Si ferma ancora la Sevel

Alla Sevel di Atessa torna l'allarme dei sindacati per l'ennesima fermata produttiva comunicata dalla Direzione aziendale da domani al 31 agosto al 3 settembre,

Si ferma ancora la Sevel
Tgr Abruzzo
La Sevel di Atessa

 

Indisponibili, in particolare, i motori da montare sui modelli a marchio Citroen e Peugeot. una carenza che ha indotto la direzione a fermare lo stabilimento della Val di Sangro fino a sabato prossimo. inevitabile il malumore dei sindacati. la Cgil è la prima ad alzare la voce. stupisce - punge la Fiom - come il quarto produttore mondiale di veicoli non riesca a organizzare la produzione scaricando, ancora una volta, il costo di questa ennesima fermata sulle tasche dei lavoratori, già in difficoltà per l'aumento del costo della vita. simone Marinelli e Alfredo Fegatelli, rispettivamente coordinatore nazionale Automotive e segretario generale fiom di chieti, annunciano che la cgil chiederà all'azienda del gruppo Stellantis di integrare l'indennità di cassa integrazione. le continue fermate produttive, tra l'altro, stanno mettendo in seria difficoltà anche i lavoratori della camperistica, con l'indotto che tenta di limitare i danni con le forniture al sito gemello polacco di Gliwic. stupita la Fiom, per l'assenza, in campagna elettorale e nei programmi delle forze politiche, del tema del rilancio del settore della mobilità, strategico per l'industria, l'economia e l'occupazione".