Bomba esplode e provoca un incendio sul promontorio di Punta Ferruccio

Un mezzo meccanico ha urtato un ordigno bellico all'interno della riserva di Ripari di Giobbe.L'esplosione ha provocato un incendio.Nessun ferito

Bomba esplode e provoca un incendio sul promontorio di Punta Ferruccio
Tgr Abruzzo
Il rogo a Punta Ferruccio

 

 

 

Il ricordo del devastante incendio che,alimentato dal forte vento ad agosto dello scorso anno,deturpo' ampie porzioni di vegetazione lungo la costa ha fatto temere il peggio. Il rogo che si e' sviluppato sul promontorio di Punta Ferruccio nella riserva naturale regionale di Ripari di Giobbe, nonostante le forti raffiche fortunatamente non ha avuto quella drammatica evoluzione.I vigili del fuoco sono intervenuti in modo tempestivo ed hanno saputo brillantemente  contenere e spegnere il focolaio. Rischi si sono corsi a cominciare dall'innesco, non e' stato un atto doloso od un processo di autocombustione.Un mezzo meccanico utilizzato nei lavori per il ripristino e la manutenzione  dei sentieri ha urtato un ordigno della seconda guerra mondiale rimasto sepolto sotto pochi centimetri di terra da 80 anni dai giorni della terribile battaglia tra nazisti ed alleati che ha portato gli storici per la brutalita' dello scontro casa per casa ad accostare Ortona a Stalingrado.La bomba e' esplosa senza ferire nessuno,ma i frammenti incandescenti caduti sull'erba e sul canneto hanno creato un focolaio che il vento ha reso pericoloso.La vegetazione che rende incantevole il paesaggio della costa dei trabocchi ha una bellezza fragile che il fuoco insidia.E' triste constatare che a far divampare gli incendi le cause accidentali sono rare,piu' frequenti le azioni criminali dei piromani.