Vergani goal: battuto il Messina

La giovane punta decide la gara con i siciliani. Delfino sempre secondo: il Catanzaro ha battuto il Monterosi Tuscia

Vergani goal: battuto il Messina
Tgr
Pescara Calcio

Il Pescara supera il Messina ottenendo il decimo risultato utile stagionale: poker di vittorie consecutive casalinghe ma prima piazza distante sempre 3 punti: il Catanzato ha superato il Monterosi. Al nono percussione centrale di Cuppone che semina il panico nella terza linea peloritana, il suo tiro è prima stornato Lewandowski e poi deviato da un difensore siculo: la sfera a pochi passi dalla linea di porta arriva a Desogus che fallisce una ghiotta palla goal sparacchiando alto sotto misura !
Discreto predominio territoriale biancazzurro culminato con la rete del vantaggio realizzato al 32esimo. Il merito è di capitan Cancellotti che si fa largo scattando dalla verticale di competenza, attacca l'area, dribbla Iannone, vanamente inseguito da Fazzi, e successivamente innesca Vergani che a pochi passi dalla linea di porta non fallisce il rendez vous con la felicità: il Pescara rompe il ghiaccio con l'ex salernitano. Al tramonto della prima frazione Plizzari si sporca per la prima volta i guanti respingendo un fendente dalla distanza calciato da Iannone ! Ad inizio ripresa fuori l'ammonito Giabuaa: Colombo non lo rischia rilanciando lo scafato Mora. Al 54esimo l'indomito Cuppone crea le premesse per un possibile raddoppio, salvo steccare al momento del dunque. Al 62esimo scatta Crescenzi dall'out sinistro, ottimo l'assist rasoterra per Kraja che allarga troppo il piatto fallendo da ottima posizione ! Al 65esimo Vergani scova la profondità per Cuppone che scatta solo verso il portiere ma lo grazia strozzando troppo il diagonale poi parzialmente smorzato dalla mano di Lewandowski. Al 78esimo il Delfino sbaglia per l'ennesima volta sotto rete. Vergani serve una palla d'oro al subentrato Kolay: l'italo albanese, solo soletto nell'area piccola, partorisce un tiro debole fallendo un rigore in movimento All'80esimo Plizzari evita una clamorosa beffa respingendo con i pugni il tracciante di Iannone ! E' l'ultimo sussulto di un gara che il Delfino ha avuto il merito di vincere ma soffrendo piu' del dovuto per ciclopici errori di finalizzazione.