Tangenti nella sanità. 5 arresti a Pescara

5 ordinanze di custodia cautelare per tangenti nella sanità pescarese. Coinvolti imprenditori, funzionari e dirigenti della Asl

Tangenti nella sanità. 5 arresti a Pescara
Tgr Abruzzo
Procura della Repubblica, Pescara

Cinque ordinanze di custodia cautelare sono in corso da parte della Procura di Pescara per una inchiesta sulla sanità abruzzese. 

Gli arresti riguardano nomi di spicco della sanità regionale, dirigenti della azienda sanitaria di Pescara e funzionari pubblici. Tra questi l'imprenditore Vincenzo Marinelli, ex presidente del Pescara Calcio, posto ai domiciliari.

Le accuse sono di corruzione e turbativa d'asta. Secondo i primi accertamenti della Procura di Pescara sarebbero state condizionate gare nella sanità per 35 milioni di euro.

 Altre 13 persone risultano indagate. 

Le indagini sono condotte dalla Squadra Mobile di Pescara e dalla Guardia di Finanza con il coordinamento della Procura.