono parte a prove di marcia: ai bambini più grandi viene insegnato come scavare trincee, lanciare granate e sparare con munizioni vere. Lo scrive la Cnn in un lungo articolo pubblicato oggi sul suo sito su come sta cambiando l'istruzione nel Paese.
Nelle scuole di tutto il Paese si glorifica il servizio nelle forze armate, si formano "compagnie di volontariato" di adolescenti e il curriculum nazionale viene modificato per enfatizzare la difesa della madrepatria, commenta l'emittente: in breve, i bambini russi vengono preparati alla guerra, aggiunge. La militarizzazione delle scuole pubbliche russe si è intensificata dopo l'invasione dell'Ucraina, guidata non da un'ondata spontanea di sentimento patriottico, ma comunque dal governo di Mosca.

 

Stato Maggiore Kiev: Russia ha perso 275.850 soldati in Ucraina

Secondo lo Stato Maggiore Generale delle Forze Armate ucraine, al 24 settembre "la Russia ha perso 275.850 soldati in Ucraina dall'inizio della sua invasione su vasta scala il 24 febbraio". "Questo numero include 390 vittime delle forze russe subite lo scorso giorno", ha detto lo Stato Maggiore. Secondo il rapporto, la Russia ha perso "anche 4.662 carri armati, 8.914 veicoli corazzati da combattimento, 8.734 veicoli e serbatoi di carburante, 6.233 sistemi di artiglieria, 789 sistemi di razzi a lancio multiplo, 531 sistemi di difesa aerea, 315 aerei, 316 elicotteri, 4.888 droni e 20 navi da guerra"

Così il bollettino quotidiano dell'esercito di Kiev, che non tiene conto tuttavia - non divulga mai - delle vittime ucraine del conflitto, i soldati che stanno combattendo nella controffensiva che con alterni esiti continua seppure lentamente ad avanzare, secondo quanto sostenuto anche dall'Isw, il think tank statunitense, sulla direttrice Sud.

Kiev verso Sud, vicino Verbove: "Aperta breccia, continuiamo ad avanzare". Il punto

Kiev, russi usano sempre più spesso i droni per colpire i civili

Le forze russe usano sempre più spesso i droni per colpire i civili nella regione di Kherson: lo ha detto la portavoce delle Forze di difesa del Sud, Natalia Gumenyuk, come riporta Rbc-Ucraina.   "Sfortunatamente, nella direzione di Kherson, cioè direttamente nei territori di prima linea, il nemico attiva attacchi aerei. Poiché stiamo eliminando le forze di artiglieria dalla riva sinistra con una controbatteria, spesso passano agli attacchi aerei, usando aviazione e droni, non solo quelli da attacco", ha detto Humenyuk.   La portavoce ha poi osservato che oltre ai droni d'assalto, i russi utilizzano anche i droni che possono trasportare munizioni a grappolo: "Lanciano bombe nei luoghi in cui si riuniscono le persone, dove vengono forniti gli aiuti umanitari, dove si riunisce il personale umanitario o quando le persone tornano a casa dal lavoro", ha spiegato.  

Usa, De Santis, no Kiev nella Nato. "Basta assegni in bianco"

L'adesione dell'Ucraina alla Nato sarebbe contraria agli interessi degli Stati Uniti. Lo dice il repubblicano Ron De Santis, governatore della Florida che punta alla nomina alle elezioni presidenziali del 2024. Secondo De Santis inoltre, Washington non dovrebbe concedere infiniti fondi alle autorita' di Kiev. "Non penso che l'adesione dell'Ucraina alla NATO sia nel nostro interesse. Cio' aggiungerebbe piu' obblighi per noi, quindi se aggiungi piu' obblighi, allora quali sono i benefici che ne otterremo?", ha detto De Santis intervistato per un podcast di Bloomberg. Il politico repubblicano ha aggiunto che gli Stati Uniti non dovrebbero dare un "assegno in bianco" all'Ucraina in termini di finanziamenti per la guerra.
L'episodio del podcast con l'intervista di De Santis e' stato pubblicato il 23 settembre, due giorni dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky negli Stati Uniti. Biden ha assicurato un nuovo pacchetto di aiuti per Kiev, comprendente anche un certo numero di equipaggiamenti militari. Tuttavia l'accoglienza di Zelensky a Washington e' stata piuttosto tiepida, e parte del Congresso, a cominicare dall'ala destra dei Repubblicani, e' sempre piu' scettica rispetto all'appoggio di Washington alla causa di Kiev.  

Il punto sull'offensiva ucraina: Kiev supera la linea Surovikin

L'intervista con inquietante profezia di Prigozhin: "Russia come aereo che esplode"

Isw, il ritorno forze Wagner non cambierà situazione al fronte

Alcuni combattenti del Gruppo Wagner stanno probabilmente tornando a combattere nelle file dell'esercito di occupazione russo in Ucraina, ma non saranno in grado di aiutare le forze di Mosca a cambiare la situazione in loro favore in prima linea: lo scrive l'Istituto per lo studio della guerra (Isw). Questi mercenari, secondo il centro studi statunitense, "avranno probabilmente un impatto marginale sulle capacità di combattimento russe" poiché manca "la piena efficacia che Wagner aveva come organizzazione unitaria sotto il finanziere Yevgeniy Prigozhin e il fondatore Dmitry Utkin".
Gli esperti dell'Isw citano una dichiarazione di ieri dell'ex capo dell'amministrazione militare regionale di Lugansk, Serhiy Haidai, secondo cui il personale della Wagner opera nella regione di Lugansk e in diversi settori della linea del fronte.
Secondo una fonte vicina a Wagner, circa 500 uomini del gruppo - compresi quelli che si sono rifiutati di partecipare all'ammutinamento del 24 giugno - si sono uniti a una nuova organizzazione formata dall'ex capo del personale del gruppo e probabilmente torneranno in Ucraina per combattere sul fianco meridionale di Bakhmut.  

Nuovo video dell'aereo di Prigozhin che precipita avvitandosi: violenta caduta verticale

 

Ucraina: bombe russe sul Donetsk, ucciso un civile

Una persona è morta e quattro sono rimaste ferite ieri in seguito a un attacco delle forze russe nella regione di Donetsk: lo ha reso noto il capo ad interim dell'amministrazione militare regionale, Igor Moroz, come riporta Ukrinform.   "Il 23 settembre, i russi hanno ucciso un residente della regione di Donetsk, a Krasnohorivka. Altre quattro persone nella regione sono rimaste ferite", ha scritto Moroz su Facebook. 

Ucraina: attacco russo contro Nikopol, ferito un civile

Un uomo di 25 anni è rimasto ferito la notte scorsa durante un attacco russo nel distretto di Nikopol, nella regione di Dnipropetrovsk: lo ha reso noto il capo dell'Amministrazione militare regionale, Serhiy Lysak, come riporta Rbc-Ucraina. e forze russe hanno colpito la città con fuoco di artiglieria e un drone.  

La “forte pressione” delle truppe ucraine su Zaporizhzhia e le battaglie al Sud

Lavrov arriva al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, Zelensky va via prima del suo intervento

Lavrov, "pronti a negoziare ma nessun cessate il fuoco"

La Russia è pronta per i negoziati sull'Ucraina, ma non prenderà in considerazione proposte dicessate il fuoco: lo ha detto ai giornalisti il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, in una conferenza stampa dopo il suo intervento all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, a New York. Lo riporta la Tass.   Lavrov ha ricordato che il presidente russo Vladimir Putin ha già detto "molto chiaramente: 'Sì, siamo pronti per i negoziati, ma non prenderemo in considerazione alcuna proposta per un cessate il fuoco, perché ci avevamo pensato una volta, ma ci avete ingannato'".  

Video: l'intervento all'Onu di Lavrov: “Chiediamo la cessazione delle sanzioni e dell'embargo economico disumano”

Lanciarazzi russo in missione contro le postazioni ucraine nel Donetsk (Video)

Kiev, deserte le roccaforti russe nell’oblast di Kursk (in Russia)

"Le roccaforti militari russe nell’oblast di Kursk sono in gran parte abbandonate e imitano solo posizioni difensive", così il Centro di resistenza nazionale ucraino. Il Centro ha affermato che i partigiani locali hanno condiviso le posizioni delle posizioni russe lungo il confine dell'Oblast di Sumy con le forze di Kiev.
"Gli ultimi dati di ricognizione aerea mostrano che quasi tutte le roccaforti sono deserte, e la maggior parte di esse sono ricoperte di cespugli", ha riferito il Centro, pubblicando fotografie che mostrano vedute aeree delle posizioni, che secondo quanto riferito dovrebbero "imitare" le reali strutture difensive.

Le roccaforti russe sarebbero state abbandonate "perché la maggior parte del personale è stata trasferita in posizioni di prima linea nelle regioni di Zaporizhzhia e Donetsk".

L'offensiva ucraina lungo la linea del fronte a Sud: il punto militare

 

Ucraina: a Istanbul arrivato secondo cargo di grano ucraino

La nave Aroyat, battente bandiera di Palau, era partita venerdi' da Chernomorsk, a Sud di Odessa e ha utilizzato il corridoio marittimo messo a disposizione da Kiev per aggirare il blocco della Russia che a luglio si e' ritirata dall'accordo internazionale che consentiva l'esportazione dei prodotti agricoli ucraini sul Mar Nero. 

 

Il punto sulla controffensiva, mistero sul carro armato Leopard distrutto: secondo Mosca ci sarebbero "militari tedeschi"

Ucraina, Pushilin rieletto Repubblica popolare di Donetsk

Denis Pushilin, già leader ad interim della Repubblica popolare di Donetsk, è stato eletto capo della regione. Lo riporta la Tass spiegando che la decisione è stata presa durante una riunione plenaria del Consiglio popolare della regione e letta dal presidente del Parlamento Artem Zhoga. Pushilin ha prestato giuramento e successivamente si è osservato un minuto di silenzio in memoria del primo capo della regione, Alexander Zakharchenko, ucciso dagli ucraini alla fine di agosto 2018.
 

 

L'intelligence britannica evidenzia un elevato turnover nelle forze armate russe, anche tra i ranghi più elevati

Dal febbraio 2022, tre comandanti di uno dei reggimenti aviotrasportati più prestigiosi della Russia, il 247° Reggimento d'assalto aereo delle Guardie, si sono dimessi o sono stati uccisi, evidenziando l'estremo logorio nelle forze armate russe, anche tra i ranghi relativamente alti. Come si legge nel rapporto dell'intelligence della difesa britannica pubblicato su X, il comandante del 247°, il colonnello Vasily Popov, è stato probabilmente ucciso nel settore di Orikhiv all'inizio di settembre 2023. "Solo poche settimane prima, nell'agosto 2023, il suo predecessore, il colonnello Pytor Popov, si era probabilmente dimesso dal comando. Fonti indipendenti dei media russi sostengono che abbia agito in segno di protesta per il mancato recupero dei corpi dei caduti russi da parte dell'esercito", si legge nel rapporto. Nelle prime settimane dell'invasione, l'allora comandante del 247°, il colonnello Konstantin Zizevsky, è stato ucciso vicino a Mykolaiv. 

ISW: L'offensiva ucraina non consente alla Federazione Russa di formare nuove forze

Le azioni controffensive simultanee dell’esercito ucraino nell’area di Bakhmut e nel sud del Paese impediscono agli invasori russi di formare forze aggiuntive, poiché gli invasori sono costretti a ridistribuire le loro nuove riserve per cercare di frenare l’avanzata delle forze armate. Sono le conclusioni a cui sono giunti gli analisti dell'Istituto per lo studio della guerra nell'ultimo rapporto sulla situazione del fronte. La pubblicazione cita la dichiarazione del Ministro della Difesa della Federazione Russa, Sergei Shoigu, secondo cui l'agenzia ha formato un "esercito di riserva" alla fine di giugno. Gli esperti precisano che molto probabilmente si riferiva alla 25esima Armata, che a metà maggio ha iniziato a reclutare, tra le altre formazioni, anche personale dall'Estremo Oriente. La formazione di questa 25esima armata faceva probabilmente parte dell'intenzione annunciata da Shoigu di effettuare una ristrutturazione su larga scala delle forze entro il 2026, e l'uso di queste forze in operazioni di combattimento e difensive può portare all'esaurimento delle riserve destinate a lungo termine. termine restauro ed espansione delle forze armate russe, afferma il rapporto.