I numeri della pandemia

Contagi, la discesa si è arrestata

In risalita il tasso di positività. Continuano invece a svuotarsi gli ospedali, che sono usciti dalla fase più critica.

Contagi, la discesa si è arrestata
LCC
Effettuati 11mila tamponi rapidi

Quasi 1.700 nuovi contagiati mentre martedì scorso erano stati poco più di 1.200. Nel confronto settimanale il saldo è ancora nel segno del miglioramento, con 700 casi in meno, ma già dal weekend è scattato un piccolo campanello d’allarme. E’ risalito il tasso di positività, di nuovo superiore al 10%, e la curva che per alcune settimane è stata nettamente in discesa si è appiattita.

Ancora è presto per dire se si tratta addirittura di un’inversione di tendenza, ma di sicuro il superamento della quarta ondata sta richiedendo più tempo del previsto. E la riconquistata zona bianca al momento sembra essere, per l’Abruzzo, un traguardo più formale che sostanziale.

I guariti di giornata sono stati meno di un terzo dei contagiati, di conseguenza gli attualmente positivi sono aumentati di un altro migliaio e soprattutto di Covid si continua a morire: altri 3 le vittime, che avevano dai 61 ai 91 anni.

Insomma l’unico numero chiaramente incoraggiante dell’ultimo bollettino è il -16 alla voce ricoverati in area medica, parzialmente sporcato dal +2 delle terapie intensive dove i pazienti gravi sono risaliti da 14 a 16. E la situazione migliora anche nelle carceri: nell’ultima settimana i detenuti positivi sono scesi da 44 a 20.