La guerra in Ucraina, giorno 620

Mosca: riuscito test di nuovo missile balistico nucleare. Peskov: ripristinare contatti Usa-Russia

Zelensky: "Trump può fermare la guerra? Venga!". Kiev: le truppe russe hanno intensificato l'offensiva verso Lyman-Kupiansk, "nuova ondata in corso". Colpita ieri in Crimea una nave militare, la Marina ucraina: "Poteva portare missili Kalibr"
Mosca: riuscito test di nuovo missile balistico nucleare. Peskov: ripristinare contatti Usa-Russia
Getty
Guerra in Ucraina, soldati ucraini vicino Bakhmut

Esplosioni su Odessa durante raid aereo russo

Indagine sulla morte di 20 soldati ucraini in un raid russo

Il presidente ucraino Volodymy Zelensky ha annunciato che sarà condotta un'indagine sulla morte di un gruppo di soldati ucraini uccisi in un attacco missilistico russo. Venerdì scorso molti soldati ucraini, riuniti nella regione di Zaporizhia (sud del Paese), sono morti quando il loro gruppo è stato preso di mira da un missile russo. Secondo i media locali, si erano riuniti per una cerimonia vicino alla linea del fronte. Stando al quotidiano online Ukrainska Pravda sono morti una ventina di membri di una brigata d'assalto. "Questa è una tragedia che avrebbe potuto essere evitata", ha detto Zelensky in un videomessaggio, annunciando che sarà aperta un'indagine sulle circostanze dell'attacco russo.
L'esercito ucraino ha confermato che diversi soldati sono stati uccisi, senza precisarne il numero.
"Il 3 novembre il nemico ha effettuato attacchi insidiosi in direzione di Zaporizhzhia", ha commentato ieri l'esercito ucraino. "In particolare, ha lanciato un missile Iskander-M contro il personale della 128/a brigata d'assalto di montagna, uccidendo i soldati e causando ferite di varia gravità ai residenti della regione", ha aggiunto l'esercito.

 

Zelensky maledice Putin durante intervista a Nbc

Il presidente Volodymyr Zelensky, durante un'intervista rilasciata a Kristen Welker, nel programma "Meet the Press" di Nbc News, ha affermato che gli ucraini non sono pronti a cedere la loro libertà al "fottuto terrorista" Vladimir Putin.

"Ho molta forza. Ma, anche se ci sentiamo forti e abbiamo molta energia, non significa che vogliamo combattere per tutta la vita, perché il prezzo è alto, perché la guerra sta prendendo il meglio di noi, i migliori eroi, i migliori uomini, donne e bambini. Ma non siamo pronti a cedere la nostra libertà a quel fottuto terrorista di Putin. Ecco perché siamo in guerra".
 

Kiev: forze russe lanciano droni Shahed verso Odessa

Le forze russe hanno lanciato droni d'attacco di tipo Shahed dalla Crimea verso l'oblast di Odessa. Lo riferisce 'Ukrainska Pravda' che cita l'aeronautica militare delle forze armate ucraine. L'aeronautica ha riferito che il primo gruppo di droni Shahed si stava muovendo lungo il confine ucraino-moldavo a nord-ovest. Il secondo gruppo si trova a nord di Odessa, spostandosi verso nord.
 

 

Bombardamenti su Kherson: due morti e sei feriti

Sono due i morti e sei i feriti a seguito degli intensi bombardamenti sulla regione ucraina di Kherson in 24 ore. Lo ha affermato su Facebook Oleksandr Prokudin, capo dell'amministrazione militare regionale, riferisce Ukrinform.
"Ieri, il nemico ha lanciato 1.000 attacchi, sparando 474 proiettili da mortai, artiglieria, Grad, carri armati, Uav e aerei e anche 12 proiettili contro la città di Kherson", ha scritto Prokudin, secondo il quale l'esercito russo ha preso di mira le zone popolate della regione e un istituto scolastico.
In serata, le forze russe hanno aperto il fuoco dalla riva sinistra del Dnipro temporaneamente occupata, prendendo di mira i distretti litorali, secondo quanto riferito da Roman Mrochko, capo dell'amministrazione militare della città di Kherson. "Ci sono esplosioni nel litorale di Kherson. Il nemico spara dalla riva sinistra temporaneamente occupata", aggiunge.

 

Incendio ed esplosioni a Sedovo, colpito deposito di munizioni

Procuratore ucraino: 510 bambini uccisi dall'inizio della guerra

Sono 510 i bambini ucraini rimasti uccisi e 1.143 quelli feriti dall'inizio dell'invasione russa, il 24 febbraio 2022. Lo ha dichiarato l'ufficio del Procuratore generale ucraino citato da Ukrinform. Nella maggior parte dei casi, si tratta di minorenni che vivevano nella regione di Donetsk. 

 

Tajani: non è mai venuto meno il nostro sostegno all'Ucraina

"La stanchezza è più di un anno di guerra ed è ovvio che tutti vorremmo raggiungere l'obiettivo della pace giusta che garantisca l'indipendenza dell'Ucraina, ma non è mai venuto meno il nostro sostegno" a Kiev. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani ospite a Che Tempo Che Fa su Nove, commentando lo scherzo telefonico alla premier Giorgia Meloni.
"Noi siamo vicini all'Ucraina ma la guerra è la guerra e questo significa che nessuno è contento che ci sia una guerra e noi ci auguriamo che finisca così come quella in Medio Oriente, noi siamo per la pace" ma "una pace giusta", ha sottolineato.

 

Il cantante russo Shaman, durante un concerto, preme un bottone rosso in una valigia nera

Durante un concerto tenutosi a San Pietroburgo per celebrare la Giornata dell'unità nazionale, il cantante Yaroslav Dronov, in arte Shaman, ha premuto il pulsante rosso inserito in una valigia nera sulle note della canzone "Io sono russo", ovviamente riferendosi alla minaccia russa di usare le armi nucleari. Dopodiché sono esplosi fuochi d'artificio sul palco. Il manager di Shaman, Alexander Kachan, ha dichiarato alla pubblicazione "Rise" che il bottone è "un oggetto di scena, non è reale", scrive il sito russo indipendente Meduza.

Zelensky: "Stiamo valutando nuova strategia per avanzare più velocemente"

L'Ucraina sta valutando un cambiamento nella sua strategia militare per "avanzare più velocemente" e colpire la Russia "inaspettatamente", ha detto il presidente Volodymyr Zelensky durante un'intervista rilasciata a NBC News, riporta il Kyiv Independent. Zelensky ha respinto le recenti valutazioni che vedono il conflitto, in questa fase, entrato in stallo, in contrasto con l'opinione del comandante in capo Valerii Zaluzhnyi, espressa in un'intervista pubblicata dall'Economist il 1° novembre.

Attacco russo su Kherson: 4 feriti

Quattro feriti a Kherson dopo attacchi russi su edifici residenziali

Quattro persone sono rimaste ferite a Kherson a seguito di un attacco a edifici residenziali. Lo ha riferito il Servizio di emergenza statale ucraino su Facebook, come riporta Ukrinform. I soccorritori, giunti sul luogo dell'incidente, non hanno trovato incendi, i feriti sono stati prontamente soccorsi. 

Stefanini (Ispi): “In corso guerra ibrida, scopo è rompere coesione occidente”

La finta telefonata alla premier italiana Giorgia Meloni, da parte di un sedicente presidente della Commissione dell'Unione Africana, è soltanto l'ultimo, in ordine di tempo, di tanti 'scherzi' che fanno parte di quella che è invece una guerra ibrida, basata sull'arma della controinformazione. La conversazione della presidente del Consiglio con due prankster russi vanta infatti illustri precedenti, sempre a firma di Vovan e Lexus, da Pedro Sanchez a Boris Johnson, da Elton John a J.K. Rowling, fino a Justin Trudeau, Angela Merkel ed Henry Kissinger. Un bel medagliere, non c'è che dire, per i due burloni russi, ma che nel caso della Meloni "mettono nel carniere un magro bottino, grazie soprattutto all'abilità della presidente, che non ha dichiarato niente che sia in contrasto con la politica italiana", dice all'Adnkronos il Senior Advisor dell'Ispi Stefano Stefanini, secondo cui la telefonata "crea comunque un senso di sfiducia e di incertezza all'interno di palazzo Chigi".
"Un piccolo risultato è stato infatti raggiunto e sarebbe importante rendersene conto - afferma Stefanini - Lo scopo non è tanto quello delle dimissioni del consigliere diplomatico, ma generare una sfiducia del Governo nelle strutture che lo assistono e che non fanno altro che fare il loro dovere. Da parte russa - ricorda - la guerra ibrida è in corso da tempo, su questo non vi è il minimo dubbio. Pensiamo alle elezioni negli Usa del 2016, nelle quali Mosca influì nella vittoria di Trump, e, nello stesso anno, anche se è difficile quantificare come, nel voto nel Regno Unito a favore della Brexit. La Russia sa che l'unica maniera per mettere in difficoltà l'Occidente, non potendo competere sul piano delle capacità economiche, intellettuali, scientifiche, nonché militari, è di rompere la sua coesione dall'interno, utilizzando tutti gli strumenti di propaganda possibili per creare divisione fra i singoli Paesi".
"Il fatto che Mosca si sia schierata così apertamente, fin dall'indomani del 7 ottobre, a favore di Hamas - prosegue l'ambasciatore - non soltanto a sostegno della causa palestinese, che fino a quel momento era ignorata - Putin aveva un ottimo rapporto con Netanyahu, ma non mi risulta che avesse con lui sollevato la questione palestinese - è perché in essa e nel risveglio di un ondata antisemita in Europa e negli Stati Uniti vede un'occasione per creare spaccature dell'Occidente dall'interno. La telefonata è un piccolo episodio, ma rientra in questo schema, e il suo scopo è quello di generare sfiducia e incertezza attraverso la disinformazione, il cui segreto è quello di saper nascondere la mano, facendola passare per informazione documentata. Nel momento in cui, seppure strumentale, l'informazione ci mette la firma, diventa invece propaganda. La disinformazione è pertanto più sottile, facendo passare per informazione obiettiva e documentata quella che è invece propaganda".
 

 

Zelensky: se Russia ci uccide tutti, attaccherà Nato

"Se la Russia ci uccide tutti, attaccherà i Paesi della NATO". Lo afferma il Presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un'intervista alla Nbc.
Per Zelensky "è importante che gli alleati dell'Ucraina continuino a fornire sostegno mentre Kiev difende valori comuni come la democrazia". Zelensky ha anche ripetuto le sue richieste per piu' sistemi di difesa aerea da parte degli Stati Uniti, sottolineando che l'Ucraina ha soprattutto bisogno di droni in grado di attaccare e raccogliere informazioni. Secondo lui, l'Ucraina ha iniziato a produrre alcuni droni, ma ne ha bisogno di più. Senza tale aiuto, sarà difficile per gli ucraini "fare un passo avanti", afferma il Presidente.

 

Zelensky: tragedia 128esima Brigata poteva essere evitata

"Riguardo all'attacco russo ai guerrieri della 128a Brigata d'assalto da montagna, le mie condoglianze vanno ai cari dei guerrieri caduti. Questa è una tragedia che poteva essere evitata. Il ministro della Difesa Umerov mi ha informato di tutte le azioni intraprese per determinare tutti i dettagli di ciò che è accaduto e chi ha emesso quali ordini. E' stata avviata anche un'indagine penale sulla tragedia. Il nostro obiettivo principale è rivelare la verità completa su quanto accaduto ed evitare che simili tragedie si ripetano. Ogni militare nella zona di combattimento, nell'area raggiungibile dalla ricognizione aerea e dal fuoco nemico, sa come agire all'aria aperta e come mantenere la sicurezza. L'indagine in corso deve fornire risposte oneste ai familiari dei guerrieri caduti e alla società su come sia potuta accadere una simile tragedia e quali ordini fossero sbagliati". Lo scrive il Presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, sull'attacco russo che ha causato almeno 20 soldati ucraini morti, perché riuniti per una cerimonia.

 

Soldati uccisi in raid durante una cerimonia nella regione di Zaporizhzhia: Kiev apre inchiesta

L'Ucraina ha annunciato l'apertura di un'indagine sulla morte di un gruppo di soldati, probabilmente uccisi venerdì da un attacco missilistico russo durante una cerimonia per assegnare dei riconoscimenti. Più di 20 soldati ucraini di una brigata d'assalto sono morti venerdì nell'attacco avvenuto nella regione di Zaporizhzhia, ha riferito il quotidiano online Ukrainska Pravda. L'esercito ucraino ha confermato che diversi soldati sono stati uccisi, senza specificare il numero. Il ministro della Difesa ucraino Rustem Umerov ha definito l'episodio una "tragedia" e ha ordinato un'indagine approfondita. "Dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere la nostra gente e dare risposte oneste alle famiglie e agli amici dei soldati caduti", ha detto il ministro.
Secondo l'esercito, le forze russe hanno "lanciato un missile Iskander-M contro il personale della 128/a brigata d'assalto, uccidendo soldati e causando ferite di varia gravità ai residenti della regione". Un soldato ucraino ha scritto sui social media che 22 membri della brigata sono rimasti uccisi e che si erano riuniti per una cerimonia per consegnare alcune decorazioni militari.

 

Zelensky: “Non sono pronto a parlare con la Russia”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto di "non essere pronto" per i colloqui con la Russia a meno che le sue truppe non si ritirino dal suo Paese, negando che i funzionari occidentali gli avessero parlato di negoziati. Gli Stati Uniti "sanno che non sono pronto a parlare con i terroristi, perché la loro parola non conta nulla", ha detto Zelensky a Meet the Press della Nbc. "Devono uscire dal nostro territorio, solo dopo ciò, il mondo può passare alla diplomazia".

 

Missili russi sul porto di Odessa, tre feriti

Le forze russe hanno colpito la regione di Odessa con un missile Kh-31P e la regione di Dnipropetrovsk con un missile Kh-59, hanno riferito le forze di difesa dell'Ucraina meridionale. Nella regione di Odessa, un missile ha colpito una infrastruttura marittima civili, gli edifici amministrativi sono stati danneggiati e tre dipendenti sono rimasti feriti. L'onda d'urto ha danneggiato anche gli edifici vicini. Nella regione di Dnipropetrovsk, un missile è stato abbattuto dalle forze di difesa aerea vicino a Kryvyi Rih. Non ci sono state vittime. Le forzerusse colpiscono costantemente le infrastrutture portuali nella regione di Odessa dopo che la Federazione Russa a luglio non ha esteso l'accordo sul grano, in base al quale il grano veniva esportato agli acquirenti dai porti bloccati del Mar Nero. Anche Kryvyi Rih, la città natale del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, viene regolarmente attaccata dalle forze russe con droni e missili.

L'Ucraina abolirà il servizio militare obbligatorio entro il 2028

 Il servizio militare obbligatorio in Ucraina sarà abolito e sostituito da un "addestramento militare intensivo" entro il 2028: è quanto precisato in un documento di politica del personale militare del Ministero della Difesa ucraino, pubblicata oggi. La legislazione attuale prevede che gli ucraini soggetti alla coscrizione prestino servizio tra i 12 e i 18 mesi. "Le Forze Armate dell'Ucraina passeranno al servizio militare a contratto in tempo di pace. Il servizio militare obbligatorio sarà sostituito da un addestramento militare intensivo dei cittadini in età di leva", ha reso noto il ministero sul suo canale Telegram L'obiettivo principale della nuova politica, secondo il Ministero, è soddisfare le esigenze dell'Esercito in tempo di guerra e garantire la sua integrazione nello spazio di sicurezza euro-atlantico. Il documento prevede di creare un "efficace sistema di reclutamento", nonché una "nuova cultura delle relazioni tra comandanti e loro subordinati", e di migliorare il sostegno psicologico agli organismi militari. Verranno inoltre attuate misure per raggiungere una maggiore uguaglianza di genere nelle forze armate ucraine.

Volodymyr Zelensky: "Trump può fermare la guerra in 24 ore? Venga!"

 Volodymyr Zelensky ha invitato Donald Trump in Ucraina se davvero, come ebbe a dire una volta, potrebbe porre fine alla guerra in 24 ore. "L'ex presidente ha affermato che in circa 24 ore potrebbe gestire e porre fine alla guerra. Cosa posso dire al riguardo? Che sia il benvenuto", ha detto il presidente ucraino in un'intervista a Meet the Press, storica trasmissione della domenica mattina del network Nbc.A questo proposito ha affermato che gli servirebbero solo "24 minuti", anziché 24 ore, per spiegare a Trump che "non può risolvere questa guerra" così facilmente come pensa. Zelensky ritiene che, anche se Trump ci provasse, la pace non sarebbe possibile in questo momento per la posizione del presidente russo. Trump ha detto a maggio di quest'anno che, se fosse rieletto, potrebbe "risolvere" la guerra in Ucraina in un giorno, sottolineando che il processo di negoziazione sarebbe "molto facile."

Volodymyr Zelensky intervistato da Kristen Welker a Meet the Press Nbc News
Volodymyr Zelensky intervistato da Kristen Welker a Meet the Press

Paolo Gentiloni: "Ripensare edificio europeo" per l'adesione dell'Ucraina

"Far entrare nell'Ue un Paese come l'Ucraina, che diventerebbe il Paese più grande come superficie, ma anche il più povero come reddito medio, significa ripensare l'edificio europeo. Non è solo un 'aggiungi un posto a tavola', anche perché non sarebbe un solo posto". Lo ha detto il commissario Ue agli Affari Economici, Paolo Gentiloni, a 'In Mezz'Ora' su Rai Tre, citando "i Balcani, ad esempio", che "non possono essere lasciati soli". "Per la prossima Commissione e il prossimo Parlamento Ue questa sarà la questione delle questioni, come trasformare l'Unione europea in un'Europa magari a 35 senza che diventi una sorta di Onu", ha aggiunto Gentiloni.

Il governatore di Dnipro: un morto e due feriti dai bombardamenti russi

Nella regione di Dnipro, le forze russe avrebbero bombardato le comunità di Myrivska e Marganets, secondo quanto riferisce il capo dell'amministrazione militare regionale, Serhiy Lysak. Due uomini di 30 e 58 anni sarebbero rimasti feriti a Myrivska a causa dei bombardamenti, sono in ospedale in uno stato di moderata gravità. Un uomo che "stava solo andando in bicicletta per i fatti suoi" è morto nella comunità di Marganets, ha scritto  Lysak sul suo canale Telegram. 

Radio Svoboda pubblica le foto satellitari della nave danneggiata a Kerch

Radio Svoboda, versione in lingua ucraina dell'emittente internazionale controllata dal Congresso degli Stati Uniti Radio Free Europe / Radio Liberty, ha pubblicato immagini satellitari di Planet Labs publicate oggi, che mostrano il danno causato ieri da missili ucraini Scalp/Storm Shadow al cantiere navale Zaliv di Kerch, nella Crimea occupata dai russi, e a una nave militare, che secondo quanto affermato dal capitano della Marina Andrii Ryzhenko sarebbe la “Askold”, in grado di trasportare missili Kalibr. “È ancora a galla, ma la parte superiore è notevolmente danneggiata”, afferma Ryzhenko

Cecenia: Razman Kadyrov dà al figlio 15enne la guida del servizio di sicurezza

Il leader ceceno, Ramzan Kadyrov, ha nominato suo figlio quindicenne Adam a capo del servizio di sicurezza. Lo ha reso noto il ministro della Sanità, Adam Alkhanov. "Mi congratulo di tutto cuore con Adam Kadyrov per la sua nomina all'importante posizione di capo del dipartimento di sicurezza del leader della repubblica cecena", ha scritto su Telegram. Alkhanov ha aggiunto che Adam, "malgrado la sua giovinezza, ha già una grande esperienza pratica" e ha un "forte spirito guerriero", quindi nulla lo fermerà quando si tratterà di difendere suo padre, il suo popolo, la sua religione e la sua patria. Adam Kadyrov, decorato per "i suoi meriti" sia in Cecenia che in Tatarstan, era diventato oggetto di polemiche lo scorso settembre dopo aver pubblicato sui social un video in cui picchiava un russo arrestato per aver bruciato il Corano. Il padre, uomo forte della Cecenia, aveva pero' incoraggiato il figlio e si era detto "orgoglioso" del suo comportamento. 

Il governo ucraino: bomba aerea contro una scuola nella regione di Kherson

Le forze russe hanno colpito di notte con una bomba aerea guidata una scuola nella comunità di Daryivka, nella regione di Kherson, secondo quanto riferisce il ministro dell'Interno ucraino Ihor Klymenko su Facebook: "I soccorritori hanno spento l'incendio, poi il soffitto è crollato", ha spiegato.  Oltre alla scuola, sarebbero state danneggiate 6 case private. Non ci sarebbero sono state vittime. "I residenti non si arrendono: hanno iniziato a riparare gli edifici danneggiati. Ci sono bambini nelle vicinanze che aiutano a smantellare le macerie e a trasportare materiali da costruzione. Bambini che hanno frequentato questa scuola due anni fa", ha aggiunto Klymenko. Roman Mrochko, capo dell'amministrazione militare della città, afferma che un uomo di 61 anni è stato ferito

Edificio colpito a Daryivka Ministero degli Affari Interni dell'Ucraina
Edificio colpito a Daryivka

Forze armate ucraine: a Bakhmut "stiamo gradualmente avanzando"

“Fino a oggi, abbiamo respinto i contrattacchi nemici con un certo successo. Abbiamo alcune avanzate sul fianco meridionale, dove c'è la ferrovia. C'è un numero significativo di aree boschive, dove il nemico si è trincerato. In alcune di queste, riusciamo a respingere le forze nemiche e stiamo gradualmente avanzando”. Lo ha detto Oleh Kalashnikov, addetto stampa della 26a brigata di artiglieria separata delle forze armate dell'Ucraina, spiegando che i movimenti sono “un'operazione impegnativa a causa dei campi minati e dell'uso attivo da parte del nemico di droni da ricognizione”.

Combattente della 98a divisione aviotrasportata russa distrugge bersaglio aereo con il sistema missilistico portatile Telegram
Combattente della 98a divisione aviotrasportata russa distrugge bersaglio aereo con il sistema missilistico portatile

Mantovano, Meloni è un target per Putin

"Meloni è un target per Putin, i fatti degli ultimi giorni lo confermano". Lo dice il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano a Radio 24. "C'è stato un tentativo di farle fare qualche errore di comunicazione che invece non c'è stato perché Meloni dice in privato le stesse cose che dice in pubblico". Mantovano, comunque, considera "chiuso il caso dello scherzo telefonico dopo le dimissioni del consigliere diplomatico Talò che con dignità si è fatto carico della responsabilità dell'accaduto".
"Le minacce cyber e ibride si sono moltiplicate - osserva - ma il sistema è attrezzato a fronteggiare queste minacce. "Ne aspettiamo altre da qui alle Europee perché questa è la nuova frontiera della guerra". 

 

Dmitrij Peskov (GettyImages)
Dmitrij Peskov

Peskov, per incontro Putin-Biden "Devono maturare condizioni"

Un incontro tra i presidenti di Russia e Stati Uniti e' possibile ma "ci devono essere desiderio e disponibilita' reciproche e devono maturare alcune condizioni": lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. 

Russia-Usa: Peskov, contatti a zero, occorre riaprire dialogo

"I rapporti tra Russia e Stati Uniti sono a un punto morto, ma poiche' Mosca e Washington sono responsabili della stabilita' globale, bisognera' nel tempo ripristinare il dialogo": lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. 

 

La Russia abbatte gli aerei da guerra ucraini, l’Ucraina colpisce l’artiglieria russa reuters
La Russia abbatte gli aerei da guerra ucraini, l’Ucraina colpisce l’artiglieria russa

Kiev, truppe russe hanno attaccato 19 insediamenti nell'oblast di Zaporizhzhia

"Le truppe russe hanno lanciato 116 attacchi contro 19 insediamenti nell'oblast di Zaporizhzhia lo scorso giorno", così il governatore Yurii Malashko: "Insediamenti attaccati dall’artiglieria, dai droni e dagli aerei russi". "Non sono state segnalate vittime", ha detto Malashko. Tuttavia, le autorità locali hanno ricevuto 18 segnalazioni di danni a edifici residenziali e infrastrutture in seguito agli attacchi.
 

Russia, Simonov: Ue teme indagini sul gasdotto Nord Stream

"L'Unione europea  ha paura di continuare questa inchiesta e di dire cose molto chiare. Gli Stati Uniti sono i principali beneficiari dell'esplosione del Nord Stream, perché metà della produzione mondiale di gas avverrà Oltreoceano. Questo non rispetterà però la competizione presente sul mercato". Lo ha detto Konstantin Simonov, direttore del Fondo nazionale russo per la sicurezza energetica, in una intervista alla testata Byoblu, a margine del forum eurasiatico a Samarcanda, in Uzbekistan.
"Secondo me - ha aggiunto ai microfoni di Virginia Camerieri - il vecchio continente e l'Italia torneranno a guardare i propri interessi", puntando sull'elemento della concorrenza che è in grado, a differenza di quello relativo alla diversificazione delle forniture del gas, di generare un calo delle spese sostenute dai consumatori.
Occhi puntati, quindi, anche sul Medio Oriente. Gli operatori economici - ha detto ancora Simonov -  non credono ancora in una possibile estensione del conflitto. "I prezzi non sono, per tale motivo, molto elevati e non vogliamo che aumentino".

 

Kiev conferma: “Colpita una nave russa in Crimea”

Vertici politici e militari di Kiev hanno confermato che ieri è stata colpita e danneggiata una nave russa nel cantiere navale di Zaliv in Crimea, la penisola ucraina annessa da Mosca dal 2014. Su Telegram il comandante dell'aeronautica militare ucraina, Mykola Oleshchuk, si è limitato a scrivere un "confermo" accompagnata da emoji di missili e, navi e fuoco. Lo stesso ha fatto il capo dell'ufficio presidenziale ucraino, Andry Yermak: "La vita dimostra costantemente che la flotta del Mar Nero della Federazione Russa non sarà in Crimea", ha scritto Yermak su Telegram. 

I combattimenti a Bakhmut

Kiev, Russia ha ferito 1.143 bambini in Ucraina, morti 510

"Le truppe russe hanno ucciso 510 bambini in Ucraina e ne hanno feriti altri 1.143", così secondo Ukrinform, che riporta i dati della Procura generale di Kiev: "Più di 1.653 bambini sono rimasti feriti in Ucraina a seguito dell'aggressione armata su vasta scala della Federazione Russa. Alla mattina del 5 novembre 2023, secondo le informazioni ufficiali della procura minorile, 510 bambini sono stati uccisi e più di 1.143 sono rimasti feriti con varia gravità", si legge nel messaggio.
 

Ucraina: attacchi russi su Kherson e Sumy

Le forze russe hanno attaccato le citta' ucraine di Kherson, dove si contano un morto e due feriti, e Sumy. Secondo quanto riferito dal governatore di Kherson, citato dl sito Kyiv Independent, e' stato colpito un edificio residenziale nel quartiere di Korabel e una donna di 82 anni e' deceduta in ospedale in seguito alle gravi ferite. A Sumy sono state registrate in totale 46 esplosioni, nelle zone di Krasnopillia, Seredyna-Buda, Druzhba, Znob-Novhorodske, Esman, and Yunakivka. La citta', a 50 chilometri dal confine con la Russia, e' stata bersagliata dal territorio russo. Non sono stati segnalati danni a infrastrutture ne' vittime. 

 

Kiev, oltre 80 scontri sul campo con vittime civili

Negli ultimi giorni sul campo di battaglia in Ucraina si sono registrati oltre 80 scontri e l'aeronautica militare ucraina ha lanciato quattro attacchi contro posizioni nemiche. Lo ha affermato lo Stato maggiore delle forze armate ucraine nel suo aggiornamento mattutino sulla sua pagina Facebook, riferisce Ukrinform. "Nelle ultime 24 ore hanno avuto luogo 82 scontri. In totale, il nemico ha lanciato 7 attacchi missilistici e 24 attacchi aerei, utilizzando sistemi missilistici a lancio multiplo sulle posizioni delle nostre truppe e sulle aree popolate. Sfortunatamente, ci sono vittime tra la popolazione civile a causa degli attacchi terroristici russi. Gli edifici residenziali privati e altre infrastrutture civili sono stati distrutti e danneggiati", si legge nel rapporto, in particolare nel Donetsk, Zaporizhzhia, Kherson e Mykolaiv. Più di 100 insediamenti nelle regioni di Chernihiv, Sumy, Kharkiv, Lugansk, Donetsk, Zaporizhzhia, Kherson e Mykolaiv sono finiti sotto il fuoco dell'artiglieria russa negli ultimi giorni.
Prosegue intanto la battaglia per Bakhmut, con i russi che hanno tentato senza successo di riconquistare le posizioni perdute vicino a Klishchiivka e Andriivka. Allo stesso tempo, le Forze di Difesa dell'Ucraina continuano le operazioni d'assalto a sud, consolidando le posizioni raggiunte. 

 

Militari ucraini a guardia di una trincea Afp
Militari ucraini a guardia di una trincea

Kiev, truppe russe hanno intensificato offensiva in direzione Lyman-Kupiansk

"Negli ultimi giorni le truppe della Federazione Russa hanno intensificato l'offensiva in direzione Lyman-Kupiansk", così secondo Ivan Shevtsov, capo del servizio stampa del 15 ° distaccamento di frontiera "Confine d'acciaio" durante una diretta sulla tv ucraina. "Se si considerano gli ultimi 3-4 giorni, l'attività del nemico aumenta ogni giorno. Tre giorni fa si sono verificati 6-7 scontri in 24 ore, ieri sono stati 14. Il nemico avanza", ha detto Shevtsov. "E' in corso una nuova ondata di aggressioni crescenti"

Russia: riuscito test missilistico nuovo sottomarino nucleare

"Il nuovo incrociatore missilistico strategico sottomarino a propulsione nucleare Imperator Alexander III ha lanciato con successo il missile balistico intercontinentale Bulava dal Mar Bianco al campo di combattimento Kura nella penisola di Kamchatka". Lo riferisce un comunicato del ministero della Difesa russo, diffuso dall'agenzia Tass. "Il lancio del missile e' avvenuto normalmente dalla posizione subacquea", ha specificato il ministero, secondo cui "le testate missilistiche sono arrivate nell'area designata all'ora stabilita". 

GB: Mosca è pronta a subire pesanti perdite durante l'assalto ad Avdiyivka per ottenere solo piccoli guadagni territoriali

Lo afferma il Ministero della Difesa britannico, facendo riferimento a rapporti di intelligence, come scrive il sito Ukrinform. Solo nelle ultime tre settimane, i russi hanno perso circa 200 veicoli blindati durante gli assalti ad Avdiivka. Come le precedenti offensive russe, gli assalti ad Avdiivka sono stati spesso caratterizzati da avanzate su terreno aperto, che hanno portato a perdite elevate. È plausibile che la Russia abbia perso migliaia di uomini intorno alla città dall'inizio di ottobre.

"Gli ucraini preparano un attacco invernale con droni kamikaze contro la Federazione Russa"

Secondo il generale di brigata Serhiy Baranov, scrive l'Independent, gli attacchi dei droni delle Forze Armate "causeranno molti problemi" alla Russia nei prossimi mesi. Il riferimento è alla Crimea e alle regioni della Russia più vicine all'Ucraina. Secondo il generale Baranov con questi attacchi l'Ucraina intende consolidare i 'successi' delle ultime settimane, quando sono state colpite molte delle più importanti strutture militari nella Crimea.

Ucraina: Attacchi russi su Kherson e Sumy

Le forze russe hanno attaccato le città ucraine di Kherson, dove si contano un morto e due feriti, e Sumy. Secondo quanto riferito dal governatore di Kherson, citato dl sito Kyiv Independent, è' stato colpito un edificio residenziale nel quartiere di Korabel e una donna di 82 anni è deceduta in ospedale in seguito alle gravi ferite. A Sumy sono state registrate in totale 46 esplosioni, nelle zone di Krasnopillia, Seredyna-Buda, Druzhba, Znob-Novhorodske, Esman, and Yunakivka. La città, a 50 chilometri dal confine con la Russia, è stata bersagliata dal territorio russo. Non sono stati segnalati danni a infrastrutture ne' vittime.