La fotostoria

Mario Draghi, 17 mesi da premier in 20 foto

Dallo scatto a Cinecittà con Ursula von der Leyen in occasione della conferenza stampa sul PNRR alla storica foto accanto a Macron e Scholz sul treno per Kyiv

Il 13 febbraio 2021, dieci giorni dopo aver ricevuto l'incarico dal presidente della Repubblica per formare il nuovo governo dopo la crisi del secondo esecutivo Conte, Mario Draghi e i suoi ministri prestano giuramento al Quirinale. 

Il 17 febbraio il “governo di alto profilo” voluto da Sergio Mattarella ottiene la fiducia al Senato e il giorno successivo anche alla Camera con numeri che rappresentano ancora oggi una delle maggioranze più ampie mai registrate nella storia della Repubblica.

 

Vedi anche:

Da Bruxelles a Washington occhi su Roma. I media esteri temono un salto nel buio dell'Italia

Tutti gli aggiornamenti in diretta sulla crisi

Draghi alla Camera, l'applauso poi prende la parola e sospende la seduta: "Sto andando al Colle"

Video: "Anche il cuore dei banchieri viene usato"

 

Un governo di “unità nazionale”, come lo ha definito lo stesso Mario Draghi ieri nell'aula del Senato dove ha visto svanire la sua maggioranza.

522 giorni a Palazzo Chigi chiamato ad affrontare le emergenze economiche e sociali, interpretate in una prospettiva fortemente europeista - "senza l'Italia non c'è l'Europa, ma, fuori dall'Europa c'è meno Italia" - la pandemia di Coronavirus e, dal 24 febbraio, la guerra ai confini dell'Europa che ha visto Mario Draghi guidare lo schieramento più intransigente nei confronti di Putin e più determinato a fianco dell'Ucraina.

In 20 foto i 17 mesi di Mario Draghi da premier: dallo scatto a Cinecittà con Ursula Von der Leyen in occasione  della conferenza stampa sul PNRR, alle foto che celebrano le vittorie sportive dell'estate del 2021, fino all'immagine, già diventata storica, accanto a Macron e Scholz sul treno verso Kyiv e quella premonitrice della crisi al Prado di Madrid in occasione del vertice NATO.