Avrebbe introdotto in carcere droga e telefonini

Agente penitenziario arrestato

Originario della provincia di Chieti, 56 anni, era stato da poco trasferito al San Donato di Pescara. Avrebbe agito in combutta con una famiglia di etnia rom.

Agente penitenziario arrestato
TGR Abruzzo
Il carcere di Pescara

Un agente penitenziario è stato arrestato dalla polizia con l'accusa di aver introdotto in carcere, a Pescara, droga e telefonini, d'accordo con una famiglia di etnia rom. cinquantaseienne, originario della provincia di Chieti, l'uomo è ora ristretto a Lanciano. Nel 2021 è stato anche candidato per il consiglio comunale a Sulmona. Operativo nel carcere di Bologna, nel 2018 il poliziotto venne assegnato, in Abruzzo, all'istituto ad alta sicurezza di Sulmona. Nel 2021 è stato anche candidato consigliere nel capoluogo della valle Peligna. A primavera di quest'anno l'agente era stato assegnato al carcere San Donato di Pescara. Ad arrestarlo la polizia della questura di Pescara.