Spari a piazza Salotto

Pecorale, interrogatorio in carcere

Nel primo pomeriggio in carcere a Pescara verrà interrogatorio Federico Pecorale, 28enne di Montesilvano ma residente in Svizzera, che la domenica delle palme ha sparato ad cuoco 23enne.

Pecorale, interrogatorio in carcere
Rai
Federico Pecorale

Si terrà nel carcere San Donato di Pescara l'interrogatorio di Federico Pecorale, 29enne originario di Montesilvano (Pescara) da anni emigrato in Svizzera, che in una rosticceria a Pescara, il 10 aprile, ha sparato a Yelfry Rosado Guzman, cuoco 23enne, residente a Chieti e originario di Santo Domingo, al lavoro nel locale del centro di Pescara. Operato più volte perché colpito da 5 colpi di pistola, ora il ragazzo sta facendo riabilitazione al San Raffaele di Sulmona, in provincia dell'Aquila. “Punto su una perizia psichiatrica”- ha detto l'avvocato difensore di Pecorale che in udienza porterà all'attenzione del pubblico ministero una serie di elementi nuovi. Il 29enne deve rispondere delle accuse di tentato omicidio aggravato da futili motivi, uso e detenzione illegale di arma da fuoco.  

"Confermo le problematiche psichiatriche per il mio assistito", ha rimarcato l'avvocato del foro di Pescara sottolineando che porterà all'attenzione del pubblico ministero una serie di elementi nuovi di cui adesso non può parlare. Il 29enne avrebbe sparato per futili motivi, ha dichiarato il questore di Pescar, Luigi Liguori, sottolineando che la discussione tra i 2 è nata per la qualità degli arrosticini e i tempi di attesa.