Pescara rimontato dal Latina

Il Delfino spreca il doppio vantaggio iniziale: non vince in casa dal 13 novembre

Pescara rimontato dal Latina
Tgr Abruzzo
Pescara calcio

Non riesce piu' a vincere in casa il Pescara che dilapida il doppio vantaggio contro un coriaceo Latina. L'ultimo successo casalingo risale al 13 novembre contro il modesto Messina. Appena 4 i punti ottenuti in 7 gare. La gara inizia col doveroso e sentito omaggio per Gianluca Vialli: un minuto di silenzio per l'ex campione azzurro, capitano coraggioso. Al 16esimo una errata lettura difensiva crea le premesse per la prima palla goal del match, non capitalizzata dal pontino Sannipoli che prima dribbla Ingrosso, favorito anche da un successivo rimpallo, poi ci prova con un diagonale mancino intercettato da Plizzari. Il Delfino non fallisce invece al ventesimo dal dischetto del rigore. Il direttore di gara segnala un fallo di mano di Sannipoli, tra le irate proteste laziali. Il destro sul primo palo di cancellotti è chirurgico dagli 11 metri. Il terzino rompe il digiuno di goal interni durato 328 minuti. Il vantaggio mette le ale ai piedi agli adriatici che al 27esimo raddoppiano grazie ad una ficcante azione offensiva partita da uno spiovente laterale dalla verticale destra del ripescato Kraja: Desogus addomestica la sfera da par suo innescando Mora grazie ad uno spettacolare colpo di tacco. Comodo raddoppio per l'ex centrocampista della Spal. Al 37esimo tris lambito grazie alla premiata ditta Cuppone-Tupta: il primo rifinisce, il secondo calcia a lato. Gli ospiti provano a riaprire la gara al 70esimo. Mora commette fallo in area su Di Livio junior: intervento intempestivo ed ingenuo sul figlio del più celebre Angelo. Stavolta penalty solare e zero proteste. Margiotta non fallisce la massima punizione, smarcando Plizzari. La frittata è completata al 77esimo. Scova impensabili praterie Sannipoli che prima scatta verso i 16 metri, poi brucia le mani a Plizzari con un prepotente diagonale che buca la rete adriatica.