In Sri Lanka sono venerati

La mattanza degli elefanti: uccisi dalla plastica nella discarica

Sempre più vulnerabili a causa della perdita e del degrado del loro habitat naturale, molti elefanti si avventurano vicino agli insediamenti umani in cerca di cibo

Gli elefanti sono venerati in Sri Lanka, ma ora sono anche in pericolo. La minaccia è nascosta in una discarica nel villaggio di Pallakkadu nel distretto di Ampara, circa 210 chilometri a est della capitale, Colombo. I corpi di due animali sono stati trovati negli ultimi giorni ma sono circa 20 gli elefanti morti negli ultimi otto anni nella discarica

Gli esami autoptici hanno dimostrato che gli elefanti avevano ingoiato grandi quantità di plastica trovata nella discarica. Il veterinario Nihal Pushpakumara spiega: "Abbiamo trovato solo polietilene, involucri di cibo, plastica altri materiali non digeribili e acqua. Nessuna traccia del cibo che normalmente gli elefanti mangiano e digeriscono."

Il numero degli elefanti sull'isola è diminuito da circa 14.000 nel diciannovesimo secolo a 6.000 nel 2011, quando fu fatto il primo censimento. Sempre più vulnerabili a causa della perdita e del degrado del loro habitat naturale, molti elefanti si avventurano vicino agli insediamenti umani in cerca di cibo. Alcuni vengono uccisi dai bracconieri o dagli agricoltori che danno loro la caccia per i danni alle loro colture.

Gli elefanti affamati cercano i rifiuti nelle discariche, consumando sia plastica che oggetti appuntiti che danneggiano il loro apparato digerente: "Gli elefanti poi smettono di mangiare e diventano troppo deboli", dice il veterinario, "e questo accelera la loro morte".

Nel 2017, il governo annunciò di voler implementare sia il riciclo dei rifiuti nelle discariche vicine alle zone abitate dalla fauna selvatica sia recinzioni elettriche intorno ai siti per tenere lontano gli animali. Ma nessuna delle due cose è stata pienamente realizzata. Sono 54 le discariche in zone di interesse naturalistico in tutto il Paese, con circa 300 elefanti che vagano vicino ad esse. Il sito di gestione dei rifiuti nel villaggio di Pallakkadu è stato istituito nel 2008 con l'aiuto dell'Unione Europea. L'immondizia raccolta da nove villaggi vicini viene scaricata ma non viene riciclata.

Nel 2014, la recinzione elettrica che proteggeva l'impianto è stata colpita da un fulmine e gli elefanti sono riusciti a entrare. Il branco si è stabilito vicino alla discarica suscitando la paura degli abitanti dei villaggi vicini, alcuni dei quali hanno eretto recinzioni elettriche fai da te intorno alle loro case, un pericolo per gli animali ma anche per loro stessi come spiega Keerthi Ranasinghe, consigliere in uno di questi villaggi, ad Associated Press: "Anche se li consideriamo una minaccia, gli elefanti selvatici sono anche una risorsa. Le autorità devono trovare un modo per proteggere sia le vite umane che gli elefanti."