Fantasia al potere

Filippine: studenti con “paraocchi improvvisati” durante gli esami per dimostrare di non copiare

Le foto sono diventate virali su internet

Contenitori per le uova legati insieme, tubi di cartone incollati agli occhiali, cappelli da sole con tendina, casco da moto, scatolone: sono diventate virali sui social le foto degli studenti universitari filippini con “paraocchi improvvisati” durante gli esami per dimostrare che non copiano i test.    

Tutto è partito in un college della città di Legazpi dove una professoressa ha chiesto ai suoi alunni di indossare un copricapo che gli impedisse di sbirciare i test dei compagni. Gli studenti in risposta hanno deciso di dar libero sfogo alla fantasia e indossare ogni tipo di travestimento.

La professoressa è Mary Joy Mandane-Ortiz, docente di ingegneria meccanica al Bicol University College of Engineering, che ha spiegato che la sua richiesta iniziale indicava un progetto “semplice” con la carta, ispirato da una tecnica utilizzata in Thailandia alcuni anni prima.

La sua idea però ha avuto una risposta sorprendente da parte dei suoi allievi e si è poi allargata ad altre università e scuole del Paese, che hanno incoraggiato gli studenti a mettere insieme copricapi per non copiare. Una serie di post su Facebook della prof ha raccolto migliaia di like nel giro di pochi giorni e attirato l'interesse dei media filippini. 

Mandane-Ortiz ha raccontato che questo metodo è risultato “davvero efficace”: gli studenti quest’anno hanno ottenuto risultati migliori e in molti hanno terminato i test in anticipo