Il Pescara batte l'Avellino

Un goal di testa dell'attaccante Lescano regala i primi 3 punti agli adriatici

Il Pescara batte l'Avellino
Tgr Abruzzo
Pescara calcio

Il Pescara parte col piede giusto superando l'Avellino, diretto concorrente in zona promozione. Prestazione che lascia ben sperare: la squadra ha già una precisa identità di gioco. Al decimo i biancazzurri provano a scaldare il motore con uno shoot di destro calciato da Lescano: la sfera finisce di poco alta sopra la traversa. Arriva due minuti piu' tardi la prima palla goal adriatica grazie ad una conclusione  all'incrocio stornata in corner dall'estremo difensore irpino. Al 49esimo ai registra un calcio franco che attraversa tutta l'area di rigore: Ricciardi si coordina cercando la deviazione di un compagno di squadra che però non arriva, anzi in spaccata a pochi passi dalla linea ci pensa il Pescara ad allontanare il pericolo. Al 59esimo errore di Ricciardi che regala palla al subentrato Kolay: il fantasista entra nei 16 metri ed una volta arrivato davanti a Marcone prova il numero da circo provando un millimetrico lob. Il Delfino la sblocca al 62esimo. Lescano capitalizza di testa un corner di Kraja, anticipando in tuffo Aya, il diretto marcatore. Al 70esimo destro al fulmicotone del tarantolato Kolay che lambisce il montante. Al 78esimo Plizzari fa gli straordinari sul diagonale di Murano, ma si supera letteralmente ad un minuto dal triplice fischio murando Kanoute' che penetra in area dopo aver dribblato mezza difesa abruzzese! Finale al cardiopalma per gli uomini di Colombo, calati solo nel finale dopo una superiore condotta di gara.