L'allarme dei sindacati

Alla Sevel produzione in calo del 37% nel primo semestre del 2022

Pesanti gli effetti della carenza di semiconduttori sullo stabilimento di Atessa. Il peggior risultato della galassia Stellantis

Alla Sevel produzione in calo del 37% nel primo semestre del 2022
TGR Abruzzo
La Sevel di Atessa

Lo stabilimento più colpito della galassia Stellantis dalla mancanza di semiconduttori, con effetti negativi sull'intero gruppo: nei primi sei mesi dell'anno, la produzione di veicoli commerciali alla Sevel di Atessa è diminuita del 37,2% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si tratta del peggior risultato in assoluto registrato nel semestre tra tutti gli insediamenti produttivi. Per distacco. Inferiore di oltre 20 punti percentuali il secondo maggior calo di produttività, segnalato nello stabilimento di Melfi. E la Cisl torna a lanciare l'allarme, chiedendo ai vertici aziendali un incontro a Settembre per fare il punto sul piano industriale e avere garanzie sui livelli occupazionali. Le conseguenze dei continui stop in Val di Sangro dovuti alla carenza di componentistica vanno ben oltre il sito di Atessa. Trainata verso il basso la produttività di tutto il gruppo: -13,7%, sempre nel primo semestre del 2022, con una perdita di circa 200mila vetture. “Come se un intero stabilimento del gruppo - spiega il sindacato - si fosse fermato per un anno”