Chiesta nuovamente l'archiviazione

Per la procura di Brindisi, Giuseppe Gelsomino si sarebbe tolto la vita. La famiglia chiede altre indagini

Chiesta nuovamente l'archiviazione
Tgr Abruzzo
Giuseppe Antonio Gelsomino

La procura di Brindisi ha chiesto nuovamente di archiviare il caso di Giuseppe Gelsomino, il 21enne marinaio lancianese trovato senza vita all'interno della nave staffetta della Marina Militare il 6 agosto 2021, ucciso da un colpo di arma da fuoco alla testa. Per i magistrati pugliesi il ragazzo si è suicidato. Accanto a lui, nella sala mensa della nave, è stata rinvenuta la pistola da cui è partito il colpo. I familiari del ragazzo continuano ad opporsi chiedendo di analizzare il cellulare, fino ad ora mai preso in considerazione dalla Procura brindisina. Lo scorso 20 ottobre il giudice per le indagini preliminari aveva rigettato una prima istanza di archiviazione.