La guerra in Ucraina minuto per minuto, giorno 595

Ucraina, Zelensky al quartier generale Nato a Bruxelles: "L'importante è non restare soli"

Il presidente ucraino è stato accolto dal Segretario generale Jens Stoltenberg. Attacchi russi ad Avdiivka, Kiev: "Li abbiamo respinti". Giallo su una perdita al gasdotto tra Finlandia ed Estonia, si sospetta il sabotaggio
Ucraina, Zelensky al quartier generale Nato a Bruxelles: "L'importante è non restare soli"
Ap
Zelenky e Stoltenberg a Bruxelles

Zelensky programma una visita di solidarietà in Israele

Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky potrebbe andare in Israele per una visita di solidarietà. Secondo quanto riporta la testata israeliana Ynet citata dalla stampa ucraina, il capo dello Stato ha chiesto di studiare questa possibilità, e sono già iniziati i primi contatti fra i primi contatti tra i servizi competenti di Israele e Ucraina anche se non c'è una data. Oggi a Bruxelles il presidente ucraino aveva detto "Siamo in uno stato di guerra e sappiamo cosa significa essere sotto un attacco terroristico. E' molto importante non essere soli in questa situazione. Può salvare la vita delle persone e della nazione. Raccomando ai leader mondiali di volare in Israele e sostenere le persone che hanno subito un attacco terroristico".

L'Ucraina inizia a evacuare i suoi cittadini da Israele e Gaza

L'Ucraina ha iniziato a evacuare i suoi cittadini da Israele e dalla Striscia di Gaza. Lo ha detto l'ambasciatore ucraino in Israele Yevhen Korniychuk alla televisione nazionale. Lo riporta il Kyiv Independent.
L'ambasciatore ha detto che circa 1.000 persone hanno chiesto aiuto all'ambasciata in seguito all'attacco del 7 ottobre al Paese da parte del gruppo armato palestinese Hamas.
L'ambasciata ucraina sta attualmente fornendo assistenza alle "categorie più vulnerabili" di persone, come coloro che sono sottoposti a cure mediche, famiglie con bambini e turisti i cui voli sono stati cancellati, ha proseguito Korniychuk.
L'ambasciata ha organizzato sabato un volo per 200 persone dirette in Romania dall'aeroporto Ben Gurion, il principale aeroporto internazionale di Israele. Un altro volo è previsto per domenica, ha detto Korniychuk, aggiungendo che presso l'ambasciata in Israele sono registrati quasi 15.000 ucraini.
Una grande comunità ucraina esiste in Israele ed è stimata in circa 500.000 persone, molte delle quali sono giunte in Israele dopo la caduta dell'Unione Sovietica.

 

Il presidente Zelensky assicura che gli aiuti Usa rimarranno "costanti e ininterrotti"

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato oggi di aver ottenuto da Washington l'assicurazione che gli aiuti militari al suo Paese rimarranno "costanti e ininterrotti", mentre Kiev si aspetta una nuova campagna di bombardamenti russi quest'inverno.
"È stato chiaramente espresso che l'America continuerà a fornire all'Ucraina il sostegno costante e ininterrotto necessario per la sua difesa", ha detto Zelensky nel suo messaggio quotidiano, dopo un incontro a Bruxelles con il segretario alla Difesa americano, Lloyd Austin.

 

Zelensky chiede al Fmi piano un supporto finanziario in 5 punti

Il presidente dell'Ucraina chiede, in videocollegamento, all'assemblea dell'Fmi e della Banca Mondiale un piano di supporto finanziario in 5 punti che comprende  sanzioni a livello globale, la confisca degli asset russi e dei paesi che la appoggiano per "compensare i danni subiti", garanzie a lungo termine sul supporto al paese, un "pieno controllo" e rendicontazione dei fondi ricevuti e un meccanismo di garanzie per gli investimenti privati nel paese in modo da moltiplicare le donazioni.

 

Gli Usa annunciano un nuovo pacchetto di armi all'Ucraina da 200 milioni di dollari

Il Dipartimento della Difesa americano ha annunciato un nuovo invio di armi all'Ucraina da 200 milioni di dollari. Lo riferisce il Pentagono in una nota.
Nel pacchetto ci sono missili Aim-9M per la difesa aerea; munizioni per Himars; colpi di artiglieria da 155 mm e 105 mm; armi leggere e oltre 16 milioni di munizioni per queste. "Gli Stati Uniti  sono impegnati a collaborare con gli alleati per fornire a Kiev ciò di cui ha bisogno per difendersi sul campo di battaglia. L'amministrazione Biden invita il Congresso a rispettare il suo impegno nei confronti del popolo ucraino approvando ulteriori finanziamenti", si legge nella nota.

 

Segretario Generale Nato Stoltenberg, "Nato sosterrà l'Ucraina in vista dell'inverno", "Belgio e Danimarca hanno confermato nelle scorse ore che daranno gli F-16 aKiev"

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg si "compiace" degli "annunci fatti nelle scorse ore" da "Belgio e Danimarca, che hanno confermato i loro piani di consegnare F16" all'Ucraina. Lo dice lo stesso Stoltenberg, in conferenza stampa a Bruxelles. In vista di "un altro difficile inverno, dobbiamo aumentare il nostro sostegno" alle "coraggiose forze armate ucraine", aggiunge. "La Russia sta intensificando il suo attacco alle infrastrutture dell'Ucraina e si sta preparando a usare di nuovo l'inverno come arma di guerra, quindi dobbiamo garantire il nostro sostegno all'Ucraina", ha aggiunto il segretario generale della Nato.
"La riunione di oggi ha dimostrato che gli Alleati stanno supportando l'Ucraina non solo a parole ma in concreto. Sono fiducioso che lo continueranno a fare, perché è interesse per la nostra sicurezza che l'Ucraina vinca", ha continuato Stoltenberg ricordando come nuovi aiuti siano stati si recente approvati o assicurati, tra gli altri, anche da Danimarca, Gran Bratagna, Canada, Usa e Germania. 

 

Regno Unito ha annunciato oggi l'invio di un nuovo pacchetto di aiuti militari all'Ucraina del valore di oltre 100 milioni

Il Ministero della Difesa del Regno Unito ha annunciato oggi l'invio di un nuovo pacchetto di aiuti militari all'Ucraina del valore di oltre 100 milioni di sterline (115 milioni di euro). Il materiale consentira' alle forze armate ucraine di "ripulire i campi minati, mantenere i loro veicoli e rafforzare le fortificazioni difensive per proteggere le infrastrutture nazionali", ha affermato il Ministero in una nota.
Il pacchetto sara' finanziato dal Fondo internazionale per l'Ucraina (IFU), gestito dal Regno Unito, che comprende anche Norvegia, Paesi Bassi, Danimarca, Svezia, Islanda e Lituania.
L'aiuto "dara' ai soldati in prima linea gli strumenti di cui hanno bisogno per superare i campi minati russi e continuare la loro offensiva durante l'inverno", ha detto sul social network X il ministro della Difesa, Grant Shapps.
"Stiamo offrendo all'Ucraina cio' di cui ha bisogno per compiere il prossimo passo verso la liberazione della sua gente", ha aggiunto.
"Quest'inverno la Russia cerchera' di minare il morale degli ucraini e di dividere la comunita' internazionale", ha affermato Tony Radakin, Capo di Stato Maggiore britannico.
"In entrambi i casi, Putin sottovaluta la forza e la resistenza dei suoi oppositori. Se restiamo uniti e seguiamo lo stesso percorso la Russia continuera' a perdere, l'Ucraina prevarra' e le regole che riguardano la sicurezza globale rimarranno", ha aggiunto.

 

Usa: "Possiamo aiutare l'Ucraina e Israele e lo faremo"

"Possiamo certamente fare entrambe le cose e faremo entrambe le cose. Siamo la nazione più forte al mondo e faremo ciò che è necessario". Lo ha detto il segretario Usa alla Difesa Lloyd J. Austin III in conferenza stampa alla Nato rispondendo a chi gli chiedeva se il supporto di Washington a Israele non possa entrare in contraddizione con quello all'Ucraina.

Usa, se tutto va bene kiev avrà la capacità di usare gli F-16 a primavera

"Abbiamo una coalizione di addestramento al lavoro per addestrare i piloti" ucraini per usare i caccia F-16 "le cui attività sono iniziate in Europa mentre stiamo addestrando piloti anche negli Usa. Guardando a ciò che servirà per avere una capacità iniziale" di utilizzo degli F-16 bisogna aspettare "al piu' presto alla primavera prossima". Lo ha dichiarato il segretario di Stato alla Difesa degli Usa, Lloyd Austin, nella conferenza stampa al quartier generale della Nato a Bruxelles con il capo di Stato maggiore, il generale Charles Brown.

 

Rabbino capo Ucraina: miei nipoti sotto razzi di Hamas, erano fuggiti da quelli russi

Prima i razzi russi, poi quelli di Hamas. Il rabbino capo dell'Ucraina, Moshe Azman, ha condiviso su X due foto dei nipotini in giacigli improvvisati nei rifugi per proteggersi dai razzi. La prima è a Kiev nei primi giorni dell'invasione russa, la seconda è di questi giorni in Israele, dove i piccoli erano stati evacuati. "Due diversi angoli del mondo, ma tanto dolore condiviso .. mi si spezza il cuore quando vedo i loro volti, ma penso che la luce della verità e la fede ci farà superare queste prove. Prego l'Onnipotente, perché rivolga la sua furia su chiunque sia coinvolto nel terrore contro la popolazione civile", conclude il rabbino.

Bombe russe su una scuola a Nikopol, almeno due morti (Video)

Mosca: l'occidente addestra sabotatori a colpire impianti nucleari russi

"Siamo arrivati ​​al punto in cui i servizi segreti occidentali stanno addestrando gruppi ucraini di sabotaggio e di combattimento terroristico per attaccare gli impianti di energia nucleare della Russia. Ciò è stato confermato". Lo ha dichiarato il ​​direttore del Servizio segreto straniero russo (Svr) Sergey Naryshkin a margine della riunione della Comunità degli Stati Indipendenti (Csi) a Baku. "Tali azioni sono state certamente impedite dalle nostre agenzie di intelligence e dal Servizio di sicurezza federale - ha aggiunto - Sono stati fatti tentativi per causare danni alle centrali nucleari di Kursk, Smolensk e Zaporozhzhia. Chiaramente, è difficile mantenere qualsiasi contatto con le agenzie occidentali in tali circostanze". Naryshkin ha sottolineato che l'Occidente sta usando l'Ucraina per contrastare la Russia, "mentre il regime di Kiev continua ad impiegare metodi apertamente terroristici contro la Russia e l'intero mondo russo. Ciò include attacchi terroristici contro numerosi giornalisti, scrittori e opinion leader, nonché atti di terrorismo contro aree residenziali, città e paesi in Russia e infrastrutture civili".

Putin: la guerra in Ucraina è stata iniziata nel 2014 dopo il colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti e dall'Europa

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che "la guerra in Ucraina è stata iniziata nel 2014, dopo un colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti e dall'Europa: hanno appoggiato il colpo di stato e hanno cominciato a combattere nel sud-est dell'Ucraina. Per 8 anni hanno combattuto, ucciso donne, bambini, anziani e nessuno ci ha prestato attenzione". Lo ha detto alle settimana dell'energia russa trasmessa in streaming.

Putin: senza energia russa conseguenze negative per economia Ue

Vladimir Putin è tornato a criticare le sanzioni imposte alla Russia per l'invasione dell'Ucraina dichiarando che, visto che i Paesi europei "stanno cercando di abbandonare le risorse energetiche" russe, ora starebbero "pagando più del dovuto per le forniture" di gas e petrolio e, "di conseguenza, l'economia dell'Ue" sarebbe "vicina allo zero". Lo riporta l'agenzia di stampa statale russa Tass.

Il gasdotto Finlandia-Estonia potrebbe essere stato deliberatamente danneggiato (Video)

Jens Stoltenberg: con i ministri della Difesa dell'Alleanza e con il Gruppo di Contatto per l'Ucraina, "affronteremo anche quanto accaduto" al gasdotto nel mar Baltico, il Baltic Connector che collega la Finlandia con l'Estonia. "Se sarà dimostrato che c'è stato un atto ostile contro una infrastruttura della Nato, sarà un fatto molto serio e la risposta sarà forte e determinata”. 

Usa: nuovi aiuti militari a Kiev da 200 milioni di dollari. L'annuncio di Austin III al Gruppo di Contatto con Zelensky

Il segretario alla Difesa americano Lloyd J. Austin III nel corso del suo intervento al Gruppo di Contatto alla Nato - che ha visto la presenza anche di Volodymyr Zelensky - ha annunciato un nuovo pacchetto di aiuti militari per Kiev da 200 milioni. Nel pacchetto è compresa, tra l'altro, la fornitura di missili Aim-9 Sidewinder a corto raggio, munizioni per i razzi Himars e missili anticarro Tow. "In totale l'impegno dell'America ammonta a circa circa 43,9 miliardi di dollari dall'inizio della guerra", ha spiegato Austin.

Zelensky: Mosca spera che un'altra guerra divida fronte pro-Kiev

"Certamente la Russia spera di usare questa situazione per dividere il supporto internazionale all'Ucraina, la Russia e non solo". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante una conferenza stampa con il premier belga Alexander De Croo rispondendo ad una domanda sulle conseguenze del conflitto in Israele. "Certamente è un pericolo che altre tragedie nel mondo cambino la disponibilità dei nostri partner ma oggi ho chiesto ai nostri partner se il loro supporto si ridurrà e hanno detto di no", ha spiegato Zelensky. "Al momento contiamo sul supporto di Biden e sul supporto dei nostri partner Ue ma come sarà il futuro nessuno lo sa e nessuno può saperlo", ha aggiunto il presidente ucraino.

Zelensky: grati al Belgio per F-16, scelta molto importante

"Grazie al Belgio per la decisione sugli F-16 ne siamo molto grati, è una decisione molto importante di cui siamo molto grati". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante una conferenza stampa con il premier belga Alexander De Croo, accogliendo l'annuncio dell'invio da parte del governo belga di caccia F-16 all'Ucraina a partire dal 2025. "Un giorno l'Ucraina sarà parte dell'Ue e della Nato e stiamo oggi lavorando affinché questo momento si avvicini", ha aggiunto Zelensky.

Il Belgio invierà caccia F-16 a partire dal 2025

La ministra della Difesa del Belgio, Ludivine Dedonder, ha annunciato l'invio di caccia F-16 all'Ucraina a partire dal 2025, "a seconda dell'aumento di potenza della nostra nuova capacità F-35". Ne ha parlato all'emittente belga Rtl. Oltre a inviare aerei da combattimento, il Belgio continuerà gli sforzi di addestramento dei piloti e si offrirà di prendersi cura della manutenzione della flotta di F-16. Nel corso di una conferenza stampa congiunta con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, il premier belga Alexander De Croo ha successivamente confermato l'invio dei caccia F-16 a Kiev a partire dal 2025. "Dal 2025 saremo in grado di dare in nostri F-16 all'Ucraina, saranno a vostra disposizione, ovviamente se il governo che sarà in carica in quel momento deciderà di confermare la decisione", ha affermato De Croo.

Danimarca: i primi caccia F-16 a Kiev all'inizio del 2024

La Danimarca invierà all'Ucraina i primi caccia F-16 all'inizio del 2024: lo ha reso noto il ministro della Difesa danese, Troels Lund, come riporta Baha Breaking News. "Ci aspettiamo che a marzo o aprile saremo in grado di trasferire il primo lotto di aerei da combattimento all'Ucraina", ha detto Lund. "Ma c'è molto lavoro da fare per garantire che gli ucraini possano sfruttarli", ha aggiunto.

Nato: è stato recuperato il 50% delle zone occupate, occorre sostenere Kiev

"L'Ucraina ha ripreso il 50% del territorio occupato dalla Russia da febbraio dello scorso anno infliggendo alti costi alle forze armate russe. La Russia è militarmente degradata, economicamente indebolita e politicamente isolata" ma "dobbiamo continuare a sostenere un flusso costante di armi e munizioni all'Ucraina". Lo ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nel suo intervento di apertura della riunione del Gruppo di contatto Nato per la difesa dell'Ucraina.

Cremlino: allarmante la notizia del danno al gasdotto

Il Cremlino giudica "allarmante" la notizia del danno subito dal gasdotto nel Golfo di Finlandia, alla luce del precedente "attacco terroristico" al Nord Stream nel Mar Baltico, e attende "informazioni più dettagliate". Lo ha detto il portavoce Dmitry Peskov citato dalla Tass.

 

Stoltenberg: Nato impegnata per sistemi di difesa aerea per Kiev

La Nato sosterrà l'Ucraina principalmente nel settore della difesa aerea fornendo alle truppe di Kiev sistemi di artiglieria e relativo munizionamento. Lo ha detto questa mattina il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg a margine del summit dei ministri della Difesa del Patto atlantico al quale ha partecipato anche il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. La Nato, ha aggiunto Stoltenberg, ha aumentato la produzione di armamenti entrando in "un circolo virtuoso" per sostenere il paese invaso. "La difesa aerea è fondamentale per proteggere le città, l'economia, le infrastrutture critiche dell'Ucraina, e questo aiuta i paesi ad aiutare sé stessi, perché in questo modo l'economia può funzionare" ha detto il segretario generale. "Allora le cose potranno funzionare in Ucraina. E questo aiuterà anche gli ucraini a produrre, a commerciare, a funzionare come un Paese normale. Ciò aumenterà la loro capacità di finanziarsi e di procurarsi anche le munizioni per la guerra". Stoltenberg ha ripetuto un concetto da lui già espresso in più di un'occasione secondo cui la Russia intenderebbe "utilizzare l'inverno come arma di guerra". Dunque, "più l'Ucraina sarà forte sul campo di battaglia, più forte sarà al tavolo dei negoziati", e ciò "porterà a una fine più rapida alla guerra". Per quanto riguarda l'adesione di Kiev all'alleanza, Stoltenberg ha detto a Zelensky: "La tua lotta è la nostra battaglia", ribadendo di auspicare la rimozione di ogni ostacolo al riguardo. 

In merito al danneggiamento del Balticconnector, tra Finlandia ed Estonia, il segretario generale della Nato ha affermato che "Se si dimostrasse che si tratta di un attacco deliberato contro un'infrastruttura critica della Nato, allora sarà ovviamente considerato un evento grave, ma sarà anche affrontato da una risposta unita e determinata da parte dell'alleanza".

Zelensky ringrazia gli Stati Uniti per nuovi aiuti militari: "Con l'inverno fondamentale rafforzare difese aeree"

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato sul suo profilo di X gli Stati Uniti per il nuovo pacchetto di aiuti militari, dopo aver incontrato il Segretario alla Difesa Lloyd Austin al vertice del gruppo di contatto per la Difesa dell'Ucraina in corso a Bruxelles. "Ho incontrato il Segretario alla Difesa e ringraziato gli Stati Uniti per il loro incrollabile sostegno e il recente pacchetto di aiuti militari; con l'avvicinarsi dell'inverno è fondamentale rafforzare le difese aeree ucraine per proteggere il nostro esercito, il nostro popolo e la nostra economia", ha concluso.

Zelensky: "Putin come Hamas"

L'Ucraina ha bisogno di maggiori mezzi di difesa aerea per proteggere le proprie infrastrutture elettriche durante l'inverno, infrastrutture che la Russia intende colpire di nuovo: lo ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelesnky, all'inizio della riunione del Gruppo di contatto per la Difesa dell'Ucraina. Zelensky ha inoltre paragonato l'omologo russo Putin all'organizzazione palestinese di Hamas, definendo entrambi come terroristi che usano la tattica del terrore per tenere in ostaggio Paesi liberi e democratici.

Zelensky: "Più pressione militare su Mosca"

“Siamo in una situazione in cui sul terreno è importante fare pressione, senza alcuna pausa”, ha detto Zelensky, partecipando per la prima volta in presenza al Gruppo di Contatto per l'Ucraina.  

La Russia in molti punti "ha perso l'iniziativa e noi dobbiamo aumentare la pressione. Dobbiamo fare in modo che Mosca perda e non abbia tempo di adattarsi alla nostra pressione. Questo inverno la Russia cercherà di ripetere la tattica dello scorso inverno". "Putin non avrà l'Ucraina, la Russia non può permettersi un'altra corsa alle armi", ha aggiunto.

E ancora: "La Russia ha ancora abbastanza risorse per intromettersi nei conflitti e trasformarli in tragedie su larga scala. Sta succedendo nel Sahel, puo' succedere in maniera ancora più dolorosa in Israele e in tutto il Medio Oriente. Non possiamo permettere che ciò accada, dobbiamo prevenirlo mettendo ancora più pressione sull'aggressore".

Ucraina, Austin annuncia nuovo pacchetto di aiuti militari

"Siamo qui per soddisfare le necessità più urgenti dell'Ucraina, specialmente per quanto riguarda la difesa aerea e le munizioni": lo ha affermato il Segretario alla Difesa statunitense, Lloyd Austin, all'inizio della riunione del Gruppo di contatto per la Difesa dell'Ucraina. Austin ha anche annunciato un nuovo pacchetto di aiuti del valore di 200 milioni di dollari che comprende munizioni per il sistema di difesa aereo Aim-9 che verrà presto consegnato a Kiev, proiettili per artiglieria, armi anticarro ed equipaggiamento per contrastare i droni russi.

Austin: "Putin è frustrato, bombarderà in inverno"

"Non dovremmo sottovalutare il livello di frustrazione di Putin. Lo abbiamo visto nuovamente la settimana scorsa con l'orribile attacco missilistico della Russia nella regione di Kharkiv che ha ucciso dozzine di ucraini. Dobbiamo prepararci a nuovi bombardamenti da parte del Cremlino in Ucraina in inverno con missili e droni". Lo ha dichiarato il segretario di Stato alla Difesa degli Usa, Lloyd Austin, nel suo intervento di apertura della riunione del Gruppo di contatto Nato per la difesa dell'Ucraina alla quale partecipa anche il presidente ucraino Zelensky.

Ucraina: Zelensky, 600 giorni guerra; democrazia vincerà

"Lunedì prossimo sarà il 600mo giorno di resistenza all'aggressione russa contro il nostro popolo ucraino e oggi nessuno puo' dire con certezza per quanti altri giorni dovremo difendere la nostra indipendenza e identità". Lo ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo intervento di apertura della riunione del Gruppo di contatto Nato per la difesa dell'Ucraina. "Putin non avrà l'Ucraina, la Russia non puo' permettersi un'altra corsa alle armi e la democrazia puo' vincere questa battaglia", ha aggiunto Zelensky.

Grossi, Zelensky mi ha promesso che non colpirà Zaporizhzhia

Il presidente ucraino Zelensky ha promesso al direttore dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), Rafael Grossi, che l'Ucraina non attaccherà la centrale nucleare di Zaporizhzhia - la più grande d'Europa - nell'ambito della sua controffensiva contro la Russia: lo ha riferito Grossi in un'intervista al Guardian.   

"Il presidente Zelensky mi ha personalmente assicurato che non la bombarderanno o colpiranno con l'artiglieria direttamente", ha detto Grossi riferendosi all'impianto di Zaporizhzhia. Zelensky ha comunque sottolineato che "tutte le altre opzioni sono sul tavolo" per quanto riguarda la riconquista della centrale occupata dalle forze russe dal marzo dell'anno scorso.

Ucraina: il Belgio invierà caccia F-16 a partire dal 2025

La ministra della Difesa del Belgio, Ludivine Dedonder, ha annunciato l'invio di caccia F-16 all'Ucraina a partire dal 2025, "a seconda dell'aumento di potenza della nostra nuova capacità F-35". Ne ha parlato all'emittente belga Rtl. Oltre a inviare aerei da combattimento, il Belgio continuerà gli sforzi di addestramento dei piloti e si offrirà di rendere sicura la manutenzione della flotta di F-16.

Zelensky a Bruxelles: "Sappiamo che cos'è il terrorismo: sostegno a Israele"

Stoltenberg: "Nato deve aumentare il sostegno all'Ucraina"

"Il vostro coraggio continua a impressionarci e ad essere di ispirazione per tutti noi: saremo al vostro fianco, perché questo è importante per la Nato. La vostra battaglia è la nostra battaglia, i vostri valori sono i nostri valori e saremo al vostro fianco tutto il tempo necessario": lo ha ribadito il Segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nella breve conferenza stampa congiunta con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in visita a Bruxelles dove è in corso il vertice dei ministri della Difesa della Nato. Il segretario ha sottolineato come l'Alleanza "debba aumentare il proprio supporto" per Kiev e ha anticipato alcuni annunci in tal senso da un certo numero di Paesi membri durante lo svolgimento del vertice.

Nel corso della riunione allaNato con i ministri della Difesa dell'Alleanza e con il Gruppodi Contatto per l'Ucraina "affronteremo anche quanto accaduto "al gasdotto nel mar Baltico. “Se sarà mostrato che c'è stato un atto ostile contro una infrastruttura della Nato, sarà un fatto molto serio e la risposta sarà forte e determinata”, ha aggiunto Stoltenberg.

Zelensky alla Nato: "La priorità è un sistema di difesa aerea per l'inverno"

"La nostra priorità è avere un sistema di difesa aereo. Ne abbiamo bisogno in punti ben specifici del nostro territorio. Noi ne abbiamo bisogno per cacciare via i russi dal nostro territorio", ha detto Zelensky nel punto stampa con Jens Stoltenberg al quartier generale della Nato.   

Si tratta della prima volta che Zelensky visita il quartier generale dell'Alleanza a Bruxelles. "Sono qui per preparare la resilienza dell'Ucraina" in vista dell'inverno, ha aggiunto.

Stoltenberg: "Noi siamo al fianco dell'Ucraina"

"È un onore accogliere il presidente Zelensky al quartier generale della Nato" e "il coraggio delle forze ucraine continuano a ispirare tutti noi e continueremo a stare dalla vostra parte". Lo ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nel punto stampa con il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, al quartier generale della Nato a Bruxelles. "Noi siamo al fianco dell'Ucraina, è importante per tutta la Nato. Oggi ci sarà il Gruppo di contatto, e mobiliteremo più supporto" per Kiev", ha detto Stoltenberg.  "La battaglia dell'Ucraina è la nostra, vi aiuteremo finché sarà necessario", ha aggiunto.

Zelensky: "Abbiamo bisogno del sostegno dei leader"

Il discorso di Zelensky a Bruxelles: “Due settimane fa a Kiev abbiamo parlato delle priorità dell'Ucraina: come difendersi e come sopravvivere nel prossimo inverno. Abbiamo bisogno del sostegno dei leader. Qui parleremo di priorità e di come spingere la Russia fuori dalla nostra terra natia e così potremo porre fine alla guerra. Parleremo della situazione in Israele. Sono segnali terribili anche per noi. Siamo in guerra e capiamo che cosa significhi un attacco terroristico. Il mio consiglio a tutti i leader del mondo è di restare uniti. Ricordo il primo giorno della nostra guerra. Tante persone sono morte, ci sono state tante vittime e quindi è stato molto importante non essere soli. Questo può aiutare a salvare una nazione. Quindi dicco ai leader di andare in Israele e sostenere una popolazione sotto attacco terroristico. Unità significa essere forti”.

Zelensky al quartier generale della Nato

Zelensky è stato accolto al quartier generale della Nato dal Segretario generale Jens Stoltenberg, che oggi presiederà la riunione dei ministri della Difesa dell'Alleanza. A breve terranno una conferenza stampa congiunta.

Oggi è in programma a Bruxelles la riunione dei Ministri della Difesa dell'Ue: in agenda, oltre all'Ucraina, anche il conflitto in Medio Oriente; il ministro della Difesa israeliano Yaoav Gallant dovrebbe partecipare in teleconferenza.

Visita a sorpresa di Zelensky a Bruxelles

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è arrivato a sorpresa a Bruxelles per incontrare tra gli altri il premier belga Alexander De Croo. Al centro dei colloqui, a quanto si è appreso, il sostegno militare all'Ucraina. Oggi a Bruxelles è prevista anche la riunione dei ministri della Difesa della Nato.

L'abbattimento del drone suicida iraniano nel cielo notturno di Odessa (Video)

Washington: Usa capaci di dare aiuto contemporaneo a Israele e Ucraina

Il consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente americano Joe Biden, Jake Sullivan, ha affermato che gli Stati Uniti sono in grado sia di fornire assistenza a Israele sia di continuare a sostenere l'Ucraina di fronte all'invasione russa. "Crediamo che gli Stati Uniti siano in grado di sostenere l'Ucraina in Europa, di sostenere i nostri alleati nell'Indo-Pacifico e di sostenere il nostro stretto alleato Israele nel momento del bisogno", ha detto Sullivan in un briefing quando gli è stato chiesto se una guerra con Hamas renderebbe più difficile per l'amministrazione Biden sostenere l'Ucraina e gli alleati nella regione dell'Indo-Pacifico. "Crediamo di avere le risorse, gli strumenti e le capacità per poterlo fare in modo efficace", ha assicurato il funzionario Usa osservando che parte dell'attività dell'amministrazione è garantire il coordinamento di tutti i teatri contemporaneamente.
 

Uk e paesi Nord Europa, aiuti militari per 115 mln euro

La Gran Bretagna e altri alleati del nord Europa hanno annunciato mercoledì un nuovo pacchetto di sostegno militare da 100 milioni di sterline (115 milioni di euro) per l'Ucraina. Il pacchetto, che sarà fornito utilizzando la dotazione del Fondo internazionale per l'Ucraina (IFU), amministrato dal Regno Unito, fornirà attrezzature per aiutare i suoi soldati ad attraversare campi minati e a colmare fiumi e trincee, ha affermato il Ministero della Difesa britannico. Comprenderà anche veicoli pesanti per distruggere gli ostacoli russi non esplosivi e aiutare l'Ucraina a costruire posizioni difensive per proteggere le infrastrutture nazionali critiche, ha aggiunto. Il nuovo sostegno coincide con la firma dei contratti finali di un pacchetto IFU precedentemente annunciato che, secondo il Ministero della Difesa, vedrà l'invio in Ucraina di oltre 70 milioni di sterline di capacita' di difesa aerea.    

L'IFU - un meccanismo di finanziamento che utilizza i contributi dei partner internazionali per procurare assistenza militare all'Ucraina - è stato lanciato da Gran Bretagna e Danimarca nel 2022 e ad oggi ha raccolto 785 milioni di sterline. I contributi provengono dai suoi fondatori e da altri cinque membri - Norvegia, Paesi Bassi, Svezia, Islanda e Lituania - e sono amministrati da Londra. 

Media: licenziato professore di San Pietroburgo, accusato di "screditare l'esercito"

Un professore dell'università statale di Medicina "Pavlov" di San Pietroburgo sarebbe stato sollevato dall'incarico di docente dopo essere stato accusato di aver "screditato l'esercito russo": lo sostiene la testata online Sever.Realii, parte del network americano Radio Liberty, secondo cui si tratterebbe del professor Viktor Kornienko, premiato cinque volte come "docente dell'anno". 

Il Cremlino ha inasprito la repressione del dissenso e vieta di fatto di criticare l'invasione dell'Ucraina con una legge bavaglio che proibisce di "screditare" l'esercito e di diffondere informazioni sulle forze armate che dovessero essere giudicate "false" dalle autorità. Sempre secondo Sever.Realii, il 3 ottobre la deputata della Duma Yana Lantratova aveva scritto su Telegram di aver ricevuto "un appello nei confronti di un docente" dell'università medica di San Pietroburgo che, "secondo le parole del richiedente, scredita il governo russo e le forze armate russe nonché presta aiuto alle forze armate ucraine". Pur non fornendo nessuna prova delle accuse, la deputata diceva di aver "inviato l'appello alla procura con la richiesta di svolgere una verifica" e affermava che il docente non lavorasse più all'università. 

Kiev: I russi stanno attaccando ad Avdiivka

Le forze russe hanno pesantemente attaccato per tutto il giorno di ieri la città di Avdiivka in Ucraina orientale. Gli attacchi russi arrivano dopo mesi di una controffensiva ucraina più lenta del previsto. Avdiivka è una città industriale che aveva una popolazione pre-guerra di circa 31.000 persone. Ora ne rimangono circa 2.000. Avdiivka è simbolicamente e strategicamente importante per Kiev. Si trova appena a nord della città di Donetsk, controllata da Mosca. Da allora Avdiivka è diventato un simbolo della resistenza ucraina contro Mosca.

Zelensky: La tragedia di Israele potrebbe distogliere l'attenzione dall'Ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha espresso la sua preoccupazione che la comunità internazionale possa distogliere l'attenzione dall'Ucraina a causa della "tragedia" in Israele in seguito agli attacchi di Hamas. "C'è il rischio che l'attenzione internazionale si distolga dall'Ucraina e questo avrà delle conseguenze", ha avvertito il leader in un'intervista trasmessa dalla televisione France 2, aggiungendo che le tragedie che colpiscono il suo Paese e Israele "sono diverse, ma entrambe sono immense".

Gasdotto, Estonia: “Ue e Nato proteggano le infrastrutture critiche”

Commentando in conferenza stampa il guasto al gasdotto Baltic Connector che collega la Finlandia all'Estonia e le possibili cause esterne dell'incidente, il ministro degli Esteri estone, Margus Tsahkna, ha sottolineato che quanto avvenuto pone nuovamente l'attenzione sul bisogno di aumentare il grado di protezione delle infrastrutture critiche. Tsahkna ha, inoltre, espresso l'intenzione di discutere della questione a livello di Un one europea e Nato. 

Kiev: raid russo nella regione di Sumy, uccisa una 13enne

"Un bombardamento russo ha ucciso una ragazza di 13 anni nel villaggio di Uhroidy, nella regione di Sumy". Lo ha affermato l'amministrazione militare regionale di Sumy in un post su Telegram , riferisce Ukrinform, ricordando che oggi la Russia ha bombardato il villaggio di Uhroidy, nella comunità di Krasnopillia. 

Casa Bianca: il sostegno a Kiev deve continuare

"Il sostegno all'Ucraina deve continuare. Sono anche in un momento critico della loro controffensiva, quindi il sostegno all'Ucraina è una necessità cruciale. Continueremo a portare avanti queste istanze al Congresso. Continuiamo ad apprezzare il sostegno bipartisan da parte della maggioranza dei membri della Camera e del Senato per sostenere l'Ucraina". Lo afferma il portavoce del Consiglio di Sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, in un briefing con i giornalisti.

Berlino: in arrivo nuovi aiuti militari a Kiev da 1 miliardo di euro

Berlino sta preparando il secondo "pacchetto invernale" di aiuti militari per Kiev, promesso dalla Germania per proteggere le infrastrutture ucraine. Si tratta di armi per "circa un miliardo di euro di valore", in particolare per la difesa aerea, come l'annunciato nuovo sistema Patriot e due sistemi Iris-T (un Slm e un Sls). Lo comunica il ministero tedesco della Difesa, che sottolinea come Berlino consegnerà a breve quanto stabilito. Nelle prossime settimane arriveranno in Ucraina anche altri 10 panzer Leopard 1A5, altri tre corazzati antiaerei Gepard Gepard, 15 blindati da trasporto e quasi 20 blindati sanitari.