Travolta dall'altalena

I tanti dubbi

Dopo i tre avvisi di garanzia, prosegue l'inchiesta per la morte dell'11enne di Avezzano uccisa dal crollo dell'altalena. Ascoltati nuovi testimoni

I tanti dubbi
Rai


Proseguono le indagini sulla morte di Alessia Prendi, l'undicenne schiacciata da un'altalena a San Pelino. I carabinieri hanno ascoltato nuovi testimoni, genitori, soccorritori, la persona che aveva il compito di aprire e chiudere l'oratorio. L'attenzione degli inquirenti si sta ora concentrando sulla manutenzione e sulla gestione dell'area di gioco. Gli iscritti nel registro degli indagati al momento rimangono tre: il vicesindaco di Avezzano Domenico Di Berardino, il parroco don Antonio Allegritti, il dirigente comunale Antonio Ferretti. E dalla ricostruzione emerge che sull'altalena c'era un secondo bambino che fortunatamente non è stato colpito dall'asse di legno ed è rimasto illeso. Potrebbe essere ascoltato anche lui, ovviamente predisponendo un ambiente protetto e la presenza di uno psicologo.