La guerra in Ucraina minuto per minuto, giorno 589

Kiev: attacco russo contro negozio di alimentari a Groza vicino Kupiansk, 51 morti tra cui un bimbo

Zelensky dal vertice Ue di Granada: se Putin congela la guerra, dal 2028 l'Unione europea sarà un suo obiettivo. Mar Nero, Mosca progetta una base della marina sulle coste della regione georgiana dell'Abkhazia
Kiev: attacco russo contro negozio di alimentari a Groza vicino Kupiansk, 51 morti tra cui un bimbo
Amministrazione statale regionale di Kharkiv
Soccorsi a Kupiansk

Russia: Comitato olimpico nazionale ingloba territori annessi

Il Comitato olimpico russo (Roc) ha deciso di inglobare nell'organizzazione sportiva nazionale cinque nuove organizzazioni pubbliche regionali, di cui quattro riguardano i territori annessi nel settembre 2022 a seguito dell'intervento militare in Ucraina. Si tratta dei consigli olimpici della Repubblica popolare di Donetsk, della Repubblica popolare di Lugansk, della regione di Zaporozhye, della regione di Kherson e della regione di Yaroslavl. In attesa di conoscere se gli atleti russi potranno partecipare, a titolo individuale e neutrale, alle Olimpiadi di Parigi 2024 e successivamente anche a quelle invernali di Milano Cortina 2026, sono state definite le attivita' internazionali del Roc e quanto percepiranno i medagliati olimpici, 500.000 rubli per l'oro (4.700 euro circa), 350.000 per l'argento (3.300 euro), 250.000 per il bronzo (2.366 euro) e 150.000 per ogni singolo partecipante (1.420 euro).

 

Zelensky: più armi da Italia, Gb, Germania e Francia

Il Presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha fatto il punto sulla sua partecipazione al vertice Ue, in cui ha ottenuto l'impegno di ricevere più difese antiaeree, armi a lunga distanza e artiglieria. "Spagna, Italia, Francia, Germania e Regno Unito, grazie", ha detto Zelensky nel suo discorso quotidiano agli ucraini che trasmette ogni sera la televisione ucraina. "Avremo più sistemi di artiglieria. Ci sono accordi chiari ed è molto importante ora che l'inverno si avvicina", ha detto il presidente ucraino, che ha ripetutamente avvertito del rischio che la Russia inizi una nuova campagna di bombardamenti sulle infrastrutture ucraine per lasciare la popolazione senza luce e riscaldamento quando arriva il freddo.
Zelensky ha anche annunciato che l'esercito ucraino riceverà da questi partner "più artiglieria e più armi a lungo raggio".
Il premier spagnolo, Pedro Sanchez, gli ha comunicato che la Spagna invierà altri sei lanciamissili Hawk in Ucraina.

 

Morte di Prigozhin, la versione di Putin: "Frammenti di bombe a mano nei corpi"

Frammenti di bombe a mano" sono stati trovati nei corpi delle vittime dell'incidente aereo in cui è morto il fondatore della Wagner, Yevgeny Prigozhin. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel discorso al club Valdai a Sochi, secondo quanto riferisce il Guardian. Putin cita informazioni ricevute dal responsabile dell'inchiesta sull'incidente, Alexander Bastrykin, suggerendo che vi stato un scoppio all'interno dell'aereo. "Non c'è stato nessun impatto esterno all'aereo, è un fatto ormai stabilito", ha dichiarato. Viene così esclusa l'ipotesi di un missile. Fino ad oggi le autorità russe non si erano pronunciate sulle cause dell'incidente in cui è perito Prigozhin lo scorso 23 agosto, due mesi esatti dopo la fallita rivolta della Wagner. Molti osservatori accusano Putin di aver architettato l'incidente per punire Prigozhin.

Vladimir Putin, Prigozhin Getty
Vladimir Putin, Prigozhin

Zelensky: "A Groza attacco deliberato, non potevano non sapere cosa colpivano"

"Un attacco missilistico deliberato in un villaggio della regione di Kharkiv su un normale negozio e caffè". Così Volodymyr Zelensky da Granada accusa la Russia di aver deliberatamente colpito l'obiettivo civile ad Groza, dove almeno 51 persone sono rimaste uccise. "I militari russi non potevano non sapere dove stavano colpendo, non è stato un attacco alla cieca", ha aggiunto il presidente ucraino.

 

Ambasciatore russo: "Armi a oltranza a Kiev? non mi sorprende"

"Non mi sorprende assolutamente perché è una posizione già consolidata sia nell'ambito della Nato e sia, purtroppo, da un po' di mesi nell'Unione europea.
Non c'è niente di nuovo". Lo ha detto l'ambasciatore russo in Italia Alexey Paramonov a Porta a Porta rispondendo a una domanda sul fatto che al vertice della Comunità politica europea di Granada i leader hanno detto che forniranno armi a Kiev fino al conseguimento di una pace giusta. 

 

nuovo ambasciatore russo in Italia, Alexey Paramonov ansa
nuovo ambasciatore russo in Italia, Alexey Paramonov

Zelensky: avremo altri sistemi difesa aerea, armi a lungo raggio

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha riassunto i risultati della sua visita in Spagna, in occasione del vertice della Comunità politica europea, sottolineando di aver avuto numerosi incontri importanti, durante i quali ed è stato raggiunto un accordo sul rafforzamento delle difese aeree ucraine e sulla fornitura di artiglieria e armi a lungo raggio all'Ucraina Nel suo consueto videomessaggio serale, citato da Ukrinform, Zelensky ha parlato di "molti incontri, negoziati importanti. 

Avremo più difese aeree - ci sono accordi chiari. Questo è molto importante prima dell'inverno. Spagna, Italia, Francia, Germania, Regno Unito - grazie! I nostri soldati avranno altra artiglieria. Ci saranno di più armi a lungo raggio. E ci sarà sicuramente più giustizia". Secondo il leader di Kiev,  il messaggio principale dell'Ucraina al mondo è che il male non ha il diritto di prevalere. "E solo ora, solo in Ucraina, questa posizione morale di principio può essere tenuta. Ma tutti insieme! Ringrazio ciascun leader dei nostri paesi partner per gli incontri di oggi! Ringrazio l'Unione europea e il Parlamento europeo per il loro chiaro sostegno. Grazie, Spagna, per aver dato a tutti noi oggi l'opportunità di rafforzare l'unità europea. L'unità è la risposta. Faremo di tutto per preservarla". 

 

Ambasciatore russo: guerra in Ucraina iniziata nel 2014 da Kiev

"La guerra (in Ucraina) è stata cominciata dai politici ucraini che sono andati al potere in seguito al colpo di stato che fu organizzato a Kiev nel febbraio del 2014. Questo evento purtroppo ha portato alle conseguenze che noi vediamo attualmente". Lo ha detto l'ambasciatore russo Alexey Paramonov a Porta a Porta sottolineando che  "questo colpo di stato fu anche  realizzato con gli occhi chiusi dell'Occidente che è corso ad appoggiare questo nuovo potere". Nell'analisi del diplomatico, "le regioni del sud-est dell'Ucraina, Donetsk, Lugansk e Crimea non hanno voluto riconoscere questo potere creato artificialmente"  e poiché l'allora presidente ad interim Oleksandr Turcynov "ha mandato lì delle forze armate, questo è stato il vero inizio della guerra".

 

Paesi baltici: "L'Europa sia unita nel sostegno a Kiev"

"La comunità internazionale deve fare più pressione e chiedere con maggior forza che venga riconosciuta la responsabilità della Russia per quanto sta accadendo il Ucraina". Lo ha affermato la premier della Lettonia, Evika Silina, durante il vertice dei leader della Comunità politica europea, tenutosi oggi a Granada. Ribadendo la necessità di non abbassare il livello del sostegno fornito a Kiev, Silina ha aggiunto che "nonostante le battute d'arresto militari, la Russia rimane la più grande minaccia diretta per l'Europa". 

Toni analoghi sono stati usati dalla premier dell'Estonia, Kaja Kallas. "La Russia - ha detto Kallas - conta sulla nostra stanchezza. Ma noi non possiamo permetterci di stancarci: abbiamo il dovere di fare quanto è nelle nostre possibilità affinché l'Ucraina vinca. Dobbiamo provare che il multilateralismo funziona assicurando unità e supporto all'Ucraina fino alla vittoria". L'importanza dell'unità quale garanzia della resilienza dell'Europa è stata anche al centro dell'intervento del presidente della Lituania, Gitanas Nauseda, che ha posto l'attenzione sul fatto che la difesa attiva dei valori democratici, dell'integrità territoriale dei Paesi e dell'ordine internazionale basato sulla certezza del diritto rappresentino la principale base su cui la cooperazione tra i Paesi europei e il multilateralismo devono essere costruiti.

 

Tre giorni di lutto nella regione di Kharkiv, dopo il raid che ha provocato 51 vittime

Tre giorni di lutto da domani nella regione di Kharkiv, nel nord-est dell'Ucraina, dopo un bombardamento che ha causato decine di morti: ad annunciarlo è stato il governatore locale, Oleh Synyehubov, con un messaggio trasmesso anche sul social network Telegram. Stando alle informazioni diffuse dal dirigente, le vittime sono almeno 51. Tra queste anche un bambino di sei anni. Il raid ha colpito Hroza, un villaggio nei pressi della cittadina di Kupyansk, non lontano dalla linea del fronte. L'elevato numero di vittime sarebbe dovuto al fatto che il bombardamento è avvenuto mentre era in corso una veglia funebre, con molte persone riunite all'interno di un locale. Secondo Synyehubov, il bombardamento è stato il più letale nella regione di Kharkiv da parte russa dall'inizio dell'offensiva militare di Mosca il 24 febbraio 2022.
 

 

Soccorsi a Kupiansk 051023 Afp
Soccorsi a Kupiansk 051023

Biden riceve briefing su Ucraina da team sicurezza nazionale

Joe Biden ha partecipato oggi ad un briefing sull'Ucraina con i membri del suo team per la sicurezza nazionale. Presenti il segretario alla difesa Lloyd Austin, il capo della Cia William Burns, il vice consigliere per la sicurezza nazionale Jon Finer e il capo dello stato maggiore congiunto Charles Brown. 

 

Soccorsi al lavoro dopo la strage a Groza: 51 vittime, anche un bimbo

Kiev: "Completate le operazioni di soccorso a Kupiansk"

Le operazioni di soccorso a Groza, villaggio vicino a Kupiansk colpito da un attacco russo, sono state completate. Lo riferisce il Servizio statale dell'Ucraina per le emergenze, citato da Rbc Ucraina. "Alle 19.50 sono state completate le operazioni di soccorso nel villaggio di Groza, nel distretto di Kupiansk. In totale sono morte 51 persone (tra cui 1 bambino nato nel 2017) e 6 sono rimaste ferite"  ha riferito il Servizio statale dell'Ucraina per le emergenze. 

 

Soccorsi a Kupiansk 051023 Afp
Soccorsi a Kupiansk 051023

Zelensky: Germania lavora a fornitura di altri sistemi Patriot a Ucraina

La Germania sta "lavorando" a fornire all'Ucraina altri sistemi di difesa antiaerea Patriot: lo ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, al termine di un incontro con il Cancelliere tedesco Olaf Scholz a margine del Consiglio europeo di Granada.
"Sono grato alla Germania per il sostegno nella difesa della nostra libertà e del nostro popolo, che è anche la difesa dell'Europa e dei nostri valori condivisi", ha concluso.

 

Guterres: Russia fuori da Consiglio diritti umani? "Decidono i membri"

"Sta ai membri votare e decidere chi siedera' al prossimo consiglio" sui diritti umani delle Nazioni Unite. Lo ha detto il portavoce del segretario generale Antonio Guterres, rispondendo alla domanda di un giornalista che chiedeva se ritenesse giusto che la Russia, dopo aver attaccato l'Ucraina violando la legge umanitaria internazionale, dovesse fare parte del Consiglio dei diritti umani, l'organismo Onu con sede a Ginevra. La prossima settimana verra' votato il nuovo consiglio.

Macron: "Non abbiamo diritto di essere stanchi", sul sostegno a Kiev

Nell'appoggio all'Ucraina "non abbiamo il diritto di stancarci", perché è in gioco la sicurezza dell'Europa. Lo sottolinea il presidente francese Emmanuel Macron, in conferenza stampa a Granada, al termine del summit della Comunità Politica Europea.
 

 

Droni ucraini colpiscono infrastrutture elettriche russe nella regione di Kursk

Putin: "L'Europa sta creando una nuova cortina di ferro"

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che l'Europa sta creando "una nuova cortina di ferro" con il suo Paese, mentre Mosca si trova ad affrontare un isolamento senza precedenti e enormi sanzioni per la sua prolungata offensiva sull'Ucraina. "L'Europa si sta isolando da noi e sta creando una nuova cortina di ferro", ha detto Putin. "Non siamo noi a chiudere la porta. È l'Europa a chiudere la porta". 

 

L'Onu condanna l'attacco a Kupiansk

Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, "condanna fermamente" l'attacco di oggi che, secondo quanto riferito, ha ucciso almeno 49 persone e ne ha ferite molte altre nel distretto di Kupiansk, nella regione di Kharkiv, in Ucraina. Il portavoce in una nota ha ricordato che "gli attacchi contro i civili e le infrastrutture civili sono vietati dal diritto internazionale umanitario e devono cessare immediatamente". Guterres porge le sue più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime e augura una pronta guarigione ai feriti.

 

I soccorsi a Kupiansk Procura generale dell'Ucraina
I soccorsi a Kupiansk

Zelensky vede Macron: ora attuazione accordi

Nell'ambito della sua partecipazione al 3° vertice della Comunità politica europea, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha incontrato il presidente della Francia Emmanuel Macron. Zelensky ha informato Macron sulla situazione sul campo di battaglia e sulle esigenze dei difensori ucraini, riporta il sito della presidenza di Kiev. I leader hanno discusso le questioni attuali della cooperazione bilaterale nel settore della difesa e hanno concordato di continuare i lavori per espandere le capacità del sistema di difesa aerea ucraino. I capi di Stato hanno discusso le modalità per migliorare la situazione della sicurezza nella regione del Mar Nero, proteggere la regione di Odessa e le infrastrutture portuali ucraine. "Grazie, Emmanuel, per aver confermato tutto ciò che abbiamo concordato in precedenza. Ora possiamo passare all'attuazione di questi accordi", ha detto  Zelensky.

 

Madrid consegnerà a Kiev altri 6 lanciarazzi Hawk

Al termine dei colloqui avuti oggi con il presidente Zelensky, il governo spagnolo metterà a disposizione dell'Ucraina 6 lanciarazzi Hawk per far fronte a possibili bombardamenti russi contro obiettivi civili, infrastrutture critiche e per la difesa del nuovo corridoio del grano. Lo rende noto l'esecutivo spagnolo. 

 

La Slovacchia congela gli aiuti all'Ucraina fino al nuovo governo

La Slovacchia congela ogni decisione sugli aiuti militari all'Ucraina fino alla formazione del nuovo governo. Lo rende noto la presidenza. Il 2 ottobre la presidente Zuzana Caputova ha dato l'incarico di formare un nuovo governo a Robert Fico, leader del partito Smer-Sd, ritenuto filorusso. "La presidente Caputova condivide il punto di vista del primo ministro Odor (uscente, ndr) secondo cui la decisione su questa questione dovrebbe riflettere i risultati delle recenti elezioni legislative", ha detto all'Afp Martin Strizinec, portavoce della presidenza.

Vladimir Putin: testato con successo il missile nucleare Burevestnik

 Il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, al Valdai Discussion Club di Sochi, ha affermato che nessuno al mondo sano di mente utilizzerebbe armi nucleari contro la Russia e che i potenziali nemici erano a conoscenza dell'arsenale nucleare russo. In risposta a una domanda, Putin ha detto di non essere pronto a dichiarare se la Russia abbia o meno bisogno di riprendere i test sulle armi nucleari, affermando che "in teoria potremmo revocare la ratifica" del trattato internazionale sul divieto dei test nucleari. Ha inoltre affermato che la Russia ha quasi completato il lavoro sul suo sistema missilistico balistico intercontinentale Sarmat con capacità nucleare e ha testato con successo il missile da crociera strategico Burevestnik con capacità nucleare.

Volodymyr Zelensky: a Kupiansk un attacco terroristico deliberato e brutale

"Un missile russo ha colpito un normale negozio di alimentari nel distretto di Kupiansk, nella regione di Kharkiv. Si è trattato di un attacco terroristico deliberato, dimostrativo e brutale". Lo ha scritto sulla piattaforma X il presidente ucraino Volodymyr Zelensky commentando l'attacco russo sul villaggio di Groza, vicino a Kupiansk, nella regione di Kharkiv, dove sono morte almeno 51 persone. Per questo motivo "i terroristi dovranno affrontare una rappresaglia. Una rappresaglia giusta e potente" ha rimarcato il presidente ucraino. Zelensky ha ribadito che "il terrore russo deve essere fermato", che "tutti coloro che aiutano la Russia a eludere le sanzioni sono criminali e che chi "continua a sostenere la Russia sostiene il male". Mosca "ha bisogno di questo e di altri attacchi terroristici simili per una sola ragione: rendere la sua aggressione genocida la nuova normalità per il mondo intero" ha concluso il presidente ucraino ringraziando "i leader e ogni nazione che ci sostengono nella difesa della vita". 

Volodymyr Zelensky: grato all'Unione europea per il sostegno, contiamo su ulteriori aiuti

"Ho incontrato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel. L'Ucraina è grata per il sostegno forte e a lungo termine dell'Ue, nonché per l'aiuto pratico degli Stati membri dell'Ue". Lo afferma il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Telegram. "Il recente incontro - sostiene Zelensky - dei ministri degli Esteri dell'Ue a Kiev ha avuto un importante significato simbolico e pratico. Ha riaffermato il costante sostegno dell'Unione europea e rafforzato i nostri legami bilaterali e multilaterali. Ho informato Charles dell'andamento della nostra controffensiva e delle priorità di difesa dell'Ucraina. Contiamo su ulteriori aiuti militari da parte dell'Ue e dei suoi Stati membri, nonché su un sostegno stabile all'interno del Fondo europeo per la pace". Il presidente ucraino ha spiegato che sono stati anche discussi "la formula della pace e i nostri preparativi per il vertice globale sulla pace".

Charles Michel e Volodymyr Zelensky a Granada president.gov.ua
Charles Michel e Volodymyr Zelensky a Granada

L'inviato Onu per l'Ucraina: "Immagini terrificanti" quelle dell'attacco a Kupiansk

L'inviato Onu per l'Ucraina ha condannato un attacco russo che ha ucciso 50 persone nel villaggio orientale di Groza, vicino a Kupiansk, nella regione di Kharkiv. "Sono sconvolto dalle notizie di un attacco russo che, poco fa, ha devastato il villaggio di Groza, nella regione di Kharkiv, uccidendo decine di civili. Le immagini che arrivano dalla località, dove vivono poco più di 300 persone, sono assolutamente terrificanti", ha sottolineato Denise Brown in una nota. 

Il video della nuova incursione dei combattenti filo-ucraini a Belgorod, in Russia

Icombattenti filo-ucraini della Legione Libertà della Russia hanno annunciato, con questo video pubblicato sui propri profili social, di essere entrati nuovamente nella regione russa di Belgorod dal territorio ucraino, portando a termine "tutti i compiti assegnati", uccidendo 5 russi e ferendone altri 13. "Le squadre d'assalto della 1/a e 2/a compagnia della 1/a Legione Omb hanno svolto un'operazione tattica nella regione di Belgorod ieri" hanno scritto i volontari della Legione rivendicando che "tutti i compiti assegnati sono stati portati a termine e tutti i legionari sono tornati vivi e vegeti. Ci è piaciuto, torneremo ancora Perdite del nemico: 13 feriti, 5 morti".

Il governo ucraino: salgono a 51 le vittime del raid russo su Kupiansk

È salito a 51 il bilancio delle vittime per il bombardamento russo sul villaggio di Groza, vicino a Kupiansk, nella regione di Kharkiv. Lo riporta su Telegram il ministro degli Interni Igor Klimenko chiarendo che "uno dei feriti è morto mentre riceveva le cure mediche".

Vladimir Putin: non abbiamo iniziato noi la "cosiddetta guerra". Nato? "Proposi l'adesione, fui respinto"

Vladimir Putin ha affermato di aver proposto che la Russia entrasse nella Nato, ma che la proposta fu respinta. Lo scrive l'agenzia di stato russa Tass, secondo la quale il presidente russo, intervenendo al club Valdai, ha anche sottolineato che "la Russia non ha iniziato la cosiddetta 'guerra' in Ucraina ma sta cercando di porvi fine. Una pace globale duratura si stabilirà solo quando tutti si sentiranno al sicuro e sapranno che la loro opinione è rispettata". La Russia non cerca nuovi territori, ha inoltre sottolineato, e "la crisi ucraina non è un conflitto territoriale". La missione di Mosca è “costruire un nuovo mondo”, mentre alcuni paesi occidentali hanno mostrato "un'arroganza eccessiva" e “le attuali elite occidentali” sono "irresponsabili rispetto a quelle della Guerra Fredda". Tuttavia, "in futuro la congiuntura in Occidente potrebbe cambiare, dopo le elezioni". Ha infine sostenuto che "le nostre azioni nel Donbass mirano principalmente a proteggere le persone"

Vladimir Putin Tass/Telegram
Vladimir Putin

Mykhailo Podolyak: la strage di Kupiansk "sia un promemoria"

Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodmyr Zelensky, ha postato senza censura sulla piattaforma X le immagini dei corpi delle vittime del bombardamento russo su Groza, villaggio vicino a Kupiansk, sostenendo che la leadership del social network "probabilmente ne limiterà la portata", ma che questo "è un promemoria per tutti coloro che sono disposti a sorridere e a stringere la mano al criminale di guerra Putin alle conferenze internazionali". Un'annotazione anche per "tutti coloro che sono disposti a postare meme e a prendere in giro gli ucraini", ha scritto Podolyak riferendosi a Elon Musk che ne aveva postato uno proprio nei giorni scorsi. "Un promemoria per tutti coloro che vogliono vendere qualcosa alla Russia e tornare ai sanguinosi affari di sempre. La Russia di Putin è un vero male, e questa non è solo una metafora o un modo di dire. Dobbiamo sconfiggerla. Insieme. Tutto il mondo civilizzato", conclude il consigliere del presidente ucraino.

Il governo ucraino: durante il raid a Kupiansk si stava tenendo una veglia funebre

I russi hanno bombardato un bar e un negozio del villaggio di Groza, vicino a Kupiansk, mentre in quel luogo si stava svolgendo una veglia funebre. Lo ha dichiarato il ministro degli Interni Igor Klimenko come riportato da Rbc Ucraina. "Era un negozio con un caffè nelle vicinanze. C'era gente del posto nel negozio e gente del posto nel bar, dove si teneva la veglia funebre di un abitante del villaggio. In totale, c'erano circa 60 persone sul territorio. 49 sono morte, tra cui una bambina di 6 anni", ha dichiarato il ministro secondo il quale sette persone sono rimaste gravemente ferite e si trovano ora in sala operatoria.

Dmytro Kuleba: a Granada Zelensky ha ottenuto sistemi difesa aerea

L'Ucraina riceverà più sistemi di difesa aerea dopo gli incontri bilaterali del presidente ucraino Vladimir Zelensky a margine del vertice di Malaga. Lo ha affermato il ministro degli Esteri Dmitry Kuleba in tv, come riporta Rbc Ukraine. "Il presidente ha accordi specifici, non posso esprimerli ora, ma altri sistemi simili saranno in Ucraina a seguito della visita del presidente a Granada", ha detto il ministro. 

L'Ucraina ha sospeso il ricorso all'Organizzazione mondiale del commercio sui divieti all'export del grano

 L'Ucraina ha sospeso il ricorso presso l'Organizzazione mondiale del Commercio contro Polonia, Ungheria e Slovacchia per aver vietato l'importazione dei cereali provenienti dall'Ucraina. Lo rende noto il vice ministro dell'Economia ucraino, Taras Kaczka, citato dall'agenzia polacca Pap

Autorità ucraine: sono 49 i morti nell'attacco vicino a Kupiansk

L'Ufficio del procuratore generale ha chiarito che i morti nell'attacco russo al villaggio di Groza, vicino Kupiansk, sono 49. Lo riporta Rbc Ucraina. Il capo dell'amministrazione statale regionale di Kharkiv, Oleg Sinegubov, ha specificato su Telegram che il bombardamento è avvenuto alle 13.15 e che oltre a un negozio è stato colpito anche un bar con molti civili: "I soccorritori continuano a lavorare sul posto. Allo stesso tempo, i medici stanno fornendo l'assistenza necessaria alle vittime". Tra i feriti, invece, al momento risulta solo un bambino e non due come precedentemente riportato. 

Consiglio d'Europa: abusi sessuali russi su minori ucraini

Il comitato dei ministri del Consiglio d'Europa denuncia le gravi violazioni commesse dai russi nei territori ucraini temporaneamente controllati o occupati, tra cui la Repubblica autonoma di Crimea e la città di Sebastopoli, evidenziando anche di essere preoccupato per "le prove di uccisioni, ferimenti e abusi sessuali sui bambini e per la loro deportazione in Russia". Basandosi su un rapporto stilato dalla segretaria generale dell'organizzazione, Marija Pejcinovic Buric, il comitato dei ministri, "esprimendo profonda preoccupazione", parla di violazioni dei diritti umani su larga scala commesse dalle autorità di occupazione russe che includono l'uso sistematico della tortura e di altri trattamenti crudeli, inumani e degradanti, esecuzioni arbitrarie, violenze sessuali. L'esecutivo del Consiglio d'Europa fa anche riferimento alla deportazione forzata di cittadini ucraini verso la Russia e la Bielorussia, e il loro arruolamento forzato nell'esercito russo, oltre a violazioni dei diritti alla proprietà e alla libertà di movimento, le misure abusive e le pratiche di discriminazione nei confronti dei residenti della Crimea temporaneamente occupata.

Media ucraini: anche un bambino di 6 anni tra le vittime dell'attacco russo a Kupiansk

C'è anche un bambino di 6 anni tra le vittime dell'attacco russo a Kupiansk. Lo riporta Rbc Ucraina riferendo che le vittime sarebbe 48, mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky aveva parlato di 47 morti. Rbc Ucraina precisa che a essere colpito è stato il villaggio di Groza, vicinissimo a Kupiansk. "Sono state segnalate 48 vittime, tra cui un bambino di 6 anni. Ci sono anche 6 feriti, tra cui un bambino e una bambina" riporta il media ucraino.

Volodymyr Zelensky: i russi hanno ucciso almeno 47 persone a Kupiansk

 "Un crimine russo chiaramente brutale: un attacco missilistico contro un normale negozio di alimentari, un attacco terroristico completamente deliberato. Quartiere di Kupiansk, nella regione di Kharkiv. Al momento sono state uccise più di 47 persone. Condoglianze a tutti coloro che hanno perso i loro cari! Si stanno prestando i soccorsi ai feriti...". Lo ha dichiarato su Telegram il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "Il terrore russo deve essere fermato" ha aggiunto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Telegram, perché "chiunque aiuti la Russia a eludere le sanzioni è un criminale. Chiunque sostenga ancora la Russia sta sostenendo il male. La Russia ha bisogno di questo e di altri attacchi terroristici simili per una sola cosa: rendere la sua aggressione genocida la nuova normalità per il mondo intero. E ringrazio ogni leader, ogni nazione che ci sostiene nella difesa della vita! Ora stiamo parlando con i leader europei, tra le altre cose, di rafforzare la nostra difesa aerea, di rafforzare le nostre forze armate e di proteggere il nostro Paese dal terrore. E risponderemo ai terroristi. Assolutamente giusto. E potente" ha concluso il presidente ucraino. 

Pedro Sánchez ha promesso maggiori aiuti militari a Volodymyr Zelensky

Il premier spagnolo Pedro Sánchez, durante il suo incontro con Volodymyr Zelensky, a Granada, ha promesso più aiuti militari e più generatori di corrente, viste le nuove necessità dell'Ucraina per far fronte all'offensiva russa prevista con l'arrivo dell'inverno.

Pedro Sanchéz e Volodymyr Zelensky a Granada president.gov.ua
Pedro Sanchéz e Volodymyr Zelensky a Granada

Volodymyr Zelensky: se Mosca congela la guerra, dal 2028 l'Unione europea sarà un suo obiettivo

"La Russia sta cercando di congelare la situazione. Se ci riesce, ci sarà un nuovo momento critico: il 2028. Se si permette alla Russia di adattarsi ora, entro il 2028 avrà ripristinato il potenziale militare che abbiamo distrutto e sarà abbastanza forte da attaccare i Paesi al centro della sua espansione. Oltre all'Ucraina, si tratta sicuramente degli Stati baltici e di altri Paesi in cui sono presenti contingenti russi. I nostri dati di intelligence sono chiari. Sta imparando dai propri errori e si sta preparando ad andare avanti". Lo ha detto il presidente Volodymyr Zelensky intervenendo al vertice della Cpe a Granada. "Non dobbiamo permettere a Putin di destabilizzare altre parti del mondo e i nostri partner con l'obiettivo di rovinare la potenza dell'Europa. Putin vuole un'Europa che non sia più un territorio di libertà e democrazia. Dobbiamo aumentare la pressione politica e le sanzioni, in modo che la Russia non possa diffondere il caos. La presenza della Russia, dei suoi militari o dei suoi proxy nel territorio di qualsiasi altro Paese è una minaccia per tutti noi. Dobbiamo lavorare insieme per spingere la Russia fuori dal territorio di altri paesi", ha proseguito, “abbiamo tutti bisogno di una forma di sostegno alle nazioni che la Russia ha già cercato di rovinare, in particolare di sostegno economico e di garanzie di sicurezza. In modo che la Russia non abbia mai più la tentazione di tentare di infrangere la loro sovranità. È necessario un segnale chiaro: la Russia non deve avere chance”. Zelensky ha poi affermato: "Ora, vedo che l'Europa sta seguendo la crescente tempesta politica in America. L'Europa ha la sua forza e il suo ruolo globale. Per quanto riguarda le tempeste politiche...ho fiducia nell'America. È un popolo forte, con istituzioni forti e una democrazia forte". Lo ha detto il presidente Volodymyr Zelensky intervenendo al vertice della Cpe. L'Europa non abbassi le vele aspetti la fine della tempesta, ma sia insieme all'America per proteggere i nostri valori comuni e la libertà. Il sostegno reciproco, sia in tempi di calma che in tempi di sfide per la sicurezza, è l'essenza del partenariato transatlantico".

Volodymyr Zelensky e Dmytro Kuleba a Granada president.gov.ua
Volodymyr Zelensky e Dmytro Kuleba a Granada

Ursula von der Leyen: è nostro obbligo aiutare l'Ucraina

 "Un membro permanente del Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha lanciato un attacco contro il suo vicino pacifico. Questo attacco va avanti da 588 giorni! È nostro obbligo aiutare l'Ucraina a far prevalere il diritto sulla forza. È nostro obbligo garantire che l'architettura della sicurezza europea venga ristabilita, affinché in questo continente possano vivere tutti gli europei in pace e libertà. Questo obiettivo condiviso deve guidarci in tutto il nostro lavoro qui nella Cpe". Lo afferma la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen a Granada.

Ursula von der Leyen a Granada European Union
Ursula von der Leyen a Granada

Charles Michel a Volodymyr Zelensky: prepariamo un nuovo pacchetto di aiuti

A Zelensky vorrei dire che siamo con voi, con il popolo ucraino e continueremo ad aiutare l'Ucraina: stiamo preparando un nuovo pacchetto aggiuntivo di aiuti importante". Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel a Granada.

Volodymyr Zelensly: con Meloni abbiamo discusso dei prossimi aiuti militari

"Durante il nostro incontro, con Giorgia Meloni abbiamo riaffermato il forte partenariato italo-ucraino. Ho ringraziato l'Italia per il suo sostegno di principio e costante nel proteggere la nostra libertà, il nostro popolo, le nostre famiglie. Ho informato il Primo Ministro dei progressi della nostra controffensiva e delle nostre esigenze prioritarie di difesa. Abbiamo discusso del prossimo pacchetto di aiuti militari dell'Italia, compresi i modi per rafforzare la nostra difesa aerea". Lo scrive in un tweet il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

 

Il governatore: i russi hanno colpito un ospedale a Beryslav, nella regione di Kherson

Un attacco russo dopo ha colpito e distrutto in parte l'ospedale di Beryslav, nella regione di Kherson, sulla sponda occidenale del fiume Dnipro.  Lo rende noto su Telegram il governatore Olexander Prokudin che pubblica le immagini dell'edificio devastato. "Il quarto piano è stato completamente distrutto e un altro piano è parzialmente danneggiato. Anche le ambulanze sono state danneggiate dal fuoco nemico.  Due operatori sanitari sono rimasti feriti. L'autista dell'ambulanza ha riportato la frattura di una gamba e un trauma cranico, mentre un paramedico ha riportato una commozione cerebrale", ha scritto Prokudin. 

Ospedale colpito a Beryslav Olexander Prokudin / Telegram
Ospedale colpito a Beryslav

Giorgia Meloni vede Volodymyr Zelensky: sostegno di Roma fino a una pace giusta

La presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica italiana, Giorgia Meloni, ha avuto oggi a margine del Vertice della Comunità Politica Europea di Granada un cordiale incontro con il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky. Lo rende noto Palazzo Chigi. Meloni ha confermato il continuo e convinto sostegno a 360 gradi del Governo italiano alle autorità ucraine per la difesa delle infrastrutture critiche e per le esigenze di Kiev in vista della stagione invernale finché sarà necessario e con l'obiettivo di raggiungere una pace giusta, duratura e complessiva. “I due leader, Meloni e Zelensky, hanno discusso anche di come garantire sostegno in tema di iniziativa sul grano a favore dei paesi africani che stanno affrontando una crescente crisi alimentare”, si legge inoltre sulla nota del Governo.

La Moldavia ha deciso il transito gratuito del gas verso l’Ucraina per le forniture invernali

Le autorità moldave hanno emanato norme che impongono il trasporto gratuito di gas europeo da e verso gli impianti di stoccaggio nella vicina Ucraina per garantire che le esigenze invernali del paese siano soddisfatte. L'atto è della Commissione per i regolamenti di emergenza, che ha invitato l'autorità di regolamentazione del sistema di trasporto del gas a fornire la spedizione gratuita di gas di provenienza europea alle aree di stoccaggio attraverso quattro punti al confine tra Ucraina e Moldavia. Dato che la Moldavia è soggetta allo stato di emergenza da quando la Russia ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022 le decisioni della commissione devono essere attuate per legge. La commissione ha affermato che il trasportatore VestMoldTransGaz è obbligato ad agire per garantire sufficienti forniture invernali. La società è posseduta al 75% dalla rumena TransGaz, mentre il resto è detenuto dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo. Alexandru Slusar, membro del consiglio di amministrazione di Energocom, la società che garantisce il gas europeo alla Moldavia, ha detto all'agenzia Reuters che la sentenza mira a ridurre i costi delle importazioni e i prezzi al consumo: "Poiché il trasporto del gas costa 60-70 dollari per 1.000 metri cubi e deve attraversare due volte il territorio della Moldavia, il governo ordina all'operatore del trasporto di gas di concedere uno sconto del 100%". 

France-Presse: il Gruppo Wagner comprò due satelliti spia dalla Cina

Il gruppo paramilitare russo Wagner ha sottoscritto un contratto con una società cinese per l'acquisto di due satelliti di osservazione e realizzazione di immagini. Tecnologie che hanno fornito ai miliziani di Wagner una inedita potenza di intelligence, secondo un documento consultato in esclusiva da  Agence France-Presse (Afp). Secondo fonti della sicurezza europea, citate dall'agenzia di stampa francese, alcune di queste immagini sarebbero anche servite al capo di Wagner, Evgueni Prigozin - morto lo scorso agosto in un incidente aereo - per preparare la rivolta dello scorso giugno, la più grande minaccia mai vissuta dal presidente russo, Vladimir Putin, in venti anni di potere. 

Forze ucraine: ci sono 110 mila russi schierati sul fronte nord-orientale di Lyman-Kupiansk

In questo momento il punto del fronte più difficile è nella zona di Lyman-Kupiansk, nel Donetsk, area dove l'esercito russo ha concentrato 110 mila soldati, 1.085 carri armati, 2.000 veicoli corazzati, 700 unità di sistemi di artiglieria e mezzo migliaio di cannoni semoventi: ha detto alla tv pubblica il capo ufficio stampa del gruppo orientale delle forze armate ucraine Ilya Yevlash, citato da Rbc-Ucraina. Attualmente sono in corso pesanti anche sul fronte meridionale, ma nessuno dei due eserciti sta guadagnando terreno, ha dichiarato Oleksandr Shtupun, portavoce delle forze ucraine nel Sud. 

Georgia: preoccupati per la base navale russa in Abkhazia

La Georgia si dice "preoccupata" dall'installazione di una base navale russa nella regione separatista georgiana dell'Abkhazia. Lo afferma il ministero di Tbilisi. Il presidente del paese transcaucasico Aslan Bzhania, in una intervista al quotidiano russo Izvestiya, ha annunciato che Mosca sta progettando una base navale sulla costa del Mar Nero della regione separatista georgiana dell'Abkhazia. 

Charles Michel: "Rassicurati da Biden, gli Usa continueranno a sostenere l'Ucraina"

"Abbiamo avuto pochi giorni fa una importante telefonata con il presidente Joe Biden: un momento molto importante perche' ci ha riassicurato e abbiamo sentito la sua leadership e il suo impegno personali sul fatto che gli Usa sosterranno e aiuteranno l'Ucraina nel lungo termine. E lavoriamo molto da vicino insieme". Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, al suo arrivo al vertice della Comunita' politica europea a Granada, in Spagna.

Charles Michel a Granada JORGE GUERRERO / AFP
Charles Michel a Granada

Ursula von der Leyen: "Fiduciosa sull'impegno degli Stati Uniti"

"Accolgo il fatto che il presidente Zelensky sia qui con noi. Lunedì i 27 ministri degli Affari esteri e l'Alto rappresentante erano a Kyiv a sostegno dell'Ucraina. Dunque, c'è il forte messaggio a Putin, da Dublino a Chisinau, che noi non tolleriamo l'aggressione contro uno Stato sovrano". Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, al suo arrivo al vertice della Comunità politica europea a Granada, in Spagna. "È la terza volta che al cuore delle nostre discussioni c'è il nostro sostegno all'Ucraina. Questo dimostra anche il forte sostegno della Comunità politica europea per l'Ucraina", ha aggiunto, "lavoriamo a un pacchetto da 50 miliardi su lungo termine per l'Ucraina. Noi tutti vediamo la situazione negli Usa ma sono molto fiduciosa sull'impegno degli Stati Uniti". Lo ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen arrivando al vertice della Cpe.

Ursula von der Leyen a Granada Alex Diaz/Europa Press via Getty Images
Ursula von der Leyen a Granada

Roberta Metsola: avviare colloqui per l'adesione dell'Ucraina alle Ue, appena possibile

"Saremo molto chiari anche riguardo all'allargamento: per l'Ucraina e Moldavia dovremmo avviare i negoziati di adesione" all'Ue "una volta che tutte le condizioni saranno soddisfatte". Lo ha detto la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, al suo arrivo al vertice della Comunità politica europea (Cpe) a Granada. "Questo incontro è importante perché stiamo investendo nella pace geostrategica, nella sicurezza e nella stabilità", ha evidenziato Metsola. 

Roberta Metsola a Granada Francisco J. Olmo/Europa Press via Getty Images
Roberta Metsola a Granada

Putin autorizza la fornitura di uranio russo al Bangladesh

Il presidente Vladimir Putin  ha autorizzato formalmente il trasferimento del primo carico di uranio russo alla centrale nucleare del Bangladesh di Rooppur. Lo scrive la Tass. Il Bangladesh ha ricevuto la prima spedizione di uranio per alimentare la sua centrale nucleare, un progetto finanziato dalla Russia per rafforzare la rete energetica del Paese ma complicato dalle sanzioni contro Mosca. "Oggi è un giorno di orgoglio e gioia per il popolo del Bangladesh", ha dichiarato il primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina in una conferenza online con Vladimir Putin per confermare la consegna. 

Vladimir Putin Tass/Telegram
Vladimir Putin

Josep Borrell: l'Europa non può sostituire gli Usa nel sostegno militare all'Ucraina

"L'Europa non può sostituire gli Usa" sugli aiuti all'Ucraina, quindi "la mia speranza, quella degli ucraini e di chiunque non vuole che Putin vinca questa guerra è che gli Usa tornino su questo tema e continuino a sostenere l'Ucraina". Lo ha dichiarato l'Alto rappresentante Ue per la Politica estera, Josep Borrell, al suo arrivo al vertice della Comunità politica europea a Granada, in Spagna. "Ero a Kiev proprio quando abbiamo saputo che il Congresso degli Usa non avrebbe incluso il sostegno all'Ucraina nel vasto accordo sul budget" e "questo era certamente inatteso e tantomeno è una bella notizia", ha aggiunto Borrell. "Ma gli ucraini si augurano che questa non sia una decisione definitiva" perché "l'Ucraina ha bisogno del sostegno dell'Ue, che e' garantito e lo aumenteremo, ma anche di quello degli Usa", ha sottolineato. Anche se l'Ue "sta aumentando il suo sostengo", e "sul tavolo ci sono proposte per 50 miliardi di euro per la parte economica e civile e 20 miliardi a livello militare, certamente gli Usa sono insostituibili", ha concluso. 

Josep Borrell a Granada Alex Zea/Europa Press via Getty Images
Josep Borrell a Granada

Il governo ucraino: dal 24 febbraio 2022 oltre 11 mila civili dispersi, 1200 sono bambini

Dal 24 febbraio 2022, giorno dell'inizio dell'invasione russa, 1.214 bambini sono stati dichiarati scomparsi in Ucraina: scrive su Facebook il servizio stampa dell'Ufficio del Difensore civico, come riporta Ukrinform. Dal canto suo, il vice ministro degli Interni Leonid Tymchenko ha annunciato alla tv pubblica che più di 26.000 ucraini, tra cui 15.000 militari, sono stati dichiarati dispersi dall'inizio dell'invasione russa. "Di questi, 11.000 sono civili e 15.000 sono militari", ha detto Tymchenko. Secondo il portale statale 'Bambini della guerra', 1.214 bambini sono scomparsi mentre 18.650 bambini sono stati ritrovati".

Il Cremlino non commenta lo spostamento di navi dalla Crimea

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha rifiutato di commentare oggi il presunto trasferimento di molte navi della Flotta del Mar Nero da Sebastopoli a Novorossijsk, dopo che il Wall Street Journal ha scritto che la Russia ha ritirato la maggior parte della sua flotta del Mar Nero dalla sua base principale in Crimea in risposta agli attacchi ucraini. "No, non posso commentare in alcun modo", ha dichiarato il portavoce presidenziale russo ai giornalisti. "Naturalmente, le questioni relative allo stazionamento delle nostre unità, delle nostre navi e delle nostre formazioni sono di competenza del ministero della Difesa", ha detto Peskov.

Volodymyr Zelensky: all'Ucraina serve uno scudo aereo per l'inverno

 "La nostra speranza, il nostro impegno qui è mantenere unita l'Europa: la Russia attacca con false informazione. Noi puntiamo a difendere i bambini dall'inverno. Sono stato da Biden è ho avuto la sua parola che ci sostiene al 100%. Capisco che ci sono le elezioni ma sono fiducioso". Lo afferma il presidente ucraino Volodymyr Zelensky appena arrivato a Granada. “L'impegno è avere per l'Ucraina uno scudo di difesa aerea per l'inverno perché in inverno avremo molti attacchi di diverse dimensioni”, ha inoltre affermato. A chi gli chiedeva se è preoccupato per le forniture di armi dagli Usa Zelesnky ha replicato che il presidente Biden gli ha assicurato un sostegno al "100%" e ha osservato: "è tardi per preoccuparsi, ora dobbiamo solo lavorare. Gli Usa stanno vivendo un periodo elettorale difficile, alcune prese di posizioni sono strane ma Biden ha il sostegno bipartisan" sull'Ucraina. 

Volodymyr Zelensky a Granada Alex Zea/Europa Press via Getty Images
Volodymyr Zelensky a Granada

Sanchez, vedrò Zelensky, oggi Granada capitale europea

"Abbiamo lavorato molto perchè questi due vertici abbiano successo: due riunioni che hanno trasformato Granada nella capitale europea, la capitale della pace. Sono felice di dirvi che avrò una bilaterale con Zelensky. Poi ci saranno molti dibattiti sulla stabilità, la sovranità energetica. Parleremo anche sull'intelligenza artificiale per dare una prospettiva umanistica per tutta questa tecnologia". Lo afferma il premier spagnolo Pedro Sanchez arrivando a Granada, annunciando il suo bilaterale con il presidente ucraino, per la prima volta in Spagna. 

Una foto del precedente incontro tra il premier spagnolo Sanchez con l'ucraino Zelensky ap
Una foto del precedente incontro tra il premier spagnolo Sanchez con l'ucraino Zelensky

Kiev, Usa e UE al lavoro per trasferimento di 300 miliardi di asset russi congelati

"Gli Stati Uniti e l'Ue lavorano sulle procedure legali per il trasferimento all'Ucraina di 300 miliardi di dollari di asset russi congelati". Lo scrive sul social X Andriy Yermak, capo dell'ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "E' un segnale molto positivo - aggiunge - Chi uccide, distrugge, isola, viola il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite deve fare i conti con le conseguenze. E' una questione di giustizia".
Un post che arriva dopo che nelle scorse ore il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha parlato di "circa 300 miliardi di dollari, la maggior parte in Europa" e di come si stia "valutando quali poteri legali potremmo avere, potrebbero avere gli europei, per utilizzare queste risorse per l'Ucraina". "Dobbiamo essere certi esista una base giuridica per farlo - ha incalzato - E poiché la maggior parte degli asset sono in Europa, anche gli europei devono essere convinti che ci siano le basi per farlo". 

 

Danilov (Kiev): "Russia non è in grado di trasformare la propria economia in un'economia militare"

Non può esserci un'economia militare nella Federazione Russa, attualmente sono in grado solo di riparare "rottami metallici" nei magazzini e inviare vecchie attrezzature al fronte. Come riportato da Ukrinform, lo ha detto il segretario dell'NSDC Oleksiy Danilov, capo del Consiglio di Sicurezza a Kiev, nel corso del telethon nazionale "Yedini Novyni" , rispondendo alla domanda se l'economia della Federazione Russa possa trasformarsi in un'economia esclusivamente militare.

"Potrebbe esserci un'economia militare solo in URSS. Non può esserci un'economia militare in Russia, perché l'economia lì oggi è composta da due parti: petrolio e gas. Se credono che ci siano petrolio e gas e possono sparare, uccidere i nostri cittadini, i nostri figli, è completamente falso, oggi non fanno altro che prendere i rottami metallici che si trovano in grandi quantità in Estremo Oriente, in Siberia, ripararli, verniciarli e mandarli sul campo di battaglia: ecco la situazione attuale con le loro armi", ha sottolineato Danilov.

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

Il segretario del consiglio di sicurezza ucraino Oleksiy Danilov SERGEI SUPINSKY/AFP via Getty Images
Il segretario del consiglio di sicurezza ucraino Oleksiy Danilov

Stato maggiore Kiev, russi cercano di catturare Maryinka e Avdiivka "per entrare in uno spazio operativo"

"Le forze di occupazione russe continuano a tentare di catturare Maryinka e circondare Avdiivka, ma senza successo". Così - come riporta Ukrinform - il portavoce del Centro stampa unito delle forze di difesa della regione di Tavria, il colonnello Oleksandr Shtupun, durante una diretta televisiva ucraina.

"Gli occupanti vogliono prendere Maryinka con tutte le loro forze per dimostrare un certo successo e cercano di circondare Avdiivka come al solito. Non ci riescono, ma cercheranno di entrare in uno spazio operativo. Subiscono perdite, i nostri soldati sono fermi e difendono sia Avdiivka che gli insediamenti vicini", ha detto il portavoce.

Gli obici di Avdiivka

Kiev, “Kherson sotto il fuoco incessante, oggi morti due civili”

Dopo la pioggia di proiettili di ieri, l'esercito russo ha nuovamente bombardato oggi Kherson, città dell'Ucraina meridionale, due persone sono rimaste uccise tra cui un operaio del servizio giardini: lo ha riferito il capo dell'ufficio presidenziale Andry Yermak. Il capo militare della città Roman Mrochko ha spiegato che l'attacco russo ha preso di mira le aree residenziali nel centro di Kherson. Le vittime sono un uomo e una donna di 50 anni.
Nelle ultime 24 ore la regione di Kherson la regione di è stata attaccata dalle truppe del Cremlino per 78 volte, ha dichiarato il governatore Oleksandr Prokudin su Facebook.

 

Kiev, almeno 70 campi russi di rieducazione per i minori ucraini

Il difensore civico dell'Ucraina, Dmitro Lubinets, ha denunciato l'esistenza di "non meno di 70" campi in cui vengono rieducati i bambini ucraini deportati nella Federazione Russa o all'interno dei territori dell'Ucraina occupata dalle truppe di Mosca.
"Sono obbligatori. I nostri figli non possono scegliere se partecipare o meno. Tutti sono registrati ed e' un programma educativo ufficiale", ha detto Lubinets, citato dall'agenzia di stampa Ukrinform, riguardo a questo tipo di campi in cui i minori ricevono un'istruzione "patriottico-militare". Il difensore civico ucraino ha dichiarato che la Russia vuole "educare una nuova generazione di militari tra i bambini ucraini" che in futuro "probabilmente dovranno combattere contro l'Ucraina o altri Paesi". 

 

Zelensky a vertice europeo di Granada: "Difesa aerea è la priorità"

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, e' arrivato a Granada, in Spagna, per partecipare al vertice della Comunita' politica europea. Lo ha annunciato lo stesso leader di Kiev sui social. "Il nostro obiettivo comune e' garantire la sicurezza e la stabilita' della comune casa europea", ha scritto Zelensky. "Stiamo lavorando insieme ai partner per migliorare l'architettura di sicurezza europea, in particolare la sicurezza regionale", ha spiegato il presidente, sottolineando che "l'Ucraina ha proposte sostanziali a riguardo".
"Presteremo particolare attenzione alla regione del Mar nero e ai nostro sforzi congiunti per rafforzare la sicurezza alimentare e la liberta' di navigazione", ha aggiunto Zelensky. "La priorita' fondamentale dell'Ucraina, soprattutto con l'avvicinarsi dell'inverno e' rafforzare la difesa aerea", ha poi concluso nel suo messaggio, "abbiamo gia' gettato le basi per nuovi accordi con i partner e attendiamo con impazienza la loro approvazione e attuazione". Zelensky ha infine auspicato che quella di oggi "sara' una giornata produttiva per l'Ucraina e per l'Europa nel suo complesso". 

Numerosi raid russi sull'Ucraina con missili e droni, e poi la "replica" di Kiev: la forte esplosione notturna a Yevpatoria, seconda città dell'Ucraina. Secondo i post sui social si tratterebbe di droni lanciati "contro strutture militari". "Il traffico sul ponte di Crimea è bloccato"

Deputato Russia: Follia minaccia Ucraina rendere inabitabile la Crimea

È una "follia" la minaccia dell'intelligence militare ucraina di rendere inabitabile la penisola di Crimea. Lo ha sostenuto un parlamentare russo, Mikhail Sheremet.
"Il regime ucraino continua a dimostrare al mondo la sua follia, la sua crudeltà e la sua maniacale ossessione di uccidere la popolazione civile, comprese le donne, gli anziani e i bambini, e di distruggere le infrastrutture civili", ha dichiarato il deputato a Ria Novosti.
In precedenza, i servizi segreti del presidente ucraino Volodymyr Zelensky avevano diffuso un video in cui militari ucraini con volti sfocati, presumibilmente in Crimea, promettono di rendere la penisola inabitabile.
Sheremet ha sottolineato che è tempo che la leadership politico-militare della Nato si renda conto di che genere di nazisti e terroristi ha allevato.

 

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

Crisi Ucraina, esercitazioni militari della Russia LaPresse/Russian Defense Ministry Press Service via AP
Crisi Ucraina, esercitazioni militari della Russia

Intelligence Gb: Russia effettua esercitazioni difesa civile in tutto il Paese

La Russia ha condotto esercitazioni di difesa civile in gran parte del Paese. Lo ha sostenuto il ministero della Difesa britannico.Nel suo ultimo aggiornamento di intelligence, il ministero ha dichiarato che le esercitazioni si basano su uno scenario di conflitto armato internazionale su larga scala.Queste esercitazioni si svolgono ogni anno dal 2012. "Per generazioni, l'Unione Sovietica prima e la Russia poi hanno prestato attenzione ai preparativi interni per un grande conflitto", ha dichiarato il ministero in un comunicato

 

Le forze ucraine mantengono la difesa nell'oblast di Kharkiv Oblast di Kharkiv, Ucraina 26/09/23 Getty
Le forze ucraine mantengono la difesa nell'oblast di Kharkiv Oblast di Kharkiv, Ucraina 26/09/23

Kiev: massiccio attacco russo, ancora una notte di terrore

Nella notte l'esercito russo ha lanciato un massiccio attacco contro l'Ucraina utilizzando droni Shahed, solo nel Sud del Paese ne sono state distrutte diverse decine, ha detto alla tv pubblica il capo ufficio stampa del coordinamento delle forze ucraine Sud Natalya Humenyuk, citata da Unian. "La notte è stata inquietante, il terrore nelle regioni continua. Nella nostra area di responsabilità, ossia nelle le regioni meridionali e sudorientali, 24  droni sono stati distrutti, ancora non sappiamo quali sono i danni", ha dichiarato. Il governatore di Mykolaiv Vitaly Kim ha aggiunto che 24 droni su 29 sono stati abbattuti.  

 

Ucraina: Erdogan vuole un summit per la pace in Turchia

La Turchia del presidente Recep Tayyip Erdogan non ha abbandonato l'idea di far dialogare Russia e Ucraina e ha in preparazione un nuovo summit da organizzare a Istanbul prima della fine dell'anno. A riportare la notizia l'agenzia di stampa Bloomberg, che cita fonti anonime ma vicine al governo Erdogan. Il presidente turco ha sin dall'inizio del conflitto cercato una strada per i cessate il fuoco. Tentativi naufragati nonostante un incontro organizzato tra i ministri degli esteri di Russia e Ucraina ad Antalya nel marzo 2022 e un summit tra le delegazioni dei due Paesi ospitato an Istanbul nello stesso mese dello stesso anno. Dialoghi che non hanno prodotto il risultato sperato, costringendo Erdogan a spostare l'attenzione sulla trattativa per il corridoio del grano. Un negoziato che ha portato alla conclusione di un accordo che ha permesso di sbloccare il grano ucraino fermo nei porti a causa della guerra. Un'intesa durata un anno, attualmente sospesa per volere della Russia.  

Video dei "50 lunghi" secondi, con Putin che un anno fa attendeva davanti ai riflettori il presidente turco Erdogan
 

Russia progetta base navale su coste Mar Nero in Abkhazia

La Russia sta progettando di costruire una base navale sulla costa del Mar Nero nella regione separatista georgiana dall'Abkhazia. Lo ha annunciato il leader locale al giornale Izvestiya, scrive il Guardian.

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

Media Kiev, esercito russo continua ad attaccare la regione di Kherson

Bombardamenti russi nel Kherson, lo scrivono alcuni media locali ucraini su Telegram: “Inzhenerne è stata presa di mira a mezzanotte. Gli edifici commerciali sono stati danneggiati, distrutti edifici non residenziali ed ausiliari: gli occupanti hanno attaccato anche Kizomys, distruggendo una casa." 

"Fortunatamente non ci sono state vittime a causa dei bombardamenti".

sede delle Nazioni Unite Lapresse
sede delle Nazioni Unite

Ucraina, Onu: 10mila civili uccisi dall'inizio dell'invasione

Sarebbero circa 10mila i civili uccisi  e decine di migliaia quelli rimasti feriti in Ucraina dall'inizio  dell'invasione russa nel febbraio 2022. E' questa la stima sul numero  di vittime tra la popolazione contenuta nel rapporto della Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite, secondo il quale  la violenza dei combattimenti degli ultimi mesi ha causato una media  di sei morti e 20 feriti ogni giorno tra febbraio e luglio di  quest'anno. "La guerra ha devastato la vita di milioni di ucraini,  compresi i bambini, che dovranno convivere per molti anni con un'orribile eredità di perdite umane, distruzione fisica e danni  ambientali, in particolare la contaminazione da residuati bellici  esplosivi", ha affermato Danielle Bell, capo della missione.

 

Guardian, Zelensky sarà a Granada per chiedere aiuti militari urgenti

Il presidente Volodymyr Zelensky dovrebbe prendere parte al vertice della Comunità politica europea (Cpe) a Granada, in Spagna: la sua partecipazione non è stata annunciata in anticipo per motivi di sicurezza, ma funzionari vicini al dossier hanno detto che il leader ucraino sarà presente con l'obiettivo di fare pressioni per ottenere aiuti militari più urgenti e necessari, come i sistemi di difesa aerea. Lo scrive il Guardian. Proprio ieri sera in un video-messaggio Zelensky ha affermato: "Ci stiamo preparando per un'intensa attività internazionale, questa settimana e la prossima dovrebbero essere produttive per l'Ucraina".
"L'incontro di Granada offre anche a leader come il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il primo ministro britannico Rishi Sunak la possibilità di riaffermare il loro impegno nei confronti dell'Ucraina dopo che le turbolenze politiche negli Stati Uniti e in Europa hanno sollevato dubbi sul mantenimento del sostegno", scrive il Guardian.  

 

Shevchenko dopo la nomina a consigliere: "Devo aiutare il mio paese" (video)

La decisione è stata annunciata ieri con decreto sul sito della presidenza ucraina.

La FIFA rimuove la sospensione degli atleti russi under 17 che gareggiano nel calcio internazionale

La FIFA ha annunciato che gli atleti under 17 provenienti dalla Russia potranno ora partecipare alle competizioni calcistiche internazionali con i colori neutri. L'organo di governo del calcio europeo ha la decisione la scorsa settimana, e ciò consentirà ai giocatori russi di competere nelle partite europee.

Le condizioni per il reinserimento includono "il non avere la bandiera nazionale russa o i colori esposti durante le partite e il giocare sotto il nome di “Unione Calcio Russa”, secondo Politico . Il divieto della FIFA è stato implementato nel febbraio 2022 in risposta all’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia. Molteplici organizzazioni sportive internazionali hanno seguito l'esempio, tra cui la Federazione internazionale di hockey su ghiaccio, il World Rugby, la Formula Uno e il Comitato Olimpico Internazionale. Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che la bandiera russa dovrebbe essere bandita dai Giochi Olimpici di Parigi 2024, dove gli atleti russi gareggeranno con colori neutri.

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

Un mini reattore al posto dell'elica: potenziato il drone Shahed iraniano (Video)

Aeronautica Militare ucraina: abbattuti 24 dei 29 droni lanciati dalla Russia durante la notte

Le forze ucraine hanno abbattuto 24 dei 29 droni Shahed "kamikaze" lanciati dalla Russia durante la notte, ha riferito l'Air Force il 5 ottobre. Secondo il rapporto, i veicoli aerei senza pilota (UAV) sono stati lanciati da Chauda, ​​nella Crimea occupata, e si sono avvicinati all’Ucraina dalla direzione sud.

Circa 24 UAV d'attacco sono stati abbattuti sulle regioni di Odessa, Mykolaiv e Kirovohrad dalle difese aeree ucraine in collaborazione con l'aeronautica militare, hanno detto i militari.

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

ISW: La Russia trasferisce le navi della flotta del Mar Nero per evitare il fuoco ucraino

"Le forze russe hanno recentemente trasferito diverse navi della flotta del Mar Nero da Sebastopoli, nella Crimea occupata, al porto di Novorossijsk, in Russia, probabilmente nel tentativo di salvaguardare le navi da ulteriori attacchi ucraini", ha scritto l'Istituto per lo studio della guerra (ISW). Secondo le immagini satellitari del 1° e 3 ottobre - continua l'Isw -  "l'esercito russo ha spostato almeno 10 navi, tra cui le fregate Admiral Makarov e Admiral Essen, da Sebastopoli a Novorossijsk".

Il trasferimento include anche tre sottomarini diesel, cinque navi da sbarco e diverse piccole navi missilistiche.

centrale nucleare Kursk Russia Telegram
centrale nucleare Kursk Russia

Russia, droni ucraini su infrastrutture regione Kursk

Droni ucraini hanno colpito le infrastrutture nella regione di confine di Kursk, in Russia, causando interruzioni di corrente. Lo ha reso noto il governatore Roman Starovoit. "Stasera i droni ucraini hanno attaccato le infrastrutture nei distretti di Sudzhansky, Korenevskij e Glushkovsky. Ci sono interruzioni di corrente", ha scritto Starovoit su Telegram.
Le squadre di emergenza hanno gia' iniziato a ripristinare l'energia elettrica, ha aggiunto. Kursk, che confina con la regione nordorientale di Sumy, in Ucraina, e' una delle numerose province di confine russe a segnalare attacchi quasi quotidiani di droni ucraini negli ultimi mesi mentre la guerra si estende sempre piu' al territorio russo.  

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

Ecco "Sea Baby": il drone marino che fa paura alla flotta russa (video di archivio)

Londra, Mosca vuole distruggere le navi con grano ucraino

Londra accusa la Russia di voler sabotare le navi con grano ucraino piazzando mine marine vicino ai suoi porti sul Mar Nero: il ministro degli Esteri James Cleverly ha dichiarato che Mosca ha "preso di mira in modo pernicioso" le navi, "il mondo ci osserva, vediamo bene i cinici tentativi di Mosca di addossare a Kiev la responsabilità dei loro attacchi". Lo riporta il Guardian. In base a informazioni declassificate, Londra ha dichiarato che la Russia non vuole attaccare direttamente con missili le navi, ma cerca di distruggerle di nascosto. Cleverly ha detto di volerlo rendere pubblico per dissuadere Mosca dall'attuare il piano.  
 

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

L'Agenzia internazionale perl'energia atomica (Aiea) afferma che gli amministratori russi della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia (Znpp) continuano a negare ai tecnici Aiea il pieno accesso alle strutture dell'impianto. "Il team dell'Aiea - si legge in un comunicato - continua arichiedere l'accesso a tutte e sei le sale turbine nello stessogiorno, una dopo l'altra, per poter confermare l'assenza dimateriali e attrezzature che possano contravvenire ai cinqueprincipi basilari per la protezione della Znpp. Questa richiesta non è stata ancora approvata e il team può solo confermare lostato di una sala turbine alla volta. Gli esperti dell'Aiea -prosegue la nota diffusa ieri sera dall'agenzia - continuano inoltre a richiedere l'accesso ai tetti degli edifici dei reattori 1, 2, 5 e 6, che avevano previsto sarebbe stato concesso questa settimana".   "Insisteremo finché non avremo l'accesso di cui abbiamo bisogno per monitorare il rispetto dei cinque principi basilari per la protezione della centrale nucleare di Zaporizhzhya", ha affermato il direttore generale Rafael Mariano Grossi.  

Bombardamento Zaporizha Telegram
Bombardamento Zaporizha

Kiev, almeno 70 campi russi di rieducazione per i minori ucraini

Il difensore civico dell'Ucraina, Dmitro Lubinets, ha denunciato l'esistenza di "non meno di 70" campi in cui vengono rieducati i bambini ucraini deportati nella Federazione Russa o all'interno dei territori dell'Ucraina occupata dalle truppe di Mosca.
"Sono obbligatori. I nostri figli non possono scegliere se partecipare o meno. Tutti sono registrati ed e' un programma educativo ufficiale", ha detto Lubinets, citato dall'agenzia di stampa Ukrinform, riguardo a questo tipo di campi in cui i minori ricevono un'istruzione "patriottico-militare".
Il difensore civico ucraino ha dichiarato che la Russia vuole "educare una nuova generazione di militari tra i bambini ucraini" che in futuro "probabilmente dovranno combattere contro l'Ucraina o altri Paesi".
"Attualmente possiamo dire che sul territorio della Federazione Russa, nei territori temporaneamente occupati e in Crimea operano non meno di 70 campi di questo tipo", ha sottolineato Lubinets.
L'Ucraina ha identificato circa 20.000 minori che sono stati trasferiti dalle loro case o centri statali nei territori occupati ad altre aree dell'Ucraina sotto il controllo russo o nella stessa Federazione Russa. 

 

Uno dei diversi incidenti sfiorati alla centrale: missile russo colpisce un palazzo a Zaporizhzhia, Aiea preoccupata per l'impianto nucleare (Video)

AIEA: "Tutte le unità della centrale nucleare di Zaporizhzhia dovrebbero essere spente a freddo"

"Per prevenire rischi per la sicurezza, tutte le unità della centrale nucleare di Zaporizhzhia (ZNPP) occupata dai russi dovrebbero essere messe in modalità di spegnimento a freddo", così l'appello dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) nel suo ultimo rapporto. Le autorità russe occupanti dell'impianto hanno ordinato la transizione del reattore 4 dallo spegnimento a freddo a quello a caldo, per generare il vapore necessario per le funzioni di sicurezza stessa, dell'impianto nucleare.

Questa è una pratica continua presso lo ZNPP, nonostante gli avvertimenti degli organi di regolamentazione dell'Ucraina. L'Ispettorato statale di regolamentazione nucleare dell'Ucraina (SNRIU) ha ordinato che tutte e sei le unità dell'impianto siano messe in stato di arresto a freddo, e l'AIEA ha raccomandato lo stesso."L'AIEA ha fortemente incoraggiato la ZNPP a trovare una fonte alternativa di generazione di vapore per coprire le esigenze dell'impianto, compreso il trattamento dei rifiuti radioattivi liquidi, e consentire il mantenimento di tutti i reattori in uno stato di spegnimento a freddo", ha affermato Si legge nel rapporto dell'AIEA.

Energoatom, la compagnia statale ucraina per l'energia nucleare, ha affermato che il mancato rispetto di questi ordini "aumenta la probabilità di un incidente radioattivo".

Video: le mine registrate dagli ispettori Aiea, lungo il cammino per la centrale

Ucraina: l'unità droni opera in prima linea a Kurdyumivka. Donbas 3/10/23 Getty
Ucraina: l'unità droni opera in prima linea a Kurdyumivka. Donbas 3/10/23

Ft: Ucraina riceverebbe 186 miliardi in 7 anni con adesione a Ue

Secondo le stime interne del bilancio comune dell'Ue, presentate dal Financial Times, l'adesione dell'Ucraina al blocco darebbe accesso a Kiev a circa 186 miliardi di euro in sette anni. I funzionari dell'Ue hanno stimato le potenziali conseguenze finanziarie, in uno studio visionato dal Financial Times, che ha utilizzato le regole per il bilancio 2021-27 dell'Unione applicandole a un'unione allargata con Ucraina, Moldova, Georgia e sei stati dei Balcani occidentali. Secondo le stime del documento, il totale finanziario ammonterebbe a 256,8 miliardi di euro.
Questo allargamento imporrebbe "grandi riforme agli accordi di bilancio" scrive Ft, "tutti gli Stati membri dovranno pagare di più e ricevere meno dal bilancio dell'UE; molti Stati membri che attualmente sono beneficiari netti diventeranno contribuenti netti", conclude il documento del segretariato del Consiglio Ue. 

Video: Soledar colpita "da munizioni ad alta precisione", il paesaggio è spettrale

 

Media, "Scholz per ora non vuole inviare i Taurus a Kiev"

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz non vuole consegnare missili da crociera Taurus all'Ucraina perora. Lo scrive Tagesschau, in base a informazioni ricevute da Ard. Berlino e Kiev starebbero invece discutendo del rafforzamento della difesa aerea ucraina e di una possibile ulteriore consegna di missili di difesa Patriot da parte della Germania.  

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

Russia, Governatore Kursk: attacco ucraino con munizioni a grappolo

Il governatore della regione di Kursk Roman Starovoit ha dichiarato che una donna è rimasta ferita nel bombardamento ucraino della città di Rylsk avvenuto con l'uso di munizioni a grappolo. "La città di confine di Rylsk è stata bombardata con munizioni a grappolo provenienti dall'Ucraina", ha detto il governatore su Telegram, scrive Ria novosti. Secondo la ricostruzione di Starovoit, droni hanno attaccato le infrastrutture in tre distretti della regione, causando interruzioni di corrente.

 

Ucraina: media, presidente Slovacchia ferma nuovi aiuti a Kiev

La presidente slovacca Zuzana Caputová si sarebbe opposta all'invio di ulteriore assistenza militare all'Ucraina, in seguito all'elezione del primo ministro filorusso Robert Fico. Lo riportano i media locali.
Secondo il quotidiano Dennik N il Ministero della Difesa slovacco aveva preparato un nuovo pacchetto di aiuti per l'Ucraina che la Caputová avrebbe potuto firmare mentre era ancora in carica il predecessore di Fico, ma la presidente si è rifiutata affermando che le elezioni parlamentari debbano essere rispettate.
Il politologo Grigorij Meseznikov prevede che Fico manterrà le promesse fatte in campagna elettorale circa lo stop all'invio di armi a Kiev e che ci sarà attrito tra Bratislava e Bruxelles sia sull'adesione dell'Ucraina all'Ue sia sulle sanzioni europee contro la Russia. 

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

Zelensky visita le truppe sul fronte est

Unità forze armate Russia uccidono 50 soldati ucraini a Torksy

Unità delle forze armate russe hanno ucciso fino a 50 soldati ucraini vicino al settore Torsky in direzione di Krasnyi Lyman, ha annunciato a Ria novosti Alexander Savchuk, capo del centro stampa del gruppo.
"Il fuoco dell'artiglieria e gli attacchi dell'aviazione d'assalto e dell'esercito hanno sconfitto i gruppi d'assalto della 67esima brigata meccanizzata delle forze armate ucraine e la quinta Brigata della Guardia Nazionale dell'Ucraina. Le perdite del nemico ammontano a 50 militari", ha detto Savchuk.

Video: Soledar colpita "da munizioni ad alta precisione", il paesaggio è spettrale

Joe Biden e Volodymyr Zelensky alla Casa Bianca AP
Joe Biden e Volodymyr Zelensky alla Casa Bianca

Biden, Atacms? Con Zelensky parlato di tutto ciò che ha chiesto

"Ho parlato con Zelensky e abbiamo elaborato tutto quello che ha chiesto". Joe Biden risponde così a chi gli chiedeva se avesse promesso al presidente ucraino Volodymyr Zelensky i missili a lungo raggio Atacms durante la sua ultima visita alla Casa Bianca.
Da tempo circolano indiscrezioni su un possibile invio da parte degli Stati Uniti dei missili Atacms a Kiev, ma finora nessun annuncio ufficiale è mai stato rilasciato. Gli Atacms non sono rientrati neanche nell'ultimo pacchetto di aiuti americani all'Ucraina nonostante le ripetute richieste di Zelensky.
 

 

Media slovacchi: sospesi gli aiuti militari a Kiev dopo l'elezione di Fico

La presidente slovacca Zuzana Čaputová si sarebbe opposta all'invio di ulteriore assistenza militare all'Ucraina, dopo l'elezione del primo ministro Robert Fico, dicono media locali. 

Secondo il quotidiano Denník N, il ministero della Difesa slovacco aveva preparato un nuovo pacchetto di aiuti per l'ucraina che la Čaputová avrebbe potuto firmare mentre era ancora in carica il predecessore di Fico, ma la presidente si è rifiutata affermando che le elezioni parlamentari debbano essere rispettate.
Il politologo Grigorij Meseznikov prevede che Fico manterrà le promesse fatte in campagna elettorale circa lo stop all'invio di armi a Kiev e che ci sarà attrito tra Bratislava e Bruxelles sia sull'adesione dell'Ucraina all'UE sia sulle sanzioni europee contro la Russia.
 

Allarme aereo nella notte in cinque regioni ucraine

L'allarme antiaereo è scattato nella notte in cinque regioni dell'Ucraina, secondo i media locali. 
Le sirene che segnalano possibili attacchi aerei russi hanno suonato nelle regioni di Dnipropetrovsk, Kirovohrad, Poltava, Sumy e Kharkiv.

Trump: "Biden faccia pagare all'Europa gli aiuti a Kiev"

"Perché Joe Biden non fa contribuire l'Europa" alle spese per l'Ucraina? E' la domanda che pone Donald Trump su Truth, notando come il Vecchio Continente è indietro di 175 miliardi di dollari rispetto agli Stati Uniti negli aiuti a Kiev. "Neanche un dollaro in più dovrebbe essere speso fino a quando l'Europa non avrà eguagliato l'America nelle spese per difendere l'Ucraina", afferma Trump.

Rapporto Onu: 6 morti e 20 feriti al giorno tra i civili

I civili continuano a pagare un prezzo terribile nella guerra in Ucraina: sono quasi diecimila le vittime e decine di migliaia i feriti da quando è cominciato il conflitto, nel febbraio 2022, con l'invasione russa. In media ci sono stati quasi sei morti e venti feriti al giorno, solo tra i civili. E' quanto emerge dal report stilato dagli osservatori Onu per i diritti umani in Ucraina.

"Nei sei mesi che abbiamo analizzato - ha spiegato Danielle Bell, di Human Rights Monitoring Mission - ci sono stati più di un migliaio di morti e quasi quattromila feriti". I missili russi, riporta lo studio della missione Onu, hanno colpito aree residenziali e infrastrutture vitali, così come impianti per la produzione di grano. "Nel frattempo - rileva il dossier - i cittadini nelle aree occupate dalla Russia sono sottoposti a torture, violenze sessuali e detenzioni arbitrarie". La guerra ha spinto milioni di ucraini sotto la soglia di povertà, in una situazione "aggravata da danni economici e sociali provocati da attacchi a infrastrutture chiave e strutture agricole".

Il punto militare: il massiccio raid di Kiev in territorio russo, con 31 droni abbattuti

Il ministro della Difesa di Kiev: "Con Crosetto abbiamo parlato di missili a lungo raggio"

"Ho avuto una telefonata costruttiva con il mio collega italiano Guido Crosetto. Sono grato all'Italia per la costante assistenza militare fornita all'Ucraina e per aver partecipato alla Coalizione IT. Abbiamo discusso di bisogni urgenti dell'Ucraina in prima linea: sistemi missilistici a lungo raggio e sistemi di guerra elettronica". Lo scrive su X il ministro della Difesa ucraino Rustem Umerov riferendo di un colloquio con l'omologo italiano. "Inoltre ho invitato l'Italia e le aziende italiane a investire nell'industria militare dell'Ucraina. Sarei felice di accogliere Crosetto in Ucraina nel prossimo futuro", ha aggiunto. 

Biden preoccupato dallo scontro tra i repubblicani sugli aiuti a Kiev, annuncia suo discorso

Joe Biden si dice preoccupato dalla possibilità che le battaglie interne al partito repubblicano possano creare problemi agli aiuti americani all'Ucraina. Il presidente annuncia anche che in tempi stretti farà un importante discorso sull'Ucraina, nel quale dovrebbe presentare agli americani le sue ragioni per aiutare Kiev.

Video: Soledar colpita "da munizioni ad alta precisione", il paesaggio è spettrale

La Moldavia esclude i filorussi dalle elezioni

Il parlamento della Moldavia ha approvato un emendamento per impedire ai membri del partito filo-russo Shor, bandito nel Paese, di candidarsi alle elezioni locali per altri partiti o come candidati indipendenti. Lo riporta il Guardian. La Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale il partito di opposizione a giugno, ma martedì ha affermato che i suoi membri hanno il diritto di candidarsi alle elezioni locali del 5 novembre se non rappresentano il partito escluso. 

Tuttavia, il parlamento ha approvato un emendamento al codice elettorale per escludere "persone specifiche" dalle elezioni locali in prima e seconda lettura. L'emendamento, che ha ormai completato il suo passaggio nel ramo legislativo, prevede che le forze dell'ordine presentino un elenco di tali persone alla commissione elettorale centrale, che redigerà un elenco definitivo.

Il partito Shor, guidato dall'uomo d'affari in esilio Ilan Shor, ha guidato mesi di proteste contro la presidente Maia Sandu e il suo governo per l'aumento dei prezzi. Sandu ha accusato Shor e la Russia di cercare di destabilizzare la Moldavia dopo l'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca, che lei ha ferocemente criticato.

Zelensky: facciamo di tutto per ottenere più antiaerea

"Stiamo facendo di tutto per dotare l'Ucraina di più sistemi di difesa aerea prima dell'inverno. E ora ci aspettiamo determinate decisioni dai nostri partner". Lo ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo discorso quotidiano riportato su Telegram.