Il colpo aveva fruttato 15mila euro

Arrestati i rapinatori della sala scommesse

Avrebbero messo a segno il colpo del 24 aprile scorso a Spoltore. Tre in manette. Dalle indagini dei carabinieri di Pescara si è scoperto che l'uomo picchiato all'interno del locale, era un complice. La messa in scena per spaventare i presenti

Arrestati i rapinatori della sala scommesse
Tgr Abruzzo
Carabinieri

I carabinieri di Pescara hanno dato esecuzione a 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di 2 pescaresi e un romano accusati di concorso in rapina aggravata. Il 24 aprile a Spoltore, arrivati in motorino, in due, travisati con casco e passamontagna, sono entrati nella sala scommesse 'Jackpot ideale' di Spoltore colpendo un cliente, che si è poi rivelato essere un complice dei rapinatori. I due hanno così costretto il titolare del locale ad aprire la cassaforte per consegnare 15 mila euro. I militari dell'Arma si sono concentrati soprattutto su una vettura presente davanti alla sala scommesse al momento della rapina, in uso al terzo uomo della banda, originario di Roma. Proprio da quel mezzo era sceso un giovane identico al cliente picchiato nell'esercizio. Gli inquirenti sono andati a fondo della vicenda del presunto ostaggio e avrebbero confermato il 'pieno coinvolgimento del soggetto con i 2 rapinatori. I 3 rapinatori sono stati rintracciati a Pomezia e tradotti al carcere San Donato di Pescara.