Cina, rimosso il lockdown a Xi'an. A Pechino 72 contagi

La città è stata in isolamento per un mese. A Pechino gli arrivi delle delegazioni olimpiche: atleti e staff vivranno isolati dal resto della popolazione

Le autorità cinesi hanno revocato un lockdown di un mese nella città di Xi'an, nel nord della Cina, e sui suoi 13 milioni di residenti. L'annuncio lunedì ha fatto seguito al riavvio dei voli commerciali dalla città il giorno prima. Xi'an è stata una pietra angolare della strategia di "tolleranza zero" del Partito Comunista al governo nei confronti del Covid-19 che impone blocchi, restrizioni di viaggio e test di massa ogni volta che viene scoperto un caso. Xi'an si trova a circa 965 km a sud-ovest di Pechino, dove sono in programma le Olimpiadi invernali il 4 febbraio. L'accesso a Xi'an è stato sospeso il 22 dicembre a seguito di un focolaio attribuito alla variante delta del coronavirus.

 

A Pechino 72 casi


A Pechino invece sono al momento 72 i casi di Covid-19 rilevato dal 4 al 22 gennaio nell'ambito delle attività di controllo sul personale in arrivo per le Olimpiadi invernali di Pechino 2022. E' quanto si legge in una nota del Comitato organizzatore, diramato a circa due settimane dall'inizio dei Giochi invernali. Dal documento si evince che dal 4 al 22 gennaio 2022, 2.586 persone sono entrate in Cina per le Olimpiadi, inclusi 171 tra atleti e dirigenti di squadre. Tutti hanno fatto i test PCR in aeroporto. Nel dettaglio, 39 contagi sono stati rilevati all'arrivo, mentre altri 33 casi sono stati segnalati (su un totale di 336.421 test PCR) nel sistema di 'bolle' a circuito chiuso previsto dagli organizzatori. Tutto il personale legato alle Olimpiadi che è entrato in Cina e il personale dei Giochi implementa la gestione a circuito chiuso. Tutti sono completamente separati dalla società esterna.