Guerra in Ucraina

Cremlino: Usa e Kiev capiscano che la Russia non può essere sconfitta

Mosca, abbattuto drone ucraino sulla regione russa di Belgorod. Esercito ucraino: I russi riprendono l'offensiva in direzione Bakhmut. La cronaca, giorno 627
Cremlino: Usa e Kiev capiscano che la Russia non può essere sconfitta
Getty
Guerra Russia-Ucraina, continua il conflitto

Attacco russo: bombardata la biblioteca di Kherson, perso importante patrimonio scientifico

Berlino: nel 2024 previsto raddoppio degli aiuti militari a Kiev

Il ministro della Difesa tedesco ha annunciato che Berlino raddoppierà gli aiuti militari del 2024 per l'Ucraina  portandoli a 8 miliardi di euro confermando le indiscrezioni anticipate ieri dal quotidiano Bild.
"Questo è un segnale forte per l'Ucraina, che dimostra che non ci arrendiamo" nel momento in cui l'attenzione internazionale è focalizzata sulla guerra tra Israele e Hamas, ha detto Boris Pistorius al canale televisivo Ard.

 

Zelensky: "Dobbiamo prepararci ad un aumento degli attacchi russi alle infrastrutture, quest'inverno"

L’Ucraina “deve prepararsi” agli attacchi russi alle infrastrutture quest’inverno, ha avvertito il presidente Volodymyr Zelenskyj, riferendosi a un possibile incremento di attacchi missilistici russi, sulla falsa riga di quanto avvenuto lo scorso inverno.
"Dobbiamo prepararci alla possibilità che il nemico aumenti il ​​numero di attacchi di droni o missili sulle nostre infrastrutture", ha continuato il capo dello Stato nel suo discorso quotidiano. "Tutta la nostra attenzione si deve concentrare sulla difesa e su tutto ciò che l'Ucraina può fare per aiutare il nostro popolo a superare l'inverno", ha concluso.

Una delegazione ucraina è arrivata negli Usa per parlare di difesa e aiuti

Il capo dello staff del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, Andriy Yermak, ha annunciato domenica di essere arrivato negli Stati Uniti con una delegazione guidata dal ministro dell'Economia Yulia Svyrydenko per discutere di cooperazione e sostegno al suo Paese in guerra.

"Avrò incontri alla Casa Bianca, al Congresso, con think tank e rappresentanti delle organizzazioni della società civile", ha detto Yermak, precisando che la delegazione discuterà "le proposte del presidente per la pace, il rafforzamento della difesa dell'Ucraina, l'approfondimento globale della cooperazione e molte altre questioni importanti”.

Di Maio: impossibile cambiare nostro supporto a Kiev

"Io credo che non sia possibile immaginare di cambiare il nostro supporto all'Ucraina. E' una posizione netta dell'Ue, degli Stati Uniti e della comunità occidentale. C'è chi azzarda paragoni con la situazione in Medio Oriente, ma ricordiamoci che l'attacco e l'invasione della Russia contro l'Ucraina è stata deliberata, non provocata. In Medio Oriente parliamo invece di Hamas, un'organizzazione terroristica che ha ucciso civili e sgozzato bambini, mettendo anche i video online per fare vedere quanto efferata fosse la loro azione. Stiamo parlando di due azioni completamente diverse, in cui Israele ha il diritto di difendersi in linea con il diritto umanitario internazionale. Come comunità occidentale e internazionale siamo sicuramente in grado di sostenere entrambi gli scenari". Così Luigi Di Maio, Rappresentante speciale dell'Ue per la regione del Golfo, intervenendo da Berlino a 'In mezz'ora' su Rai3.

 

Regno Unito: figlio Prigozhin a capo ex mercenari Wagner, ora in Guardia Nazionale

Il figlio del defunto patron della Wagner, Pavel Prigozhin, "è probabilmente" a capo di un folto gruppo di ex mercenari confluito nella struttura di comando della Guardia Nazionale russa (Rosgvardiya): lo scrive il ministero della Difesa britannico nel suo aggiornamento quotidiano di intelligence. Altri gruppi di combattenti della Wagner si sono "molto probabilmente" uniti ad un'altra Pmc (compagnia militare privata russa, ndr), la Redut, che secondo un'indagine di Radio Free Europe ora conta 7.000 effettivi, prosegue il rapporto pubblicato su X.
Il primo novembre scorso il leader ceceno Ramzan Kadyrov ha dichiarato che i medici del gruppo Wagner si erano uniti alle forze speciali cecene di Akhmat, ricordano gli esperti di Londra aggiungendo che in precedenza - il 25 ottobre - Kadyrov aveva dichiarato che 170 ex combattenti Wagner si erano già uniti ad Akhmat. "Lo Stato russo sta ora esercitando un controllo più diretto sulle attività del Gruppo Wagner e sul suo ex personale in seguito all'ammutinamento del luglio 2023 e alla successiva morte della leadership di Wagner nell'agosto 2023", conclude il rapporto.

 

Lituania: "Aiutare l'opposizione bielorussa è impegno morale"

"Mentre la Russia è impegnata in guerra imperiale contro l'Ucraina e in un'aggressione ibrida contro le democrazie di tutto il mondo, il regime di Lukashenko continua a opprimere il popolo bielorusso e a sostenere l'aggressione militare della Russia. Su questo sfondo, l'unità delle nostre nazioni e dei nostri popoli - bielorussi e lituani, amanti della libertà - è diventata più importante che mai". Lo hanno scritto la leader dell'opposizione democratica bielorussia in esilio, Svetlana Tikhanovskaya, e la Prima ministra della Lituania, Ingrida Simonyte, in un articolo pubblicato oggi sul portale lituano Delfi.lt. Nel loro intervento, le due esponenti politiche hanno sottolineato la necessità di una maggiore attenzione della politica internazionale alla situazione in Bielorussia e alla ruolo dell'opposizione democratica.
"I coraggiosi cittadini bielorussi che si oppongono a questo autoritarismo - si legge ancora nell'articolo - meritano un sostegno internazionale incrollabile. La comunità internazionale, in particolare l'Unione europea, deve continuare a intraprendere azioni concrete contro il regime di Minsk. Le sanzioni, la pressione diplomatica e il sostegno alla società civile sono cruciali in questo senso". In particolare, Tikhanovskaya e Simonyte hanno sottolineato che il sostegno all'opposizione democratica bielorussa deve rappresentare un impegno morale per le democrazie di tutto il mondo, impegnate nella difesa dei loro stessi valori in opposizione all'avanzata dell'autoritarismo in tutto il mondo.

 

Premier estone Kaja Kallas a Washington: "Usa guida nel sostenere Ucraina all'interno del mondo libero"

La prima ministra dell'Estonia, Kaja Kallas, è arrivata oggi  a Washington, dove si tratterrà nei prossimi due giorni. Durante il suo soggiorno, dedicato alle questioni della difesa, Kallas incontrerà alcuni rappresentanti dell'amministrazione americana, del Congresso, e di varie istituzioni del Paese. Domani, inoltre, Kallas riceverà il premio Jeane J. Kirkpatrick dall'International Republican Institute per il loro ruolo giocato dalla Premier e dall'Estonia nel sostegno della governance aperta e della promozione dei valori democratici.
"Gli Stati Uniti - ha affermato al suo arrivo a Washington la Premier del Pese baltico - sono uno dei più importanti alleati e amici dell'Estonia e hanno assunto un ruolo guida nel sostenere l'Ucraina all'interno del mondo libero. È ancora più importante poter comunicare faccia a faccia con questo nostro importante alleato". 

 

Podolyak: cedere territori per entrare in Nato? Idea bizzarra

"Adoro (con sarcasmo) le occasionali proposte bizzarre per 'risolvere il conflitto in Ucraina'. Dimostrano ancora che le cause, gli effetti e le conseguenze non sono evidenti a tutti. Per esempio, a volte si sente il meraviglioso suggerimento che l'Ucraina potrebbe facilmente aderire alla Nato in modo frammentario, con territori che non sono sotto occupazione. Oh, queste 'soluzioni semplici' che finiscono sempre per costare molto". Lo ha scritto su X Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, rispondendo indirettamente alla proposta avanzata ieri dall'ex segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen che ha chiesto di far entrare l'Ucraina nell'alleanza militare atlantica, ma senza i territori occupati dalla Russia. Secondo Podolyak "il solo parlare di questa possibilità provoca chiaramente la Russia a un'ulteriore escalation, incoraggiandola a una posizione di guerra aggressiva" perché così si convince che l'Ucraina possa cedere. Inoltre, ha rilanciato il consigliere di Zelensky, "chi ha detto che la Russia è pronta ad accettare l'offerta e a fermarsi? Chi dice che la Russia sarà disposta ad accettare 'l'Ucraina nella Nato'?". La Russia "è completamente incapace di fare un accordo e cercherà di ingannare in ogni caso - ha concluso Podolyak - solo un 'aiuto militare/tecnologico' su larga scala all'Ucraina risolverà il problema della sicurezza europea e garantirà il ritorno a regole globali stabili.". 

 

Kiev: attacco sede esercito russo a Melitopol, morti 3 ufficiali

Almeno tre ufficiali della Guardia nazionale russa sono morti in seguito a un'esplosione avvenuta ieri nel quartier generale dell'esercito russo a Melitopol, città occupata nella regione di Zaporizhzhia: lo ha reso noto la direzione principale dell'intelligence del ministero della Difesa ucraino (Gur), come riporta Ukrainska Pravda. Il Gur ha attributo l'esplosione a "un'azione di vendetta eseguita da rappresentanti del movimento di resistenza locale". L'attacco è stato effettuato durante una riunione degli ufficiali dei servizi di sicurezza e della guardia russa.
 

 

Gb: mercenari Wagner in Guardia nazionale russa

La maggior parte dei mercenari della Wagner sono stati probabilmente aggregati alla guardia nazionale russa: è quanto si legge nel rapporto quotidiano del Ministero della Difesa britannico sull'andamento del conflitto in Ucraina. A capo di queste forze della Wagner vi sarebbe Pavel Prigozhin, figlio del fondatore della compagnia mercenaria, Yevgeny Prigozhin; altri combattenti si sarebbero invece uniti ad un'altra forza miliare privata russa, la Redut.

 

Kiev: Mosca ha aumentato gli attacchi aerei nel sud' 'La Russia utilizza anche bombe guidate

Le forze russe hanno aumentato gli attacchi aerei nel sud, utilizzando anche bombe aree guidate. Lo riferisce il generale Oleksandr Tarnavskyi, comandante del Gruppo Tavria che combatte sulle linee del fronte meridionale.
Lo riporta il Kyiv Independent. Nelle ultime 24 ore, segnala Tarnavskyi, l'esercito ha registrato 30 attacchi aerei russi, 712 bombardamenti di artiglieria e 48 combattimenti tra le truppe ucraine e russe nell'area. Nel frattempo, l'artiglieria ucraina ha bombardato le posizioni russe oltre 1.000 volte. 

 

Cremlino: Usa e Kiev capiscano che Russia non può essere sconfitta

Washington e Kiev dovrebbero rendersi conto che non sarà possibile sconfiggere Mosca sul campo di battaglia. Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, in un'intervista sul canale televisivo Rossiya-1, come riporta Tass. "È giunto il momento che tutti a Kiev e Washington capiscano: è impossibile sconfiggere la Russia sul campo di battaglia", ha sottolineato Peskov. Secondo il portavoce del Cremlino, il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj sta promettendo "disperatamente" una nuova offensiva delle forze armate di Kiev, perché "nell’Occidente cresce l’irritazione, cresce la stanchezza. C’è una crescente riluttanza a continuare a dare soldi all’Ucraina, fornendo armi e munizioni, soprattutto quando devono essere fornite in abbondanza a Israele”.

 

Peskov, Usa e Kiev capiscano che Russia non può essere sconfitta

Stati Uniti e Ucraina devono capire che la Russia non può essere sconfitta sul campo di battaglia. Lo ha dichiarato Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo Vladimir Putin, come riferisce la Tass.
"È ora che tutti a Kiev e a Washington si rendano conto che è impossibile sconfiggere la Russia sul campo di battaglia", ha sottolineato rispondendo alle domande di Pavel Zarubin, conduttore del programma 'Mosca. Cremlino. Putin' sul canale televisivo Rossiya-1. 

 

Dmitro Medvedev Dmitro Medvedev / VKontakte
Dmitro Medvedev

Medvedev, Ucraina fatta di territori assemblati artificialmente “Odessa, Kiev, Mykolaiv e il resto non gli appartengono”

Per il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev, "l'Ucraina non è un Paese, ma territori assemblati artificialmente". Lo scrive lui stesso su Telegram. "Alcuni funzionari attuali ed ex della Nato stanno lanciando con cautela nuove idee sull'Ucraina. Dicono che dovrebbe essere ammessa nell'Alleanza, ma senza Crimea e Donbass. Quindi - dichiara Medvedev riferendosi alle parole dell'ex segretario Anders Fogh Rasmussen - questi territori non sono assolutamente l'Ucraina nella loro concezione. Non è un male, ma è importante andare avanti. È necessario riconoscere che Odessa, Mykolaiv, Kiev e praticamente tutto il resto non sono Ucraina". Secondo il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, dopo aver fatto questo bisogna "riconoscere l'ovvio", ovvero che "Zelensky, che non si presenterà alle elezioni, non è il presidente, ma un usurpatore" e che "l'ucraino non è una lingua, ma un surzhik (un dialetto ndr)". Infine, appunto, che "l'Ucraina non è un Paese, ma territori assemblati artificialmente". 

 

 

I combattimenti a Bakhmut

Kiev, i russi intensificano gli sforzi nel settore di Bakhmut

Le forze russe hanno intensificato gli sforzi nel settore di Bakhmut, nell'Ucraina orientale, cercando di riconquistare le posizioni perdute: lo ha reso noto su Telegram il comandante delle forze di terra dell'esercito di Kiev, Oleksandr Syrskyi, come riporta Ukrinform. "La direzione di Bakhmut. I russi sono diventati più attivi, cercano di riconquistare le posizioni precedentemente perse", ha scritto Syrskyi, secondo il quale le forze di difesa stanno respingendo gli attacchi russi. 

Video: le battaglie feroci sul campo a Bakhmut, la guerra di trincea

 

 

 

Soldati ucraini in prima linea GettyImages
Soldati ucraini in prima linea

Kiev, nuovo attacco russo a Kherson, un morto

Stamattina i russi hanno nuovamente attaccato Kherson, nella zona sul fiume Dnepr. Come ha riferito il capo dell'amministrazione militare regionale di Kherson,  Oleksandr Prokudin, un uomo di 64 anni e' morto a causa di una bomba caduta nel cortile di casa, e la moglie, che si trovava dentro casa, e' stata ricoverata in ospedale con ferite "mediamente gravi". Le bombe hanno colpito anche la biblioteca regionale di Honchar: l'edificio e' stato gravemente danneggiato e si e' verificato anche un incendio, domato in oltre un'ora e mezza dai vigili del fuoco; non si sono verificate vittime. Il presidente Volodymyr Zelenskyi ha reagito sottolineato che le forze di sicurezza e di difesa del nostro paese risponderanno agli  attacchi dell'esercito russo a Kherson e ai villaggi della regione di Kherson, secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa ucraina UNIAN. 

 

Finlandia compra sistema israeliano antimissile “Fionda di Davide”

La Finlandia ha firmato una intesa per l'acquisto del sistema israeliano antimissile Fionda di Davide, per un contratto dal valore stimato di 317 milioni di euro. Lo "storico accordo" è stato siglato dall'ambasciatrice finlandese presso il ministero israeliano della Difesa, riferisce Times of Israel. Il sistema Fionda di Davide permette d'intercettare missili con un gittata di 40-300 km. Operativo in Israele dal 2017, è la parte mediana del sistema di difesa a tre strati che comprende anche l'Iron dome per i razzi a breve raggio e il sistema Arrow per i missili balistici a lungo raggio. Dopo l'avvio della guerra in Ucraina, la Finlandia, che confina con la Russia, è entrata nella Nato e ha scelto di rafforzare le proprie difese.
 

 

Soldati ucraini riprendono il controllo in un villaggio nell'oblast di Kharkiv ed alza la bandiera, video commemorativo Telegram
Soldati ucraini riprendono il controllo in un villaggio nell'oblast di Kharkiv ed alza la bandiera, video commemorativo

Kiev, oltre 311mila russi uccisi

Sarebbero 311.750 i soldati russi uccisi dall'inizio della guerra in Ucraina. Lo afferma il bollettino giornaliero dello stato maggiore di Kiev, secondo il quale i soldati nemici uccisi ieri sono 1100. Nelle ultime 24 ore, i russi avrebbero perso anche 7 tank, 32 mezzi corazzati e 32 sistemi di artiglieria.
 

 

Il "colpo" dello Strela-10: video dell'esplosione del missile antiaereo ex-sovietico (usato da Kiev) (archivio Video)

Ucraina: Kiev, nella notte attacchi missilistici russi

Di notte, i russi hanno lanciato un altro attacco missilistico contro l’Ucraina, utilizzando 2 missili aerei guidati Kh-59 e un missile balistico Iskander-M. Un missile aereo guidato Kh-59 è stato distrutto dalle forze e dai mezzi di difesa aerea. Le informazioni sulle conseguenze di questo attacco  sono attualmente in fase di chiarimento. Sono state colpite da attacchi aerei: Chuykivka, regione di Sumy; Kislivka, Stepova Novoselivka, Kopanky, Petropavlivka della regione di Kharkiv; Selvicoltura di Serebryan, Belogorivka, regione di Luhansk; Siversk, Spirne, Terny, Novobakhmutivka, Klishchiivka, Andriivka, Novokalynove, Ocheretine, Avdiivka, Orlivka, Lastochkine, Georgiivka, Maryinka, Novomykhailivka, Katerynivka, Urozhaine, Staromayorske, Shakhtarske della regione di Donetsk; Robotine della regione di Zaporizhzhia; Tyaginka della regione di Kherson. 

Esplosione del gasdotto, lo "scoop" del Post: a coordinare l'attacco un alto ufficiale delle forze speciali ucraine

Più di 120 insediamenti nelle regioni di Chernihiv, Sumy, Kharkiv, Luhansk, Donetsk, Zaporizhzhya, Kherson e Mykolaiv furono colpiti dal fuoco dell'artiglieria.

 

Mosca, abbattuto drone ucraino sulla regione russa di Belgorod

Le difese aeree russe hanno abbattuto nella notte un drone ucraino ad ala fissa nella regione di Belgorod: lo ha reso noto il ministero della Difesa di Mosca, come riporta la Tass.  "Un tentativo del regime di Kiev di condurre un attacco terroristico contro siti sul territorio della Federazione Russa con un Uav (drone, ndr) ad ala fissa è stato sventato durante la notte - si legge in un comunicato -. Il veicolo aereo ucraino senza equipaggio è stato distrutto sul territorio della regione di Belgorod dalle difese aeree in stand by".  

Esplosione del gasdotto, lo "scoop" del Post: a coordinare l'attacco un alto ufficiale delle forze speciali ucraine

 

Kiev, in Mar Mediterraneo nave russa con 8 missili Kalibr

La Russia mantiene una nave da guerra in servizio di combattimento nel Mar Nero: lo ha reso noto su Facebook la Marina ucraina, come riporta Ukrinform. "Alle 07:00 del 12 novembre c'era una nave da guerra nemica nel Mar Nero e una nel Mar d'Azov", si legge nel messaggio. Inoltre, due navi da guerra russe si trovano nel Mar Mediterraneo, inclusa una armata con un massimo di otto missili da crociera Kalibr.  

E' "Giallo" in Russia: Mosca apre un fascicolo d'inchiesta. Deraglia treno merci in Russia, si indaga per terrorismo: "Ordigno esplosivo improvvisato"


 

Il lancio del missile terra-aria da postazione Iris-T ucraina: nel video insegue il bersaglio (Video)

Nella notte bombardamenti russi su Dnipropetrovsk: “Artiglieria pesante”

Durante la notte, i russi hanno bombardato due volte la regione di Dnipropetrovsk, hanno colpito Nikopol con l'artiglieria pesante e hanno bombardato la comunità di Marganets. Come riportato da Ukrinform, il capo dell'Ova di Dnipropetrovsk, Serhiy Lysak, lo ha riferito su Telegram. "Due bombardamenti in una notte. Gli invasori russi hanno preso di mira la regione di Nikopol con l'artiglieria pesante. Più di una mezza dozzina di proiettili sono stati sparati contro la comunità di Marganets", si legge nel messaggio.

E' "Giallo" in Russia: Mosca apre un fascicolo d'inchiesta. Deraglia treno merci in Russia, si indaga per terrorismo: "Ordigno esplosivo improvvisato"

La mira millimetrica del cecchino ucraino

Ucraina: esplosioni a Kherson

Esplosioni sono state udite questa mattina a Kherson, nell'Ucraina meridionale: lo ha reso noto il capo dell'amministrazione militare della città, Roman Mrochko, come riporta l'emittente statale Suspilne. 

 

Ucraina: uccisi 1.000 residenti regione Kherson da inizio guerra, "11 luoghi di torture"

L'esercito russo ha deliberatamente ucciso 216 civili nella regione di Kherson durante la sua occupazione e più di 800 persone sono state uccise dai bombardamenti dopo la liberazione da parte delle forze ucraine della riva destra del fiume Dnipro: lo ha reso noto su Facebook la Procura regionale nel primo anniversario della liberazione di Kherson. Lo riporta Ukrinform. "Gli occupanti hanno deliberatamente ucciso almeno 216 civili... Più di 800 civili, tra cui 36 bambini, sono stati uccisi (dai bombardamenti)", afferma la Procura, sottolineando che 23 persone sono morte nella regione per annegamento in seguito alla distruzione della centrale idroelettrica di Kakhovka. I bombardamenti prosegue la Procura, hanno distrutto o danneggiato quasi 6.000 siti civili.

Inoltre, nella regione sono stati scoperti 11 luoghi di tortura in cui i russi torturavano persone a causa delle loro opinioni filo-ucraine. Quattro prigionieri furono torturati a morte. 

 

Kiev, sfollati interni in Ucraina quasi 5 milioni

"Funzionari ucraini a novembre hanno contato 4,9 milioni di sfollati interni dei quali 3,6 milioni hanno ottenuto lo status di sfollati interni dopo l'invasione su vasta scala dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022", così scrive Ukrinform, "Iryna Vereshchuk, ministro ucraino per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati, ha affermato che quasi la metà di tutti gli sfollati interni non ricevono benefici governativi perché non hanno presentato formalmente domanda". Lo status di sfollato interno garantisce ai cittadini ucraini il diritto di ricevere alcuni benefici sociali dal governo, come pagamenti in contanti o accesso a servizi essenziali.

La Lettonia si candida al Consiglio di Sicurezza dell'Onu

La Lettonia ha ufficialmente annunciato la propria candidatura come membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per il 2026-2027. "La Lettonia è in grado di dare un contributo unico al rafforzamento del sistema internazionale multilaterale, ha detto il presidente della Lettonia, Edgards Rinkevics, intervenendo all'evento di presentazione della candidatura lettone a New York. Rinkevics ha indicato che al Lettonia ritiene come suo compito principale la protezione della Carta delle Nazioni Unite, dello stato di diritto, della pace, nonché della sovranità e dell'integrità territoriale degli Stati membri delle Nazioni Unite. "L'aggressione della Russia contro l'Ucraina - ha continuato il presidente lettone - continua a porre sfide al mondo e all'ordine internazionale basato sulle regole. La Lettonia sostiene l'iniziativa di pace per Ucraina e invita i paesi e le organizzazioni ad aderirvi per progredire verso una pace giusta e duratura. Altrettanto impegnativa è la drammatica escalation di violenza in Medio Oriente. La Lettonia condanna fermamente i brutali attacchi di Hamas contro Israele.  Allo stesso tempo, la minaccia per la popolazione civile palestinese deve essere ridotta e deve essere garantito il rispetto del diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario". 

 

La Corea del Sud aiuterà l'Ucraina nella produzione di droni

Il sindaco di Lviv, Andriy Sadovyi, ha dichiarato che la Corea del Sud aiuterà l'Ucraina a produrre più droni di alta qualità: "perché comprende l'importanza del nostro confronto con la Russia, che coopera con Pyongyang".

 

VIDEO: la guerra di droni tra Mosca e Kiev

ISW: il GUR potrebbe essere coinvolto negli attacchi in territorio russo degli ultimi due giorni

Gli analisti dell'Istituto per lo studio della guerra ritengono che la Direzione principale dell'intelligence militare ucraina sia stata coinvolta in almeno uno dei tre attacchi in territorio russo del 10-11 novembre.
 

I droni ucraini arrivati fino al cuore di Mosca, video dello schianto, lo scorso Agosto  

Casa Bianca, nuovo no al piano repubblicano di separare gli aiuti a Israele e all'Ucraina

Il presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, il repubblicano Mike Johnson, ha presentato una proposta di legge per continuare a finanziare temporaneamente il governo federale tenendo separati gli aiuti a Israele e all'Ucraina. Lo riferisce il quotidiano The Hill. La Casa Bianca ha respinto il progetto di finanziare l'attività del governo statunitense senza aiuti a Kiev. "Questa proposta è una ricetta per un ulteriore caos da parte dei repubblicani e [porta a] un altro shutdown, punto e basta", ha dichiarato l'addetta stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.