La Fiorentina riparte da Italiano

Il tecnico gigliato ha prolungato fino al 2024 dopo una lunga e tortuosa trattativa. In arrivo jovic e Dodò

La Fiorentina riparte da Italiano
Tgr
Vincenzo Italiano


La quiete dopo la tempesta. Vincenzo Italiano ha rinnovato con la Fiorentina ( scadenza 2024)  dopo aver lambito il clamoroso addio. Commisso, Barone e Prade' hanno capito che stavano giocando col fuoco: il tecnico chiedeva uno stipendio all'altezza dopo la splendida stagione conclusa con i gigliati in Europa ( e 20 punti piu' in graduatoria), la Fiorentina gli aveva offerto inizialmente una cifra inferiore alle sue aspettative e la reazione del siculo e del suo entourage ( il nuovo agente Fali Ramadani e l'avvocato Caliandro che lo segue dai tempi della c) è stata simile a quella del pelìde Achille: a dir poco funesta.  Pochi giorni fa sembrava vicinissimo il divorzio con il tecnico ( che piace molto ad Aurelio De Laurentiis): Roberto De Zerbi  era pronto a subentrare. Con il professionista bresciano si era gia' registrato un contatto diretto con l'entourage, parallelamente il club toscano lavorava per ricucire lo strappo col siculo, fermo sulle sue rigide posizioni. Puntava a raddoppiare la sua busta paga ( 1.7 milioni quindi), chiedendo un aumento del 30 per cento per tutto il suo staff. In compenso avrebbe eliminato la clausola rescissoria di 10 milioni.
Ci ha pensato Commisso ( dagli states)  a chiudere la pratica, avallando tutte le richieste del tecnico siciliano. italiano ha preteso un mercato all'altezza delle rinnovate ambizioni. Dopo settimo posto bisogna almeno provare a fare meglio: lottando per Champions o Europa league dopo l'ingresso in Conference League. La presenza di Fali Ramadani, agente di Italiano, è servita a smuovere le acque sul mercato dei big. In arrivo Jovic, punta del Real Madrid reduce da una stagione in Bundesliga con l'Eintracht Di Francoforte.  E' in cerca di rilancio, ha classe da vendere e voglia di riprendersi il tempo perduto. Stipendio però da cifre blu e Commisso è stato chiaro con Ramadani: i gigliati possono pagare quasi meno della metà dell'ingaggio, il resto ( se crede e vuole) lo verserà  Florentino Perez.  Si lavora anche per Dodò, Mandragora ( C'è l'ok della Juve, manca ancora quello del metodista che sperava di restare al Toro), il portiere Milinkovic Savic e il neroazzurro Sensi ( nell'operazione Milenkovic). Piace anche il genoano Cambiaso ( concorrenza qualificata, juve in primis).  La Fiorentina riparte quindi da Vincenzo italiano e dalle sue certezze.