Pescara: due goal alla Gelbison

Successo sofferto ma meritato per il Delfino. Cancellotti su rigore e Kolay decidono il match

Pescara: due goal alla Gelbison
Tgr Abruzzo
Curva dello stadio Adriatico-Cornacchia

Terza vittoria consecutiva e nono risultato utile di fila per il Pescara. Al secondo gli abruzzesi premono gia' sull'acceleratore: fucilata dalla distanza dello scafato Mora. Sfera alta sopra al montante.  Al 12esimo  sporadico squillo offensivo campano con un diagonale da posizione defilata di Sorrentino che termina sull'esterno della rete. De Sanzo lamenta le assenze di Papa, Correnti, Fornito, Statella, Faella e Caccavallo. Pressa il Delfino, murato dal bunker della neopromossa Gelbison. Si affida anche alle palle inattive per rompere il ghiaccio. Al 15esimo su calcio d'angolo ci prova Desogus con una indisiosa deviazione aerea.  Al 35esimo Gyabuaa smista sulla verticale destra verso Cuppone: il suo cross rasoterra viene respinto in uscita bassa da D'Agostino. La successiva conclusione di  Cancellotti viene poi parata in due tempi dal portiere ospite. Ripresa caratterizzata da un possesso palla biancazzurro scarsamente incisivo. All'80esimo goal annullato ai campani: Sorrentino e' pescato in fuorigioco sul colpo di testa sotto misura. Al tramonto del macht il direttore di gara fischia un fallo da rigore sul subentrato Delle Monache. Massima punizione calciata con chirurgica precisione dal capitano Cancellotti: destro radente il primo palo. I biancazzurri raddoppiano al 87esimo grazie ad una splendida azione personale di Kolay che penetra nei 16 metri, sterza su Nunziante prima di dare la paga a D'Agostino. Nei minuti di recupero arriva l'inatteso goal della bandiera griffato dall'ex teramano Kieremateng, buono solo per il tabellino. Il Pescara si piazza al secondo posto dopo il ko del Crotone a Catanzaro: centrati gli innesti in corso d'opera operati da Colombo. Delle Monache e Kolay decisivi per i 3 punti.