Lo scrutinio elettorale

Politiche 2022: Tutti gli eletti in Abruzzo

Dai resti calcolati per la Camera su scala nazionale, il Pd pesca il terzo parlamentare: è Stefania Di Padova

Politiche 2022: Tutti gli eletti in Abruzzo
Tgr Abruzzo
Le operazioni di scrutinio a Chieti

L'ultimo tassello che compone la griglia degli eletti è arrivato qualche minuto dopo le 19.30 di ieri sera. Dalla  roulette dei resti calcolati per la Camera su scala nazionale, il Pd pesca il terzo parlamentare: è Stefania Di Padova assessore al comune di Teramo che a Montecitorio affiancherà Luciano D'Alfonso, oltre a Michele Fina eletto al senato. Un rush finale a colpi di quozienti che ha bruciato le speranze di  Luigi D'Eramo deputato uscente della Lega e di Giulio Sottanelli di Azione, entrambi capilista per la quota proporzionale alla camera. 6 dei 13 parlamentari eletti in Abruzzo andranno a Roma sotto le insegne di Fratelli D'italia con il centrodestra che conquista i 4 collegi uninominali. Guido Liris al senato, la leader Giorgia Meloni con il 51 per cento dei consensi  nel collegio Camera L'aquila/Teramo e Guerino Testa in quello Pescara/Teramo. Altri tre seggi arrivano dalla quota proporzionale con Etel Sigismondi al Senato, il romano Fabio Roscani e la Marchigiana Rachele Silvestri alla Camera, ma uno dei due dovrebbe lasciare il posto al terzo in lista, il sindaco di Fara San Martino Antonio Tavani. Un deputato a testa per Forza Italia e  Lega con le riconferme di Nazario che da palazzo Madama trasloca a Montecitorio in quota proporzionale insieme ad Alberto Bagnai eletto nel collegio uninominale di Chieti.  Due parlamentari al Movimento Cinquestelle con Daniela Torto alla Camera e Gabriella Di Girolamo al Senato. Una griglia degli eletti, dunque, dominata dal centrodestra che vola intorno al 48 per cento con oltre tre punti in più rispetto alla media nazionale . Crollo della Lega poco sopra l'8 per cento, mentre Forza Italia in Abruzzo guadagna quattro punti in più dei consensi totali. Nel centro sinistra Pd poco sopra il 16 per cento, tre punti in meno rispetto alla media nazionale. Rimonta del movimento 5 stelle che nella nostra regione è il secondo partito più votato con oltre il 18 per cento, tre punti in più rispetto ai consensi totali.